Cantico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il cantico è un componimento poetico dell'Antico testamento, con esclusione dei salmi, o del Nuovo Testamento.

Molti libri della Bibbia sono scritti in poesia e gli esempi più notevoli sono il Libro dei salmi, il Cantico dei cantici e il Libro delle Lamentazioni. Il primo cantico è quello cantato da Mosè e dagli israeliti dopo la liberazione al mar Rosso, altri cantici sono quello d'addio a Mosè, quello di vittoria di Debora e Barac e quello funebre di Davide per la morte del re Saul. Particolarmente popolare è il cantico di Daniele o dei tre fanciulli nella fornace (Dn. 3, 52-57).

Nell'ufficio divino[modifica | modifica sorgente]

Circa quaranta cantici sono stati inseriti nella Liturgia delle ore e vengono recitati tra il primo ed il secondo salmo. Quelli tratti dal Vecchio testamento nel canto delle lodi mattutine sono tradizionalmente i seguenti:

  • Lunedì: Cantico del profeta Isaia (Isaia 12)
  • Martedì: Cantico di Ezechia (Isaia 38,10-20)
  • Mercoledì: Cantico di Anna (1 Samuele 2,1-10)
  • Giovedì: Cantico di Mosè (Esodo 15, 1-19)
  • Venerdì: Cantico di Abacuc (Abacuc 3,2-19
  • Sabato: Cantico di Mosè (Deuteronomio 32, 1-43)
  • Domenica e altre feste: Cantico dei tre giovani (Daniele 3,57)

A seguito della riforma liturgica del XX secolo, sono stati introdotti nella chiesa latina come cantici alcuni testi tratti dalle epistole o dall'Apocalisse nell'ufficio dei vespri, sebbene non esistesse una tradizione in tal senso.

Particolare importanza hanno i tre cantici evangelici:

Questi cantici vengono solitamente eseguiti in piedi, per il loro riferimento all'incarnazione.

Nella Messa[modifica | modifica sorgente]

Il cantico, insieme al tratto, rappresenta lo strato più antico dei canti della messa: quello della salmodia senza ritornello o in directum, oggi praticamente scomparsa. Mentre il tratto sopravvive sostituendo l'alleluia nelle messe quaresimali, tre soli cantici hanno mantenuto la loro collocazione liturgica nella veglia pasquale e conservano l'antichissimo schema della lectio cum cantico[1]. Essi sono:

  • Cantemus (Es 15,1-2).
  • Vinea (Is 5,1-2).
  • Attende (Dt 32,1-4).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

E. Bianchi, Salterio di Bose. Salmi e cantici biblici, ed. Qiqajon, 2008, ISBN 8882272478.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dom Daniel Saulnier, Il canto gregoriano, piemme ed., 1998.