Borca di Cadore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Borca di Cadore
comune
Borca di Cadore – Stemma Borca di Cadore – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Belluno-Stemma.png Belluno
Amministrazione
Sindaco Bortolo Sala (lista civica) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 46°26′00″N 12°13′00″E / 46.433333°N 12.216667°E46.433333; 12.216667 (Borca di Cadore)Coordinate: 46°26′00″N 12°13′00″E / 46.433333°N 12.216667°E46.433333; 12.216667 (Borca di Cadore)
Altitudine 942 m s.l.m.
Superficie 26,76 km²
Abitanti 826[1] (31-12-2010)
Densità 30,87 ab./km²
Frazioni Cancia, Corte, Villanova
Comuni confinanti Calalzo di Cadore, San Vito di Cadore, Selva di Cadore, Vodo di Cadore, Zoldo Alto
Altre informazioni
Cod. postale 32040
Prefisso 0435
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 025007
Cod. catastale A982
Targa BL
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti borcesi
Patrono san Simone
Giorno festivo 28 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Borca di Cadore
Posizione del comune di Borca di Cadore nella provincia di Belluno
Posizione del comune di Borca di Cadore nella provincia di Belluno
Sito istituzionale

Borca di Cadore (Bórcia in ladino[2]) è un comune italiano di 835 abitanti[3] della provincia di Belluno in Veneto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriverebbe dal latino bifurca, cioè "biforcazione di strade"[2]. Il nucleo è ai piedi del maestoso monte Antelao e viene citato per la prima volta in un antico documento del 1331 in cui si riferisce che il paese donava alle monache del Cadore l'olio per i lumi delle chiese dei sancti Nicolay de Vale de Hospitale, ite ecclesie sancti Floriani, item ecclesie sancti Viti, item ecclesie sancti Simonis de Bevorcha. La chiesa di San Simone a Borca (attualmente dei Santi Simone e Taddeo) è citata anche nel 1570 e nel 1604 quando il patriarca di Aquileia Ermolao Barbaro la visitò. Venne semidistrutta nel 1737 a causa di un'imponente frana. La chiesa conserva l'organo del 1791, costruito da Gaetano Callido il più famoso costruttore di organi dell'epoca; l'organo è stato recentemente restaurato ed è ancora utilizzato per concerti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]


Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Villanova (Vilanuova)[modifica | modifica wikitesto]

Piccola frazione situata sulla riva destra del Boite, sotto le pendici del monte Pelmo e delle Rocchette.

È sorta sulle rovine dell'antico centro abitato di Taulèn, distrutto nel secolo XVIII da una poderosa frana caduta dal monte Antelao, posto sulla riva opposta del Boite.

Attualmente, la frazione è un tranquillo e grazioso centro di villeggiatura.

Cancia di Cadore (Cianžia)[modifica | modifica wikitesto]

Si trova a sinistra del Boite sotto le pendici del monte Antelao.

La notte del 18 luglio 2009 una colata detritica della portata di cinquantamila metri cubi di acqua e ghiaia, superiore alla capacità dell'invaso costruito poco più a monte di Cancia, in seguito a giorni di pioggia intensa, scende dal monte Antelao e travolge la frazione causando la morte di due persone. Il resto del paese non viene toccato.

Nel 2013, la Regione Veneto ha deciso di dotare il Comune di Borca di Cadore di un sistema di monitoraggio e allarme per incrementare la sicurezza delle persone nel territorio interessato dal fenomeno accaduto a luglio 2009. Ha così affidato a CAE S.p.A.[5], azienda che si è aggiudicata la gara indetta dalla Provincia di Belluno, il compito di realizzare ed installare le postazioni di rilevamento per il monitoraggio delle condizioni meteorologiche e riscontrare l’eventuale innesco della colata detritica.

Corte di Cadore (Corte)[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un villaggio turistico, composto da un albergo, una chiesa moderna di notevole pregio architettonico, e da 250 villette, sparse nel bosco e quasi invisibili al turista; il centro è posto sulla riva sinistra del Boite alle pendici dell'Antelao, appena sopra Cancia.

Il villaggio nasce da un progetto di Enrico Mattei, fondatore dell’ENI, e fu realizzato tra il 1954 e il 1963 come un villaggio vacanze e colonia estiva per i dipendenti della società. Il nome ricorda Cortemaggiore, la località del Piacentino dove fu scoperto un giacimento di petrolio che ebbe un grande impatto mediatico. Nel 2001 Gualtiero Cualbu, titolare di un'agenzia immobiliare di Cagliari, lo rilevò, incaricando del lavoro lo stesso architetto che all'epoca aveva progettato il complesso, il novantaduenne Edoardo Gellner.

Già a suo tempo Gellner aveva criticato l'abusivismo edilizio che dilagava deturpando il paesaggio alpino, ideando così un insediamento che "sparisse alla vista": infatti, una volta cresciuti gli alberi che vi aveva fatto piantare, il villaggio appare letteralmente nascosto dal bosco. Inoltre gli alberi aiutano anche a stabilizzare il declivio su cui sorge il centro e a formare l'habitat per diverse specie[6].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1980 1985 Giovanni Zanetti Sindaco
26 giugno 1985 23 maggio 1990 Amilcare Lunardelli PCI Sindaco [7]
23 maggio 1990 14 febbraio 1992 Mario De Nard DC Sindaco [8]
24 febbraio 1992 24 aprile 1995 Gianpietro Sala DC Sindaco [9]
24 aprile 1995 19 agosto 1995 Giovanni Zanetti Lista civica Sindaco [10]
19 agosto 1995 20 novembre 1995 Rino Feltrin Lista civica Vicesindaco [11]
20 novembre 1995 17 aprile 2000 Sandro De Marchi Lista civica Sindaco [12]
17 aprile 2000 5 aprile 2005 Sandro De Marchi Lista civica Sindaco [13]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Massimo De Luca Lista civica La Sveglia Sindaco [14]
30 marzo 2010 in carica Bortolo Sala Lista civica Insieme per Borca Sindaco [15]

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione del comune fino al 1941 era Borca[16].

Persone legate a Borca di Cadore[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ a b AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 2006, p. 101.
  3. ^ Dato Istat al 31/8/2010.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Gara di assegnazione appalto di Cancia
  6. ^ Edoardo Gellner. Corte di Cadore di Friederich Achleitner, Paolo Biadene, Edoardo Gellner, Michele Merlo.
  7. ^ Eletto il 12 maggio.
  8. ^ Eletto il 6 maggio 1990, è deceduto il 14 febbraio 1992.
  9. ^ Eletto consigliere comunale il 6 maggio 1990 e nominato assessore, è divenuto sindaco dopo il decesso di Mario De Nard.
  10. ^ Eletto il 23 aprile, è deceduto il 19 agosto successivo.
  11. ^ Eletto consigliere comunale il 23 aprile e nominato vicesindaco, ha guidato la giunta dopo il decesso di Giovanni Zanetti.
  12. ^ Eletto il 19 novembre.
  13. ^ Eletto il 16 aprile.
  14. ^ Eletto il 3 aprile.
  15. ^ Eletto il 28 marzo.
  16. ^ Fonte: ISTAT - Unità amministrative, variazioni territoriali e di nome dal 1861 al 2000 - ISBN 88-458-0574-3