Rock Hudson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rock Hudson nel film Il gigante (1956)

Rock Hudson, nome d'arte di Roy Harold Scherer Jr (in seguito Roy Harold Fitzgerald) (Winnetka, 17 novembre 1925Beverly Hills, 2 ottobre 1985), è stato un attore statunitense.

Molto alto e dal fisico prestante, Rock Hudson dimostrò di possedere più che un naturale sex-appeal, rivelandosi attore dalle notevoli doti drammatiche. Oggi è spesso ricordato per essere stato il primo personaggio famoso a morire di AIDS, evento che spinse l'opinione pubblica ad acquisire una maggiore presa di coscienza nei confronti della malattia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Hudson (a sinistra) con l'ex-presidente statunitense Ronald Reagan e la moglie Nancy nel maggio 1984 alla Casa Bianca

Nacque a Winnetka (Illinois), con il nome di Roy Harold Scherer jr. da padre statunitense di origini tedesche e svizzere e da madre statunitense di origini irlandesi e inglesi. I suoi genitori divorziarono quando lui aveva solo otto anni, e il suo rendimento scolastico ne risentì, complice anche una lieve forma di dislessia. Adottato dal secondo marito della madre, prese da lui il cognome, diventando Roy Fitzgerald. Durante la seconda guerra mondiale svolse il servizio militare in Marina, dove fu addetto alla manutenzione meccanica dei velivoli.

Prima di approdare a Hollywood intraprese diversi lavori saltuari, tra cui il camionista. Il suo bell'aspetto e la sua corporatura vigorosa furono notati dall'agente Henry Willson, che gli procurò un provino a Hollywood. Willson si mise subito al lavoro per costruire l'immagine cinematografica di colui che sarebbe poi stato il suo fiore all'occhiello. Il nome d'arte Rock Hudson fu scelto dal suo agente, unendo Hudson, come il nome del fiume che attraversa New York e Rock come la Rocca di Gibilterra o, secondo altre versioni come le Montagne rocciose. Invece, secondo la biografia ufficiale dell'attore, pubblicata dopo la sua morte, entrambi furono scelti a caso dall'elenco telefonico durante un party gay.[senza fonte] Dopo un intervento correttivo ai denti e una serie di lezioni di canto e recitazione, Roy debuttò con il nome d'arte nel dramma bellico Falchi in picchiata (1948). Malgrado fossero occorsi ben 38 ciak per fargli pronunciare bene una battuta («Meglio che tu prenda una lavagna più grande»), la macchina da presa catturò immediatamente il fascino del giovane attore. Willson pensò di puntare tutto sulla prestanza fisica di Hudson, lavorando per creare un sex symbol destinato ad appagare i gusti del pubblico femminile.

Dopo diversi anni di gavetta in film western e d'avventura, Hudson acquistò maggiore scioltezza e dimostrò buone doti drammatiche soprattutto ne La magnifica ossessione (1954) di Douglas Sirk (regista con cui lavorerà più volte), un melodramma a tinte fosche in cui l'attore fu intenso e convincente nel ruolo del protagonista, un giovane e fatuo miliardario che causa involontariamente la morte di un medico, e successivamente si innamora della sua vedova. Nel 1956 ricevette una candidatura all'Oscar quale miglior attore protagonista per il film Il gigante (1956), girato accanto a Elizabeth Taylor e James Dean, mentre due anni più tardi la rivista "Look" lo nominò "star cinematografica dell'anno".

Tra la fine degli anni cinquanta e l'inizio degli anni sessanta, Hudson dimostrò una insospettata verve brillante interpretando tre commedie di successo, Il letto racconta (1959), Amore ritorna! (1961) e Non mandarmi fiori (1963), nelle quali duettò amabilmente con la vivace Doris Day. Dopo la sua morte, alcuni avrebbero notato una beffarda ironia nel fatto che il ruolo interpretato nelle prime due pellicole fosse quello di un uomo che si finge intimidito dalle donne per sedurre una ragazza, e nell'ultima quello di un uomo sposato di mezza età convinto di avere ancora pochi mesi di vita a causa di una malattia. Negli anni sessanta le sue interpretazioni migliori furono certamente quella dell'inesperto commesso di un negozio di articoli sportivi, che si improvvisa provetto pescatore, nella gustosa commedia Lo sport preferito dall'uomo (1964) di Howard Hawks, e dell'insoddisfatto uomo d'affari che accetta la proposta di cambiare la propria personalità in quella di un affermato pittore nel fantascientifico Operazione diabolica (1966) di John Frankenheimer.

Nel 1970 incise un album musicale dal titolo "Rock, Gently"[1]. Si trattava di un album di 14 canzoni interamente scritte dall'amico di lunga data Rod McKuen, un ex-collega dei tempi della Universal che si era successivamente dedicato alle produzioni musicali (scrivendo negli stessi anni per Frank Sinatra e Perry Como).

Nel 1971 firmò il contratto con la Universal per il telefilm McMillan e signora, diventando la star televisiva più pagata nella storia[2] . Fino al 1977 Hudson interpretò uno spavaldo commissario di polizia newyorkese nella serie televisiva di successo della NBC, accanto a Susan Saint James. Il rapporto lavorativo tra i due fu piuttosto teso e vi saranno pettegolezzi riguardo al malcontento di Hudson nell'apprendere di essere pagato meno della collega. Nel 1980 fu tra i componenti del cast all-star in Assassinio allo specchio (1980), adattamento di un giallo di Agatha Christie, nel ruolo di un regista marito di un'attempata star del cinema (interpretata da Elizabeth Taylor, amica di lunga data dell'attore).

Durante la sua lunga carriera ebbe tre case di produzione cinematografica, la 7 Pictures fra il 1960 e il 1961 (con la quale produsse Torna a settembre e Amore ritorna!)[3], la Gibraltar Productions fra il 1963 e il 1970 (con la quale produsse Lo sport preferito dall'uomo, Operazione diabolica e Tobruk)[4] e la Mammoth Films (per produzioni come McMillan e signora e Devlin & Devlin).

Insieme a Cary Grant, fu insignito più volte della celebrità maschile meglio vestita ad Hollywood[2] .

Morì nel 1985, in seguito all'AIDS.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Durante gli anni cinquanta, malgrado il progresso e la liberazione da certi tabù, Hollywood e lo Star system continuavano a vigilare affinché la vita di attori e registi fosse, o almeno sembrasse, "immacolata" agli occhi del pubblico.

Condizionato da questo sistema, Rock Hudson non rivelò mai la propria omosessualità, ma il prezzo che dovette pagare per mantenere intatta la propria immagine pubblica non fu irrilevante. Nel ristretto ambiente di Hollywood la sua omosessualità era nota, ma la notizia non doveva essere rivelata agli spettatori, pena la distruzione dell'immagine virile e vigorosa con cui il pubblico, soprattutto femminile, identificava l'attore sullo schermo, rafforzata da un'attenta operazione di marketing da parte di numerose riviste specializzate nella diffusione di notizie sui divi e sulle celebrità del cinema. Nel periodo di maggior successo di Hudson, i giornali cercarono più volte di approfondire l'argomento. Nel 1955, la rivista scandalistica Confidential tentò di diffondere un articolo rivelatorio sulle preferenze sessuali dell'attore, ma la Universal Pictures, che in quel periodo aveva sotto contratto Hudson, pagò 10.000 dollari per evitare la pubblicazione del temuto servizio.

Dal momento che il celibato di Hudson iniziò ad alimentare chiacchiere e illazioni, il suo agente Wilsson organizzò un matrimonio di "copertura" con la sua segretaria, Phyllis Gates, allo scopo di mettere a tacere i pettegolezzi sulla vita privata dell'attore. Hudson e la Gates si sposarono nel 1955 e divorziarono nel 1958. La Gates affermerà in seguito di non aver più rivisto l'ex-marito e, dopo la morte di Hudson, scriverà che per lei il matrimonio fu autentico e che venne a conoscenza di voci di presunte manovre attorno ad esso solo successivamente. Altre voci sostengono invece che anche per lei fosse un matrimonio di comodo, essendo lei stessa lesbica.

Era un amico intimo della cantante Dusty Springfield[2].

La malattia e la morte[modifica | modifica sorgente]

Ad oggi, il nome di Rock Hudson è legato alle circostanze della sua morte quasi quanto alla sua carriera, nonostante sia stato uno dei personaggi più celebri e amati degli anni cinquanta e sessanta. La sua importanza di attore, la cui carriera fu favorita dalle logiche dello star system di Hollywood, è paragonabile a ciò che la sua morte ha rappresentato. L'annuncio della sua malattia è legato a un "caso" mediatico mondiale: egli fu infatti la prima celebrità internazionale ad ammettere pubblicamente di avere contratto il virus dell'HIV.

Tuttavia, l'omosessualità dell'attore rimase segreta fino a che egli non scoprì di essere malato, il 5 giugno 1984, in seguito a una visita medica. L'anno successivo, il "caso Rock Hudson" portò alla coscienza degli USA, dell'Europa e delle popolazioni di molti altri Paesi, l'esistenza di questa sindrome. Fino ad allora si pensava che la malattia fosse un destino riservato a pochi emarginati e soprattutto una "prerogativa" del mondo omosessuale, mentre il caso di Hudson dimostrò che il virus non risparmiava nessuno, neppure chi era ricco, famoso e, almeno apparentemente, eterosessuale. La morte di Hudson cambiò anche l'atteggiamento nei confronti dell'epidemia da parte dell'allora presidente degli Stati Uniti d'America Ronald Reagan, amico di lunga data dell'attore.

Visibilmente provato e sofferente durante le apparizioni pubbliche fin dal 1984, Hudson tentò inizialmente di spiegare la propria impressionante perdita di peso, dapprima per le conseguenze di una dieta eccessiva, quindi a causa di un'anemia, dell'anoressia nervosa e infine per un cancro al fegato. Già durante le riprese del serial tv Dynasty, quando dimenticava continuamente le battute e si rese necessario scrivergliele ovunque, fu evidente che le sue condizioni di salute non erano buone. Non furono comunque le amnesie ad attirare l'attenzione della stampa, poiché l'attore aveva sempre avuto difficoltà di memoria, ma il suo aspetto dimagrito, notevolmente invecchiato e le sue difficoltà a parlare misero in allerta i giornali. Qualche tempo dopo apparve a fianco di Doris Day per promuovere lo show Doris Day best friends, evento a cui presenziò in nome della vecchia amicizia verso la collega che aveva condiviso con lui i migliori anni della sua carriera, nonché i grandi successi, ma anche la Day rimase alquanto impressionata dal suo aspetto.

L'attore, sempre in gran segreto, si recò più volte a Parigi per sottoporsi alle cure con gli ultimi ritrovati della medicina. Il 25 luglio 1985, durante la sua ultima permanenza nella capitale francese, Hudson approvò un comunicato stampa con cui si dava ufficialmente la notizia della diagnosi. L'ospedale in cui era ricoverato si svuotò immediatamente per il terrore del contagio. L'attore volle rientrare subito negli Stati Uniti ma il suo staff incontrò notevoli problemi nel reperire un volo, poiché nessuna compagnia aerea voleva averlo come passeggero. Alla fine Hudson fu costretto a prenotare un intero volo solo per lui. La notizia fu nascosta fino all'ultimo anche a Marc Christian, ultimo compagno di Hudson, che fu tenuto all'oscuro della malattia, pur continuando l'attore ad avere rapporti sessuali con lui. [5]

Nonostante il prolungato silenzio, Hudson rimane pur sempre la prima celebrità ad aver rivelato al mondo di essere malato di AIDS. La sua immagine di uomo virile, ricco e famoso, non sembrava avere nulla a che fare con lo stereotipo imperante circa la tipologia delle vittime del morbo, dimostrando così che le convinzioni confortate dalle statistiche sulle cosiddette "categorie a rischio", andavano senz'altro riviste. L'ignoranza sulla malattia è dimostrata dall'"allarme contagio" che, dopo la rivelazione di Hudson, scoppiò sul set della serie televisiva Dynasty (1981-89). L'attore infatti aveva preso parte alla quarta stagione dello sceneggiato, e in una scena aveva baciato sulla bocca l'attrice Linda Evans. La Evans venne sottoposta immediatamente a controllo medico, e risultò in perfette condizioni fisiche.

Come già detto, Hudson non ha mai ammesso pubblicamente la propria omosessualità, nonostante fosse oggetto di insistenti pettegolezzi sin dai primi anni ottanta. Quando il giornalista Boze Hadleigh gli aveva chiesto "Rock, pensi di essere nato gay?", l'attore sorrise e rispose, "Probabilmente. Ma solo dopo che sono uscito fuori dall'utero!", con un gioco di parole sul termine coming out, "uscir fuori", che si usa di solito per indicare la dichiarazione di omosessualità ("uscire allo scoperto"). Qualcuno sperava ancora che Hudson fosse eterosessuale, e che avesse potuto contrarre l'AIDS tramite una serie di trasfusioni di sangue resesi necessarie durante un intervento di by-pass. All'epoca dell'intervento, le donazioni di sangue non erano controllate, dato che il virus HIV non era ancora noto.

La morte di Rock Hudson, il 2 ottobre 1985, avvenuta per cancro alle ghiandole linfatiche, non fu vana. Il decorso della sua malattia fu seguito con attenzione e partecipazione, e non senza qualche morbosità, dai mass media di tutto il mondo, e l'annuncio della sua morte all'età di 59 anni portò definitivamente l'AIDS all'attenzione dell'opinione pubblica in tutta la sua gravità. La sua scomparsa fu un trauma enorme, non solo perché era stato un attore famosissimo, ma anche perché era fortemente amato dal suo pubblico e apprezzato dai colleghi attori. Chi lo ha conosciuto lo ricorda come un uomo buono e generoso, consapevole dei suoi limiti di attore, che aveva sempre affrontato il suo lavoro con professionalità, senza mai concedersi lussi e vizi divistici. I rotocalchi lo ritrassero come un uomo semplice, acqua e sapone, i colleghi lo descrissero come un uomo senza nemici, che era impossibile non amare.

Nella stessa settimana in cui è mancato, morirono altre famose celebrità di Hollywood: George Savalas (2 ottobre), Yul Brinner (10 ottobre) e Orson Welles (10 ottobre)[2] .

Dopo la morte, il corpo di Rock Hudson venne cremato e le sue ceneri disperse in mare.

L'attrice Elizabeth Taylor dichiarò di essersi infatuata di lui durante le riprese de Il gigante. Dopo aver appreso della sua omosessualità, gli rimase amica per molti anni mantenendo il segreto, e dopo la sua morte è diventata attiva promotrice di una campagna di sensibilizzazione verso l'AIDS.

Eredità e memoria[modifica | modifica sorgente]

Buona parte della fortuna di Rock Hudson, stimata in 27 milioni di dollari dell'epoca, finì in eredità al suo grande amico e collega George Nader. Nader, collega di Hudson nei primi anni alla Universal, dovette ritirarsi da Hollywood e dedicarsi a film di serie B, in seguito alla sua relazione con Hudson. Nonostante ciò i due rimasero buoni amici, basti pensare che il segretario personale di Hudson fu per 13 anni Mark Miller, il compagno di George Nader.[6]

A Hudson è dedicata una stella sulla Hollywood Walk of Fame, all'altezza del numero civico 6104 di Hollywood Boulevard.

Paul Allen, il co-fondatore di Microsoft, acquistò la villa di Hudson detta "il Castello" posta sulle colline di Beverly Hills nei primi anni 90.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

TV[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

  • Nelle versioni in italiano dei suoi film, Rock Hudson è stato doppiato prevalentemente da Giuseppe Rinaldi, che ha doppiato l'attore in Torna a settembre, Non mandarmi fiori, L'occhio caldo del cielo, Una ragazza da sedurre, Il ribelle d'Irlanda, Secondo amore, La spada di Damasco, Lo sport preferito dall'uomo, Magnifica ossessione, Tobruk, Il letto racconta, Il trapezio della vita, La veglia delle aquile, Duello all'ultimo sangue/Il suo onore gridava vendetta, Il capitano dei mari del sud, Addio alle armi, La mia terra, Il capitalista, Casa da gioco, Operazione diabolica, Come le foglie al vento, Dan il terribile, Il figlio di Kociss, I fucilieri del Bengala, Inno di battaglia, Là dove scende il fiume, Come prima, meglio di prima, L'angelo scarlatto, Base artica Zebra, Amore, ritorna!, L'affare Blindfold, I guerrieri del vento, Embryo , La strada a spirale, E dopo le uccido, I lupi attaccano in branco, Il diario di un condannato.

Altri doppiatori sono stati:

Opere su Rock Hudson[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1990 è stato prodotto un film dedicato all'attore basato sul libro scritto dalla sua ex-moglie Phyllis Gates e sulle registrazioni della corte riguardanti l'azione civile intrapresa da Marc Christian nei confronti degli eredi di Hudson. Il cast è composto da Thomas Ian Griffith nei panni di Hudson, Daphne Ashbrook nei panni di Phyllis Gates e da William R. Moses nel ruolo di Marc Christian.[9]
  • Nel 1992 è stato pubblicato un documentario intitolato Rock Hudson's Home Movies, scritto e diretto da Mark Rappaport, incentrato sulla filmografia di Hudson e sui suoi ruoli.[9]
  • Nel 2010 è stato presentato al festival di Berlino Rock Hudson: Dark and Handsome Stranger, scritto e diretto da due registi tedeschi, Andrew Davies e André Schäfer.
  • Nel novembre 2011 Simon Curtis (già regista di biopic come Marilyn) ha annunciato alla stampa che il suo nuovo progetto cinematografico verterà sulla vita di Hudson negli anni della Universal.[10]

Riferimenti nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

  • Rock Hudson viene citato nel testo della canzone Look at me, I'm Sandra Dee, presente nel musical Grease. Nel testo viene ostentata la bellezza genuina di Doris Day e, in apparenza l'omosessualità di Hudson, nella frase: "Anche Rock Hudson perse la testa per Doris Day".
  • Il personaggio Rock Hudstone della serie Gli Antenati (I Flintstone) è ispirato a Rock Hudson.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Rock Hudson Album - Rock, Gently | Rock Hudson Blog
  2. ^ a b c d e Rock Hudson - Biography
  3. ^ 7 Pictures [gb]
  4. ^ Gibraltar Productions [us]
  5. ^ Dopo la morte dell'attore, Christian citò in giudizio gli eredi chiedendo un assegno a titolo di alimenti, e rivendicando un risarcimento danni; vinse una causa di indennizzo milionaria.
  6. ^ George Nader (I) - Biography
  7. ^ a b c Rock Hudson Theatre Credits
  8. ^ The Rock Hudson Project » Rock Hudson in “I Do! I Do!”
  9. ^ a b Rock Hudson's Home Movies (1992) - IMDb
  10. ^ Simon Curtis: Io, Marilyn e Rock Hudson - Close-Up.it - storie della visione

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 52486041 LCCN: n85301575