Aeroporto di Tortolì-Arbatax

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Aeroporto di Tortolì)
Aeroporto di Tortolì-Arbatax
Esterno dell'aeroporto
Esterno dell'aeroporto
IATA: TTB – ICAO: LIET
Descrizione
Nome impianto Aeroporto Tortolì - Arbatax
Tipo Civile
Esercente Gestione Aeroporto di Tortolì S.p.A. (Ge.Ar.To)
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Altitudine AMSL 7 m
Coordinate 39°55′09″N 9°40′57″E / 39.919167°N 9.6825°E39.919167; 9.6825Coordinate: 39°55′09″N 9°40′57″E / 39.919167°N 9.6825°E39.919167; 9.6825
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
LIET
Sito web www.aeroportotortoliarbatax.it
Piste
Orientamento (QFU) Lunghezza Superficie
12/30 1.450x30 m Conglomerato bituminoso

AIP Italia

L'Aeroporto di Tortolì-Arbatax (IATA: TTB, ICAO: LIET) si trova nella costa orientale della Sardegna, in Ogliastra, località naturalistica e marina, dislocato a circa 140 km da Cagliari e 100 km da Nuoro. La struttura sta tra la cittadina più grande della zona (Tortolì, in provincia dell'Ogliastra, in Sardegna) e la sua frazione portuale (Arbatax), a circa 2 km sia dall'uno che dall'altro centro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto nasce, insieme al porto di Arbatax, negli anni sessanta, come supporto tecnico e logistico alla Cartiera di Arbatax. In origine consisteva in una semplice pista di 1190 metri su prato erboso che si provvedette ad asfaltare nel 1975. Dopo la chiusura della Cartiera è passato in mano alla Regione Sardegna e ad una cordata di imprenditori della zona.

Trasformato presto in uno strumento turistico, l'aeroporto funziona a regime soprattutto d'estate. Insieme al porto di Arbatax conduce numerosi turisti da numerose città italiane direttamente nella zona, senza farli transitare per altri aeroporti o porti dell'isola che costringerebbero a lunghe e tediose percorrenze in auto.

L'aeroporto è dotato di torre di controllo, di un hangar e la pista è illuminata e bitumata adeguatamente; l'assistenza alla navigazione aerea è garantita dalla stazione meteorologica di Capo Bellavista, la cui ubicazione è a circa 1 km a est in linea d'aria dall'infrastruttura aeroportuale.

Collegamenti[modifica | modifica sorgente]

Il 2010 è un anno importante per lo scalo tortoliese: a partire da giugno sono stati avviati collegamenti estivi in regime di continuità territoriale da parte di Meridiana Fly verso Malpensa, Fiumicino, Verona e Olbia. La compagnia ha fatto sapere che i passeggeri prenotati su questi voli sono sui 1000. Inoltre c'è l'interesse da parte degli enti locali di rendere annuale la rotta verso Fiumicino. Numerosi sono i voli charter da tutta Europa. Dopo la stagione estiva 2010 questi voli sono stati soppressi. nel 2011 dovrebbero essere riaperte le tratte per Roma, Milano e Verona applicando la continuità territoriale.

L'aerostazione, seppur piccola, è tuttavia ben attrezzata e collegata col centro città e il porto di Arbatax. La zona è accessibile, oltre che via aerea, anche via mare tramite il porto di Arbatax su cui attraccano, con cadenza quasi quotidiana, navi di linea provenienti da Civitavecchia e Genova.

Suggestivi gli atterraggi visti dal mare (dalla spiaggia di San Gemiliano), perché la pista termina proprio a 20 metri dalla spiaggia, caratteristica che lo accomuna alla più celebre pista di Maho Beach, nelle Antille Olandesi.

Voli di linea[modifica | modifica sorgente]

Dal 6 agosto 2011 l'aeroporto ha ripreso ad essere operativo con voli sperimentali che collegano Tortolì con Malpensa, Fiumicino, Verona, Innsbruck, Bolzano e Berna. La sperimentazione è durata fino a ottobre dello stesso anno [1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.ogliastratv.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]