Cesiomaggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cesiomaggiore
comune
Cesiomaggiore – Stemma
Cesiomaggiore – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Belluno-Stemma.png Belluno
Amministrazione
Sindaco Michele Balen (lista civica) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 46°05′00″N 11°59′00″E / 46.083333°N 11.983333°E46.083333; 11.983333 (Cesiomaggiore)Coordinate: 46°05′00″N 11°59′00″E / 46.083333°N 11.983333°E46.083333; 11.983333 (Cesiomaggiore)
Altitudine 479 m s.l.m.
Superficie 82,1 km²
Abitanti 4 187[1] (31-12-2010)
Densità 51 ab./km²
Frazioni Col San Vito, Busche, Can, Calliol, Cesio Minore, Cullogne, Fianema, Marsiai, Menin, Morzanch, Pez, Pullir, Soranzen
Comuni confinanti Feltre, Gosaldo, Lentiai, Mezzano (TN), Sagron Mis (TN), San Gregorio nelle Alpi, Santa Giustina, Sospirolo, Transacqua (TN)
Altre informazioni
Cod. postale 32030
Prefisso 0439
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 025011
Cod. catastale C577
Targa BL
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti cesiolini
Patrono santa Giuliana
Giorno festivo 16 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cesiomaggiore
Posizione del comune di Cesiomaggiore nella provincia di Belluno
Posizione del comune di Cesiomaggiore nella provincia di Belluno
Sito istituzionale

Cesiomaggiore (Žess in veneto) è un comune italiano di 4.210 abitanti[2] della provincia di Belluno in Veneto.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune appartiene all'unione montana Feltrina. Il territorio si estende nel Feltrino orientale (Valbelluna), alla destra idrografica del fiume Piave, comprendendo verso nord le prime cime delle Dolomiti. Il capoluogo del comune è Cesio che si trova a circa 12 km a nord-est da Feltre e a 18 km a nord-ovest. da Belluno.

La strada provinciale pedemontana, parallela settentrionale della statale 50, costeggia le vette e attraversa il comune, salendo da Feltre e scendendo a Santa Giustina, dove si ricongiunge alla statale per Belluno.

A occidente il territorio comunale, delimitato dal torrente Caorame, confina con il comune di Feltre; a oriente si incontrano i territori di Santa Giustina e di San Gregorio nelle Alpi. A nord, oltre le creste montuose, altri comuni dell'alta provincia di Belluno e il territorio della Regione Trentino-Alto Adige.

Caratterizzato dal continuo digradare dei colli verso la Valle del Piave, il paesaggio è vivace, mosso e alternato di piccoli centri abitati, antiche ville, chiesette, campi e boschi di latifoglie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'età antica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Cesio appartiene, fin dall'antichità, alla zona feltrina, terra che in epoca preromana fu abitata dai Reti[3].

Il toponimo si ritiene derivi dall'antroponimo latino Caesius, riferito ad una gens Caesia[4], alla quale appartenne il poeta latino Cesio Basso (I secolo d.C.). La presenza della gens Caesia nella zona di Cesiomaggiore è attestata dal ritrovamento di un'iscrizione che menzionava un L. Caesius L. L.[5]. Tra i reperti che testimoniano la presenza romana vi è un cippo monumentale del 47 d. C., che ricorda la costruzione della via Claudia Augusta altinate (tra Altinum, sul mar Adriatico e Augusta Vindelicum, oggi Augsburg, nella regione danubiana), e che è divenuto il simbolo araldico del comune.

Il Medioevo[modifica | modifica wikitesto]

In età medievale Cesio fu sede della pieve di Santa Maria, chiesa dipendente dalla diocesi di Feltre e dal suo "vescovo - conte". Il territorio, frazionato in numerosi possedimenti feudali, fu governato da castellani locali soggetti al vescovo. Tra essi vi furono i Muffoni, detti anche "da Cesio", i Rambaldoni da Fianema, al cui lignaggio appartenne Vittorino da Feltre e i Corte da Marsiai. Membri di queste famiglie ricoprivano spesso anche la carica di "marighi" o "capovilla" cioè capi dei villaggi e delle regole. Resti delle loro residenze fortificate ancora oggi sono visibili sia nel capoluogo comunale di Cesio sia nelle frazioni di Marsiai e Fianema.

L'età veneziana[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1404 Cesio entrò con Feltre a far parte della Repubblica di Venezia: la cerimonia della consegna delle chiavi della città all'ambasciatore veneziano, Bartolomeo Nani, il 15 giugno di quell'anno, fu eseguita da Vittore Muffoni, di Cesio, ed è ancor oggi rievocata nel Palio di Feltre. Durante il periodo della dominazione veneziana (XV-XVIII secolo), le residenze fortificate si trasformano in ville padronali, come villa Tauro alle Centenere, villa Corrà e villa Muffoni nel capoluogo comunale.

Napoleone, il periodo Asburgico ed il Regno Sabaudo[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica di Venezia cessò di esistere con l'arrivo degli invasori francesi di Napoleone. Per la popolazione del Feltrino fu un periodo di grandi illusioni, di spoliazioni e di miseria. Il territorio fu assegnato dapprima alla Repubblica Cisalpina e poi, con il Trattato di Campoformio, fu ceduto all'Impero d'Austria che lo integrò nel regno Lombardo-Veneto. Durante il periodo dell'occupazione francese, il Feltrino fu smembrato in diversi cantoni ovvero in distretto amministrativi dai quali ebbero origine gli attuali territori comunali. Fu l'inizio dell'autonomia comunale di Cesio.

Nel 1866, in seguito alle guerre di espansione del Piemonte, Feltre e Cesio furono annessi, insieme col resto del Veneto, al Regno d'Italia: in tale circostanza a Cesio fu mutato il nome nell'attuale "Cesiomaggiore"[6] , essendo già presente nel regno un comune omonimo in provincia di Imperia. Va sottolineato a tal proposito che è stata variata soltanto la denominazione del comune, ma non il nome del capoluogo. Il Regno d'Italia portò con sé numerosi problemi economici e sociali che furono alla base del successivo fenomeno dell'emigrazione.

Le grandi guerre del Novecento[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Cesiomaggiore fu duramente provato durante la prima guerra mondiale. Il 1917, in particolare, fu detto "l'an de la fam" ("l'anno della fame"), a causa delle privazioni patite durante l'occupazione austriaca.

Altre sofferenze si ebbero durante la seconda guerra mondiale, in ispecie nel suo periodo terminale.[7].

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è compreso nel Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi.

  • Pieve (ora "arcipretale") di Santa Maria Maggiore in Cesio; ricostruita nel 1785, conserva il bel fonte battesimale del 1483 e pale tardo-rinascimentali di buona fattura.
  • Chiesa parrocchiale di San Pietro apostolo in Soranzen.
  • Villa Martini e villa Facino-Pasole in Soranzen.
  • Chiesa parrocchiale di San Rocco in Pez
  • Tempietto di Sant'Agapito in Valle
  • Chiesa della Visitazione seicentesca detta "La Madonnetta" a Pez; tempietto ottagonale, conserva pregevoli opere del Ridolfi (XVII secolo) e un affresco mariano ritenuto miracoloso.
  • Chiesa di San Lorenzo a Pullir
  • Chiesa di San Pietro e chiesa di San Liberale a Marsiai
  • Chiesa barocca di Santa Lucia di Can,
  • Chiesa di San Vendemiano a Cossalter
  • Chiesa di San Biagio a Menin
  • Chiesa della Madonna Immacolata e San Rocco a Fianema
  • Chiesa di San Vito a Col San Vito
  • Casa torre dei "da Corte" a Marsiai
  • Centro storico di Cesio Minore
  • Museo Storico della Bicicletta "Antonio Bevilacqua" a Cesio, con la collezione di biciclette di Sergio Sanvido.
  • Museo Etnografico Provinciale di Seravella, sulla strada per Santa Giustina.
  • Villa Tauro alle Centenere con il lapidarium che conserva reperti di età romana e medievale; tra essi il cippo monumentale con l'iscrizione che ricorda la costruzione della Via Claudia Augusta Altinate.
  • Villa di Menin (nei pressi anche un tasso monumentale avente all'incirca trecento anni
  • La suggestiva Valle di Canzoi, punto di accesso al Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi.
  • Il biotopo di Pradenich (immediatamente a valle del capoluogo)

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca comunale[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale di Cesiomaggiore si trova in Piazza Mercato a sud del municipio e dispone di circa 7.000 titoli, tra cui opere letterarie e scientifiche, media, dvd, cd, fotografie. All'interno della biblioteca si trova un angolo dedicato ai più piccoli. Vi si trovano anche oltre cento titoli di opere dedicate alla bicicletta e una piccola sezione scientifica.

Biblioteca del Museo Etnografico della Provincia di Belluno[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca è situata presso la sede del Museo Etnografico della Provincia di Belluno, in località Serravella, ed è stata istituita nel 1997, con l'apertura al pubblico del museo. Il patrimonio documentario della biblioteca è specializzato sui temi dell'etnografia, dell'antropologia culturale e della storia, con particolare riferimento ai territori feltrino, agordino, cadorino e bellunese. Oltre a circa 6.000 volumi, sono consultabili raccolte fotografiche, registrazioni sonore e filmati.

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Cesiomaggiore è sede di un Istituto Comprensivo statale, al quale afferiscono la Scuola dell'Infanzia di Pez, i plessi di Scuola Primaria di Cesiomaggiore "Principe di Piemonte" e di Soranzen (stesso comune) e quello di San Gregorio nelle Alpi sito nel comune omonimo. La sede centrale dell'istituto si trova nella Scuola Secondaria di Primo Grado "Dante Alighieri" di Cesio Maggiore. Presso la parrocchia di Santa Maria Maggiore in Cesio ha sede una Scuola dell'Infanzia non statale Intitolata a "Matilde Muffoni"

Persone legate a Cesiomaggiore[modifica | modifica wikitesto]

  • Vittorino da Feltre, educatore ed umanista del XV secolo; nato a Feltre, apparteneva alla famiglia dei Rambaldoni possessori del castello di Fianema.
  • Vittore dei Muffoni, delegato della Città di Feltre XV secolo; consegnò il Feltrino alla Repubblica di Venezia nel 1404. È oggi rappresentato da un attore nel Palio di Feltre.
  • Pietro da Cesio, pittore ed incisore del XV secolo.[9]
  • Pietro Favero (1812-1890), originario di Valdobbiadene, agronomo, curò il giardino della villa di Menin e tenne un vivaio con piante da frutto, aranciaie e oltre cinquanta varietà di rose. È ricordato per le opere di terrazzamento del Col di Cimia, per aver introdotto e diffuso le pompe irroratrici e la coltivazione della vite americana resistente alla filossera; il comune gli dedicò la scuola elementare con una lapide che ne ricordava l'opera[10].
  • Giovanni De Bortoli, meglio noto come Nane Castaldo. Nato verso la fine degli anni venti del XIX secolo ad Aune di Sovramonte, grazie alla sua capacità di leggere e scrivere operò come castaldo presso il nob. Giovani Battista Bellati ad Umin di Feltre. Scrisse alcuni opuscoli denominati "Ricordi di Nane Castaldo", oltre ad alcuni testi dialettali. Terminata la sua attività di castaldo, ottenne quale buona uscita, la proprietà di una casa colonica con terreno annesso presso la frazione di Menin, dove si spense probabilmente nel 1921 alla veneranda età di 92 anni. Alla fine del XIX secolo il comune di Cesiomaggiore ebbe fra i suoi consiglieri un certo Giovanni De Bortoli, ma non è certo si tratti del personaggio in questione.
  • Romano Ocri (Cesio 1897- Venezia 1980), pittore, originario della frazione di Soranzen, la cui scuola elementare è stata a lui dedicata.
  • Guido Rossa, sindacalista e operaio metalmeccanico la cui famiglia è originaria di Pez di Cesio, fu assassinato a Genova dal gruppo terroristico delle Brigate Rosse per averne eroicamente contrastato le attività. A lui è intitolata la scuola materna di Pez.
  • Marco Biesuz (Cesio 1931-...1990) Scultore del legno. Artista definito dalla stampa locale [11]. "autodidatta e poliedrico", si dedicò anche alla pittura e alla musica. Nel 1973 fu chiamato a rappresentare l'Italia in Québec, per la rassegna di sculture su ghiaccio. Dagli anni Cinquanta visse a Cortina.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Cesiomaggiore è caratterizzato da un forte frazionamento abitativo e identitario.

Un vecchio adagio dialettale recita infatti: Tos'cian su la forca, Pòlir inte 'l profondo e Menin te 'l fior de 'l mondo, ovvero "Toschian sulla forca (troppo in alto), Pullir nel profondo (troppo incuneato) e Menin sul fior del mondo (in posizione migliore)". È intuibile il rapporto competitivo esistente tra le frazioni.

  • Anzaven

È un antico nucleo abitato che presenta ora cenni di sviluppo urbano verso valle.

  • Bordugo

Sorge sul torrente Caorame in Valle di Canzoi; un tempo traeva sostentamento dall'energia idrica. Si trovavano infatti sul posto una segheria e un'officina per la lavorazione del ferro. Oggi a monte dell'abitato si trova una griglia per l'intercettazione dell'acqua di alimentazione della centrale idroelettrica di Arson, in comune di Feltre. Vi sorge la cappella di San Gregorio Taumaturgo, festeggiato il 17 novembre.

  • Busche

Si trova nel versante meridionale del comune presso il Piave. Fino al secolo scorso abitato da poche famiglie ora, grazie alla sua posizione sulla Statale del Grappa, ospita diverse imprese commerciali e numerosi abitanti. È sede della stazione ferroviaria dei comuni di Cesiomaggiore, Mel e Lentiai. Conosciuta è l'industria lattiero-casearia Lattebusche tra le più importanti del Veneto. Il centro è interessato ad ovest da un recente fenomeno di espansione abitativa, con investimenti pubblici comunali e privati, da cui i miglioramenti alla viabilità, un nuovo centro commerciale e la nuova chiesa di San Giovanni Battista (24 giugno). Presso Busche si trova pure l'omonimo lago artificiale che raccoglie le acque del Piave per inviarle alla centrale idroelettrica di Quero e verso i canali di irrigazione della pianura. L'area del lago è una 'zona umida' di interesse naturalistico.

  • Can

Località situata ad ovest del capoluogo comunale. Il patrono è santa Lucia cui è dedicata una notevole chiesetta barocca risalente al 1668. Caratteristico il campanile che si trova sulla sede viaria risalente al 1720.

  • Cesio Maggiore
Cesio Maggiore visto da Cesio Minore.

È il capoluogo del Comune. In antico chiamato semplicemente Ces o Cesio, ricevette l'appellativo di "Maggiore" in età napoleonica. Sorge in luogo terrazzo soleggiato della costa pedemontana. A valle del centro si trovano una piccola area artigianale, con imprese dedite alla lavorazione di legno, della pietra e dei metalli ed un'area sportiva e sociale. A ridosso dell'abitato, verso nord, a un'ora circa di marcia dal capoluogo, si trova il tempietto di Sant'Agapito; edificio antico che dà il nome alla piccola valle scavata dal torrente Salmenega che segna la costa alpina. La chiesa maggiore è l'antica pieve dedicata a Santa Maria Assunta e si trova nella cuore del centro storico. Presso le scuole elementari del capoluogo ha sede il museo storico della bicicletta "T. Bevilacqua", dalla collezione ricca di pezzi unici e antichi. Non distante dal capoluogo in direzione di Santa Giustina (Italia) il museo Etnografico Provinciale di Serravella.

  • Cesio Minore

Si trova ad ovest di Can, a sud di Calliol e ad est di Cesio Maggiore. È uno dei centri più popolosi del comune e conserva un interessante centro storico composto da case in pietra grezza che rispettano tutti gli elementi dell'architettura tradizionale feltrina degli ultimi quattrocento anni, nonostante il progressivo stato di abbandono. Si è sviluppata invece una serie di case nuove in quella che era la campagna, fino a congiungere il paese con Cesio Maggiore. Il patrono è San Leonardo.

  • Cossalter

Minuscolo centro abitato posto a ridosso di un colle. La chiesa sorge all'esterno del centro ed è dedicata san Vendemiano - san Vendemiale- (1 giugno) e Santa Filomena (11 agosto)

  • Col San Vito

Sorge a sud di Cesio Maggiore in cima all'omonimo colle. Vi si gode un bel panorama sulla valle. Il titolare della chiesetta è san Vito.

  • Cullogne

Il toponimo sembra derivare da "colonìe" ovvero "case coloniche", si trova a nord di Can ed è una semplice borgata di poche case. La chiesetta è dedicata a san Salvatore.

  • Dorgnan
  • Fianema

Centro a ridosso del torrente Salgarda, confine occidentale del comune. Feudo dei Rambaldoni il cui rampollo Vittorino detto "Da Feltre" fu il grande educatore umanista del XV secolo. La chiesa, ricca di affreschi rinascimentali, è dedicata all'Immacolata Concezione di Maria.

  • La Busa

Piccolo agglomerato di case a nord di Soranzen, presso la riva del Caorame. Un tempo vi si trovavano un mulino e un opificio per la lavorazione della canapa. Oggi la maggior parte dell'abitato è in abbandono a causa della posizione poco soleggiata e delle non ottime condizioni della strada di accesso.

  • Le Ave

Al centro della Val Canzoi il centro abitato di Le Ave potrebbe derivare il nome dalla presenza in loco di vecchi allevamenti di api. Dietro la chiesetta di Santa Eurosia e San Giovanni Battista si può vedere quanto resta di un tratto scavato nella roccia di una via antica o medievale popolarmente ritenuta essere un tratto della via Claudia Augusta Altinate.

  • Le Montagne

Piccolo agglomerato di case rustiche in pietra a vista di tipo feltrino, posto in luogo panoramico e soleggiato sulla costa del momte. La festa paesana ricorda l'anniversario della posa e della benedizione del crocifisso presso la fontana.

  • Marsiai

Si trova al limite orientale del comune. Vi sorge l'edificio che fu l'antico maniero dei nobili da Corte. Le chiese antiche sono due: la principale, dedicata a San Pietro (29 giugno), e la minore dedicata a San Liberale.

  • Menin

A sudovest del capoluogo, fra il Col De Cimia e il Col Miass; negli ultimi anni si il centro è espanso verso la campagna delle Chižole. Vi si trova villa De' Mezzan, famosa un tempo per il suo bel giardino, notevolmente ridotto dopo la Grande Guerra. Presso l'oratorio di San Biagio un tasso degli uccellatori monumentale.

  • Morzanch
  • Pez

Frazione situata a ridosso di un promontorio sul Piave, a sud del capoluogo. Sede parrocchiale, è dotata di una scuola per l'infanzia statale. Al centro del paese un ampio piazzale e la chiesa dedicata ai santi Pietro e Rocco, poco distante dal centro frazionale la bella chiesa seicentesca detta "della Madonnetta". L'interessante chiesa del Priorato di San Gabriele è stata purtroppo demolita negli anni ottanta dell'ottocento perché ormai diroccata.

  • Pullir

Frazione sita ai piedi di un colle. Vi si trova un importante centro di cura per malattie mentali. La chiesa dedicata a San Lorenzo è antica e affrescata che conserva all'interno pregevoli affreschi risalenti al XV secolo.

  • Salgarda

Località posta sulla sponda sinistra del torrente Caorame sul confine occidentale con il comune di Feltre.

  • Soranzen

Secondo nucleo del comune per numero di residenti. La chiesa parrocchiale è dedicata a San Pietro Apostolo (29 giugno), vi è venerato anche Sant'Antonio Abate (17 gennaio).

  • Toschian

In luogo elevato, si nota per la cappella ben visibile di San Vitale presso la quale è venerato anche san Valentino (14 febbraio).

  • Tussui

In posizione soleggiata e luogo ricco di coltivazioni di granoturco. La chiesetta è dedicata a San Bartolomeo Apostolo (24 agosto).

  • Val Canzoi

La valle, piuttosto estesa, è disseminata di case. L'economia un tempo fondata sulla produzione di legname, sui pascoli e sul commercio non sempre legale con il Primiero oggi verte principalmente sul turismo; per questo vi sono in valle agriturismi e punti ristoro. Vi si trova il lago artificiale detto della Stua, che costituisce la riserva d'acqua per la locale centrale idroelettrica, acqua che, convogliata in un canale, è inviata alla centrale di Arson (Feltre). La chiesetta di Sant'Eustachio in Valle, scomparsa nel passato in modo poco chiaro, vide nascere una delle più antiche confraternite feltrine. Oggi sorge la cappella di Sant'Antonio.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio vive di una discreta produzione agricola ed artigianale. Si trovano in zona diverse imprese artigianali dedite alla produzione di arredi e di complementi per l'edilizia. Importanti sono la produzione e la lavorazione dei latticini sia a livello di media impresa (Lattebusche) che di nicchia (malghe in alta quota). Vi è una consistente porzione di popolazione che, a titolo principale o non, ottiene un reddito dalla coltivazione delle patate, che hanno ottenuto la DOP, "Denominazione di Origine Protetta", dei cereali, delle mele, dell'uva fragola e dei fagioli. Importante anche la presenza di alveari e del taglio boschivo. Non manca il turismo che sta conoscendo, anche grazie alla presenza del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, uno sviluppo rapido e crescente.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "Festa di San Biagio" - Menin (3 febbraio)
  • "Festa di Santa Giuliana" - Cesio (16 febbraio)
  • "Mostra Mercato dei Fiori" - Busche (maggio e ottobre)
  • "Festa Provinciale del Formaggio" - Busche (fine aprile)
  • "Festa in Riva al Lago" - Busche (giugno luglio)
  • "Soranzenfest" - Soranzen (agosto)
  • "Festa Provinciale della Patata di Cesiomaggiore" - Cesio (fine agosto)
  • "Sagra di San Rocco" - Pez (agosto)
  • "PedalaCesio" (prima domenica di settembre) organizzata dall'US Cesio
  • "Cammina con i Gufi" - Cesio (fine settembre)
  • "Festa di Santa Lucia" - Can (13 dicembre)

Nell'Ottocento il proprietario terriero Gaspare De' Mezzan aveva istituito per i suoi coloni la cosiddetta festa campagnuola. L'evento scomparve nel tempo.

Prodotti locali[modifica | modifica wikitesto]

Fino agli anni sessanta del secolo scorso, e ancora oggi, l'economia era ancora basata sulla produzione agricola (uva, vino, mele, pere, patate, fagioli, granoturco, miele) e sull'allevamento di vacche da latte. Vista la buona posizione, una nota azienda trentina produttrice di mele, ha impiantato delle coltivazioni di questo frutto proprio a Cesio per aumentarne la produzione. Noto era il vino perché il territorio rappresentava un vero e proprio 'avamposto' in provincia di Belluno nella coltivazione dell'uva fragola che ancora oggi ha una buona produzione, sia per l'uso 'da tavola' e per la 'Bianchetta' da vino. Non mancano le viti 'Clinto' che vengono usate prevalentemente per la produzione di vino destinato al consumo familiare.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
11 giugno 2002 29 maggio 2007 Gianni De Bastiani lista civica Sindaco [12]
29 maggio 2007 7 maggio 2012 Gianni De Bastiani lista civica Sindaco [13]
7 maggio 2012 in carica Michele Balen Lista civica Sindaco [14]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è gemellato con:

È in corso un rapporto di fattiva collaborazione con il comune di Quarto d'Altino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Dato Istat al 31/8/2010.
  3. ^ «Fertini et Tridentini et Beruenses Raetica oppida, Raetorum et Euganeorum Verona», Plinio il Vecchio, Naturalis historia, Lib. nr. 19
  4. ^ L'origine latina dei toponimi Cesio e Cesana è riportata da Sergio Sacco in opera citata. L'ipotesi è stata fatta anche in passato e considerata prova dell'antica origine romana di Cesiomaggiore: Mario Gaggia riferisce che la famiglia dei Muffoni, detta anche "Cesia" o "de Cesio", avrebbe avuto origine romana dalla gens Cesia (opera citata). Giovan Battista Pellegrini, professore di glottologia all'Università di Padova ritiene i toponimi "Cesana" e "Cesio" derivanti dal gentilizio Caesius. Per Evaristo Viel[senza fonte] (parroco di San Gregorio nelle Alpi e studioso di storia locale del Feltrino), "Cesio" deriverebbe invece dal vocabolo nçès ("gente" in spagnolo): i nomi Cesio e di Cesio Minore si pronuncerebbero infatti "alla spagnola", come çès, majòr e çès menòr. Altri toponimi derivati dal nome della gens Caesia sarebbero Cesano e Cesana. È attestata inoltre in Germania una "Selva Cesia" (Caesia).
  5. ^ Antonio Dal Corno, op. cit. Memorie istoriche di Feltre, 1710; Antonio Vecellio, I castelli feltrini, op. cit., che ne riporta la presenza nella raccolta di Daniello Tomitano a Vellaio nel 1623. Francesco Vergerio, La contea di Cesana, agli inizi del XIX secolo attribuiva di conseguenza a Lucio Cesio la fondazione dei paesi di Cesio e Cesio Minore.
  6. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3
  7. ^ Fra le memorie di questo periodo le azioni della Resistenza partigiana: il 6 giugno del 1944 un gruppo dei partigiani della Brigata Garibaldina Antonio Gramsci (Feltre) guidato dal comandante "Bruno", si ritrovò presso una casa della frazione di Menin, di Oreste Gris, per definire il piano d'azione del sabotaggio del Tombion
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ «Ora poi venendo agli artisti nominerò Pietro da Cesio, contemporaneo a Giovanni da Mel, che dapprima trattò la pittura, e poi datosi tutto alla incisione, condusse a niello egregi rabeschi, concorrendo al rinascimento del gusto non solo con la bontà delle opere, ma più efficacemente ancora col diffonderne gli esemplari.» così Pietro Mugna in "Delle scuole e degli uomini celebri di Belluno - cenni". Venezia - Tip. del Commercio, 1858
  10. ^ Il testo della lapide riporta: A PIETRO CAV. FAVERO / DI VALDOBBIADENE / NATO 5 AGOSTO 1812 MORTO 16 FEBBRAIO 1890 / MAESTRO DI OGNI PROGRESSO AGRARIO / PROPAGATORE DELLA VITE AMERICANA / REDENTORE DI QUESTO TERRITORIO / IL COMUNE DI CESIOMAGGIORE / RICONOSCENTE / 1892.
  11. ^ Corriere delle Alpi 12 settembre 2013.
  12. ^ Eletto il 26 maggio.
  13. ^ Eletto il 27 maggio.
  14. ^ Eletto il 7 maggio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Dal Corno, Memorie istoriche di Feltre, Domenico de Borghi, Venezia 1710;
  • Antonio Vecellio, I castelli feltrini, ed. Stab.Tip "Panfilo Castaldi", Feltre, 1896;
  • Mario Gaggia, Notizie genealogiche delle famiglie nobili di Feltre, ed. Stab.Tip "Panfilo Castaldi", Feltre, 1936;
  • Bruno Bersaglio, I Castelli e le Ville di Cesio, ed. Tip. Piave, Belluno, 1972;
  • Bruno Bersaglio, Pez-Busche in tempi vicini e lontani, ed. Tip. Piave, Belluno, 1973;
  • Sergio Sacco, Osservazioni toponomastiche sulla provincia di Belluno, Istituto Bellunese di ricerche sociali e culturali - serie "Quaderni" - n.2. Belluno, 1977;
  • AA. VV, Cesiomaggiore. Identità e storia di una comunità locale. ed. Isbrec, Belluno 2002;

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]