Gaetano Callido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaetano Antonio Callido (Este, 14 gennaio 1727Venezia, 8 dicembre 1813) è stato un organaro italiano. In 44 anni di attività costruì nella Repubblica di Venezia (nord-est italiano, Istria e Dalmazia), in Emilia-Romagna, nel Trentino nelle Marche, a Malta e ad Istanbul ben 430 organi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Organo Callido (rimaneggiato da Lingiardi) del 1777 nella Parrocchiale di Canal San Bovo (TN)

A ragione del suo talento e della sua fama Callido come allievo superò presto il proprio maestro, il frate studioso di matematica e fisica di origini dalmate Petar Nakic, italianizzato con il nome di Pietro Nacchini. Nel 1742 iniziò la sua formazione presso Pietro Nachini. Nel 1762 prese la decisione di terminare il suo rapporto di lavoro e di intraprendere la libera professione; tuttavia rimase in stretta amicizia con Nacchini. Callido fu stimato tanto dal suo maestro quanto dai suoi contemporanei. Già nel 1763 si trovava in buona posizione, con sei organi (di cui uno con due manuali) da costruire. Nel corso di alcuni anni allargò il suo raggio d'azione non solo all'interno della Signoria di Venezia, bensì anche nell'Emilia-Romagna, nelle Marche (cui destinò circa un quarto della sua produzione) e perfino ad Istanbul, l'antica Costantinopoli (capitale dell'Impero ottomano).

Nelle scritture che il Callido stipulava con le varie committenze soleva definirsi "Professor d'Organi".

Nel 1766 ricevette l'onorevole incarico del rifacimento dei tre organi della Basilica di San Marco a Venezia. La sua instancabile attività - con un ritmo di costruzione medio di dieci organi l'anno - fu apprezzato anche dal senato veneziano, il quale prese la decisione di concedergli dal 27 marzo 1779 l'esenzione dei dazi doganali per il trasporto dei suoi strumenti al di fuori dei territori della repubblica, tanto era il prestigio che le sue opere arrecavano a Venezia.

Organo Callido di S. Pietro al Natisone

Gli eventi politici e i mutamenti socio-economici della fine del XVIII secolo, specialmente in riferimento al decreto emanato dall'amministrazione napoleonica con il quale si sopprimevano le varie corporazioni religiose, sembra che non abbiano intaccato più di tanto il suo lavoro, il quale perdurò con lo stesso ritmo fino al 1806, quando la direzione dell'attività passò ai figli Antonio ed Agostino, che continuarono per alcuni anni l'attività paterna con un volume di realizzazioni sempre più contenuto. In seguito la bottega organaria di Callido fu rilevata dai Bazzani, già suoi lavoranti.

Caratteristiche costruttive[modifica | modifica wikitesto]

Le opere del Callido rappresentano nel migliore dei modi la classica tipologia organaria neo-classica veneta, ovvero un tipo di strumento particolarmente "razionale" sia dal punto di vista strutturale che fonico, particolarmente "maneggevole" e semplice da usare. Le trasmissioni dei comandi sono integralmente meccaniche, "sospesa" quella dei manuali ed "indiretta" quella del pedale, indiretta a spinta quella dell'eventuale secondo organo od "eco". Solitamente un organo Callido ha un singolo manuale di 45 o 47 tasti (do1-do5 o do1-re5, ricoperti in legno di bosso ed ebano e con i cromatici variamente intarsiati a seconda dell'epoca di costruzione), con la prima ottava corta (o scavezza), o 57 tasti (do-1 - do5), o 62 tasti (do-1 - fa5, con prima ottava corta); più rari gli organi "doppi", dotati di due manuali ed altrettanti corpi fonici, di cui il secondo o Organo Eco è una versione ridotta dell'Organo Grande, spesso usata appunto per effetti di "eco". Le canne di prospetto sono quasi sempre disposte secondo il classico modulo della cuspide centrale con ali laterali. Per quanto concerne i registri, la disposizione fonica in genere include: Principale (diviso in "bassi" e "soprani"), Ottava, Quintadecima, Decimanona, Vigesimaseconda, Vigesimasesta, Vigesimanona, (talvolta, negli strumenti maggiori, Trigesimaterza e Trigesimasesta), Voce Umana (nei soprani, accordata calante), Flauto in Ottava, Flauto in Duodecima, Cornetta (ovvero Flauto in XVII - nei soprani), uno o due registri ad ancia della famiglia dei regali a tuba corta (ad esempio Tromboncini 8' e/o Violoncello 8') e i più grandi presentano la Viola (o Violetta) 4'. Alla pedaliera - sempre unita al manuale - sono presenti Contrabassi, Ottave di Contrabbassi e Tromboni ad ancia 8' (o Serpentoni 8'), talvolta Duodecime di Contrabbassi. I somieri adottati - realizzati con essenze lignee di prima qualità e ben stagionate - sono sempre del tipo "a tiro". La firma del Maestro organaro di Este solitamente consiste in un logo impresso a fuoco su varie parti lignee dell'organo che contiene le lettere "G+C" (le iniziali del suo nome e cognome). Pedaliera: a leggio. Accessori: Tiratutti del Ripieno a manovella e a pedale, più raro, oltre al Tamburo acustico (a 3 o 4 canne). Il corista callidiano risulta di poco inferiore a quello moderno, mentre il tipo di temperamento adottato è leggermente inequabile, accostabile talvolta al "Vallotti" e talvolta al "Riccati".

Il suono di uno strumento di Gaetano Callido[modifica | modifica wikitesto]

Il suono degli strumenti di Gaetano Callido o dei suoi più diretti allievi costruttori d'organi si definisce per alcune caratteristiche indiscutibili. Alcune di queste sono:

  • L'intonazione generale cristallina e "spiccata".
  • Il Principale, dal suono delicatissimo ed avvolgente, leggero ma al tempo stesso corposo, grazie alla taglia abbondante delle sue misure.
  • La purezza dei suoi Flauti (con canne generalmente "a cuspide"), che danno un suono pulito e penetrante.
  • Il Ripieno, che nonostante dia il massimo volume sonoro dello strumento, è ascoltabile senza alcun disturbo anche a pochi metri dalla cassa armonica: ciò è dovuto alla pressione piuttosto bassa a cui "lavorano" i suoi registri, nell'ordine di 50/60 mm. in colonna d'acqua. Non mancano tuttavia casi in cui si sono rilevate pressioni più alte, fino a 75 mm.
  • L'intonazione decisa ma mai sovrastante dei bassi aperti alla pedaliera che portano il nome di Contrabassi 16' e Ottava 8' (di rinforzo), solida base armonica dell'edificio sonoro. Negli strumenti di 12' è spesso presente anche la Duodecima 5 e 1/3'.

Alcune opere superstiti[modifica | modifica wikitesto]

Organo Callido del 1801 nell'arcipretale di Canale d'Agordo (BL)
  • Amandola, Ss. Trinità, 1794-98 (smontato in cantoria)
  • Ancona
    • S. Francesco alle Scale, 1796, realizzato per il Santuario Mariano di Loreto e inglobato nello strumento di Pacifico Inzoli costruito per lo stesso Santuario.[1]
  • Anguillara Veneta
    • Chiesa nella frazione Borgoforte
  • Apiro
    • Collegiata di S. Urbano, 1771 (op. 68)
    • Chiesa di S. Michele, 1774 (op. 97, proveniente dalla Chiesa di S. Francesco)
  • Ascoli Piceno:
    • Chiesa di S. Cristoforo, 1763 (Op. 3, probabilmente lo strumento più antico tra quelli superstiti)
    • Chiesa di S. Francesco, 1764 (Op. 11)
    • Chiesa di S. Maria Goretti, 1785 (Op. 216, nel catalogo indicato come 213, già nella chiesa di S. Antonio)
    • Chiesa S. Maria della Carità (o della Scopa) 1786 (Op. 224).
  • Barchi
    • Ss. Resurrezione, 1786 (op. 228)
  • Castelfidardo
    • S. Francesco, 1777 (op. 126)
    • Collegiata S. Stefano, 1790 ca. (proveniente dal Monastero di S. Caterina di Macerata)[2]
  • Cittadella:
    • Duomo SS Prosdocimo e Donato
  • Civitanova Marche
    • Chiesa di S. Agostino, 1771 (op. 69)
    • Collegiata di S. Paolo, 1792
  • Candide
    • Chiesa parrocchiale, strumento doppio 12', 1799 (op. 367)
  • Cupramontana
    • S. Lorenzo, 1786 (op. 227)
  • Fabriano
    • SS. Biagio e Romualdo, 1791 (op. 294)[3]
    • Fraz. Albacina, S. Venanzio Vescovo, 1774 (op. 96, proveniente dal Monastero di S. Caterina di Cingoli)
  • Fano
    • S. Paterniano, 1775 (op. 103, di 12')
    • S. Pietro in Valle, 1765 (op. 21, proveniente da S. Ignazio)
  • Feltre
  • Gradara
    • S. Clemente, 1783 (op. 194)
    • Fraz. Fanano, S. Michele Arcangelo, 1791-92 (op. 296)
    • Fraz. Granarola, S. Cassiano, 1790 ca. (positivo ad ala di 5 registri con facciata muta)
  • Grottammare
    • chiesa di S. Pio V[4]
  • Lunano
    • SS. Cosma e Damiano, organo di 12' (tra 1765 e 1775, proveniente da S. Francesco di Fano)
  • Macerata
    • Cattedrale di S. Giuliano, organo doppio, 1790
    • Collegiata di S. Giovanni, 1792 (op. 306, proveniente dal demolito Convento di S. Francesco)
    • Chiesa di S. Paolo, 1803 (op. 406, proveniente dal Convento di S. Domenico)
    • Monastero Corpus Domini, 1804 (op. 414)
    • Chiesa di S. Croce, 1804 (op. 415)
    • Chiesa di S. Maria della Porta, 1773 (op. 85, proveniente dal Monastero di S. Maria Maddalena in Serra de'Conti, AN)
  • Maiolati Spontini
    • Collegiata S. Stefano, 1788 (op. 250, proveniente dal Monastero di S. Maria Nuova di Ancona)
  • Mondolfo
    • Collegiata S. Giustina, 1776 (op. 116, proveniente dal Monastero di S. Anna)
  • Montebelluna
    • Santa Maria in colle, strumento doppio
  • Montecassiano
    • Collegiata di S. Maria Assunta, 1775 (op. 105, erroneamente indicato di 12' )
  • Montecosaro
    • S. Agostino, 1792 (data desunta dalla "legenda" con i consigli di registrazione)
  • Montegiberto
    • S. Nicolò, 1797 ca.
  • Montemarciano
    • Collegiata S. Pietro Apostolo, 1804 (op. 416, tastiera costruita dal figlio Antonio nel 1801)
  • Morrovalle
    • Collegiata S. Bartolomeo, 1804 (op. 408)
  • Ostra
    • SS. Giuseppe e Filippo, 1783 (op. 197)
    • SS. Rocco e Girolamo, 1771 (op. 67)
  • Ostra Vetere
    • Collegiata S. Maria Annunziata, 1783 (op. 196, proveniente da S. Francesco)
    • S. Croce (Santuario S. Pasquale Baylon), 1788 (op. 252, proveniente dal Ss. Sacramento di Ostra)
  • Padova
  • Pesaro
    • S. Agostino, 1776 (op. 118)
    • S. Cassiano, 1806 (op. 428)
    • S. Maria del Carmine (Purificazione), 1765 (op. 20, proveniente da un monastero di monache domenicane)
    • S. Martino, 1790 ca.
  • Petritoli
    • S. Maria ad Martires (o S. Francesco, a suo tempo annessa all'ospedale), 1777 (op. 127)
  • Pollenza
    • Collegiata di S. Biagio, 1793 (op. 316, proveniente probabilmente dalla Chiesa di S. Rocco di Jesi)[8]
  • Recanati
    • S. Francesco, 1770 (op. 58)
    • S. Vito, 1790 ca. (inglobato per intero in una cassa più grande, con relativa facciata muta)
  • Ripatransone
  • Ripe
    • S. Pellegrino, 1792[9]
  • San Costanzo
    • S. Pietro (o S. Agostino), 1785 (op. 215)
    • Fraz. Cerasa, Chiesa di S. Lorenzo, 1784 (op. 204, proveniente dal Monastero di S. Cristina di Senigallia)[10]
  • Sant'Elpidio a Mare
    • Collegiata, 1765 (op. 22)
    • Basilica della Misericordia, 1785 (op. 214 proveniente da San Francesco, collocato in presbiterio nella cantoria di sinistra di fronte al Nacchini del 1757, op. 328)
    • S. Filippo, 1794 (op. 319, anno di costruzione e numero d'opera riportati sulla "legenda")
  • Senigallia
    • Chiesa della Croce, 1775 (op. 104)
    • Chiesa di S. Maria del Ponte al Porto, 1755, in collaborazione con Pietro Nacchini[11]
    • Chiesa di S. Martino, 1802 (op. 395, proveniente da S. Antonio)
    • Chiesa dell'Immacolata Concezione (già Chiesa di S. Filippo), 1784 (op. 203)
    • Fraz. Montignano, S. Giovanni Battista, 1770 (op. 57, proveniente da S. Francesco di Corinaldo)
  • Staffolo
    • S. Francesco, 1769 (op. 51)
  • Tolentino
    • Chiesa di S. Maria Nuova o "della Tempesta", 1803 (op. 396)
    • Cattedrale S. Catervo, 1786 (op. 226, smontato e già restaurato, da rimontare)
  • Treia
    • Cattedrale Ss. Annunziata, 1779 (op. 152, proveniente da Arcevia)
    • S. Francesco, 1790 ca. (inglobato insieme ad un altro organo antico, probabilmente Fedeli, in un organo elettro-pneumatico Giustozzi del 1951)
  • Tremosine sul Garda
    • chiesa di San Bartolomeo (frazione di Vesio)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Dalla Libera, "Gaetano Callido organaro veneto", in "Musica sacra", anno 86, serie II anno 7, Milano 1962, pp. 90-93.
  • Renato Lunelli, Studi e documenti di storia organaria veneta, Firenze, Leo S. Olschki editore, 1973 (Studi di musica veneta, 3), pp. 132-144 (doc. LVII: Catalogo originale degli organi costruiti da Gaetano Callido), 165-167, tavv. 21-23.
  • Oscar Mischiati, Callido, Gaetano, in Dizionario Biografico degli Italiani, vol. XVI, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1973, pp. 747-750.
  • Sara Sbordone, Contributo per un regesto degli organi di Gaetano Callido sulla base del catalogo redatto dall'autore, in «Rassegna Veneta di Studi Musicali», XI-XII (1995-96), pp. 269-347.
  • Mauro Ferrante - Fabio Quarchioni, Gli organi di Gaetano Callido nelle Marche, Villa Maina, Abbadia di Fiastra-Urbisaglia, 1989.
  • Dal 1995 al 2005, con cadenza annuale, sulla rivista di storia locale marchigiana «Studia Picena» (edita dall'Istituto teologico marchigiano di Ancona), è stata pubblicata, coordinata dallo studioso Paolo Peretti e affidata a nove diversi autori specialisti del settore, una serie di regesti degli organi antichi delle Marche su base diocesana, secondo il seguente ordine di interventi e di ripartizione del territorio:
    1. P. Peretti, Regesto degli organi antichi dell’arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, in «Studia Picena», LX (1995), pp. 161-211;
    2. F. Quarchioni-G. Perrucci, Regesto degli organi antichi della diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia, in Ibid., LXI (1996), pp. 217-359;
    3. G. Spaziani, Regesto degli organi antichi delle diocesi di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, in Ibid., LXII (1997), pp. 199-237;
    4. P. Peretti, Regesto degli organi antichi dell’arcidiocesi di Fermo, in Ibid., LXIII (1998), pp. 245-281;
    5. R. Sabatini, Regesto degli organi antichi delle diocesi di Pesaro e del Montefeltro, in Ibid., LXIV-LXV (1999-2000), pp. 211-255;
    6. M. Martelli-P. Peretti, Regesto degli organi antichi della diocesi di Ancona-Osimo e Jesi, in Ibid., LXVI (2001), pp. 233-286;
    7. M. Ferrante, Regesto degli organi antichi della diocesi di Urbino-Urbania-Sant’Angelo in Vado, in Ibid., LXVII (2002), pp. 271-314;
    8. G. Perrucci, Regesto degli organi antichi della diocesi di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola, in Ibid., LXVIII (2003), pp. 375-417;
    9. S. Fraboni, Regesto degli organi antichi della diocesi di Senigallia, in Ibid., LXIX (2004), pp. 265-321;
    10. S. Argalia, Regesto degli organi antichi della diocesi di Fabriano-Matelica, in Ibid., LXX (2005), pp. 159-191.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nelle canne lignee sono presenti i marchi a fuoco "G+C" e l'iniziale del toponimo "L" (Loreto)
  2. ^ Sono presenti i marchi a fuoco "G+C" e le iscrizioni ad inchiostro "Macerata" e "S.ta C.rina", riferentesi ad un monastero non più esistente.
  3. ^ Anno di costruzione e numero d'opera desunti dalla "legenda" di cui lo strumento è dotato.
  4. ^ Questo strumento fu suonato da Franz Liszt nell'estate del 1868
  5. ^ Tale data di costruzione è riportata in P. Consolati - F. Mucci - C. Nalli, Loro Piceno, Giuffrè, Milano, 1998.
  6. ^ Contratto firmato dal figlio Antonio. I canonici di Monterubbiano pagarono 400 scudi.
  7. ^ Impresse a fuoco le lettere "G+C" sulle parti lignee
  8. ^ Presenza di diversi toponimi a inchiostro sulle parti lignee, che rimandano a Jesi.
  9. ^ Data desunta dal "METODO PER REGISTRARE L'ORGANO" sulla tavola che regge il leggio. Principale azionato da tre pomelli.
  10. ^ Di particolare interesse storico, in quanto suonato a partire dal 1824 dal celebre organista e compositore marchigiano Giovanni Morandi.
  11. ^ Sul listello frontale della tastiera si legge l’iscrizione a inchiostro "OPUS REV. i D. PETRI NACCHINI CUM CAJETANO CALLIDO TUM EIUS FAMULO ANNO DOMINI 1755"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



Controllo di autorità VIAF: 8190366