Marziano di Siracusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Marziano di Siracusa
San Marciano de Siracusa.JPG
Nascita I secolo d.C.
Morte 68
Venerato da Chiesa Cattolica, Chiesa Ortodossa
Ricorrenza 30 ottobre
Patrono di arcidiocesi di Siracusa

Marziano o Marciano (Antiochia, I secoloSiracusa, 68) è stato un vescovo e santo romano, viene considerato il primo vescovo di Siracusa ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa..

Agiografia[modifica | modifica sorgente]

Le prime fonti note che riferiscono notizie di Marciano (o Marziano), vescovo e martire, sono dell'VII secolo[1]. Il documento, scritto in greco e conservato in Vaticano è l'L'encomio per il nostro Padre Marciano vescovo di Siracusa redatto in un lasso di tempo stimato tra fine VII secolo e primi anni dell' VIII. Il testo mette insieme notizie relative a due vescovi omonimi vissuti in secoli differenti. Il primo, della prima metà del I secolo sarebbe stato inviato da Antiochia, dall'apostolo Pietro nell'anno 39 circa e martirizzato dai locali giudei. Il secondo, vescovo di Siracusa nel III secolo fu martirizzato sotto l'imperatore Valeriano[2].

Secondo altri, l'improvvisa diffusione della religione cristiana allarmò le autorità che lo fecero uccidere nel 68 legandolo ad una colonna e facendolo lapidare[3]. Altre notizie, che contrastano con le precedenti, asseriscono invece che Marziano morì martire a Siracusa durante l'impero di Gallieno e Valeriano [4], all'età di oltre duecento anni. Il primo inserimento nel Martirologio Romano, nella data del 14 giugno, venne fatto nel XVII secolo da Cesare Baronio[5].

Culto[modifica | modifica sorgente]

Alcune reliquie di san Marziano si trovano a Gaeta, dove viene festeggiato come compatrono insieme a sant'Erasmo il 2 giugno.[6] San Marziano è inoltre patrono principale dell'arcidiocesi di Siracusa.

Il Martirologio romano fissa la memoria liturgica il 30 ottobre (in precedenza era il 14 giugno), mentre la Chiesa ortodossa lo celebra il 9 febbraio.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito santi e beati
  2. ^ Archidiocesi di Siracusa, cenni sulla storia della chiesa di Siracusa
  3. ^ Sito santi e beati
  4. ^ Siracusa on line, le catacombe di Siracusa
  5. ^ Sito santi e beati
  6. ^ Sito Santi e Beati

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]