Villa Celiera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villa Celiera
comune
Villa Celiera – Stemma
Villa Celiera – Veduta
Veduta di Villa Celiera con l'abbazia di Santa Maria di Casanova
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Pescara-Stemma.png Pescara
Amministrazione
SindacoVespa Domenico (lista civica "La (s)volta buona") dall'11-06-2017
Territorio
Coordinate42°22′48.61″N 13°51′32.96″E / 42.380169°N 13.859156°E42.380169; 13.859156 (Villa Celiera)Coordinate: 42°22′48.61″N 13°51′32.96″E / 42.380169°N 13.859156°E42.380169; 13.859156 (Villa Celiera)
Altitudine714 m s.l.m.
Superficie13,18 km²
Abitanti717[1] (30-11-2014)
Densità54,4 ab./km²
FrazioniCasanova, Fosso Secco, Pietrarossa, San Sebastiano Traino, Santa Maria, Vagnola
Comuni confinantiCarpineto della Nora, Castel del Monte (AQ), Civitella Casanova, Farindola, Montebello di Bertona, Ofena (AQ)
Altre informazioni
Cod. postale65010
Prefisso085
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT068046
Cod. catastaleL922
TargaPE
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticellarotti o celieroti
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo29 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa Celiera
Villa Celiera
Villa Celiera – Mappa
Posizione del comune di Villa Celiera nella provincia di Pescara
Sito istituzionale

Villa Celiera è un comune italiano di 717 abitanti della provincia di Pescara in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana Vestina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del torrione dell'Abbazia di Santa Maria di Casanova

Centro agricolo dell'Appennino abruzzese, facente parte del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Si trova sul versante orientale del Gran Sasso ed è una conca montana carsica. Sorge su una rupe calcarea di forma allungata che, tra ampi querceti, domina l'alta valle del Torrente Schiavone.

È caratterizzata da grandi faggete e dalle doline che sono forme tipiche del paesaggio carsico che si presentano come un avvallamento circolare in cui l'acqua viene assorbita e convogliata nelle vie sotterranee. Infatti, a Voltigno, d'inverno, cade molta neve e questa, quando in primavera si scioglie forma tanti piccoli laghi carsici, che poi d'estate scompaiono.

Resta solamente un lago chiamato Lago Sfondo, che la credenza popolare vuole che non abbia fondo e che vada addirittura a sfociare direttamente al mare. È zona faunistica del camoscio d'Abruzzo, inoltre sono presenti anche poiane, falchi pellegrini, caprioli, il lupo appenninico ed il gatto selvatico; una volta vi era presente anche l'orso.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La torre del monastero di Casanova in un disegno ottocentesco di Edward Lear

Il borgo sorse probabilmente prima dell'anno Mille e appartenne all'Abbazia di Santa Maria di Casanova. La prima menzione documentata risale però soltanto agli inizi del secolo XIV, quando compare con il nome di Castrum Celeriae. Nei primi anni del secolo XVI era feudo della famiglia Cantelmo. Il comune fu costituito nel 1913 staccandolo da quello di Civitella Casanova.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Abbazia di Santa Maria di Casanova[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Abbazia di Santa Maria di Casanova.

La storica abbazia si trova in contrada Casanova, ai piedi del borgo medievale. Fu costruita nel X secolo, prima delle grandi cinque abbazie abruzzesi. Era costituita da una torre vedetta con convento, e più a valle il monastero vero e proprio, circondato da mura. La chiesa crebbe al massimo splendore nel XIII secolo, fino alla decadenza nel XVIII secolo. All'epoca il convento era già danneggiato, ed è raffigurato in vignette da Edward Lear nel XIX secolo nel suo Viaggio in Abruzzo. Fino al 2009 l'abbazia era abbandonata, perché il monastero gravemente danneggiato dal tempo, con solo alcune arcate e mura perimetrali, e la torre semi diroccata.

Con la riscoperta dei monumenti del territorio, in seguito al terremoto aquilano, l'abbazia è stata restaurata. La torre è a pianta quadrata ed è accessibile. Il complesso è visibile su prenotazione, sopravvivono le mura e le arcate romaniche.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[2]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Principali risorse economiche sono l'agricoltura (patate, legumi e cereali) e l'allevamento di bovini e ovini.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12-13 giugno 2004 27 maggio 2007 Vincenzo Di Luzio Sindaco
28 maggio 2007 6 maggio 2012 Francesco Chiavaroli lista civica sindaco
7 maggio 2012 in carica Oreste Francesco Di Lorenzo lista civica "Progetto futuro" sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Atletico Celiera che milita nel girone A pescarese di 3ª Categoria. I colori sociali sono: il rosso e l'arancione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN241909677
Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo