Cesare Pancotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cesare Pancotto
Cesare Pancotto 1990.jpg
Cesare Pancotto nel 1990
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore
Squadra Vanoli Cremona Vanoli Cremona
Carriera
Carriera da allenatore
1982-1986 U.S. Sangiorgese U.S. Sangiorgese
1986-1987 Pall. Reggiana Pall. Reggiana 11-19
1987-1989 Libertas Forlì Libertas Forlì 31-29
1989-1990 Dinamo Sassari Dinamo Sassari 13-17
1990-1993 Olimpia Pistoia Olimpia Pistoia 52-38
1993-1997 Mens Sana Siena Mens Sana Siena 55-64
1997-1999 Pall. Trieste Pall. Trieste 39-23
1999-2000 Virtus Roma Virtus Roma 15-8
2001-2004 Pall. Trieste Pall. Trieste 52-67
2004-2005 Teramo Basket Teramo Basket 15-19
2005-2008 Pallalcesto Udine Pallalcesto Udine 50-52
2008-2009 Fortitudo Bologna Fortitudo Bologna 6-15
2009-2010 Avellino Avellino 14-17
2010-2012 Basket Barcellona Basket Barcellona
2013 Avellino Avellino 9-6
2013- Vanoli Cremona Vanoli Cremona 5-6
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1 marzo 2014

Cesare Pancotto (Porto San Giorgio, 8 gennaio 1955) è un allenatore di pallacanestro italiano, allenatore della Vanoli Cremona. Ha vinto per due volte il premio come miglior allenatore dell'anno nel 1984 e nel 2006.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo dei buoni trascorsi da playmaker nella natia Porto San Giorgio e continuando nella sua carriera a Pescara, in serie B, Pancotto ha incominciato ad allenare nel 1982 all'età di 27 anni, subentrando nella panchina della squadra della sua città, la Sangiorgese, a tre giornate dal termine ottenendo la promozione in serie B. Nel 1984, nella gara-2 di play-off, la Cida Sangiorgese sempre guidata da Pancotto ottiene la promozione in A2. Rimane a Porto San Giorgio fino al 1986, disputando due campionati di A2 ottenendo in ambedue casi la salvezza.

Nella stagione 1986-87 approda a Reggio Emilia. Di seguito sarà per due anni alla Libertas Forlì, un anno alla Dinamo Sassari, e tre anni a Pistoia dove ottiene la sua prima delle tre promozioni in A1, portando la squadra biancorossa anche ai play-off di A1.

Nella stagione 1993-94 approda alla Siena dove rimane per quattro anni ottenendo la promozione in A1 alla sua prima stagione di permanenza, mentre negli anni successivi, oltre per due volte ai play-off, nel 1996-97 ottiene la qualicazione alla Coppa Korać.

Nel 1997 arriva a Trieste, che riporta nella massima serie nella stagione successiva con l'allora Lineltex. Dopo i due anni triestini, ci sarà la stagione alla guida della Virtus Roma.

Nel febbraio del 2001 viene richiamato sulla panchina triestina e vi rimane fino al 2004.

Nella stagione 2001-02 ottiene il 7º posto, nella stagione successiva il 10º posto e nella stagione 2003-04, la retrocessione con tanto di fallimento societario della Pallacanestro Trieste.

Nel 2004-05 ottiene il 9º posto con il Teramo Basket.

Nella stagione 2005-06 arriva alla Snaidero Udine, dove il primo anno arriverà il 5º posto, nelle due successive annate altrettante salvezze, oltre ad una partecipazione in ULEB Cup.

Nella stagione 2008-09, subentrato alla decima giornata a Dragan Šakota, non è riuscito nell'impresa di salvare una Fortitudo Bologna svogliata e deconcentrata come non mai per tutta la stagione, salvo un rush finale promettente, terminato con polemiche e amarezza ben oltre la fine della stagione regolare[1][2].

Nell'estate 2009 viene ingaggiato dall'Air Avellino[3], con la possibilità di formare il roster seguendo le proprie indicazioni (con un occhio al budget, ridotto rispetto alla deludente stagione precedente). Chiamato a guidare la compagine irpina verso obiettivi ambiziosi, raggiungibili solo con l'oculatezza necessaria nello scegliere i giocatori adatti e nel saperli gestire, e con l'esperienza che pochi altri possono vantare.

Il 29 maggio 2010 di comune accordo con la società risolve il contratto con l'Air Avellino[4], terminando l'avventura in Irpinia avendo ottenuto la salvezza ed il raggiungimento della semifinale di Coppa Italia.

Poco meno di un mese più tardi firma con il Basket Barcellona, formazione siciliana neopromossa in Legadue. Si dimette dalla guida del Barcellona nel febbraio 2012[5]. Il 17 gennaio 2013 subentra al dimissionario Gianluca Tucci alla guida della Felice Scandone Basket Avellino[6] rimanendoci fino alla fine della stagione. Il 10 dicembre dello stesso anno diventa il nuovo allenatore della Vanoli Cremona[7].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato di Serie C stagione 1981-1982
Sangiorgese Basket
  • Campionato di Serie B stagione 1983-1984
Sangiorgese Basket
  • Campionato di Serie A2 stagione 1991-1992
Olimpia Pistoia
  • Campionato di Serie A2 stagione 1993-1994
Mens Sana Basket Siena
  • Campionato di Serie A2 stagione 1998-1999
Pallacanestro Trieste
Pallalcesto Udine Pallalcesto Udine : 2006

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Fortitudo ricorre alla Corte Federale in Lega Basket, 12 maggio 2009. URL consultato il 05-08-2009.
  2. ^ La Fortitudo ricorre alla Corte Federale in Lega Basket, 14 maggio 2009. URL consultato il 05-08-2009.
  3. ^ Pancotto: 'Orgoglioso di essere qui' in Lega Basket.
  4. ^ L'Air esercita l'opzione ed esce dal contratto con coach Pancotto, Lega Basket.
  5. ^ Carlo Passarello, Legadue - Barcellona riparte da Stefano Vanoncini in realbasketsicilia.it, 29 febbraio 2012. URL consultato il 13 marzo 2012.
  6. ^ Sidigas Avellino, Cesare Pancotto è il nuovo allenatore, Lega Basket.
  7. ^ Pancotto nuovo allenatore di Cremona. URL consultato il 10 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]