Massimo Bulleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Bulleri
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 85 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Playmaker - Guardia
Squadra New Basket Brindisi New Basket Brindisi
Carriera
Giovanili
1990-1994 Basket Livorno Basket Livorno
Squadre di club
1995-1996 Pall. Treviso Pall. Treviso 1 (0)
1996-1997 Sporting Club Gira Sporting Club Gira 32 (293)
1997-1998 Bears Mestre Bears Mestre 25 (248)
1998 Pall. Treviso Pall. Treviso 1 (0)
1998-1999 Libertas Forlì Libertas Forlì 22 (124)
1999-2005 Pall. Treviso Pall. Treviso 225 (1.706)
2005-2007 Olimpia Milano Olimpia Milano 82 (921)
2007-2008 Virtus Bologna Virtus Bologna 11 (62)
2008-2009 Olimpia Milano Olimpia Milano 48 (329)
2009 Pall. Treviso Pall. Treviso 19 (207)
2009-2010 Olimpia Milano Olimpia Milano 37 (266)
2010-2012 Pall. Treviso Pall. Treviso 64 (433)
2012 Scafati Basket Scafati Basket 0 (0)
2012-2013 Reyer Venezia Reyer Venezia 5 (40)
2013- New Basket Brindisi New Basket Brindisi
Nazionale
2000-2008 Italia Italia 127 (1.063)
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Argento Atene 2004
Wikiproject Europe (small).svg  Europei
Bronzo Svezia 2003
Giochi del Mediterraneo.svg  Giochi del Mediterraneo
Bronzo Tunisi 2001
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 novembre 2012

Massimo Bulleri (Cecina, 10 settembre 1977) è un cestista italiano.

Soprannominato Bullo, è alto 188 centimetri, pesa 85 chilogrammi e gioca prevalentemente come playmaker ma all'occorrenza anche come guardia. Ha inoltre giocato nella nazionale italiana.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Già quando aveva cinque anni cominciò a giocare a pallacanestro, seguendo le orme del fratello. Pochi anni dopo vinse il suo primo trofeo con il Basket Cecina.

In seguito, nel 1990 si inserisce nel vivaio del Pallacanestro Livorno dove vinse il titolo provinciale e regionale della categoria Ragazzi; si guadagna così la prima chiamata in Nazionale cadetti ed è proprio con la maglia azzurra che il Bullo dimostra il suo grande talento, tanto che nel 1994 viene chiamato a far parte della squadra Juniores della Pallacanestro Treviso.

Per tre anni, dal 1996 al 1999 viene mandato a fare esperienza nelle categorie inferiori (le sue tappe sono Ozzano dell'Emilia, Mestre e Forlì).

Ritorna all'ovile nel 1999, ed entra, a pieno titolo, a far parte della rosa dei dieci giocatori della Pallacanestro Treviso, giocando la sua prima stagione completa in Serie A1 nella quale conquista la sua prima coppa Italia; vince anche la Coppa Saporta 1998-99.

Il 22 novembre 2000, esordisce con la Nazionale maggiore, mettendo a segno 19 punti.

La stagione 2001-02 porta la sua consacrazione, risultando protagonista sia in campionato, sia in Eurolega. Vince due scudetti consecutivi nel 2001-02 e 2002-03, altre tre Coppe Italia (2003, 2004 e 2005) e due Supercoppe Italiane (2001 e 2002).

Nel 2005, scaduto il contratto con la Pallacanestro Treviso approda all'Olimpia Milano.

Il 3 dicembre 2007 a causa di divergenze con la società viene ceduto in prestito alla Virtus Pallacanestro Bologna. A fine stagione rientra a Milano che nel febbraio del 2009 lo cede in prestito alla Pallacanestro Treviso[1] perché non rientra più nei piani della società.

Ritorna nuovamente all'Olimpia Milano nella stagione 2009-2010, per poi far ritorno definitivamente a Treviso dalla stagione successiva. A Treviso viene anche nominato capitano.

Il 31 luglio 2012 firma per la Givova Scafati[2], ma il successivo 28 settembre, su richiesta del giocatore, il contratto è rescisso consensualmente. Il 3 ottobre 2012, infine, la Reyer Venezia annuncia l'ingaggio di Bulleri. Dal 12 luglio 2013 milita nella New Basket Brindisi[3]

Dal 1995 ad oggi, nei campionati professionistici, ha collezionato oltre 500 partite giocate segnando più di 5000 punti.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Con la maglia azzurra ha vinto:

Ha inoltre disputato:

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bulleri in prestito alla Benetton: in bocca al lupo a Massimo!, Olimpia Milano, 16 febbraio 2009. URL consultato il 16 febbraio 2009.
  2. ^ Scafati, ufficiale Massimo Bulleri sportando.net 31 luglio 2012
  3. ^ newbasketbrindisi.it
  4. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Massimo Bulleri. URL consultato il 12 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]