Romeo Sacchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Romeo Sacchetti
Meo Sacchetti.JPG
Sacchetti durante una partita della Dinamo Sassari
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 199 cm
Peso 112 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex ala)
Squadra Dinamo Sassari Dinamo Sassari
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1973-1976 Bianco e Blu.svg Libertas Asti
1976-1979 Sporting Club Gira S.C. Gira 93 (1.413)
1979-1984 Auxilium Torino Auxilium Torino 165 (2.429)
1984-1992 Pall. Varese Pall. Varese 230 (3.026)
Nazionale
Italia Italia
Carriera da allenatore
1996-1998 Auxilium Torino Auxilium Torino
1998-2001 Flag of None.svg Asti
2001-2002 Celana Bergamo Celana Bergamo 2-9
2002-2005 Castelletto Ticino Castelletto Ticino
2005-2006 Fabriano Basket Fabriano Basket 9-16
2006-2007 Castelletto Ticino Castelletto Ticino 12-18
2007-2008 Orlandina Basket Orlandina Basket 19-15
2008-2009 Pallalcesto Udine Pallalcesto Udine 5-13
2009- Dinamo Sassari Dinamo Sassari 104-72
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Mosca 1980
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Francia 1983
Bronzo Germania Ovest 1985
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Argento Casablanca 1983
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 aprile 2012

Romeo Sacchetti, detto Meo (Altamura, 20 agosto 1953), è un ex cestista e allenatore di pallacanestro italiano. Alto 1,99 m, in attività ricopriva il ruolo di ala.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Sacchetti in azione, contrastato da Mike Sylvester a sinistra, e con a destra il compagno di squadra, nella Ciao Crem Varese, Corny Thompson.

Cresciuto alla mitica palestra "Wild" di Novara con Bob Rattazzi inizia la sua carriera con la prestigiosa maglia del Saclà Asti con cui passa tre anni molto importanti.Negli anni settanta vestì la maglia della Gira Bologna, con la quale esordì in serie A2 nel 1976 e in serie A1 l'anno successivo. Nel 1979 passò all'Auxilium Torino e nel 1984 si trasferì alla Pallacanestro Varese dove rimase per otto stagioni, fino al 9 novembre 1991, quando fu costretto a ritirarsi dall'attività agonistica, a seguito di un grave infortunio con conseguente rottura del tendine di Achille, occorsogli nella gara di campionato contro la Stefanel Trieste,[1] dopo aver disputato 15 campionati di A1, con 456 partite giocate e 6.333 punti realizzati.

Con la Nazionale fu tra i protagonisti dell'argento di Mosca del 1980 e dell'oro di Nantes del 1983.

Come allenatore, fino al 21 marzo 2006 era impegnato a Fabriano. Dopo aver allenato l'Ignis Castelletto Ticino (dove dal 2003 al 2005 allena il figlio Brian), dal 2007 è approdato in A1 all'Upea Capo d'Orlando.

Dal Novembre 2008 è stato l'allenatore della Snaidero Udine in sostituzione di Attilio Caja, mentre per la stagione 2009/10, ricopre il ruolo di head coach della Dinamo Banco di Sardegna Sassari, nel campionato di Legadue, dove conduce la squadra sarda alla promozione nella massima serie dopo la vittoria per 3-1 nella finale play-off contro Veroli Basket.

Il 19 luglio 2011 la Dinamo Sassari lo riconferma alla guida della Prima Squadra in serie A anche per la stagione 2011-2012[2], dove al termine della regular season viene premiato come allenatore dell'anno.[3]. Il 7 febbraio la società della Dinamo Basket Sassari prolunga il contratto fino alla stagione 2017-2018.[4]

È il padre di Brian, anche lui giocatore di basket, che nella stagione 2010/11 va a far parte del roster della Dinamo Banco di Sardegna Sassari, ritrovando il padre come allenatore 5 anni dopo l'esordio tra i professionisti col Castelletto Ticino.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Gira Bologna: 1976-77

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Sassari: 2014
Sassari: 2011-2012

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "Pallacanestro Varese, 50 anni con voi" di Augusto Ossola
  2. ^ Basket: Dinamo sassari conferma Meo Sacchetti in panchina, notizia tratta dal sito AGI.it
  3. ^ Meo Sacchetti allenatore dell’anno!
  4. ^ Coach Sacchetti in panca sino al 2018

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]