Predappio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Dovia" rimanda qui. Se stai cercando il comune noto dal 1939 al 1945 come Dovia d'Aosta, vedi Doues.
Predappio
comune
Predappio – Stemma Predappio – Bandiera
(dettagli)
Predappio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Amministrazione
Sindaco Giorgio Frassineti (centrosinistra) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate 44°06′15″N 11°59′06″E / 44.104167°N 11.985°E44.104167; 11.985 (Predappio)Coordinate: 44°06′15″N 11°59′06″E / 44.104167°N 11.985°E44.104167; 11.985 (Predappio)
Altitudine 133 m s.l.m.
Superficie 91,64 km²
Abitanti 6 507 (31-12-2012)
Densità 71,01 ab./km²
Frazioni Baccanello, Dovia, Fiumana, Marsignano, Montemaggiore, Porcentico, Predappio Alta, San Cassiano, San Savino, Sant'Agostino, Santa Lucia, Santa Marina in Particeto, Tontola, Trivella
Comuni confinanti Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Galeata, Meldola, Rocca San Casciano
Altre informazioni
Cod. postale 47016
Prefisso 0543
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 040032
Cod. catastale H017
Targa FC
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 322 GG[1]
Nome abitanti predappiesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Predappio
Posizione del comune di Predappio nella provincia di Forlì-Cesena
Posizione del comune di Predappio nella provincia di Forlì-Cesena
Sito istituzionale

Predappio (Dvia in romagnolo[2]) è un comune di 6.507 abitanti della provincia di Forlì-Cesena, circa a 15 km a sud del capoluogo, Forlì. Dal 18 luglio 2006, con Decreto del presidente della Repubblica, si fregia del titolo di città.

Predappio, Predappio Nuova, Predappio Alta e Dovia[modifica | modifica sorgente]

A partire dalle sue origini, probabilmente romane, fino ai primi anni venti, Predappio era un paese di modeste dimensioni che sorgeva sulle colline dell'Appennino forlivese e che, cresciuto attorno al castello medioevale, guardava dall'alto della propria fortificazione la sottostante valle del Rabbi lungo la quale si trovavano piccoli nuclei abitati, frazioni e case isolate che costituivano il contado della comunità di Predappio. Lungo la valle, a circa 2 km da Predappio, era la località nota con il nome di Dovia (probabile toponimo romano, Duo Via) che verso la seconda metà dell'Ottocento era costituita da poche case sparse di contadini, mezzadri e qualche artigiano. Unici centri di aggregazione della località, erano una scuola e l'osteria, quest'ultima ancora esistente. Fu in una abitazione di Dovia che vide la luce Benito Mussolini il quale, negli anni venti, decise l'edificazione di un nuovo centro abitato. Cogliendo anche l'occasione fornita da una frana che aveva colpito Predappio e aveva lasciato numerosi abitanti senza tetto, si decise la fondazione, in Dovia e nelle aree circostanti, di un nuovo paese che fosse costruito seguendo i nuovi dettami architettonici del nascente regime, anche per meglio celebrare il paese natale del Duce, ormai divenuto, insieme alla vicina Forlì, la "Città del Duce", meta di pellegrinaggi dei fascisti.

Il nuovo centro abitato prendeva il nome di Predappio Nuova (e che di fatto inglobava, facendola sparire, la località Dovia), mentre con Predappio si continuava ad indicare il vecchio abitato sulle colline. Con il passare degli anni, i nomi alle due comunità vennero cambiati, identificando con Predappio solamente la Predappio Nuova (che nel frattempo era aumentata sia in termini di popolazione che di importanza) mentre l'abitato antico, sulle colline, assumeva il nome di Predappio Alta - la Pré in romagnolo -.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Predappio e Fiumana[modifica | modifica sorgente]

La storia di Predappio inizia sin dall'epoca dei Romani. In quegli anni infatti Augusto divise l'Italia in undici province. Predappio era parte della sesta provincia. Si narra che il nome derivi dall'insediamento in queste località di una antica famiglia romana: gli Appi. La località venne così denominata Praesidium Domini Appi e abbreviata con Pre.D.i.Appi. Nella frazione di Fiumana, a conferma di ciò, sono state trovate, pochi anni fa, le rovine di una antica villa romana.

Sino al 1927 l'odierna frazione di Predappio Alta era anche capoluogo. Dopo il 1927, con il podestà Pietro Baccanelli, esso fu spostato nella frazione Dovia ed è oggi l'attuale Predappio capoluogo (o anche Predappio Bassa, anche se il suo nome originale è Predappio Nuova). Due anni prima, nel 1925, il comune di Fiumana si era unito a quello di Predappio divenendone una frazione.

Fiumana conta una popolazione di circa 1950 abitanti e sorge sulle rive del fiume Rabbi, lungo la strada statale 9 ter che unisce Forlì, a circa 10 km, e Predappio, a circa 5 km. Fiumana rimase comune fino al 1925, anno nel quale le autorità fasciste ne decisero l'incorporamento nel comune di Predappio.

Sono presenti le rovine di un castello, una antica chiesa e i resti di una villa romana del I secolo d.C.

Si hanno rinvenimenti archeologici che attestano la presenza di insediamenti umani fin dall'età del bronzo e, di epoca romana, rimangono i resti di una villa scoperta nel 1960 da Bernad Montanari. Probabilmente l'edificio appartenne a ricchi possidenti terrieri e rimase abitato dal I al IV secolo d.C.

Con la caduta dell'Impero romano d'Occidente e in seguito alle invasioni barbariche si perde notizia di Fiumana fino all'XI secolo. Nel 1045 si ha la prima notizia di un monastero benedettino e, del 1068, se ne conosce anche il nome dell'abate: Ego Bonizio. Il monastero assume sempre maggiore importanza, per decadere però verso il XV secolo.

Nel 1304 fu posseduta dal marchese degli Argugliosi.

Nel giugno del 1424 le truppe di Pandolfo III cingono d'assedio il castello di Fiumana che in breve capitola. Nel 1434 Antonio Ordelaffi riceve da papa Eugenio IV il riconoscimento della signoria forlivese ricevendo in possesso anche i territori di Fiumana.

La fondazione di Predappio Nuova[modifica | modifica sorgente]

Lavori e materiali per la fondazione di Predappio Nuova in una fotografia risalente al dicembre 1925
Cerimonia ufficiale per la fondazione di Predappio Nuova

Una frana avvenuta nell'inverno a cavallo fra il 1923 ed il 1924 rese indispensabile, per mettere in sicurezza la popolazione e fornire un tetto a chi lo aveva perduto, lo spostamento dell'abitato di Predappio in una posizione più sicura. L'occasione che si presentava alle autorità del nascente regime era più che unica: da una parte, con la creazione di un nuovo centro abitato, era possibile fornire alla popolazione nuove case e migliori condizioni igieniche, dall'altra si presentava la preziosa opportunità per creare una cornice adeguata alla celebrazione del mito delle origini del duce.

Per la ricostruzione dell'abitato si scelse, per diverse ragioni, la località di Dovia: la zona era infatti più sicura, sul piano geologico, rispetto a Predappio: sorgeva lungo la valle, lontano da potenziali eventi franosi. Era ben collocata, al contrario di Predappio che era arroccata sulle colline, rispetto al tracciato della strada provinciale che congiungeva Forlì a Premilcuore e era la località che aveva dato i natali a Mussolini.

Il 30 agosto 1925, accompagnato da Italo Balbo, giunse in Romagna il segretario del partito fascista Roberto Farinacci con il mandato di fondare Predappio Nuova. Il momento culminante della visita furono l'inaugurazione di una targa celebrativa in bronzo sulla facciata della casa natale di Mussolini (che egli stesso volle, più tardi, che fosse rimossa) e la posa della prima pietra sia delle case popolari sia della chiesa di Santa Rosa da Lima (oggi Sant'Antonio da Padova), che diverrà poi nota per la celebre Madonna del fascio. Alla cerimonia di inaugurazione non partecipò invece Mussolini che decise di non intervenire per evitare che fossero mosse accuse di favoritismo, in un momento delicato della vita politica del Paese, quando ancora il regime non aveva raggiunto un pieno controllo sui sistemi di informazione.

Il "Duce" visita il cantiere[modifica | modifica sorgente]

Sebbene non si fosse presentato alla cerimonia di inaugurazione della fondazione di Predappio Nuova, Mussolini non si terrà a lungo lontano dai cantieri. Nel maggio del 1926, si recò di persona nei cantieri per valutare lo stato dei lavori. Dopo essersi recato al cimitero di San Cassiano, Mussolini fece tappa a Palazzo Varano, l'edificio nel quale per anni aveva insegnato la madre e che in quel momento appariva cinto da impalcature a seguito dei lavori di rifacimento che lo avrebbero trasformato nella nuova sede comunale.

Mussolini si soffermò a lungo nei cantieri, chiamando lo stesso ingegnere progettista dei lavori, Florestano Di Fausto, ad illustrare l'andamento e lo sviluppo dei lavori e del progetto. Quella di Mussolini non era una semplice visita ai lavori, quanto più un vero sopralluogo ufficiale per verificare l'andamento dei lavori decidendo di incontrare, in mezzo alla folla e alla stampa locale, l'architetto Di Fausto, che da poco era stato nominato direttore generale dei lavori. L'architetto in persona spiegò ed illustrò i piani ed i progetti, esponendo sui propri disegni i dettagli degli edifici in costruzione. Ma a Mussolini vennero anche mostrati i luoghi ed i progetti futuri che riguardavano le case, le scuole e la chiesa. Verrà mostrato il tracciato della nuova strada e dei nuovi ponti. Lo stesso Mussolini non farà mancare le proprie critiche, consiglierà modifiche, indicherà correzioni, esigendo ritocchi al progetto. Sarà egli stesso a decidere in quale punto uno sperone roccioso dovrà essere tagliato per il passaggio della strada. Ma in particolar modo insiste affinché negli edifici scolastici le aule siano ampie, siano presenti i bagni e che debbano essere forniti di docce.

Fu durante tale vista che il "duce" visitò la propria casa natia, ordinando la rimozione della lapide di bronzo che l'anno prima Farinacci aveva fatto apporre, in quanto contrastava con l'intenzione che Mussolini aveva di mantenere nelle condizioni più umili possibili i propri luoghi dell'infanzia.

Da Predappio a Predappio Nuova[modifica | modifica sorgente]

Il 17 febbraio 1927 venne promulgato un regio decreto legge con il quale si stabiliva il trasloco della sede municipale da Predappio (quella che attualmente è chiamata Predappio Alta) al nuovo centro abitato denominato Predappio Nuova. Al nuovo comune venivano così assegnate competenze territoriali ampie e rilevanti, dovuto anche al fatto che dal 1925 era stata inglobata anche l'area territoriale del comune soppresso di Fiumana.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Al nuovo comune venne assegnato anche un nuovo stemma comunale, in modo tale che questo potesse sintetizzare la trasformazione in atto; il nuovo stemma, concesso con regio decreto del 4 settembre 1927 e regie lettere patenti del 15 dicembre 1927 aveva la seguente blasonatura ufficiale: «partito semitroncato: nel 1º di rosso, al fascio littorio d'oro; nel 2º d'azzurro, al castello al naturale, merlato alla ghibellina, torricellato di tre pezzi, murato, aperto e finestrato di nero, terrazzato di verde; nel 3º d'azzurro, alla torre al naturale, merlata alla ghibellina, aperta e murata di nero, terrazzata di verde».[3] Lo stemma riuniva quindi l'emblema del fascismo (inserito su iniziativa del locale Consiglio comunale) con gli stemmi precedentemente portati dai Comuni di Predappio (secondo punto del partito semitroncato) e di Fiumana (terzo punto).[3]

Nel secondo dopoguerra, a causa della caduta del fascismo, si rese necessario sostituire il fascio; al suo posto fu inserito un grappolo di uva, maggior coltura locale specie nella varietà Sangiovese, che essendo "al naturale" portò a cambiare lo smalto del primo punto dello stemma da rosso ad argento.[3] Il nuovo stemma, concesso con decreto del Presidente della Repubblica del 25 giugno 1953 ebbe le seguente blasonatura: «partito semitroncato: nel 1º di argento, al grappolo d'uva; nel 2º d'azzurro, al castello al naturale, merlato alla ghibellina, torricellato di tre pezzi, murato, aperto e finestrato di nero, terrazzato di verde; nel 3º d'azzurro, alla torre al naturale, merlata alla ghibellina, aperto e murata di nero, terrazzata di verde. Ornamenti esteriori da Comune»[3] (dal 2006, con la concessione del titolo di Città, la corona muraria da Comune – d’argento, murata di nero, con 3 “pusterle” visibili – è stata sostituita da quella «d’oro con 5 “pusterle” visibili» corrispondente al titolo).

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Etnie e Minoranze Straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 640[5] persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Clima[modifica | modifica sorgente]

PREDAPPIO Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 6 9 13 17 22 27 29 29 25 19 11 7 7,3 17,3 28,3 18,3 17,8
T. min. mediaC) 1 3 6 10 14 18 20 20 17 12 6 2 2 10 19,3 11,7 10,8
Precipitazioni (mm) 40 38 51 54 48 54 41 59 62 60 68 59 137 153 154 190 634

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Nei dintorni di Predappio possiamo trovare alcune frazioni e località:

Fiumana, San Cristoforo, Rocca delle Caminate, Fiordinano, Riggiano, Predappio Alta, Calboli, Colmano, Marsignano, Massera, San Cassiano in Pennino, San Savino, Sant'Agostino, Santa Lucia, Santa Marina in Particeto, Porcentico, Tontola, Trivella, Montemaggiore di Predappio, Monte Mirabello, Monte Colombo.

I castelli[modifica | modifica sorgente]

Il territorio del comune di Predappio si snoda dalle prime pendici dell'Appennino forlivese inoltrandosi poi, lungo la valle del Rabbi, in direzione di Premilcuore ed avendo come confini da una parte lo spartiacque delle creste appenniniche al di là delle qualisi trova Meldola e dall'altra parte i comuni di Castrocaro e Dovadola. Essenndo stata sempre una zona di passaggio importante per il commercio tra Tirreno ed Adriatico e per il passaggio di truppe, durante i secoli del medioevo fu sede di numerosi feudi incastellati di volta in volta ai signori di turno. Per sorvegliare con sicurezza tutta la vallata, sorsero con il tempo numerose rocche e castelli che avevano il compito dall'alto di controllare la sottostante vallata, nonché la presenza di castelli posti all'interno del territorio per controllare le aree di passaggio tra una valle e l'altra. Alcuni di questi castelli sono arrivati fino ai nostri giorni in buone condizioni o restrutturati, altri in stato di rovina e di molti altri ne rimane una traccia storica nei documenti senza alcuna traccia concreta.

Il castello di Predappio Alta[modifica | modifica sorgente]

Castello di Predappio Alta

Sorge nell'attuale frazione di Predappio Alta che, fino allo spostamento della sede comunale nel 1923, costituiva il capoluogo del comune. Il castello costituisce il nucleo attorno al quale si è sviluppato l'attuale borgo. È sostanzialmente in buone condizioni, ha subito pochi rimaneggiamenti nel corso dei secoli e costituiva un presidio strategico a controllo della valle.

Considerata fino a non molto tempo addietro come fortezza costruita da Giovanni d'Appia, dopo essersi rifugiato a seguito della sconfitta subita nella battaglia contro Forlì, entrò negli obiettivi dei Calboli e degli Ordelaffi, decisi a conquistarla per controllare la vallata del Rabbi. Ricordata dall'Anglico nella propria descrizione del 1371, la rocca venne donata da Francesco Calboli alla repubblica fiorentina che le concesse di fregiarsi del titolo di comune. Nel 1434 la rocca fu modificata per adeguarla ai nuovi criteri bellici.

Radicate tradizioni, fino ad ora non supportate da prove concrete, affermano che passaggi sotterranei la collegassero la rocca con le più vicine fortificazioni di Rocca d'Elmici e Rocca delle Caminate.

Il castello di Fiumana[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Fiumana come veniva rappresentato nello stemma comunale

Era localizzato nell'attuale frazione di Fiumana. Viene ricordato come Castrum Flumane e fu assediato e poi distrutto dai fiorentini nel 1201 e, ricostruito, ancora preso ed atterrato nel 1235. Riedificato, rimase in mano ai forlivesi fino al 1253, passando poi come feudo diretto degli Ordelaffi fino al 1359 quando fu preso da Albornoz. Divenne feudo di Firenze e poi dei Visconti. Nel 1501 veniva conquistato da Cesare Borgia per poi passare, tre anni dopo, alla Santa Sede.

Il castello sorgeva nei pressi dell'antica abbazia di Fiumana su un rilievo delimitatao da un'ansa del fiume Rabbi. Con i secoli il castello andò in rovina e nel Novecento, per la costruzione dell'attuale asilo, andò persa qualsiasi traccia della rocca.

La rocca di Calboli[modifica | modifica sorgente]

Calboli, il poggio sul quale è costruita la chiesa sono i resti del castello

Il castello, uno dei feudi più importanti della famiglia Calboli, sorge nell'attuale frazione di Calboli. Se ne ha una prima attestazione nel 909, il castrum Calboli, appartenente alla omonima famiglia ed in loro possesso fino al 1278 anno durante il quale fu a loro confermato da Ottone III. Nello stesso anno fu distrutto da Guido da Montefeltro.

Resti evidenti del castello sono evidenti nei pressi della chiesa di Calboli. Le attività agricole, la mancata manutenzione e i lavori di rimboschimento stanno facendo diroccare le rovine del castello.

Rocca delle Caminate[modifica | modifica sorgente]

Rocca delle Caminate prima dei restauri

Rocca delle Caminate è una delle rocche più famose dell'intera Romagna e il motivo è dovuto al fatto di essere arrivata in condizioni discrete fino all'inizio del Novecento quando, a seguito di lavori di rifacimento del 1927, fu ristrutturata e destinata a residenza estiva di Mussolini. Sorge sul crinale destro del corso del Rabbi, a cavallo tra il comune di Predappio e Meldola, a 4 km dal primo, ben visibile dall'abitato.

Viene per la prima volta menzionato come castrum Caminate, Caminatari ed anche Montis Tetti, fin dal 997 quando era soggetto ad Ambrone delle Caminate dal quale passò, nel 1116, in eredità al figlio. Al centro di numerose lotte per il suo possesso, nel 1441 fu dominio di Domenico Malatesta poi, nel 1468, Pino Ordelaffi lo espugnò distruggendolo. Riedificato dai forlivesi, fu da questo tenuto fino al 1503 quando fu strappato loro dai veneziani per poi cadere dominio della Santa Sede nel 1508, per sempre. Un terremoto, nel corso dell'Ottocento, lo danneggiò gravemente. Nel 1927 se ne decise la riedificazione sulle sue fondamenta senza però rispettare l'impianto originario.

Attualmente il castello, con parti originarie dell'antica fortificazione, è proprietà della provincia di Forlì-Cesena, e giace in stato di abbandono con pericolo incombente di crollo mentre il parco della rocca viene saltuariamente aperto al pubblico.

Rocca d'Elmici[modifica | modifica sorgente]

Rocca d'Elmici, inizi del Novecento

Localizzato a nord-ovest di Predappio, da Forlì in direzione di Premilcuore, sulla destra poco prima di entrare a Predappio. Se ne ha notizia come Castrum Elmizie, Rocha Elmicis, Rocche de Ermizia o anche Rocca de' Mici, sin dal 900, anno in cui era feudo dei Calboli. Nel 970 era proprietà di Ugone di Sasso, quindi di Simone di Particeto che nel 1180 lo donava all'abbazia dell'Isola. da questa nel 1191 passò al monastero di Santa Maria di Porto al quale fu tolto nel 1236 dai fiorentini che lo incendiarono. Quattro anni più tardi ritornava in possesso della chiesa ravennate ma, nel 1298 rientra in mano ai Calboli ai quali fu sottratto nel 1304 dagli Ordelaffi dopo un lungo assedio.

Nel 1348 il castrum Rocche Elmici apparteneva a Johanni condam Nicoluccii de Calbulo de civitate Forlivii che lo perdette nel 1359 all'arrivo di Albornoz per conto della santa Sede che nl 1411 lo infeudò a favore di Cervatto sassoni di Cesena. Nel 1433 fu conquistato da Antonio Ordelaffi che nel 1471 lo fortificò trasformandolo in rocca. Tornato di nuovo alla Santa Sede, divenne proprietà di Forlì nel 1535.

Del castello rimangono poche tracce rinvenibili nell'attuale ed adiacente casa colonica. Invece della rocca rimangono numerosi ruderi, lasciati in stato di abbandono. Si notano parte della cinta muraria, vani seminterrati, un camminamento sotterraneo e gli avanzi del mastio.

Griggiano[modifica | modifica sorgente]

Riportato come Griziano, Griggiano e poi Triggiano, era localizzato presso sud-ovest di Predappio Alta. Se ne ha una prima attestazione nel 1180 con il nome di castrum Grizani ed apparteneva a Simone di Particeto che ne fece dono alla chiesa ravennate cui Federico Barbarossa, 5 anni dopo, lo confermava: quidquid possident in castro Grezani. Nel 1243 era però possesso della chiesa forlimpopolese e da quel momento se ne perde traccia.

Attualmente in località Triggiano si trova un casale disabitato che sorge su uno sperone roccioso presso il Rio di Predappio. Del castello restano tracce di fondamenta e brevi tratti della cinta muraria.

Loreta[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Loreta o Loreda era localizzato ad ovest della frazione di Fiumana. Se ne ha un aprima traccia, con il nome di castrum Laurete, nel 1169 quando, soggetto ai forlivesi, viene a questi strappato ed incendiato dai faentini. Ricostruito dai forlivesi, il castello diviene possesso di Ubaldo Di Loreta il quale, nel 1236, lo dovette cedere ai faentini che lo stavano assediando. Distrutto e ricostruito, nove anni più tardi fu per la terza ed ultima volta distrutto da un assalto dei faentini.

Il castello sorgeva dove attualmente si trova una casa colonica che prende il nome di Loreda. Le uniche tracce rimaste sono resti delle fondamenta e sezioni di cinta muraria.

Il castello di Marsignano[modifica | modifica sorgente]

Sorgeva nell'attuale piccola frazione di Marsignano, a nord-ovest di Predappio Alta, in direzione di Castrocaro. Viene menzionato come Marsignano o Monsignano. Poche sono le tracce e le attestazioni di questo castello: due pergamene, una del 1216 e l'altra del 1301 lo chiamano Castrum Monsignani o Castrum Mausignani e lo descrivono sempre come soggetto ai conti Guidi di Dovadola. Nel 1371 Anglico di Grimoard censisce la zona come villa, ovvero come centro privo di fortificazioni. Il castello doveva percià essere stato distrutto e rimanevano solo case sparse di agricoltori ed allevatori non protetti da alcuna fortificazione.

Il castello sorgeva nei pressi dell'attuale chiesa di Marsignano e della casa colonica. Praticamente tutti i resti sono stati spazzati via dai lavori agricoli.

Il castello di Monte Maggiore[modifica | modifica sorgente]

Si ha la notizia del castello di Monte Maggiore, posto ad ovest di Predappio, a metà strada con Castrocaro, nella frazione attualmente chiamata Montemaggiore. La prima menzione, del 1055 lo riporta come Castrum Montis Majoris ed apparteneva alla chiesa ravennate. Dopo essere stato infeudato nel 1429 a Giovanni Lerri di Forlì, se ne perde traccia.

Il castello sorgeva nell'attuale frazione di Montemaggiore sul poggio chiamato Monte Banderuola, alle sorgenti del Rio Brasina. Passato in disuso, deve essere finito in stato di abbandono e rovina. I lavori agricoli con il passare del tempo ne hanno disperso le tracce.

Il castello di Monte Vecchio[modifica | modifica sorgente]

Era localizzato nella località attualmente chiamata Montevecchio, ad ovest dell'altra località nominata Bagno. Se ne hanno poche notizie; le prime, risalenti al 1192: Castrum Montis Vecchii cum curte et omnibus appenditjis suis era una dipendenza della chiesa forlivese. La seconda, del 1371, nella descrizione fornita da Anglico de Grimoard.

Ne rimangono pochi resti presso la casa colonica che prende il nome di Montevecchio, mentre sul poggio sovrastante restano scarne tracce delle fondamenta.

Il castello di Particeto[modifica | modifica sorgente]

Ricordato come Particeta o Particeto, sorgeva a nord della piccola frazione di Santa Marina in Particeto. Menzionato nel 1240 come Castrum Partesete, era soggetto a Ugone di Sasso. Ricordato anche come Partexede, nel 1276 era dominio del comune di Forlì finché si ribellò per sottomettersi alla chiesa ravennate. Nel 1347 apparteneva all'abbazia di Santa Maria di Porto alla quale lo tolse Giovanni Calboli. Nel 1371, da quanto riportato da Anglico de Grimoard nella sua descrizione, era dipendenza dei conti Guidi di Dovadola: Castrum Partisete est in quadam costa super Flumine Raibor. Habet roccham et turrim fortissimam, quod custioditur per comitem Franciscum de Dovadula. A Francesco guidi subentrò Francesco Calboli il quale morì nel 1382 donandolo, per non farlo cadere in mano alla ghibellina Forlì, al comune di Firenze. Tornato in mano dei Guidi, a loro rimase fino al 1407 quando cadde in mano fiorentina. Nel 1440 venne espugnato dai Malatesta di Giaggiolo e nel 1471 raso al suolo per sempre dai fiorentini.

Il castello sorgeva sul poggio che sovrasta l'attuale casa colonica chiamata Particeto. Rimangono visibilili fondamenta, tracce della cortina difensiva ed un vano interrato.

Il castello di Petrignano[modifica | modifica sorgente]

Si trovava nell'attuale località di Petrignano, a nord-est della frazione di Marsignano lungo la strada che giunge a San Lorenzo in Noceto.

Lo si trova nominato con il nome di Castrum Petrignani quale feudo di Ubaldo di Petrignano il quale lo perse nel 1168 per opera dei fentini. Passò nel 1272 alla chiesa forlivese che riuscì a tenerlo fino al 1292 quando Riniero Calboli lo conquistò perdendolo nel 1313 per mano di Forlì. Nel 1371 Anglico di Grimoard lo nomina come possedimento di Francesco di Calboli: Castrum Pedrignani in quadam collina, confinat cum Castrocario, Roccha Elmizi et Comitu Forlivii, tenet Franciscus de Calbulo. A costui fu tolto da Eugenio IV per infeudarlo nel 1429 a favore di Andra Lerri di Forlì. Nel 1433 lo si trova possesso di Antonio Ordelaffi che lo tenne fino al 1440 quando fu occupato dalla Santa Sede. Nel 1482 i fiorentini, in lotta contro il Papato, assediarono il castello che fu espugnato solo per il tradimento del castellano. Firenze lo rase al suolo per sempre.

Del castello, dopo che fu raso al suolo, non ne rimase tracce se non nella presenza delle fondamenta. Nel luogo si trova oggi una casa colonica eretta sulla sue fondamenta. Poche tracce di basi murarie possono essere rinvenute nei dintorni.

Castello di Villa Salta[modifica | modifica sorgente]

Si ergeva nell'attuale località Castellaro di Villa Salta ed era ricordato anche come castello di Salto.

Se ne ha una prima menzione, con il nome di Castrum Salti, nel 1180 quando apparteneva a Simone di Particeto che in quell'anno lo donava alla chiesa ravennate ma nel 1367 passa in mano ad Uguccione della Faggiola. Dalla famiglia dei Faggiola passò sotto il dominio di Francesco Calboli, come cita Anglico nel 1371: Castrum Salti parvi situm in quodam parvo Monte, tenet Franciscus de Calbulo. Il Calboli, morendo nel 1382, lo cedette, affinché non cadesse in mano ai ghibellini Ordelaffi, al comune di Firenze. Da quel momento se ne perde traccia e non se ne conoscono le sorti.

Il castello sorgeva nei pressi della casa colonica che prende il nome di Castellaro, su uno sperone roccioso sul torrente Trivella. Non ne rimangono evidenti tracce a causa dei lavori agricoli che ne hanno disperse le poche tracce.

Il castello di San Cassiano[modifica | modifica sorgente]

Monte Palareto, in una fotografia della metà degli anni '20

Il castello di San Cassiano era situato sull'apice del Monte Palareto, a nord-ovest della chiesa di San Cassiano in Pennino.

La prima notizia del Castrum Sabcti Cassiani risale al 1294 quando, ricordato anche con il nome di Cassiani, apparteneva a Corrado Calboli. Nel 1382 apparteneva a Francesco Calboli il quale, morendo, lo donò, insieme ad altri feudi in suo possesso, al comune di Firenze per evitare che cadesse in mano ai rivali ghibellini Ordelaffi. A Firenze viene sottratto nel 1424 dai Visconti i quali furono però costretti a cederlo ad Antonio Ordelaffi. Nel 1440 fu assediato da Guidantonio Manfredi per conto della Santa Sede che dal quel punto lo possedette per sempre.

Del castello non esistono più tracce, disperse dai lavori agricoli.

Il castello di Valdarca[modifica | modifica sorgente]

Il castello sorgeva su uno sperone roccioso circoscritto da un'ansa del fiume Rabbi e che sovrastava l'attuale casa colonica che oggi prende il nome di Valdarca, a sud della località chiamata Bagno.

Un documento dl 1124 ricorda come Castrum Vallis de Arche cum tota curte integra era possesso di Lamberto di Castrocaro il quale nel 1158 lo lascaiva in eredità al figlio Bonifacio. Questi lo donava, nel 1188, alla chiesa ravennate dalla quale passò a quella forlimpopolese. Si sa che nel 1230 il castello apparteneva al comune di Faenza al quale fu tolto nel 1269 da Malatesta di Giaggiolo che lo stesso anno lo vendette a Ludovico delle Caminate. Da quel momento se ne perdono tracce e non se neconosce più il destino.

Il poggio che ospitava il castello presenta poche tracce delle fondamenta che sono andate disperse dai continui lavori agricoli.

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Predappio è gemellata con:

Gli edifici di Predappio Nuova[modifica | modifica sorgente]

Casa del Fascio e dell'ospitalità[modifica | modifica sorgente]

Casa del fascio

È probabilmente l'edificio più imponente e massiccio edificato nella Predappio di nuova fondazione. L'importanza assunta da Mussolini nella vita politica italiana aveva reso Predappio meta di veri e propri pellegrinaggi verso la sua casa natale e verso le tombe dei suoi genitori. Era perciò necessaria la presenza di un edificio che fosse sia simbolo del regime nascente sia alloggio ed ospite per i viandanti. Sino dal 1926 venne promossa la raccolta di fondi per l'edificazione dell'edificio, ma per vari motivi la costruzione fu rimandata fino agli anni trenta. Iniziato a partire dal 1934, fu terminato ed inaugurato nel 1937.

È costituito da un massiccio corpo che sorge agli angoli delle due vie principali. Costruito con mattoni e travertino romano, presenta una alta e massiccia torre littoria munita di campana che rievoca le antiche torri medioevali. Oggi giace in stato di abbandono, ma è stato preso in considerazione dal Progetto Europeo ATRIUM.

Casa Becker[modifica | modifica sorgente]

Casa Becker

Casa Becker è un edificio per abitazioni di sei appartamenti di tipo economico. Fu inizialmente progettata dai tecnici del Genio Civile di Forlì, sebbene di seguito la struttura fu in parte revisionata da Florestano di Fausto, a cui fu anche commissionato il disegno di tutta Predappio Nuova. La prima pietra fu posata nello stesso giorno di fondazione di Predappio Nuova, il 30 agosto 1925. Venne costruita anche grazie al contributo di lord William Becker, politico inglese simpatizzante del fascismo, da cui la casa trae nome. Fu il primo edificio dedicato alla pubblica residenza ad essere costruito nella nuova città per ospitare gli sfollati della frana del 1923 che aveva colpito il paese vecchio.

Il prospetto esterno dell'edificio era impostato su una serie di sette aperture nelle quali veniva alternato in successione il piccolo terrazzo della camera da letto del piano superiore con il portone di ingresso. Florestano di Fausto inserì il disegno a lunetta delle finestre del piano superiore, ammorbidendo le linee dell'edificio.

Edificio postelegrafonico[modifica | modifica sorgente]

Edificio postelegrafonico

Il primo progetto venne presentato dal Genio civile il 5 maggio 1925, presentando un secondo progetto il 16 dicembre dello stesso anno. Come molti degli edifici della nuova Predappio, il progetto fu rivisto profondamente da di Fausto. Il progetto proposto dal genio prevedeva un grosso parallelepipedo lungo venti metri e profondo dieci articolato su due piani, destinati, quelli al piano terra, ad ospitare gli uffici, al superiore l'alloggio dell'impiegato statale, costituito da cinque camere, sala da pranzo, cucina e servizi. La parte centrale dell'edificio, larga dieci metri, sporge leggermente dal corpo dell'edificio. Di Fausto aggiungerà il portico a due arcate, rialzando, senza modificare l'altezza totale dell'edificio, il piano terra. Dai progetti originali di Fausto si notano anche due obelischi che dovevano ornare la facciata dell'edificio, ma che non furono mai posizionati. Le decorazioni furono invece affidate allo scultore bolognese Ulderigo Conti.

Casa dei sanitari[modifica | modifica sorgente]

Casa dei sanitari, vista anteriore

La casa dei servizi sanitari è posta sulla piazza principale di Predappio, Piazza sant'Antonio, di fronte a Palazzo Varano. L'edificio venne proposto da Florestano di Fausto come seconda soluzione, perché originariamente l'architetto aveva proposto quell'area per l'edificazione di un cinema, di un teatro e di un portico con negozi e magazzini. L'idea successiva fu quella di costruire un ospedale vero e proprio, ma si ripiegò, per l'impossibilità di poter eseguire il progetto, su un edificio che potesse fungere da presidio sanitario. La sua edificazione cominciò nel 1929 per poi essere terminata con l'inaugurazione del 29 luglio 1931 da Mussolini stesso il quale, per stemperare il clima di tensione che si era generato dopo lo scioglimento dell'Azione Cattolica, colse quell'occasione per annunciare anche l'edificazione di una grande chiesa parrocchiale.

Il palazzo è in realtà un complesso di tre edifici: due, più piccoli, posti nel retro dell'edificio principale che invece si affaccia sulla piazza. Questo è suddiviso in tre piani: il piano terra ospitava la farmacia (ancora oggi presente), gli uffici dell'amministrazione, la casa del custode, l'abitazione dell'infermiere e del conducente dell'ambulanza. Il primo piano ospitava gli alloggi del farmacista e del medico, mentre all'ultimo piano si trovavano gli appartamenti dell'assistente, della levatrice e delle suore. Come tipico nella mentalità del tempo le stanze presentano soffitti altissimi, mentre i corridoi sono stretti e scarsamente illuminati.

Sul retro del palazzo, collegato da un passaggio coperto, c'era l'ambulatorio medico composto dall'ambulatorio vero e proprio, dalla sala nelle quali avvenivano le medicazioni e le camere di degenza riservate ai pazienti. Sul retro di questo edificio vi erano spazi dedicati al dispensario antitubercolare a loro volta suddivisi in altre aree: vi era la zona destinata alla raccolta di notizie e riviste scientifiche, l'area per le visite mediche, per esami radiologici e ricerche patologiche.

Ognuno dei tre edifici che costituisce il complesso del palazzo dei sanitari era dotato di cantine e piani interrati utilizzati come magazzini.

Caserma dei carabinieri[modifica | modifica sorgente]

Caserma dei carabinieri, vista di 3/4

La caserma dei carabinieri fu una delle prime costruzioni ad essere edificate nella nuova Predappio, perché ritenuta necessaria per la sicurezza del nuovo centro abitato. L'edificio subì due diversi processi di costruzione a partire dal 1925 e fino al 1942.

Il progetto iniziale, redatto dai tecnici del Genio civile, consisteva in un semplice edificio a due piani: il piano inferiore era dedicato all'archivio ed erano presenti la cantina, i servizi e due camere di sicurezza, per uomini e donne. Al piano superiore invece si trovava l'alloggio del comandante costituito da due camere da letto, cucina, studio e sala da pranzo. Le due stanze rimanenti erano dedicate agli altri cinque carabinieri previsti. La facciata impostata dal Genio era sviluppata su sette aperture con due ingressi posti simmetricamente ai lati dell'edificio.

Florestano di Fausto intervenne sul progetto, già in fase di costruzione, apportando solo piccole modifiche al disegno iniziale che riguardavano esclusivamente il disegno delle linee esterne. Aggiungendo un bugnato che ricopriva tutto il primo piano della caserma, venivano così accentuati gli spigoli della facciata, venivano incorniciate le finestre e offrivano un appoggio per le tettoie dell'ingresso.

L'edificio rimase tale fino al 1934, quando ne fu decisa una revisione. In quell'anno, per poter sopperire alle nuove esigenze dell'abitato (Predappio stava crescendo in popolazione ed era meta di continui pellegrinaggi), e per poter venire incontro al necessario aumento di organico, fu deciso, seguendo il progetto originale di Fausto, un ampliamento della caserma con sopraelevazione di un piano.

Nel 1937 però fu deciso un ulteriore e ben più importante rifacimento, il cui progetto fu affidato all'ingegnere Arnaldo Fuzzi il quale, pur impostandone le linee generali, non riuscì a portarlo a termine dovendo partire per l'Africa Orientale Italiana, cedendo i propri lavori al Genio che li portò a termine. L'ampliamento previsto da Fuzzi stravolse totalmente l'architettura della caserma. L'edificio venne avvolto da una struttura semicircolare che, costruita in muratura di laterizio a vista e travertino, va a creare una piccola corte interna. Ai lati della facciata vennero invece eretti due corpi cilindrici che delimitano un portico stilizzato.

La ricostruzione aveva così permesso l'ampliamento dell'edificio, monumentalizzandone l'aspetto e fornendo nuovi spazi per l'autorimessa, per una biblioteca e per ulteriori camerate, stravolgendo però l'aspetto rurale che di Fausto aveva voluto attribuire alla propria Predappio ideale degli anni venti.

Mercato dei viveri[modifica | modifica sorgente]

Mercato dei viveri

È lo slargo, collocato nel cuore della città, destinato ad accogliere, secondo i progetti iniziali, le attività commerciali ed il mercato del paese.

Il mercato dei viveri sorge lungo la via principale, ai piedi del poggio sul quale è presente la casa natale di Mussolini. È sostanzialmente un'esedra porticata costituita da 12 arcate che circoscrivono lo spazio semicircolare del mercato. Ogni arcata delimita all'esterno uno spazio interno a forma di trapezio delimitato sugli altri lati da arcate in laterizio a vista, mentre la serie di archi perimetrali è cieca ed accoglie al suo interno una panca in pietra.

Il semicircolo dell'arcata è divisa in due sezioni da un corridoio centrale dal quale dipartivano, un tempo, una imponente scalinata che portava alla casa natale di Mussolini e da un monumentale tiburio, in seguito rimossi per volontà dello stesso Mussolini. La grande scalinata, a quattro rampe, aveva la funzione di colmare il dislivello tra il piano del mercato ed il poggio posto più in alto, creando una coreografia solenne. La salita è invece oggi occupata da uno spazio verde nel quale crescono numerosi alberi attraverso il quale si svolge un piccolo sentiero che arriva alla casa.

La soluzione architettonica per colmare il dislivello tra il piano della strada ed il poggio fu ideata da Florestano di Fausto, il quale inizialmente aveva progettato uno spazio di forma rettangolare. L'idea però che la piazza principale dovesse diventare l'area ai piedi di Palazzo Varano, rendono il mercato dei viveri un'area più simile ad uno slargo ed una pausa del corso principale del paese che non una piazza vera e propria.

Palazzo Varano[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Varano

Palazzo Varano è l'edificio dove attualmente risiede la sede del comune di Predappio.

Il palazzo comunale sorge in piazza Sant'Antonio, a lato dell'omonima chiesa, in posizione sopraelevata e dominante rispetto al paese e circondato da un ampio giardino che funge da parco comunale.

L'aspetto che il palazzo aveva prima dei lavori per la fondazione del paese era completamente diverso da quello che mostra attualmente. Si trattava di un palazzo squadrato, costruito in pietra spugnone, senza alcuna decorazione, la cui origine è sempre rimasta oscura, forse da un antico toponimo romano o dalla famiglia contadina Varena. Con certezza si sa solo che ha ospitato diverse famiglie di Predappio, fino ad ospitare la locale scuola elementare e fornire un alloggio all'insegnante. Vi insegnò Rosa Maltoni e per circa 20 anni fu residenza dei Mussolini.

Con la fondazione del nuovo paese, l'architetto Florestano di Fausto nel 1926 lo ristrutturò completamente, aggiungendovi stucchi, decorazioni e una torretta che ospita un orologio ed una campana. Gli interni furono arredati a spese dello stesso Mussolini.

Altro[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di Sant'Antonio di Padova, nel centro di Predappio

È di particolare interesse la Chiesa di Sant'Agostino in Rocca d'Elmici in stile romanico. Chiesa ad un'unica navata che conserva al suo interno diversi affreschi in non perfetto stato di conservazione raffiguranti la storia della chiesa stessa. Tra questi possiamo trovarne uno raffigurante San Gerolamo a capo scoperto e una Madonna con bambino che si dice appartenga al "Giottesco Romagnolo".

Un altro edificio di grande valore storico-artistico è la Chiesa di San Cassiano in Pennino risalente ai secoli X e XI. Ristrutturata diverse volte a causa dei danni causati da terremoti fu proclamata monumento nazionale nel 1934. Della chiesa originale restano ancora intatti solo abside, cripta e fondamenta. Altra chiesa di interesse artistico e quella dedicata a Sant'Antonio di Padova. Fu Benito Mussolini che la fece erigere nel 1931 dall'architetto Cesare Bazzani. Inoltre affidò allo scultore Morbiducci il compito di ornarne il portale con 10 bassorilievi in bronzo.

Recandoci invece a Predappio Alta potremmo ammirare quello che rimane dell'antico castello medievale, rinforzato nel 1471 ma presente già dal 1283, attorno a cui è sorto il borgo. Sempre a Predappio Alta possiamo visitare la Chiesa di S. Maria Assunta (di foggia ottocentesca), e il Santuario della Beata Vergine della Maestà (1700).

Poco dopo aver superato il cimitero, a circa 1 km dalla chiesa dedicata a Sant'Antonio, sulle pendici delle colline in direzione di Castrocaro, in mezzo al bosco, si trova l'antica chiesa dedicata a san Martino. Non molto si conosce di questo edificio, dalle semplici forme, le cui prime testimonianze risalgono al XV secolo.

Persone legate a Predappio[modifica | modifica sorgente]

La città di Predappio è famosa soprattutto per aver dato i natali a Benito Mussolini e per essere stata la città in cui visse Adone Zoli, personaggio che ricoprì grandi cariche politiche durante la lotta di Liberazione e all'interno della Repubblica Italiana nella quale divenne anche Presidente del Consiglio. Nel cimitero di San Cassiano possiamo trovare le tombe di entrambe le famiglie, Mussolini e Zoli.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1995 2004 Ivo Marcelli Democratici di Sinistra Sindaco
2004 2009 Giuliano Brocchi Democratici di Sinistra Sindaco
2009 in carica Giorgio Frassineti Partito Democratico Sindaco

Il sindaco Frassineti è stato promotore nel 2010 della Mostra Fotografica, curata dal prof. Gambetta dell'Università di Bologna, dedicata a "Adone Zoli: un padre della patria", che dopo essere stata da giugno a settembre nella scuola comunale intitolata allo statista, viene portata a Roma al Senato dal 1º febbraio 2011 al 2 marzo 2011.

Gastronomia[modifica | modifica sorgente]

Il più conosciuto prodotto gastronomico di Predappio è il suo vino rosso, il Sangiovese, vino tipico delle aree romagnole prodotto dall'omonimo vitigno che nelle colline di Predappio trova la propria area d'elezione. Numerose sono le aziende che operano nel campo vitivinicolo e che hanno portato alla produzione di un vino di alta qualità.

Nell'area di Predappio vengono prodotti alcuni formaggi, sia freschi che stagionati, di buona qualità. In particolare si sta affermando la produzione di un formaggio e la tecnica di produzione di un prodotto ottenuto con un particolare metodo di stagionatura: le forme vengono lasciate riposare nelle solfatare (le grotte dove, fin dall'antichità, veniva estratto lo zolfo) dove le particolari condizioni, sia di umidità e di temperatura che la presenza dello zolfo, conferiscono al formaggio prodotto sapori e fragranze particolari.

Altre specialità gastronomiche sono quelle tipiche della cucina romagnola, sebbene si possano riscontrare varianti rispetto ai prodotti della pianura. I passatelli, la pasta all'uovo, la piadina ed i salumi sono gli stessi prodotti tipici della cucina e della cultura romagnola, così come la ciambella, prodotta nelle aree di Predappio in una versione povera che prende il nome di bracciatello.

Più utilizzati rispetto alle zone di pianura, sono i prodotti provenienti dalle zone collinari e boscose del predappiese: in particolare la selvaggina, come cinghiali e caprioli, ed i prodotti del bosco e del sottobosco come funghi, tartufi e castagne.

Il Progetto Ciclope[modifica | modifica sorgente]

Il Progetto ciclope, dall'acronimo in lingua inglese Centre for International Cooperation in Long Pipe Experiment è un progetto che ha preso vita nel 2000 ed ha come obiettivo lo studio delle turbolenze nei fluidi. Il progetto, finanziato con fondi della Comunità Europea, dall'Università di Bologna e da numerosi enti locali, verrà ospitato nelle strutture delle gallerie della Caproni, la vecchia azienda che costruì e riutilizzò parte delle gallerie durante gli anni'30 per la produzione di aeromobili.

La lunghezza delle gallerie scavate all'interno delle colline permetteranno di fornire gli spazi necessari per lo studio della fluidodinamica, in particolare permetterà l'approfondimento delle conoscenze relative ad un alto Numero di Reynolds.

L'apertura dei lavori al cantiere, che avrebbe dovuto iniziare nel giugno 2010, è in realtà slittato più avanti per questioni legali dovuto all'appalto dell'opera.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Autobus della linea 129 in attesa di partire per Forlì

Predappio sorge lungo il corso della strada provinciale 3 la quale, partendo da Forlì giunge, dopo aver valicato gli Appennini, a Cavallini, frazione di San Godenzo. Da Predappio dipartono alte due vie. La prima congiunge Preadappio a Rocca San Casciano, passando per Predappio alta e toccando le piccole frazioni del comune, permettendo di mettere in comunicazione la SP3 con la Strada statale 67 Tosco Romagnola.

La seconda strada che parte da Predappio, passando per Rocca delle Caminate, permette di congiungere il suo territorio comunale con quello di Meldola raccordandosi alla ex SS310, oggi SP4 (nel tratto romagnolo di competenza della Provincia di Forlì-Cesena).

Predappio è collegata a Forlì con regolari servizi di autobus di linea (sia suburbane: linea 96A, sia extraurbane: linea 129) di START Romagna. La linea 129 prosegue poi collegando i piccoli centri della valle fino a Premilcuore, mentre esiste un servizio di navetta che collega alcune volte al giorno Predappio con la frazione di Predappio Alta.

Distanze dai Capoluoghi dell'Emilia-Romagna[modifica | modifica sorgente]

Fonte:[6]

Stemma Città Distanza in chilometri
Forlì-Stemma.png Forlì 14,3
Ravenna-Stemma.png Ravenna 38,9
Rimini-Stemma.png Rimini 45,8
Bologna-Stemma.png Bologna 67,5
Ferrara-Stemma.png Ferrara 85,5
Modena-Stemma it.png Modena 104,6
Reggio Emilia-Stemma.png Reggio Emilia 127,6
Parma-Stemma.png Parma 152,7
Piacenza-Stemma.png Piacenza 209,2

Predappio a 180°.jpg

Magnify-clip.png
Veduta panoramica

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 519.
  3. ^ a b c d Stemma di Predappio su araldicacivica.it, consultato l'11-05-2014
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Stranieri al 31 dicembre 2010. URL consultato il 12 dicembre 2011.
  6. ^ tuttitalia.it: Predappio (FC) - Comuni limitrofi e distanze in km. URL consultato il 12 dicembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Romagna Portale Romagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Romagna