Daniel Papebroch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Daniel Papebroch (17 marzo 162828 giugno 1714) è stato un gesuita e storico belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò nella Compagnia di Gesù nel 1646. Collaboratore di Jean Bolland e Godefroid Henschen; dal 1660 al 1662 viaggiò per tutta Europa alla ricerca di antichi manoscritti inediti. Curò la pubblicazione di 19 volumi degli Acta Sanctorum. Negò la validità storica della derivazione dei Carmelitani dal profeta Elia e venne per questo da loro duramente attaccato. Alla polemica con l'ordine seguì la condanna dell'Inquisizione spagnola nel 1695 che però rivide la propria posizione nel 1715, riabilitando il Papebroch, deceduto da appena un anno.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 61569244 LCCN: nr2002020658