Castrocaro Terme e Terra del Sole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castrocaro Terme e Terra del Sole
comune
Castrocaro Terme e Terra del Sole – Stemma Castrocaro Terme e Terra del Sole – Bandiera
Panorama della parte sud
Panorama della parte sud
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Amministrazione
Sindaco Luigi Piraccini (PD) dal 7/05/2012
Territorio
Coordinate 44°11′03″N 11°56′38″E / 44.184167°N 11.943889°E44.184167; 11.943889 (Castrocaro Terme e Terra del Sole)Coordinate: 44°11′03″N 11°56′38″E / 44.184167°N 11.943889°E44.184167; 11.943889 (Castrocaro Terme e Terra del Sole)
Altitudine 68 m s.l.m.
Superficie 38,92 km²
Abitanti 6 527 (31-12-2012)
Densità 167,7 ab./km²
Frazioni Ciola, Pieve Salutare
Comuni confinanti Brisighella (RA), Dovadola, Forlì, Modigliana, Predappio
Altre informazioni
Cod. postale 47011
Prefisso 0543
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 040005
Cod. catastale C339
Targa FC, FO (fino al 1999)
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti castrocaresi / terrasolani
Patrono San Nicola (Castrocaro Terme) - santa Reparata (Terra del Sole)
Giorno festivo 6 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castrocaro Terme e Terra del Sole
Posizione del comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole nella provincia di Forlì-Cesena
Posizione del comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole nella provincia di Forlì-Cesena
Sito istituzionale

Castrocaro Terme e Terra del Sole (Castruchèira[1] o Castruchêra e Tèra de Sòl in romagnolo, dal 1783 al 1872 Castrocaro, dal 1872 al 1925 Terra del Sole e Castrocaro, dal 1925 al 1962 Castrocaro e Terra del Sole) è un comune italiano di 6.527 abitanti della provincia di Forlì-Cesena in Emilia-Romagna. Il centro è posto a circa 10 km dal capoluogo, Forlì, è composto dai paesi di Castrocaro Terme, Terra del Sole e Pieve Salutare.

È noto per la sua stazione termale e per essere la sede del Festival di Castrocaro, dedicato alla scoperta di nuovi cantanti.

Terra del Sole[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terra del Sole.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia di Castrocaro.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Stemma in pietra prima metà del '500 con raffigurata una croce.

Lo stemma più antico di Castrocaro (un leone azzurro in campo argento) è quello della famiglia Pagani risalente al 1080.

Successivamente venne adottato uno stemma con una croce rossa su campo argento e in seguito uno stemma con un’aquila in nero incoronata su fondo oro per un privilegio concesso da Federico Barbarossa.

In seguito ad un privilegio concesso da Ottone IV, Imperatore di Germania, allo stemma precedente sarebbe stato aggiunto un ramo di palma verde nel becco dell’aquila. Venne poi cambiato con un leone d'oro su fondo azzurro[2].

Con il passaggio del castello sotto il dominio di Firenze allo stemma furono dati i colori fiorentini:

  • Nel primo riquadro su sfondo azzurro, con un leone d’oro, passante, armato e lampassato di rosso.
  • Nel secondo su sfondo argento una croce in rosso.
  • Nel terzo su sfondo oro l’aquila in nero imbeccata e incoronata con nel becco una palma verde.
  • Nel quarto riquadro bianco un giglio aperto e bottonato in rosso.

Sotto il dominio fiorentino lo stemma venne modificato e vi si aggiunse una croce piena su cui erano sovrapposte le sei palle medicee con sopra la corona ducale.

Dopo il 1775 lo stemma subì altre modifiche:

  • Nel primo riquadro, sfondo rosso e un sole raggiante.
  • Nel secondo, sfondo argento e croce in rosso.

Dopo il 1872 si avrà uno stemma formato da un mezzo sole e una mezza croce.

Attualmente lo stemma è così composto:

  • Nel primo riquadro, su sfondo argento, una croce in rosso.
  • Nel secondo, su sfondo rosso, un sole oro.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

A dare prestigio al comune è senz'altro lo stabilimento termale di Castrocaro, tra i più famosi d'Italia.

Architetture religiose
  • La quattrocentesca chiesa dei Santi Nicolò e Francesco, in cui si segnalano i dipinti Madonna col Bambino fra Santo Stefano e una Santa e Madonna col Bambino fra i Santi Antonio Abate e Giovanni Battista, del 1450 circa, attribuiti ad un non meglio noto Maestro di Castrocaro[3]
  • La chiesa parrocchiale di Santa Reparata
  • La settecentesca chiesetta di San Rocco dove vi sono sepolte le famiglie Giovannini e Conti
  • La trecentesca chiesa di San Giovanni Battista
Architetture civili
Aree naturali
  • Il parco delle terme
  • Il Sito d'Interesse Comunitario Pietramora, Ceparano, Rio Cozzi (SIC IT4080007)

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT[5] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 765 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Romania Romania 199 3,02%

Macedonia Macedonia 124 1,88%

Marocco Marocco 74 1,12%

Persone legate a Castrocaro Terme e a Terra del Sole[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1975 1984 Mario Savelli Partito Socialista Italiano Sindaco
1984 1990 Tonino Biondi Partito Socialista Italiano Sindaco
1990 1992 Antonella Cimatti Partito Comunista Italiano/Partito Democratico della Sinistra Sindaco
1992 1992 Albamaria Angelillo Commissario prefettizio
1992 1995 Franco Cavaliere Partito Repubblicano Italiano Sindaco
1995 1997 Corrado Metri Lega Nord Sindaco
1997 2007 Maurizio Fussi Lista Centrosinistra DS Sindaco
2007 2012 Francesca Metri Indipendente Lista Centrodestra Sindaco
2012 in carica Luigi Pieraccini Partito Democratico Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Nel 1962 Castrocaro Terme è stata sede di arrivo dell'11ª tappa del Giro d'Italia.

Tappe del Giro d'Italia con arrivo a Castrocaro Terme
Anno Tappa Partenza km Vincitore di tappa Maglia rosa
1962 11ª Fano 170 Belgio Rik Van Looy Belgio Armand Desmet

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Castrocaro Calcio T.D.S. che milita nel girone D emiliano-romagnolo di Promozione.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 180.
  2. ^ G. Mini, Illustrazione storica del castello di Castrocaro, Modigliana 1889
  3. ^ Cf. G. Viroli, Pittura dal Duecento al Quattrocento a Forlì, Nuova Alfa Editoriale 1998, pp. 35-36 e pp. 116-118.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Statistiche demografiche ISTAT

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]