Dinamo Basket Sassari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polisportiva Dinamo Sassari
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Detentore della Coppa Italia Detentore della Coppa Italia
Detentore della Supercoppa italiana Detentore della Supercoppa italiana
Logo Dinamo Sassari.png
Banco; Biancoblu
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body centercross.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body whitecross.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali 600px Blu Bianco e Blu.png Bianco e Blu
Dati societari
Città Sassari
Paese Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione Italia FIP
Campionato Serie A
Fondazione 1960
Presidente Italia Stefano Sardara
General manager Italia Federico Pasquini
Allenatore Italia Romeo Sacchetti
Palazzetto Palasport Roberta Serradimigni
(5.000 posti)
Sito web www.dinamobasket.com
Palmarès
Coccarda Italia.svgSupercoppa di pallacanestro.svg
Coppa Italia 1
Supercoppa italiana 1
Altri titoli 3 Coppa Disciplina di Legadue
1 Coppa Disciplina di Serie A
Basketball current event.svg Stagione in corso

La Dinamo Basket Sassari è una squadra di pallacanestro di Sassari, milita dalla stagione 2010-11 nella Serie A, massima serie del campionato italiano maschile di pallacanestro, sponsorizzata dal Banco di Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra che ha esordito in Serie A2.

Fondata il 23 aprile del 1960 da un gruppo di studenti locali, in maggioranza provenienti dal Liceo classico “Azuni”, la Dinamo disputa il suo primo campionato, nella serie B regionale, nel 1963 e dopo soli  tre anni viene promossa in serie C nazionale. Gli Anni ’80 sono segnati da una consolidata posizione prima in B e poi in B1 fino al grande traguardo della Serie A2 conquistata nel 1989 contro Siena.

L’amaranto della maglia lascia spazio al biancoverde, colore del tutt’oggi Main Sponsor Banco di Sardegna, che proprio in quegli anni inizia il suo rapporto di collaborazione con la società. Nel 1991 entra a far parte della squadra Emanuele Rotondo, che diventerà bandiera della Dinamo fino alla stagione 2007-2008 quando si ritirerà e entrerà a far parte del team tecnico del settore giovanile della società. La stagione 1998-99 si chiude con la retrocessione in serie B Eccellenza ma grazie all'acquisizione del titolo sportivo di Forlì la Dinamo parteciperà ugualmente al campionato di  A2. A fine stagione si ripresenterà la retrocessione ma dopo due stagioni, nel 2002-2003,  torna in Legadue. Nel giugno del 2005, il controllo della società vede il passaggio dallo storico presidente, l’avvocato Dino Milia, a una nuova compagine sociale con l’imprenditore Luciano Mele a ricoprire la massima carica dirigenziale.  I colori della maglia ritornano quelli originari, bianco e blu. Dopo aver raggiunto i playoff per tre stagioni consecutive (dal 2007 al 2009), nel 2010 la Dinamo Sassari conquista per la prima volta nella sua storia la Serie A con il coach Meo Sacchetti, ex giocatore,  medaglia d’argento alle Olimpiadi del 1980 e oro agli Europei del 1983. Da qui in poi Meo sarà sempre alla guida della squadra rinnovando, il 7 Febbraio 2013, il suo contratto in biancoblu fino al 2018.

La serie A[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2010-2011 la Dinamo Banco di Sardegna Sassari affronta il suo primo campionato nella massima serie e lo fa affidandosi ai confermati Manuel Vanuzzo, Giacomo Devecchi e Jiří Hubálek . A questi si aggiungono Alessandro Cittadini, Dimitris Tsaldaris, Brian Sacchetti e Mauro Pinton e i tre ex NBA James White, Othello Hunter e Travis Diener. Al termine della stagione la Dinamo ottiene uno storico sesto posto, posizionandosi davanti a squadre blasonate come Varese, Virtus Bologna e Virtus Roma. Questo risultato le consente di accedere ai playoff scudetto, traguardo raggiunto nel primissimo campionato di serie A solo da un’altra squadra, la Società sportiva Basket Napoli. I suoi primi Playoff si concluderanno ai quarti ad opera dell’Olimpia Milano che vincerà la serie 3 a 1. Alla fine di questa stessa serie si la  società viene rilevata dall'imprenditore sassarese Stefano Sardara, attuale presidente della società. Suo è il Premio Reverberi come personaggio dell’anno 2012.

Il 15 gennaio del 2012 la squadra conquista la prima storica qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia, ma viene eliminata al primo turno dalla pluripremiata Montepaschi Siena. Alla fine della stagione regolare 2011-2012 conquista il 4° posto in classifica e ai playoff i sassaresi eliminano ai quarti la Canadian Solar Bologna con un secco 3-0, raggiungendo per la prima volta la semifinale scudetto nella quale ritrovano Siena. I campioni d’Italia si riconfermano superiori ma la Dinamo chiude la sua prima stagione dell’era Sardara con uno storico posto in semifinale playoff e l’accesso alla sua prima competizione europea: l’Eurocup. Nello stesso a coach Meo Sacchetti viene assegnato il premio come miglior allenatore della Serie A.

Nella stagione 2012-2013, la Dinamo Sassari partecipa per la seconda volta alle Final Eight di Coppa Italia, grazie al 2° posto nel girone di andata. Sarà nuovamente la Mens Sana Siena a far sfumare il sogno dei sassaresi di poter sollevare il loro primo trofeo. Al termine della stagione regolare, viene riconfermato il secondo posto in classifica. L'eliminazione dai playoff arriva al primo turno ad opera della Pallacanestro Cantù  in una serie molto combattuta. Cantù riesce a sovvertire il fattore campo in gara 7, che termina tra le mura amiche del PalaSerradimigni col punteggio 95-97. L'avventura in Eurocup, iniziata il 7 novembre, si conclude al termine della prima fase dopo due vittorie contro il Siviglia, due sconfitte contro la Stella Rossa e due sconfitte contro l'Orléans Loiret.

Nella stagione successiva (2013-2014),  il 9 febbraio 2014, la Dinamo Sassari si impone nella finale della Final Eight contro la Montepaschi Siena e con il punteggio di 80 a 73  conquista il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Viene così interrotto il dominio di Siena, vincitrice delle precedenti cinque edizioni. Sassari riconquista l'accesso ai playoff, piazzandosi al quarto posto nella classifica della stagione regolare. Accede alla semifinale contro l’Olimpia Milano, dopo aver eliminato Brindisi ai quarti in una serie netta conclusa 3-0. In semifinale, nonostante due vittorie in trasferta, la squadra sassarese perde tutte e tre le partite casalinghe, venendo quindi eliminata con il risultato di 4-2 nella serie. La sua seconda esperienza in Eurocup è segnata da una storica cavalcata fino agli ottavi di finale, in cui viene però sconfitta dall’Alba Berlino.

Il 25 giugno 2014, viene ufficializzata la sua prima partecipazione all'Euroleague, competizione alla quale partecipa per la prima volta nella storia del Club. Il 10 Luglio 2014 il sorteggio, regala alla Dinamo l’inserimento nel “Girone A”, che la vedrà misurarsi con squadre come Real Madrid, Anadolu Efes Spor Kulübü , Zalgiris Kaunas e Nižnij Novgorod. Il 5 Ottobre vince la Supercoppa Italiana per 96-88 contro l'Armani Milano (detentrice dello scudetto) e conquista il secondo trofeo della sua storia.

Il 14 Novembre 2014 la Dinamo vince la sua prima partita di Eurolega, battendo lo Zalgiris Kaunas in casa con il punteggio 92-80.

Il Palaserradimigni[modifica | modifica wikitesto]

Costruito negli Anni Ottanta, il Palaserradimigni è la casa della Dinamo basket. La struttura ha una capienza totale di 5000 posti e dispone di punti ristoro, baby parking, sala video con 15 postazioni e sala stampa.

Si trova nella parte alta della città, di fronte allo stadio cittadino di calcio “Vanni Sanna”. In passato, nell'impianto si sono disputati anche incontri di pallamano,  pallavolo maschile e femminile e varie edizioni del Trofeo Internazionale Guido Sieni di judo.

Il palazzetto nel 2007 è stato intitolato a Roberta Serradimigni, campionessa del basket isolano e nazionale scomparsa nel 1996, a 32 anni, in seguito ad un incidente stradale. Fra le migliori cestiste sarde approdate ai massimi livelli della disciplina, più volte convocata nelle selezioni nazionali, nel 1980 ha vinto la medaglia d’argento ai Campionati Europei categoria cadette, aggiudicandosi il titolo di miglior marcatrice della manifestazione.

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria biancoblu, considerata “il primo sponsor”  della squadra è tra le più apprezzate d’italia per passione, fedeltà, sportività, creatività e correttezza. La Dinamo vanta una delle migliori medie di spettatori per partita (4.644 nel 2014), dato in costante crescita  (+3,8 % in campionato),  con un flusso di incassi che nel solo 2014 è pari a 1.472.050,00 milioni di euro. La sportività del pubblico del PalaSerradimigni è testimoniata in maniera ufficiale dalle 4 Coppe Disciplina assegnategli (tra A2 e A1) ma è anche riconosciuta da tifoserie e giocatori avversari. Varie le iniziative, spontanee e organizzate che accompagnano le partite della Dinamo: dai cori tra le due tifoserie organizzate, alle coreografie agli striscioni.

Store Dinamo e Dinamo point[modifica | modifica wikitesto]

Il Dinamo Store nasce, assieme alla Club House alla vigilia dei playoff 2011-2012, in via Pietro Nenni, di fronte all’ingresso del PalaSerradimigni. È il primo rivenditore autorizzato del merchandising Dinamo a cui si affianca il Dinamo Point, vetrina dello Store Dinamo nel centro della città. Il 25 luglio 2014 è stato inaugurato un nuovo Dinamo Store all’Aeroporto di Fertilia (Alghero). Un punto vendita per l’abbigliamento e il merchandising ufficiale, ma anche corner interattivo al servizio delle iniziative del mondo Dinamo e vettore di marketing e di comunicazione integrata del partner Istituzionale Regione Sardegna. Lo Store algherese è rivolto non solo ai tradizionali tifosi sardi ma soprattutto ai turisti, appassionati di basket e non, che transitano nello scalo della Riviera del Corallo.

[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Dinamo Basket Sassari
  • 1960 · Fondazione della Dinamo Basket Sassari con sede a Sassari.

  • 1962-1963 · in Serie B regionale.
  • 1965-1966 · in Serie D, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C.

3ª nel girone D degli ottavi di finale di Coppa Italia.

Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.

Vince la Coppa Disciplina di Legadue (1º titolo).
Vince la Coppa Disciplina di Legadue (2º titolo).
Vince la Coppa Disciplina di Legadue (3º titolo).

Quarti di finale di Coppa Italia.
Vince la Coppa Disciplina di Serie A (1º titolo).
Semifinali di Coppa Italia.
Regular season di Eurocup.
Coccarda Italia.svg Vince la Coppa Italia (1º titolo).
Ottavi di finale di Eurocup.
Supercoppa di pallacanestro.svg Vince la Supercoppa italiana (1º titolo).

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofei nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2014
2014

Roster attuale[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 25 ottobre 2014.

  Naz.   Ruolo Nome Anno Alt. Peso Note
3 Stati Uniti Polonia G David Logan 1982 185 77
4 Stati Uniti Rep. Dominicana PG Edgar Sosa 1988 190 80
5 Italia GA Matteo Formenti 1982 194 90
7 Stati Uniti AP Rakim Sanders 1989 193 102
8 Italia GA Giacomo Devecchi 1985 196 88
9 Stati Uniti Nigeria C Olaseni Lawal 1986 208 102
10 Italia PG Massimo Chessa 1988 188 80
11 Stati Uniti PG Jerome Dyson 1987 191 82
14 Italia A Brian Sacchetti 1986 200 98
18 Italia AC Manuel Vanuzzo 1975 203 104
21 Stati Uniti A Jeff Brooks 1989 203 94
22 Bosnia ed Erzegovina AC Miroslav Todić 1985 205 110



Pos. Quintetto Panchina Panchina Riserve
C Olaseni Lawal Miroslav Todić
PF Jeff Brooks Brian Sacchetti Manuel Vanuzzo
SF Rakim Sanders Giacomo Devecchi
SG David Logan Matteo Formenti
PG Jerome Dyson Edgar Sosa Massimo Chessa M

Staff dirigenziale e tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Logo Dinamo Sassari.png
Organigramma
  • Presidente: Stefano Sardara
  • Vice presidente: Gianmario Dettori
  • General manager: Italia Federico Pasquini
  • Team manager e relazioni esterne: Luigi Peruzzu
  • Amministratore delegato: Carlo Sardara
  • Ufficio Stampa: Valentina Sanna e Angela Recino
  • Segreteria: Tiziana Piga
  • Capo allenatore: Italia Romeo Sacchetti
  • Assistente allenatore: Massimo Maffezzoli
  • Assistente allenatore: Paolo Citrini
  • Responsabile tecnico settore giovanile: Massimo Bisin
  • Responsabile organizzazione settore giovanile: Giovanni Piras
  • Preparatore fisico: Matteo Boccolini
  • Medico sociale: Giuseppe Casu
  • Medico sportivo: Antonello Cuccuru
  • Ortopedico: Andrea Manunta
  • Radiologo ed ecografista: Giuseppe Fais
  • Chiropratico: Robert Pisanu
  • Dentista: Giommaria Ventura
  • Postural trainer: Alessandro Meloni
  • Fisioterapista: Simone Unali
  • Fisioterapista: Ugo D’Alessandro


Record assoluti[modifica | modifica wikitesto]

  • 65 minuti giocati da un giocatore in una singola partita
    Jonathan Haynes in Banco di Sardegna Sassari - Lineltex Trieste 121-116
    Serie A2 1998-99, 4ª giornata di andata (18 ottobre 1998)[1]
  • 5 tempi supplementari giocati in una singola partita
    Banco di Sardegna Sassari - Lineltex Trieste 121-116
    Serie A2 1998-99, 4ª giornata di andata (18 ottobre 1998)[1]
  • 9 schiacciate di uno stesso giocatore in una singola partita
    George Banks in Banco di Sardegna Sassari - Koncret Rimini 92-87
    Serie A2 1996-97, 6ª giornata di ritorno (5 gennaio 1997)[2]
  • 158 punti totali in una singola partita*
    Banco di Sardegna Sassari - Pallacanestro Pavia 158-91
    Serie A2 1994-95, 9ª giornata di ritorno (12 febbraio 1995)[3]
  • 216 valutazione totale in una singola partita*
    Banco di Sardegna Sassari - Pallacanestro Pavia 158-91
    Serie A2 1994-95, 9ª giornata di ritorno (12 febbraio 1995)[3]


* Questi due record sono stati superati nella Serie A 2009-10. Tuttavia, in seguito al fallimento della Nuova AMG Sebastiani, le partite in questione sono state omologate con il risultato di 20-0. Pertanto, il record è ancora detenuto dalla Dinamo Sassari.

Migliori marcatori di sempre[modifica | modifica wikitesto]

Trent Whiting durante i play-off 2008-09.
Giocatore Stagioni Punti
1 Rotondo, EmanueleEmanuele Rotondo 13 4 613
2 Diener, DrakeDrake Diener 3 1 987
3 Casarin, FedericoFederico Casarin 5 1 923
4 Vanuzzo, ManuelManuel Vanuzzo 8 1 872
5 Bonino, MauroMauro Bonino 4 1 856
6 Diener, TravisTravis Diener 4 1 728
7 Rowe, JasonJason Rowe 2 1 593
8 Thompson, PaulPaul Thompson 2 1 436
9 Haynes, JonathanJonathan Haynes 2 1 345
10 Whiting, TrentTrent Whiting 2 1 333
11 Comegys, DallasDallas Comegys 2 1 315
12 Banks, GeorgeGeorge Banks 3 1 257
13 Devecchi, GiacomoGiacomo Devecchi 8 974
14 Kemp, MarcelusMarcelus Kemp 1 919
15 Longobardi, FrancescoFrancesco Longobardi 2 867
16 Mastroianni, SergioSergio Mastroianni 2 860
17 Hubálek, JiříJiří Hubálek 2 824
18 Frederick, AnthonyAnthony Frederick 1 782
19 Curcic ,RadisavRadisav Ćurčić 1 759
20 Sacchetti, BrianBrian Sacchetti 4 748
21 Bini, MassimoMassimo Bini 3 720
  • I dati si riferiscono ai soli campionati professionistici (Serie A e Legadue)
  • I nomi in grassetto sono atleti ancora presenti nel roster della Dinamo
  • Aggiornato al 30 giugno 2014

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Logo Dinamo Sassari.png
Gli allenatori della Dinamo
Demis Cavina, allenatore della Dinamo dal 2007 al 2009
Romeo Sacchetti, l'allenatore della promozione in Serie A nella stagione 2009-2010

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Cestisti della Dinamo Sassari.

[modifica | modifica wikitesto]

Tifo organizzato[modifica | modifica wikitesto]

La curva dei tifosi della Dinamo.
  • Eagles (presenti nella palestra CONI dal 1978-79)
  • Warriors (settore "C" del PalaSerradimigni dal 1991)
  • Onda D'Urto (1991 - X)
  • Alta Marea (X - 2000)
  • Dinamo Web Club (2001 - 2002)
  • Commando Ultrà Dinamo (2002 - oggi)
  • Coordinamento Settore D (2013 - oggi)

Maglie ritirate[modifica | modifica wikitesto]

Dinamo12.png
Emanuele
Rotondo

Guardia
1991-2007
Dinamo12.png
Travis
Diener

Playmaker
2010-2014

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Da San Giuseppe al paradiso, di Flaminio Mancaleoni, a cura di Sabrina Giuliodori, Compagnia di Ventura, Sassari, 1993
  • Dinamo, un viaggio lungo mezzo secolo, di Gianluca Derelitto, Sassari, 2009
  • Dinamo, 50 anni, di Roberto Sanna, Sassari, 2010, EDES
  • Dinamite a canestro. La favola della Dinamo, di Nando Mura e Giampiero Marras, Cagliari, 2013, L'Unione Sarda

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Banco di Sardegna Sassari - Lineltex Trieste 121-116, Legabasket.it. URL consultato il 24 settembre 2014.
  2. ^ Banco di Sardegna Sassari - Koncret Rimini 92-87, Legabasket.it. URL consultato il 24 settembre 2014.
  3. ^ a b Banco di Sardegna Sassari - Pallacanestro Pavia 158-91, Legabasket.it. URL consultato il 24 settembre 2014.
  4. ^ Lotus Montecatini - Banco di Sardegna Sassari 93-73, Legabasket.it. URL consultato il 24 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]