Juan Carlos Ferrero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Carlos Ferrero
Juan Carlos Ferrero at the 2009 Brisbane International.jpg
Ferrero al Brisbane International 2009
Dati biografici
Nome Juan Carlos Ferrero Donat
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 183 cm
Peso 76 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 479-261 (64,73%)
Titoli vinti 16
Miglior ranking 1° (8 settembre 2003)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open SF (2004)
Francia Roland Garros V (2003)
Regno Unito Wimbledon QF (2007, 2009)
Stati Uniti US Open F (2003)
Altri tornei
Tour Finals F (2002)
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2000)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 4-23
Titoli vinti 0
Miglior ranking 198° (3 febbraio 2003)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (2004, 2005)
Francia Roland Garros -
Regno Unito Wimbledon 1T (2002, 2003)
Stati Uniti US Open 1T (2006)
Palmarès
2000 2004 2009 Coppa Davis Spagna Spagna
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al definitivo

Juan Carlos Ferrero, detto Mosquito (Ontinyent, 12 febbraio 1980), è un ex tennista spagnolo, ex numero 1 del ranking mondiale ATP, il ventunesimo dall'introduzione di tale classifica: ha raggiunto questa posizione a seguito della vittoria al Roland Garros nel 2003 e della sconfitta in finale agli US Open dello stesso anno. Viene soprannominato Mosquito (zanzara) per la velocità e il fisico agile e scattante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Juan Carlos Ferrero iniziò a farsi notare nel panorama tennistico nel 1998, raggiungendo la finale del torneo juniores del Roland Garros, venendo sconfitto da Fernando González: al termine dell'anno occupava la posizione numero 17 della classifica juniores.

Divenuto professionista nel 1999, stupì subito raggiungendo le semifinali nel primo torneo del tour ATP cui partecipò, a Casablanca. Il suo debutto nei tornei del Grande Slam avvenne agli US Open ad agosto; il mese successivo, ad appena la quinta partecipazione ad un torneo professionistico, vinse il suo primo titolo in singolare a Maiorca. Vince il premio ATP quale migliore esordiente dell'anno.

La sua ascesa proseguì nel 2000, nonostante l'anno si concludesse senza una sua vittoria in singolare: raggiunse la finale a Dubai e a Barcellona e contribuì al successo della squadra spagnola nella finale di Coppa Davis sull'Australia battendo Lleyton Hewitt e Patrick Rafter.[1] Soprattutto, alla sua prima partecipazione al Roland Garros, raggiunse a sorpresa le semifinali, venendo sconfitto da Gustavo Kuerten, che avrebbe poi vinto il titolo, in cinque set.

Nel 2001 Ferrero confermò di essere uno dei giocatori più competitivi sulla terra rossa in circolazione, vincendo i tornei di Estoril, Barcellona e il Master Series di Roma[1] e raggiungendo, per il secondo anno consecutivo, le semifinali a Parigi, sconfitto ancora una volta da Kuerten. Si aggiudicò la vittoria al torneo di Dubai e concluse l'anno alla posizione numero 5 della classifica mondiale.

Nel 2002 raggiunse la finale nel torneo dello Slam da lui più amato, il Roland Garros: tuttavia, nonostante alla vigilia del match fosse il grande favorito, venne sconfitto dal connazionale Albert Costa in quattro set. Vinse a Monte Carlo e ad Hong Kong e, al termine dell'anno, raggiunse la finale della Masters Cup a Shanghai, perdendo da Hewitt in cinque set.[1] Grazie a questo risultato chiuse il 2002 come quarto giocatore del mondo.

Ferrero mentre firma autografi al Masters Series di Monte Carlo, 2006.

Il 2003 fu il suo anno migliore. Nella stagione sulla terra rossa si aggiudicò il titolo a Monte Carlo e a Valencia, per poi finalmente conquistare il torneo cui da tempo gli esperti lo consideravano predestinato, il Roland Garros. In finale si trovò contro la sorpresa del torneo, l'olandese Martin Verkerk, che sconfisse facilmente. Durante l'estate raggiunse gli ottavi di finale sull'erba di Wimbledon, torneo a lui tradizionalmente ostico. A coronamento di un'annata eccezionale, raggiunse la terza finale di uno Slam, agli US Open, eliminando, tra gli altri Hewitt e Andre Agassi in semifinale (vittoria, quest'ultima, che gli assegnò matematicamente il n. 1 del ranking mondiale) e venendo sconfitto da Andy Roddick.[1] Vinse inoltre il titolo indoor di Madrid superando Roger Federer in finale e venne premiato come Sportivo spagnolo dell'anno da re Juan Carlos di Borbone. Finì l'anno al n. 3 del ranking.

Ferrero agli Australian Open 2006.

Il 2004 fu però un anno sfortunato a causa dei frequenti infortuni che ne compromisero i risultati, facendolo sensibilmente calare in classifica. Se agli Australian Open a gennaio riuscì a raggiungere le semifinali, venendo sconfitto da Roger Federer, poco dopo si ammalò di varicella, che lo costrinse a stare lontano dai campi da tennis per l'intero mese di marzo. Al rientro, in aprile, perse al primo turno a Monte Carlo ed ebbe bisogno di un altro mese per riposarsi e recuperare. L'8 maggio, durante una seduta di allenamento, Ferrero ebbe una brutta caduta, infortunandosi alle costole e al polso destro. Si presentò quindi al Roland Garros, dove difendeva il titolo, scarsamente preparato, e perse al secondo turno dal russo Igor' Andreev. Per il resto del 2004 continuò a lottare per ritrovare la forma, e finì l'anno al di fuori dei primi 30 per la prima volta dal 1999.

Nel 2005 Ferrero iniziò a scalare di nuovo le posizioni in classifica, raggiungendo le semifinali a Monte Carlo e le finali a Barcellona e a Vienna. Tuttavia, parziali recuperi continuavano ad alternarsi a risultati deludenti. Inoltre, con l'esplosione del talento del giovane Rafael Nadal, aveva perso la sua posizione di tennista spagnolo di punta. Al termine del 2005 occupava la posizione n. 17 in classifica.

Nel 2006, Ferrero ebbe il suo momento di forma migliore al torneo del circuito di Master Series di Cincinnati, in cui raggiunse la finale (la prima in un Master Series dal 2003) battendo i Top 10 James Blake, Rafael Nadal e Tommy Robredo, perdendo però da Roddick in due set, comunque combattuti.

Nel 2007, Juan Carlos ha raggiunto il suo massimo risultato a Wimbledon, battendo Jan Hájek, Gilles Müller, James Blake e il serbo Janko Tipsarević e perdendo in quarti di finale dal numero uno del mondo e futuro campione Roger Federer, riuscendo comunque a strappargli il servizio e un set, cosa che allora era considerata tutt'altro che scontata. Altri risultati di rilievo sono stati la finale a Costa Do Sauipe in febbraio e la semifinale a Monte Carlo.

Il 2008 inizia positivamente, con la sconfitta in finale al torneo di Auckland e il quarto turno agli Australian Open, dopo una convincente vittoria sull'argentino David Nalbandian.[2] Uno dei periodi migliori dell'anno è stato a maggio nel Masters Series di Roma. Al Foro Italico è approdato agli ottavi di finale, dopo aver battuto facilmente il campione in carica Nadal[3], Ferrero è stato sconfitto a sorpresa dallo svizzero Stanislas Wawrinka, che peraltro si confermò in grande forma nel seguito del torneo arrivando in finale. Lo spagnolo, però, dopo la bella vittoria contro il numero 1 della terra battuta Rafael Nadal, non riesce a ripetersi al Roland Garros a maggio, poiché esce al primo turno per un fastidioso infortunio muscolare che precedentemente gli aveva impedito di giocare anche a Barcellona e ad Amburgo.

Nel 2009 torna alla vittoria a Casablanca in finale sul francese Florent Serra (6-4 7-5), spezzando un digiuno che durava da quasi 6 anni (anche se c'è da notare che tra il 2004 e il 2008 aveva sempre giocato almeno una finale ATP all'anno). Nello stesso anno raggiunge la finale ad Umago dove viene nettamente sconfitto dal russo Nikolaj Davydenko (6-3 6-0) e ben figura negli ultimi due slam della stagione giungendo fino ai quarti di finale a Wimbledon[1] e fermandosi agli ottavi di finale dello US Open. Chiude l'anno in posizione n.23.

Alla fine del 2009, la carriera da professionista di Ferrero risulta essere caratterizzata da un record di 421 vittorie e 225 sconfitte in singolare; e da 4 vittorie e 23 sconfitte in doppio. Il suo montepremi totale vinto in carriera fino a questa data risulta essere quantificato in 12.588.898 dollari.

Il 2010 sembra segnare il ritorno ad alti livelli del tennista spagnolo, soprattutto nella prima parte dell'anno dove conquista tre finali consecutive (tutte nel mese di febbraio), conquistando nell'ordine, il torneo di Costa do Sauipe disponendo agevolmente del polacco Łukasz Kubot con il punteggio di (6-0 6-1), ed il torneo di Buenos Aires in una combattuta finale durata tre set (5-7 6-4 6-3) contro il connazionale David Ferrer; a distanza di una settimana i due spagnoli si sono incontrati nuovamente per disputare la finale del torneo di Acapulco dove questa volta ha avuto la meglio David Ferrer con il punteggio di (3-6 6-3 6-2). Questo filotto di risultati positivi ha portato Ferrero a ridosso della top-ten, consentendogli di raggiungere la posizione n.14 il 1º marzo 2010. Nei successivi mesi vanno menzionati i buoni risultati ottenuti nel Master 1000 di Miami, sconfitto negli ottavi di finale da Jo-Wilfried Tsonga, i quarti di finale a Montecarlo sconfitto da Rafael Nadal, la semifinale di Stoccarda sconfitto da Albert Montañés, i quarti di finale ad Amburgo sconfitto da Florian Mayer. Infine, il 1º agosto 2010 vince nella finale dell'ATP di Umago, in Croazia, col punteggio di 6-4 6-4 contro l'italiano Potito Starace, conquistando il suo 15° trofeo su un totale di 33 finali disputate. Chiude l'anno in posizione n.29.

Il 2011 è un anno sfortunato. Causa infortunio salta tutta la prima parte della stagione e perde numerose posizioni nella classifica mondiale. Il suo debutto avviene nel torneo di Barcellona dove approda fino ai quarti di finale sconfitto dal connazionale Nicolás Almagro. Partecipa al Master 1000 di Madrid dove perde al primo turno, e successivamente si deve fermare per un nuovo infortunio. Ritorna sui campi nel mese di luglio al torneo di Stoccarda dove conquista il suo 16º titolo sconfiggendo piuttosto nettamente il connazionale Pablo Andújar con il punteggio di (6-4 6-0). Nel prosieguo della stagione ottiene qualche buon piazzamento: semifinale al torneo di Umago, ottavi di finale allo US Open (unico slam a cui partecipa), quarti di finale al torneo indoor di Valencia. Chiude l'anno in posizione n.50.

Il 2012 è un anno negativo dal punto di vista dei risultati. Subisce ben otto sconfitte al primo turno su undici tornei a cui partecipa. Il miglior risultato dell'anno è rappresentato dal 3º turno al torneo Master 1000 di Roma dove perde con lo svizzero Roger Federer a cui riesce a strappare un set. Dopo gli US Open annuncia che il 2012 è il suo ultimo anno da professionista e che darà l'addio dopo la fine del Valencia Open.[4] Gioca il suo ultimo match nel singolare contro Nicolás Almagro mentre nel doppio avanza fino alle semifinali insieme a David Ferrer ma vengono sconfitti dalla coppia Peya-Soares.[5]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (16)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (1)
ATP World Tour Finals (0)
ATP Masters 1000 (4)
ATP World Tour 500 (3)
ATP World Tour 250 (8)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 13 settembre 1999 Spagna Open de Tenis Comunidad Valenciana, Maiorca Terra battuta Spagna Àlex Corretja 2-6 7-5 6-3
2. 26 settembre 2001 Emirati Arabi Uniti Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento Russia Marat Safin 6-2 3-1 rit.
3. 9 aprile 2001 Portogallo Estoril Open, Estoril Terra battuta Spagna Félix Mantilla 7-63 4-6 6-3
4. 23 aprile 2001 Spagna Torneo Godó, Barcellona Terra battuta Spagna Carlos Moyá 4-6 7-5 6-3 3-6 7-5
5. 7 maggio 2001 Italia Internazionali BNL d'Italia, Roma Terra battuta Brasile Gustavo Kuerten 3-6 6-1 2-6 6-4 6-2
6. 15 aprile 2002 Monaco Monte-Carlo Rolex Masters, Monte Carlo Terra battuta Spagna Carlos Moyá 7-5 6-3 6-4
7. 23 settembre 2002 Cina Hong Kong Open, Hong Kong Cemento Spagna Carlos Moyá 6-3 1-6 7-64
8. 14 aprile 2003 Monaco Monte-Carlo Rolex Masters, Monte Carlo Terra battuta Argentina Guillermo Coria 6-2 6-2
9. 28 aprile 2003 Spagna Open de Tenis Comunidad Valenciana, Valencia Terra battuta Belgio Christophe Rochus 6-2 6-4
10. 26 maggio 2003 Francia Open di Francia, Parigi Terra battuta Paesi Bassi Martin Verkerk 6-1 6-3 6-2
11. 13 ottobre 2003 Spagna Mutua Madrileña Madrid Open, Madrid Sintetico indoor Cile Nicolás Massú 6-3 6-4 6-3
12. 12 aprile 2009 Marocco Grand Prix Hassan II, Casablanca Terra battuta Francia Florent Serra 6-4 7-5
13. 14 febbraio 2010 Brasile Brasil Open, Costa do Sauipe Terra battuta Polonia Łukasz Kubot 6-1 6-0
14. 21 febbraio 2010 Argentina Copa Telmex, Buenos Aires Terra battuta Spagna David Ferrer 5-7 6-4 6-3
15. 1º agosto 2010 Croazia Croatia Open Umag, Umago Terra battuta Italia Potito Starace 6-4 6-4
16. 17 luglio 2011 Germania Mercedes Cup, Stoccarda Terra battuta Spagna Pablo Andújar 6-4 6-0

Finali perse (18)[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 14 febbraio 2000 Emirati Arabi Uniti Dubai Tennis Championships, Dubai Cemento Germania Nicolas Kiefer 5-7 6-4 3-6
2. 24 aprile 2000 Spagna Torneo Godó, Barcellona Terra battuta Russia Marat Safin 3-6 3-6 4-6
3. 21 maggio 2001 Germania German Open Hamburg, Amburgo Terra battuta Spagna Albert Portas 6-4 2-6 6-0 6-7 5-7
4. 16 luglio 2001 Svizzera Allianz Suisse Open Gstaad, Gstaad Terra battuta Rep. Ceca Jiří Novák 1-6 7-6 5-7
5. 10 giugno 2002 Francia Open di Francia, Parigi Terra battuta Spagna Albert Costa 1-6 0-6 6-4 3-6
6. 29 luglio 2002 Austria Generali Open, Kitzbühel Terra battuta Spagna Àlex Corretja 4-6 1-6 3-6
7. 18 novembre 2002 Cina Tennis Masters Cup, Shanghai Sintetico indoor Australia Lleyton Hewitt 5-7 5-7 6-2 6-2 4-6
8. 13 gennaio 2003 Australia Medibank International, Sydney Cemento Corea del Sud Hyung-Taik Lee 6-4 6-7 6-7
9. 8 settembre 2003 Stati Uniti US Open, New York Cemento Stati Uniti Andy Roddick 3-6 6-7 3-6
10. 29 settembre 2003 Thailandia Thailand Open, Bangkok Cemento indoor Stati Uniti Taylor Dent 3-6 6-7
11. 23 febbraio 2004 Paesi Bassi ABN AMRO World Tennis Tournament, Rotterdam Cemento indoor Australia Lleyton Hewitt 7-6 5-7 4-6
12. 25 aprile 2005 Spagna Torneo Godó, Barcellona Terra battuta Spagna Rafael Nadal 1-6 6-7 3-6
13. 17 ottobre 2005 Austria Bank Austria Tennis Trophy, Vienna Cemento indoor Croazia Ivan Ljubičić 2-6 4-6 6-7
14. 21 agosto 2006 Stati Uniti W&S Masters & Women's Open, Cincinnati Cemento Stati Uniti Andy Roddick 3-6 4-6
15. 19 febbraio 2007 Brasile Brasil Open, Costa do Sauípe Terra battuta Argentina Guillermo Cañas 6-7 2-6
16. 12 gennaio 2008 Nuova Zelanda Heineken Open, Auckland Cemento Germania Philipp Kohlschreiber 64-7 5-7
17. 2 agosto 2009 Croazia Croatia Open Umag, Umago Terra battuta Russia Nikolaj Davydenko 3-6 0-6
18. 28 febbraio 2010 Messico Abierto Mexicano Telcel, Acapulco Terra battuta Spagna David Ferrer 3-6 6-3 1-6

Performance negli Slam[modifica | modifica wikitesto]

Torneo 2012 2011 2010 2009 2008 2007 2006 2005 2004 2003 2002 2001 2000 1999 Carriera
Australian Open 1T - 1T 1T 4T 2T 3T 3T SF QF - 2T 3T - 0
Roland Garros 2T - 3T 2T 1T 3T 3T 3T 2T V F SF SF - 1
Wimbledon 1T - 1T QF 2T QF 3T 4T 3T 4T 2T 3T - - 0
US Open - 4T 3T 4T - 1T 2T 1T 2T F 3T 3T 4T 1T 0
Masters Cup - - - - - - - - - RR F SF - - 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e ubitennis.com, Le sette meraviglie di Mosquito, 13 settembre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  2. ^ gazzetta.it, Il Caballito ruggisce ancora Ferrero torna tra i grandi, 20 gennaio 2008. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  3. ^ gazzetta.it, Roma choc: Nadal fuori, 7 maggio 2008. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  4. ^ tennisworlditalia.com, Altro ritiro in vista: è la volta di Juan Carlos Ferrero, 12 settembre 2012. URL consultato il 12 settembre 2012.
  5. ^ ubitennis.com, Valencia: Ferrero, ora è davvero sipario, 23 ottobre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]