Pearl S. Buck

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pearl Sydenstricker Buck)
Pearl Buck, 1932 (Foto di Arnold Genthe)
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 1938

Pearl Sydenstricker Buck, più conosciuta come Pearl S. Buck (Hillsboro, 26 giugno 1892Danby, 6 marzo 1973), è stata una scrittrice statunitense, vincitrice del Premio Nobel per la letteratura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da bambina segue i genitori, missionari della Chiesa Presbiteriana in Cina, dove trascorre la sua giovinezza prima a Ching Kiang sul fiume Yangtze e poi dal 1900 a Shangai.Visse in Cina fino al 1933. All'età di 18 anni ritorna negli Stati Uniti per motivi di studio e nel 1917 si sposa con John Lossing Buck. Si trasferisce con il marito in Cina, dove insegna letteratura all'Università di Nanchino fino al 1934, quando è costretta ad abbandonare il paese a causa delle ritorsioni verso gli stranieri. Rientrata negli Stati Uniti, continua a scrivere e si dedica alla salvaguardia dei diritti umani, dando vita a una fondazione per l'assistenza ai bambini asiatici. Muore nel 1973.

Nel 1931 pubblica La buona terra (The Good Earth), il suo romanzo più famoso, che le valse il Premio Pulitzer nel 1931 e la medaglia di riconoscimento dall'American Academy of Arts and Letters. Dal romanzo venne tratto l'omonimo film del 1937 diretto da Sidney Franklin.

Nel 1938 viene insignita del Premio Nobel per la letteratura.

Tra romanzi, saggi, biografie e racconti ha lasciato più di 80 opere. Pubblicò anche opere teatrali, sceneggiature, letteratura per l'infanzia.

Opere Letterarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Altri dei
  • Angelo guerriero, 1936
  • Cielo cinese (ambientato in Cina)
  • Donna imperiale (ambientato in Cina)
  • Famiglia dispersa, 1935 (ambientato in Cina)
  • Figli (ambientato in Cina)
  • I parenti
  • Il dono d'un giorno
  • Il fiore oscuro, 1952
  • Il frutto mancato (ambientato in India)
  • Il segreto di Natale
  • Il Sigillo (Death in the castle, 1965)
  • La buona terra, 1930 (ambientato in Cina)
  • La casa dei fiori, 1968
  • La dea fedele, 1972
  • La gran dama
  • La madre, 1934 (ambientato in Cina)
  • La prima moglie, 1933
  • La promessa, 1943
  • La saggezza di madama Wu
  • L'amore di Ai-Uan, 1939 (ambientato in Giappone)
  • L'arcobaleno
  • Le cinesine della casa accanto
  • Le mie patrie
  • Le ragazze di madame Liang, 1969 (ambientato in Cina)
  • L'esilio, 1936 (ambientato in Cina. In una forma originalissima che sta fra il romanzo e l'autobiografia,Pearl Buck rievoca qui la vita di sua madre, una donna che seguendo il marito missionario in Cina, passa sorridente, energica, serena, attraverso le più incredibili vicende. Pagine pittoresche, tragiche, gaie a volte terribili si alternano in questo bellissimo libro che per il commosso ardore che lo anima alcuni ritengono il più vivo ed elevato della scrittrice)
  • Lettera da Pechino, 1957
  • Malvern
  • Mamma e cinque bambini
  • Mandala, 1970 (ambientato in India)
  • Miniatura di Natale
  • Questo indomito cuore (ambientato in USA)
  • Ritratto nuziale
  • Stirpe di drago, 1942
  • Tre ragazzi e un bufalo
  • Tutti sotto il cielo, 1973
  • Un ponte per l'altra riva
  • Uomini di Dio
  • Vento dell'est: vento dell'ovest, 1929 (ambientato in Cina)

Antologie che contengono suoi racconti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Dalle opere di Pearl S. Buck, il cinema ha tratto soggetti e sceneggiature di alcuni film:

La scrittrice è stata anche consulente tecnico di La buona terra e produttore esecutivo di The Big Wave

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 91868694 LCCN: n79026662