Lleyton Hewitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lleyton Hewitt
Lleyton Hewitt 2010 Australian Open.jpg
Dati biografici
Nome Lleyton Glynn Hewitt
Nazionalità Australia Australia
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 608–248 (71,03%)
Titoli vinti 30
Miglior ranking 1° (19 novembre 2001)
Ranking attuale 49° (30 settembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open F (2005)
Francia Roland Garros QF (2001, 2004)
Regno Unito Wimbledon V (2002)
Stati Uniti US Open V (2001)
Altri tornei
Tour Finals V (2001, 2002)
Olympic flag.svg Giochi olimpici 3T (2012)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 114–83 (57,87%)
Titoli vinti 3
Miglior ranking 18° (23 ottobre 2000)
Ranking attuale 119° (30 settembre 2014)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 3T (1998, 2000)
Francia Roland Garros 2T (1999)
Regno Unito Wimbledon 3T (2000)
Stati Uniti US Open V (2000)
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2008)
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 1T (1998)
Francia Roland Garros
Regno Unito Wimbledon F (2000)
Stati Uniti US Open
Altri tornei
Olympic flag.svg Giochi olimpici QF (2012)
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 14 luglio 2014

Lleyton Glynn Hewitt (Adelaide, 24 febbraio 1981) è un tennista australiano.

Hewitt è stato numero 1 del circuito ATP nel 2001, diventando il più giovane giocatore ad occupare quella posizione. I suoi maggiori successi in carriera sono stati la vittoria degli US Open nel 2001 e la vittoria a Wimbledon nel 2002.

Hewitt è conosciuto per la sua aggressività e il suo grande spirito combattivo, le sue qualità migliori sono i colpi dal fondo, tra cui una splendida risposta e la grande capacità di recupero dettata dalla rapidità dei piedi.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Hewitt è diventato uno dei più giovani vincitori di un torneo ATP, vincendo nel 1998 il torneo di Adelaide, battendo tra gli altri Andre Agassi in semifinale. L’anno successivo nel 1999 giocò 4 finali di tornei ATP, aggiudicandosi però un solo torneo a Delray Beach, battendo in finale Xavier Malisse. Guadagnò 91 posizioni nel ranking mondiale e chiuse l'anno come numero 25 del mondo. Nel 2000 Hewitt vinse il suo primo torneo del Grande Slam quando insieme a Maks Mirny si aggiudicò il titolo in doppio agli Us Open. Durante quell'annata vinse inoltre 4 tornei ATP ad Adelaide, Sydney, Scottsdale e al Queen's, e chiuse la stagione per la prima volta come numero 1 australiano, alla posizione numero 7 del ranking mondiale.

Il suo primo torneo del Grand Slam in singolo arrivò nel 2001, sempre agli Us Open, dove sconfisse il quattro volte campione Pete Sampras in 3 set 7-6 6-1 6-1. Nel 2001 oltre agli Us Open vinse i tornei di Sydney, al Queen’s, Hertogenbosch, Tokyo e la Masters Cup di Shanghai dove batté in finale Sébastien Grosjean. Chiuse l'anno con 80 vittorie e 17 sconfitte e come numero 1 del ranking mondiale, il più giovane della storia, a soli 20 anni e 8 mesi.

Nel 2002 Hewitt vinse il suo secondo titolo del Grande Slam aggiudicandosi il torneo di Wimbledon battendo in finale David Nalbandian in 3 set 6-1 6-3 6-2. La sua vittoria ha rafforzato l'idea riguardo al quale il torneo di Wimbledon non doveva per forza essere dominato da giocatori con servizio e volée, ma poteva anche essere vinto da giocatori che scambiano da fondo campo come Agassi e lo stesso Hewitt. Nel 2002 vinse inoltre il primo Master Series in carriera ad Indian Wells, il Queen’s per il terzo anno di seguito (diventando il primo dopo John McEnroe a riuscirci), San Jose e la Masters Cup di Shanghai per il secondo anno di seguito battendo Juan Carlos Ferrero in finale. Concludendo la stagione con 61 vittorie e 15 sconfitte difese per tutto l'anno la posizione di numero 1 del mondo.

Lleyton nel 2006

Nel 2003, l'anno della difesa del titolo di Wimbledon, Hewitt fu sconfitto al primo turno dal qualificato croato Ivo Karlović e ottenne il primato negativo di essere il primo vincitore di Wimbledon nell'era Open ad essere sconfitto al primo turno l'anno della difesa del titolo. In quell’annata si aggiudicò 2 tornei ATP il Master Series ad Indian Wells per il secondo anno di seguito e Scottsdale. Terminò la stagione con 36 vittorie e 10 sconfitte come numero 16 del mondo, anche a causa di vari piccoli infortuni.

Lleyton Hewitt a Wimbledon nel 2004.

Nel 2004 Hewitt è diventato il primo giocatore nella storia a perdere in tutti i tornei del Grande Slam dal futuro vincitore: fu sconfitto al quarto turno degli Australian Open da Roger Federer, ai quarti di finale del Roland Garros da Gastón Gaudio, ai quarti di finale a Wimbledon da Roger Federer e in Finale agli Us Open ancora una volta da Federer. Sempre nello stesso anno vinse i tornei di Sydney, Rotterdam, Washington, Long Island e raggiunse la Finale alla Masters Cup sconfitto ancora da Roger Federer. Terminò la stagione con 66 vittorie e 17 sconfitte, alla posizione numero 3 del ranking mondiale.

Nel 2005 vinse un solo titolo, a Sydney, battendo Carlos Moyá in finale. Raggiunge però per la prima volta la finale agli Australian Open, venendo sconfitto da Marat Safin, col punteggio di 1-6, 6-3, 6-4, 6-4. Non giocò il Roland Garros a causa di un infortunio, mentre a Wimbledon perse in semifinale da Roger Federer e agli Us Open raggiunse ancora una volta la semifinale sconfitto sempre dallo svizzero. Chiuse l'anno con 37 vittorie e 9 sconfitte come numero 4 del mondo.

Hewitt agli US Open nel 2006

Il 2006 fu una stagione negativa per Hewitt anche a causa di molti infortuni. Vinse soltanto il torneo del Queen’s mentre nei tornei del Grand Slam uscì al secondo turno agli Australian Open, al quarto turno al Roland Garros sconfitto da Rafael Nadal futuro vincitore, e infine ai quarti di finale sia a Wimbledon sia agli Us Open. Chiuse per il settimo anno consecutivo nei primi 20 del mondo con un record di 33 vittorie e 15 sconfitte.

Agli Australian Open del 2007 Hewitt è stato sconfitto da Fernando González futuro finalista. Durante l'anno ha vinto il torneo di Las Vegas ed ha raggiunto la semifinale al Master Series di Amburgo dove ha perso in 3 set combattuti da Rafael Nadal.

Dopo un periodo di luce e ombre, ha mostrato un ritrovato stato di forma a partire da Wimbledon, torneo nel quale è stato sconfitto agli ottavi in quattro combattuti set, dall'astro nascente serbo Novak Đoković.

Il 2008 si rivela un anno interlocutorio a causa di alcuni problemi fisici che fanno sprofondare Hewitt in classifica.

Hewitt a Wimbledon nel 2009

Nel 2009 Hewitt si ripresenta all'Australian Open dove viene eliminato da Fernando González al primo turno. Raggiunge poi la seminifinale al torneo di Memphis dove viene battuto da Andy Roddick. Torna però al successo in un torneo ATP dopo due anni a Houston battendo lo statunitense Wayne Odesnik per 6-2, 7-5, conquistando il suo ventisettesimo torneo da professionista. A giugno è stato eliminato al terzo turno del Roland Garros dal tennista spagnolo Rafael Nadal. A Wimbledon la corsa di Hewitt si ferma ai quarti di finale, sconfitto in 5 set da Andy Roddick, dopo un match giocato con straordinaria intensità, che potrebbe segnare il ritorno dell'aussie ad alti livelli. All'ATP Cincinnati Hewitt si è fermato ai quarti di finale, battuto dallo svizzero Roger Federer. All'ATP US Open Hewitt è stato battuto al terzo turno per un punteggio di 4-6 6-3 7-5 6-4 da Roger Federer.

Dopo un periodo di allenamento intenso, Hewitt inizia il 2010 più in forma dell'anno precedente. Al torneo Medibank International di Sydney è la testa di serie n° 4 e raggiunge i quarti di finale dove perde da Marcos Baghdatis. Agli Australian Open vince agevolmente i primi tre turni, eliminando rispettivamente il brasiliano Ricardo Hocevar per 6-1 6-2 6-3, l'americano Donald Young per 7-6 6-4 6-1 e Marcos Baghdatis - quest'ultimo si ritira per infortunio quand'era sotto 6-0 4-2. Al quarto turno lo attende un Federer in gran forma, che lo elimina facilmente con un 6-2 6-3 6-4. Al torneo US Men's Claycourt Championships Hewitt si presenta da detentore del singolo e testa di serie n° 4. Al primo turno elimina in tre set Somdev Devvarman (1-6 6-0 7-6), per poi perdere dal futuro vincitore del torneo, l'argentino Juan Ignacio Chela, per 6–4 6–3. Nel doppio insieme al partner Nathan Healey arriva fino alla semifinale, dove verranno sconfitti dai fratelli Bryan 6-2 7-6.

Al Roland Garros passa facilmente il primo turno, sconfiggendo il francese Jérémy Chardy per 7-5 6-0 6-4. Al secondo turno elimina in 5 set l'uzbeco Denis Istomin (1-6 6-3 6-4 2-6 6-2). Come all'Australian Open, così al Roland Garros viene eliminato dal futuro vincitore Rafael Nadal in tre set 6-3 6-4 6-3.

Il 13 giugno si riscatta della sconfitta subita a inizio anno, battendo sull'erba di Halle Roger Federer 3–6 7–6 (4) 6–4 nella finale del torneo Gerry Weber Open. La vittoria con lo svizzero è la prima dal 2003, dopo una serie di 15 sconfitte.

Nel 2012, ormai sceso alla 181ª posizione del ranking, riceve una wild card per il tabellone principale degli Australian Open dove risce a raggiungere gli ottavi di finale quando viene sconfitto dal numero 1 del mondo Novak Đoković in quattro set. Dopo quel match si ferma per diversi mesi scendendo addirittura fino alla posizione numero 233 in classifica. Rientra in prossimità del Roland Garros dove verrà sconfitto al primo turno dallo slovacco Kavcic. Anche a Wimbledon verrà eliminato al primo turno,questa volta dalla testa di serie numero 5 e futuro semifinalista Tsonga. Si rifarà nel successivo torneo di Newport dove arriverà in finale prima di essere sconfitto dall'americano Isner.

Nel corso del 2013 Hewitt ritorna tra i primi 100 della classifica ATP senza vincere nessun titolo. Agli Australian Open cede al primo turno contro Tipsarevic; negli altri tornei non supera mai il secondo turno se non a Indian Wells (terzo turno) e all'ATP AEGON Championships dove si ferma in semifinale perdendo in 3 set contro Cilic, dopo aver sconfitto tennisti del caliibro di Dimitrov, Quarrey e Del Potro. A Wimbledon parte molto bene, battendo l'undicesimo al mondo (Stanislas Wawrinka) in tre set, ma viene poi clamorosamente battuto al secondo turno in 4 set dal giamaicano Dustin Brown, numero 187. A fine anno occupa la posizione numero 60 del ranking ATP. Nel 2014 torna a vincere un torneo in singolare dopo 4 anni a Brisbane battendo in finale Roger Federer con lo score di 6-1 4-6 6-3. Torna al successo a Newport dove, da numero tre del torneo, batte in finale Ivo Karlović per 6-3, 6-7(4), 7-6(3): si tratta del trentesimo titolo in carriera per l'australiano in singolare. Nello stesso torneo conquista anche il trofeo di doppio in coppia con il connazionale Guccione: si tratta del terzo titolo in doppio conquistato in carriera, arrivato ben quattordici anni dopo l'ultimo successo, agli US Open del 2000.

Prima Posizione Mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 novembre 2001, Hewitt è diventato il più giovane numero 1 del mondo (20 anni e 8 mesi), c’è rimasto per 75 settimane (ottavo nella classifica delle settimane consecutive al N.1), dopo 2 settimane da numero 2 è tornato numero 1 del mondo per altre 5 settimane portando il suo totale a 80 (nona posizione in classifica).

Coppa Davis[modifica | modifica wikitesto]

Hewitt ha vinto la Coppa Davis con la squadra australiana nel 1999 e nel 2003 ed ha raggiunto la finale nel 2000 e nel 2001. A ventidue anni Hewitt aveva più match vinti nei singolari di Coppa Davis di qualsiasi altro giocatore australiano. Nei quarti di finale di Coppa Davis del 2006 a Melbourne, Hewitt sconfisse il giocatore bielorusso Vladimir Volčkov 6-2 6-1 6-2 in soli 91 minuti. Prima del match il Bielorusso aveva detto "Hewitt non ha le armi per farmi male". Hewitt rispose: "Voltchkov non ha la classifica per farmi male". In semifinale in seguito l'Australia fu sconfitta dall'Argentina.

Detiene il record di partecipazioni (16 edizioni e 37 incontri), di match giocati (72), di vittorie totali (54) e in singolare (40) nella storia della squadra australiana di Coppa Davis.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, Tennis Magazine ha messo Hewitt al 34º posto nella classifica dei Quaranta tennisti migliori di tutti i tempi.

Stile di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Hewitt è un contro-attaccante, uno dei migliori giocatori in fase difensiva del circuito; ama scambiare da fondo dove sbaglia raramente e costringe molto spesso il suo avversario all'errore. Ha migliorato molto il suo servizio, dal quale trae i migliori benefici nei momenti chiave del match. Non ama molto il gioco in volo ma quando è chiamato a rete riesce a giocare molto bene, ed è considerato uno dei migliori ribattitori nel circuito, un maestro nei lob e nei passanti. Hewitt è un combattente, cosa che gli ha permesso di recuperare partite che sembravano perse, e la sua voglia di combattere esplode quando urla «C'mon!» in seguito alla conquista di un punto importante.

Altri dati su Hewitt[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001 - Giocatore ATP dell'anno
  • 2001 - Sud Australiano più popolare
  • 2002 - Giocatore ATP dell'anno
  • 2002 - Atleta Australiano maschio dell’anno
  • 2002 - ESPY miglior tennista dell'anno
  • 2003 - Giovane Australiano dell'anno
  • 2003 - Sud Australiano più popolare

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Singolare[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (30)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (2)
Tennis Masters Cup / ATP World Tour Finals (2)
ATP Masters Series / ATP Masters 1000 (2)
International Series Gold / ATP World Tour 500 (2)
International Series / ATP World Tour 250 (22)
Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 11 gennaio 1998 Australia Brisbane International, Adelaide (1) Cemento Australia Jason Stoltenberg 3-6, 6-3, 7-64
2. 9 maggio 1999 Stati Uniti International Tennis Championships, Delray Beach Terra verde Belgio Xavier Malisse 6-4, 6-72, 6-1
3. 9 gennaio 2000 Australia Brisbane International, Adelaide (2) Cemento Svezia Thomas Enqvist 3-6, 6-3, 6-2
4. 16 gennaio 2000 Australia Medibank International, Sydney (1) Cemento Australia Jason Stoltenberg 6-4, 6-0
5. 12 marzo 2000 Stati Uniti Tennis Channel Open, Scottsdale (1) Cemento Regno Unito Tim Henman 6-4, 7-62
6. 18 giugno 2000 Regno Unito AEGON Championships, Londra (1) Erba Stati Uniti Pete Sampras 6-4, 6-4
7. 8 gennaio 2001 Australia Medibank International, Sydney (2) Cemento Svezia Magnus Norman 6-4, 6-1
8. 17 giugno 2001 Regno Unito AEGON Championships, Londra (2) Erba Regno Unito Tim Henman 7-63, 7-63
9. 24 giugno 2001 Paesi Bassi Ordina Open, 's-Hertogenbosch Erba Argentina Guillermo Cañas 6-3, 6-4
10. 9 settembre 2001 Stati Uniti U.S. Open, New York Cemento Stati Uniti Pete Sampras 7-64, 6-1, 6-1
11. 1º ottobre 2001 Giappone Japan Open Tennis Championships, Tokyo Cemento Svizzera Michel Kratochvil 6-4, 6-2
12. 18 novembre 2001 Australia Tennis Masters Cup, Sydney (1) Sintetico (i) Francia Sébastien Grosjean 6-3, 6-3, 6-4
13. 4 febbraio 2002 Stati Uniti SAP Open, San Jose Cemento (i) Stati Uniti Andre Agassi 4-6, 7-66, 7-64
14. 17 marzo 2002 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells (1) Cemento Regno Unito Tim Henman 6-1, 6-2
15. 16 giugno 2002 Regno Unito AEGON Championships, Londra (3) Erba Regno Unito Tim Henman 4-6, 6-1, 6-4
16. 7 luglio 2002 Regno Unito Wimbledon, Londra Erba Argentina David Nalbandian 6-1, 6-3, 6-2
17. 17 novembre 2002 Cina Tennis Masters Cup, Shanghai (2) Sintetico (i) Spagna Juan Carlos Ferrero 7-5, 7-5, 2-6, 2-6, 6-4
18. 9 marzo 2003 Stati Uniti Tennis Channel Open, Scottsdale (2) Cemento Australia Mark Philippoussis 6-4, 6-4
19. 16 marzo 2003 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells (2) Cemento Brasile Gustavo Kuerten 6-1, 6-1
20. 18 gennaio 2004 Australia Medibank International, Sydney (3) Cemento Spagna Carlos Moyá 4-3, rit.
21. 22 febbraio 2004 Paesi Bassi ABN AMRO World Tennis Tournament, Rotterdam Cemento (i) Spagna Juan Carlos Ferrero 6-71, 7-5, 6-4
22. 22 agosto 2004 Stati Uniti Legg Mason Tennis Classic, Washington D.C. Cemento Lussemburgo Gilles Müller 6-3, 6-4
23. 29 agosto 2004 Stati Uniti Pilot Pen Tennis, Long Island Cemento Perù Luis Horna 6-3, 6-1
24. 16 gennaio 2005 Australia Medibank International, Sydney (4) Cemento Rep. Ceca Ivo Minář 7-5, 6-0
25. 18 giugno 2006 Regno Unito AEGON Championships, Londra (4) Erba Stati Uniti James Blake 6-4, 6-4
26. 4 marzo 2007 Stati Uniti Tennis Channel Open, Las Vegas Cemento Austria Jürgen Melzer 6-4, 7-610
27. 12 aprile 2009 Stati Uniti U.S. Men's Clay Court Championships, Houston Terra rossa Stati Uniti Wayne Odesnik 6-2, 7-5
28. 13 giugno 2010 Germania Gerry Weber Open, Halle Erba Svizzera Roger Federer 3-6, 7-64, 6-4
29. 5 gennaio 2014 Australia Brisbane International, Brisbane (3) Cemento Svizzera Roger Federer 6-1, 4-6, 6-3
30. 13 luglio 2014 Stati Uniti Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba Croazia Ivo Karlović 6-3, 64-7, 7-63

Finali perse (16)[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 11 gennaio 1999 Australia Brisbane International, Adelaide Cemento Svezia Thomas Enqvist 6-4, 1-6, 2-6
2. 8 marzo 1999 Stati Uniti Tennis Channel Open, Scottsdale Cemento Stati Uniti Jan-Michael Gambill 62-7, 6-4, 4-6
3. 25 ottobre 1999 Francia Grand Prix de Tennis de Lyon, Lione Sintetico (i) Ecuador Nicolás Lapentti 3-6, 2-6
4. 6 novembre 2000 Germania Eurocard Open, Stoccarda Sintetico (i) Sudafrica Wayne Ferreira 66-7, 6-3, 7-65, 62-7, 2-6
5. 12 agosto 2002 Stati Uniti Cincinnati Masters, Cincinnati (1) Cemento Spagna Carlos Moyá 5-7, 65-7
6. 4 novembre 2002 Francia BNP Paribas Masters, Parigi Sintetico (i) Russia Marat Safin 64-7, 0-6, 4-6
7. 4 agosto 2003 Stati Uniti Countrywide Classic, Los Angeles Cemento Sudafrica Wayne Ferreira 3-6, 6-4, 5-7
8. 9 agosto 2004 Stati Uniti Cincinnati Masters, Cincinnati (2) Cemento Stati Uniti Andre Agassi 3-6, 6-3, 2-6
9. 13 settembre 2004 Stati Uniti U.S. Open, New York Cemento Svizzera Roger Federer 0-6, 63-7, 0-6
10. 22 novembre 2004 Stati Uniti Tennis Masters Cup, Houston Cemento Svizzera Roger Federer 3-6, 2-6
11. 31 gennaio 2005 Australia Australian Open, Melbourne Cemento Russia Marat Safin 6-1, 3-6, 4-6, 4-6
12. 21 marzo 2005 Stati Uniti BNP Paribas Open, Indian Wells Cemento Svizzera Roger Federer 2-6, 4-6, 4-6
13. 20 febbraio 2006 Stati Uniti SAP Open, San Jose Cemento (i) Regno Unito Andy Murray 6-2, 1-6, 63-7
14. 6 marzo 2006 Stati Uniti Tennis Channel Open, Las Vegas Cemento Stati Uniti James Blake 5-7, 6-2, 3-6
15. 15 luglio 2012 Stati Uniti Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba Stati Uniti John Isner 61-7, 4-6
16. 14 luglio 2013 Stati Uniti Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba Francia Nicolas Mahut 7-5, 5-7, 3-6

Doppio[modifica | modifica wikitesto]

Vittorie (3)[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
Grande Slam (1)
Tennis Masters Cup (0)
ATP Masters Series (0)
International Series Gold (0)
International Series (2)
Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 19 agosto 2000 Stati Uniti Indianapolis Tennis Championships, Indianapolis Cemento Australia Sandon Stolle Bielorussia Maks Mirny
Sudafrica Jonas Björkman
7-63 4-6 7-63
2. 9 settembre 2000 Stati Uniti U.S. Open, New York Cemento Bielorussia Maks Mirny Sudafrica Ellis Ferreira
Stati Uniti Rick Leach
6-4 5-7 7-6
3. 13 luglio 2014 Stati Uniti Hall of Fame Tennis Championships, Newport Erba Australia Chris Guccione Israele Jonathan Erlich
Stati Uniti Rajeev Ram
7–5, 6–4

Finali perse (5)[modifica | modifica wikitesto]

Numero Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 10 gennaio 2000 Australia ATP Adelaide, Adelaide Cemento Australia Sandon Stolle Australia Todd Woodbridge
Australia Mark Woodforde
4-6, 2-6
2. 17 gennaio 2000 Australia Medibank International, Sydney Cemento Australia Sandon Stolle Australia Todd Woodbridge
Australia Mark Woodforde
5-7, 4-6
3. 10 marzo 2003 Stati Uniti Tennis Channel Open, Scottsdale Cemento Australia Mark Philippoussis Stati Uniti James Blake
Bahamas Mark Merklein
4-6, 7-62, 65-7
4. 25 aprile 2010 Spagna Barcelona Open Banc Sabadell, Barcellona Terra battuta Bahamas Mark Knowles Canada Daniel Nestor
Serbia Nenad Zimonjić
6-4, 3-6, [6-10]
5. 17 febbraio 2013 Stati Uniti SAP Open, San Jose Cemento indoor Australia Marinko Matosevic Belgio Xavier Malisse
Germania Frank Moser
0-6, 7-65, [4-10]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 84227172