Hippolyte Delehaye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hippolyte Delehaye (Anversa, 19 agosto 1859Bruxelles, 1º aprile 1941) è stato un gesuita e storico belga. Dal 1901 fece parte della Società dei bollandisti, di cui fu anche presidente dal 1912.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Diede nuovo impulso agli studi agiografici: iniziò a studiare le vite dei santi dividendoli in gruppi, secondo il genere di vita o per area geografica. Oltre ai più tradizionali metodi della ricerca storico-filologica si avvalse di quelli legati all'archeologia e alla codicologia. Tra le numerose pubblicazioni si ricordano particolarmente "Les Saints Stylites"(1923), studio dettagliato si racconti agiografici della vita di celebri stiliti tra cui Simeone Stilita il Vecchio, Daniele lo Stilita, Simeone Stilita il Giovane e Luca lo Stilita; "Les légendes hagiographiques" (1905; 1906 e 1927), tradotto in italiano "Le leggende agiografiche" (Firenze, 1906 e 1910); "Les origines du culte des martyrs" (1912 e 1933). Di grande rilievo, oltre alle numerose opere dedicate al metodo agiografico ("Sanctus.Essai sur le culte des saints dans l'antiquité" del 1927, "Cinq leçons sur la méthode hagiographique" del 1935 e l'"Étude sur le légendier romain Les saints de novembre et de décembre" del 1936) fu l'edizione del Sinassario costantinopolitano (Synaxarium Ecclesiae Constantinopolitanae) uscita nel 1903 (= Propylaeum ad Acta Sanctorum Novembris). Collaborò attivamente agli Acta Sanctorum e agli Analecta Bollandiana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Profilo bio.bibliografico di H.D., http://www.kbr.be/~socboll/who-s-who-past.php

Controllo di autorità VIAF: 71427301 LCCN: n50039046