Notker I di San Gallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beato Notker I di San Gallo
Notker I di San Gallo
Notker I di San Gallo

Abate

Nascita 840
Morte 6 aprile 912
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 1512

Notker I di San Gallo, noto anche come Notkero il balbuziente (lat. Balbulus) (Heligan, 840San Gallo, 6 aprile 912), è stato un abate, poeta e compositore tedesco in lingua latina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Notker proveniva dalla zona svizzera di Toggenburg. Dopo la morte dei suoi genitori, il padre adottivo lo inviò all'abbazia di San Gallo per dargli una formazione monacale. Secondo Eccardo IV di San Gallo, egli ricevette, insieme ai confratelli ed amici Tuotilo e Ratperto, i principali rudimenti dell'arte musicale dai monaci Iso di San Gallo e dall'irlandese Moengal. Molto presto egli avrebbe già iniziato con redigere i testi gregoriani ampiamente risonanti, i melismatici Jubilus. Secondo alcune testimonianze (Dediche dei Liber Ymnorum) egli utilizzò allo scopo le regole sillabiche apprese da Iso di San Gallo.

Oltre a scrivere le sue ricche ed artistiche poesie, dall'880 fino al 909 fu attivo come cronista, oltre che come insegnante nella scuola del convento. Gli aneddoti delle sue Gesta Karoli Magni rispecchiano il suo humour, oltre a contenere notizie storiche di valore.

L'opera[modifica | modifica sorgente]

Notker introdusse in Germania un tipo di lirica religiosa, la sequenza, che ha un'origine francese, innovando il modo di separare le sillabe latine nel canto alleluiatico. Delle circa settanta sequenze che gli furono attribuite, solo una decina gli possono ragionevolmente essere attribuite. Fra le incerte anche il noto Veni Sancte Spiritus, che alcuni attribuiscono all'arcivescovo di Canterbury dell'inizio del XIII secolo, Stephen Langton.

I suoi testi si compongono di coppie di versiculi, brevi versi paralleli che hanno la funzione di strofe e antistrofe.

Scrisse le Gesta Caroli Magni, una cronaca degli avvenimenti occorsi in Francia nel IX secolo la quale, insieme con quella di Eginardo, è una fonte non trascurabile di tale periodo, e il Liber Hymnorum dedicato a Liutwardo, il vescovo di Vercelli, tra gli anni 880 e 884, dove sono raccolte le sue composizioni, sia poetiche che musicali, che a dispetto di quanto suggerisca il titolo, non trattano di inni nel senso proprio del termine, ma sequenze.

Fu beatificato nel 1512 da Papa Giulio II.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • W. von den Steinen, Notker der Dichter und seine geistege Welt, Bern 1948

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 27863792 LCCN: n50046905