Cesare Baronio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il servo di Dio, vedi Cesare Carlo Baronio.
Cesare Baronio
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cesare Baronius.png
CardinalCoA PioM.svg
Nato 30 ottobre 1538, Sora
Ordinato presbitero 27 maggio 1564
Creato cardinale 5 giugno 1596 da papa Clemente VIII
Deceduto 30 giugno 1607, Roma

Cesare Baronio (Sora, 30 ottobre 1538Roma, 30 giugno 1607) è stato uno storico, religioso e cardinale italiano. Membro degli Oratoriani di San Filippo Neri, nel 1596 papa Clemente VIII lo innalzò alla dignità cardinalizia: il suo nome è legato alla redazione dei primi volumi degli Annales ecclesiastici (storia del cristianesimo dalle origini al 1198) e alla revisione del Martirologio Romano (1586 - 1589). Tra i suoi collaboratori, si ricorda il futuro cardinale Francesco Paolucci. Il 12 gennaio 1745 papa Benedetto XIV lo ha proclamato Venerabile.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Unico figlio di Camillo e Porzia Febonia, apparteneva ad una ricca famiglia di origini napoletane: il suo vero cognome era Barone, poi latinizzato in Baronius da cui è derivata la forma Baronio.

Studiò a Veroli, Napoli e a Roma, dove conseguì un dottorato in giurisprudenza; decise di abbracciare la vita religiosa contro la volontà dei genitori e, conosciuto Filippo Neri, entrò nella Congregazione dell'Oratorio presso la chiesa di San Gerolamo della Carità a Roma.

Fu ordinato sacerdote il 27 maggio 1564; rifiutò numerosi onori ecclesiastici e commende per poter continuare a collaborare da vicino nell'Oratorio.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'approvazione ecclesiastica definitiva del suo ordine il 15 luglio 1575, elesse a sua residenza la chiesa di Santa Maria in Vallicella, dove si dedicò alla redazione delle sue opere: la revisione del Martirologio Romano, incarico che gli era stato affidato da papa Gregorio XIII e dal cardinale Guglielmo Sirleto, che completò nel 1589 e che venne pubblicata col titolo Martyrologium Romanum, cum Notationibus Caesaris Baronii; e soprattutto gli Annales Ecclesiastici. Ne curò la redazione fino alla morte, arrivando a pubblicarne il dodicesimo volume: gli Annales rappresentano una delle prime vere e proprie opere di storia ecclesiastica in campo cattolico, basata su un'attenta e analisi critica delle fonti documentarie.

Statua a Cesare Baronio in Piazza Palestro a Sora

Il cardinalato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1593 succedette a Filippo Neri (ritiratosi per motivi di salute) come "Superiore generale" della Congregazione dell'oratorio; fu anche scelto da papa Clemente VIII come suo confessore personale e venne nominato "Protonotario apostolico" nel 1595.

Nel concistoro del 5 giugno 1596, Clemente VIII lo creò cardinale del titolo dei Santi Nereo e Achilleo: si occupò della riconciliazione di Enrico IV di Francia (che aveva abiurato il calvinismo) con la Chiesa (contro il parere della Congregazione del Sant'Uffizio) e curò la devoluzione del ducato di Ferrara allo Stato della Chiesa; fu anche nominato Cardinale Bibliotecario di Santa Romana Chiesa ponendosi a capo della Biblioteca apostolica vaticana.

Partecipò ai conclavi del 1605 (quelli da cui uscirono eletti Leone XI e Paolo V); il suo nome fu anche indicato tra quelli dei papabili, ma la sua elezione fu ostacolata dalla Spagna (Baronio era filo-francese e aveva pubblicato il Tractatus de Monarchia Siciliae, contro il dominio spagnolo sull'Italia meridionale).

Morì nel 1607 nella sua cella presso Santa Maria in Vallicella, dove venne sepolto.

Il 12 gennaio 1745 papa Benedetto XIV lo ha anche proclamato Venerabile.

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Annales Ecclesiastici a Christo nato ad annum 1198, 12 volumi, Roma, 1588-1607;
  • De Monarchia Siciliae

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Cauchie, Témoignages d'estime rendus en Belgique au Cardinal Baronius spécialement à l'occasion du conflit de Paul V avec Venise, in Per Cesare Baronio scritti vari nel terzo centenario della sua morte,[a cura di Vincenzo Simoncelli], Roma, Athenaeum, 1911, pp. 17-25.
  • Alfredo Magnanelli e Luigi Salvatorelli, Gli autografi di Cesare Baronio esistenti in Roma, Ivi, pp. 27-83.
  • Giovanni Mercati, Per la storia della Biblioteca Apostolica, Bibliotecario Cesare Baronio, Ivi, pp. 85-178.
  • Achille Ratti (futuro Pio XI), Opuscolo inedito e sconosciuto del Card. Cesare Baronio con dodici sue lettere inedite ed altri documenti che lo riguardano, Ivi, pp. 179-254.
  • Giuseppe Tomassetti, Il Card. Baronio a Frascati, Ivi, pp. 255-259.
  • Vincenzo Simoncelli, Cesare Baronio, Discorso letto per l'inaugurazione dell'Ospedale di Sora, Ivi, pp. 295-308.
  • Francesco Filomusi-Guelfi, Su alcuni punti delle dottrine filosofiche e giuridiche del Cardinale Cesare Baronio, Ivi, pp. 309-322.
  • Pasquale Del Giudice, A proposito della controversia sulla Legazia Apostolica in Sicilia, Ivi, pp. 323-329.
  • Beniamino Santoro, Eusebio giudicato dal Baronio, Ivi, pp. 331-353.
  • Francesco Ruffini, Perché Cesare Baronio non fu Papa, contributo alla storia della monarchia sicula e del Jus esclusivae, Ivi, pp. 355-430.
  • Domenico Santoro, Sora negli "Annali" del Baronio, Ivi, pp. 431-469.
  • Salvatore Aurigemma, Configurazione stradale della regione sorana nell'epoca romana, Ivi, pp.489-550.
  • Giuseppe De Libero, Cesare Baronio, padre della storia ecclesiastica, con prefazione di Pietro Fedele, Alba, Pia Società San Paolo, 1939.
  • Angelo Giuseppe Roncalli, Il cardinale Cesare Baronio. Nel terzo centenario della sua morte, Monza 1908 (III ed. Edizioni di Storia e letteratura, Roma, 1961).
  • A Cesare Baronio. Scritti vari, [ a cura di Filippo Caraffa, Sora 1963.
  • Hubert Jedin, Il cardinale Cesare Baronio, l'inizio della storiografia ecclesiastica cattolica nel sedicesimo secolo, Brescia, Morcelliana, 1982.
  • Baronio storico e la Controriforma. Atti del Convegno Internazionale di Studi, Sora, 6-10 ottobre 1979, a cura di Romeo De Maio, Luigi Gulia, Aldo Mazzacane, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 1982 (Fonti e Studi baroniani, 1).
  • Baronio e l'arte. Atti del Convegno Internazionale di Studi, Sora, 10-13 ottobre 1984, a cura di Romeo De Maio, Agostino Borromeo, Luigi Gulia, Georg Lutz, Aldo Mazzacane, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 1985 (Fonti e Studi baroniani, 2).
  • Gennaro Toscano, Baronio e le immagini, s. l. [Sora], Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 1985, estratto da: Baronio e l'Arte. Atti del Convegno Internazionale di Studi, Sora, 10-13 ottobre 1984, a cura di Romeo De Maio, Agostino Borromeo, Luigi Gulia, Georg Lutz, Aldo Mazzacane, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 1985, pp. 412–423.
  • Stefano Zen, Bellarmino e Baronio, in Bellarmino e la Controriforma. Atti del Simposio Internazionale di Studi, Sora, 15-18 ottobre 1986, a cura di Romeo De Maio, Agostino Borromeo, Luigi Gulia, Georg Lutz, Aldo Mazzacane, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 1990 (Fonti e Studi baroniani, 3), pp. 277–321.
  • Stefano Zen, Baronio storico. Controriforma e crisi del metodo umanistico, Napoli, Vivarium, 1994 (La Ricerca Umanistica, 2).
  • Giuseppe Antonio Guazzelli, Cesare Baronio e il Martyrologium Romanum: problemi interpretativi e linee evolutive di un rapporto diacronico, in Nunc alia tempora, alii mores. Storici e storia in età postridentina. Atti del Convegno Internazionale. Torino, 24-27 settembre 2003, a cura di Massimo Firpo, Firenze, Olschki, 2005, pp. 47–89.
  • Giuseppe Finocchiaro, Cesare Baronio e la tipografia dell'Oratorio. Impresa e ideologia, Firenze, Olschki, 2005 (Storia della tipografia e del commercio libraio, 6).
  • Edoardo Aldo Cerrato, Il Venerabile Cesare Baronio, discepolo e primo successore di S. Filippo Neri, in "Annales Oratorii", Anno 2007, fasc. 6, I, pp. 76-96.
  • I libri di Cesare Baronio in Vallicelliana, a cura di Giuseppe Finocchiaro, Roma, Biblioteca Vallicelliana, 2008 (Fonti e studi Vallicellani, 1)
  • Stefano Zen, Cesare Baronio e i suoi libri, Ivi, pp.11–50.
  • Baronio e le sue fonti. Atti del Convegno Internazionale di Studi, Sora, 10-13 ottobre 2007, a cura di Luigi Gulia, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», Sora 2009, LVIII+966 p, con 245 ill. b/nero e a colori (Fonti e studi baroniani, 4).
  • Luigi Gulia, Caesar Mariae - Servus - Mariae Caesar. Cesare Baronio e la devozione mariana, in "Quaderni del Santuario di Canneto", 4 (2008), pp. 57-73 e in "Annales Oratorii", Anno 2009, fasc. 8, I, pp. 31-41.
  • Arte e committenza nel Lazio nell'età di Cesare Baronio, Atti del convegno internazionale di studi, Frosinone, Sora 16-18 maggio 2007, a cura di Patrizia Tosini, Roma 2009.
  • Stefano Zen, Paolo Sarpi, il cardinal Baronio e il calvinista Isaac Casaubon: polemiche storiografiche e Interdetto su Venezia, in Società, cultura e vita religiosa in età moderna. Studi in onore di Romeo De Maio, a cura di Luigi Gulia - Ingo Herklotz - Setfano Zen, Sora 2009, pp. 547-609.
  • Edoardo Aldo Cerrato, Il Venerabile Cardinale Cesare Baronio, Editrice Velar, Gorle (Bergamo), 2010.
  • Edoardo Aldo Cerrato, Il volto dell'Oratorio nel "De origine Oratorii" di Cesare Baronio, Ivi, pp. 61-83; e in "Annales Oratorii", Anno 2010, fasc. 9, pp. 71-89.
  • Luigi Gulia, Cesare Baronio e sua madre Porzia Fenobia: tenerezza e fermezza, in "Annales Oratorii", Anno 2010, fasc. 9, pp. 65-69.
  • Luigi Gulia, Una memoria del cardinale nato a Sora il 30 ottobre 1538. Cesare Baronio e la morte confortrata del bandito Catena, Ivi, Anno 2011, fasc. 10, pp. 183-185.
  • Cesare Baronio tra santità e scrittura storica, a cura di Giuseppe Antonio Guazzelli, Raimondo Michetti e Francesco Scorza Barcellona,Roma, Viella,2012.
  • John Howe, Baronio e san Domenico di Sora, in La tradizione storica di san Domenico di Sora. Iconografia Finti Luoghi. Atti dei convegni del Millenario, a cura di Luigi Gulia, Edizioni Casamari 2012, pp. 215-227.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17326794 LCCN: n85195776 SBN: IT\ICCU\BVEV\019215