Maledizione dell'anno zero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tecumseh

La maledizione dell'anno zero (nota in inglese come zero-year curse, ma anche curse of Tippecanoe, Tecumseh's curse, presidential curse, twenty-year curse e twenty-year presidential jinx) è una leggenda a sfondo paranormale sorta negli anni trenta, secondo la quale alcuni presidenti degli Stati Uniti eletti in determinati anni (quelli che nel calendario gregoriano terminano con la cifra 0) sarebbero morti prima di concludere il mandato per effetto di un malaugurio pellerossa.

La leggenda[modifica | modifica wikitesto]

La voce attribuisce il maleficio al capo indiano Shawnee Tecumseh, sconfitto più volte in battaglia da William Henry Harrison (Fallen Timbers, Tippecanoe), e infine ucciso in un nuovo scontro (Thames). Secondo altra versione, il malaugurio fu invece lanciato dal fratellastro di Tecumseh, Tenskwatawa, un medico nativo soprannominato il Profeta che intendeva così vendicarne la morte. Harrison, eletto nel 1840, morì poco dopo il suo insediamento alla Casa Bianca.

La serie[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito si elencano i presidenti degli Stati Uniti che la leggenda considera colpiti dalla maledizione.

Presidente Immagine Data di elezione Mandato Data di morte Mandato Causa di morte
William Henry Harrison William Henry Harrison daguerreotype edit.jpg 1840 4 aprile 1841 polmonite
Abraham Lincoln Abraham Lincoln head on shoulders photo portrait.jpg 1860 15 aprile 1865 assassinio
James Garfield James Abram Garfield, photo portrait seated.jpg 1880 19 settembre 1881 assassinio
William McKinley Mckinley.jpg 1900 14 settembre 1901 assassinio
Warren Harding Warren G Harding portrait as senator June 1920.jpg 1920 2 agosto 1923 apoplessia
Franklin Delano Roosevelt Roosevelt20.jpg 1940 12 aprile 1945 emorragia cerebrale
John Fitzgerald Kennedy John F. Kennedy, White House color photo portrait.jpg 1960 22 novembre 1963 assassinio

Interpretazione corrente[modifica | modifica wikitesto]

Si può notare che le modalità della coincidenza non sono costanti. Le cause di morte variano (soltanto tre su sette furono naturali), così come il rapporto fra l'anno di elezione e il mandato interrotto con la morte del presidente. McKinley, Lincoln e Roosevelt non morirono nel loro primo mandato, ma dopo essere stati rieletti. Gli ultimi due, inoltre, non morirono neanche durante il mandato iniziato con il cosiddetto anno zero. Esiste poi un'eccezione per così dire invisibile, quella di Zachary Taylor, unico presidente degli Stati Uniti deceduto in corso di mandato senza essere stato eletto nell'anno zero.

In realtà, la maledizione dell'anno zero non è che una coincidenza notata per la prima volta da Robert Ripley nel suo Believe it or not! (1934). La circostanza della scomparsa di alcuni presidenti in carica, apparentemente misteriosa, era reale e si protraeva all'epoca da Harrison a Harding; casualmente, essa si sarebbe poi verificata altre due volte, con la morte di Roosevelt (peraltro malato e rieletto più volte) e con l'assassinio di Kennedy. Non esiste d'altronde alcuna fonte storica che attesti la presunta maledizione indiana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]