Sonic X-treme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sonic X-treme
videogioco
PiattaformaSega Saturn, Microsoft Windows
Data di pubblicazioneannullato
GenerePiattaforme
TemaFantascienza, Avventura
SviluppoSega Technical Institute
PubblicazioneSEGA
IdeazioneMike Wallis
SerieSonic the Hedgehog
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputGamepad
SupportoCD-ROM

Sonic X-treme è un videogioco a piattaforme mai pubblicato della serie Sonic the Hedgehog.

Era previsto per uscire nel 1997 sulla console Sega Saturn, ma la divisione giapponese della SEGA, nutrendo perplessità sull'effettiva validità del videogioco e sull'opportunità di continuare a scommettere sul Saturn, decise di scartarlo, dedicandosi conseguentemente alla realizzazione di Sonic Adventure, distribuito nel 1998 per la nuova console Sega, il Sega Dreamcast.

L'evoluzione di un progetto[modifica | modifica wikitesto]

La storia del videogioco è stata molto travagliata.

La divisione statunitense della Sega iniziò a lavorare sul seguito di Sonic & Knuckles, pubblicato nel 1994, sin dal periodo a cavallo tra 1994 e 1995.

I primi progetti, denominati Sonic Mars o Sonic on Mars (dal nome di sviluppo della console Sega 32X, denominata originariamente Sega Mars), vedevano una storia ispirata alla serie animata statunitense Sonic SatAm, all'epoca di grande successo, e l'uso della tecnologia del Sega Mega Drive o del Sega 32X. Tuttavia la cancellazione di SatAm, il grave insuccesso del Sega 32X (che non vendette nemmeno un milione di copie) e il fatto che il Mega Drive, vecchio di 5 anni, non poteva costituire il futuro, spinsero la Sega a abbandonare quanto fatto sino ad allora.

Venne concepito un nuovo progetto, variamente denominato ed alla fine chiamato Sonic X-treme, il quale avrebbe dovuto costituire la killer application del Sega Saturn, da contrapporre a Super Mario 64 della Nintendo.

Per il progetto vennero proposte varie storie e nuovi personaggi ma non si raggiunse un punto d'accordo in merito. Viceversa gli sviluppatori riuscirono a collaborare nel realizzare quelli che avrebbero dovuto essere i tratti caratteristici ed innovativi del gioco: una visuale particolare, legata alla cosiddetta telecamera ad occhio di pesce (fish-eye camera), ed un sistema di gioco nuovo, che permetteva al giocatore di ribaltare la prospettiva di gioco, potendo scegliere se giocare sul normale piano di gioco o muoversi sul soffitto e/o sulle superfici verticali.

Il videogioco avrebbe dovuto segnare il ritorno di Metal Sonic e Fang the Sniper nella funzione di boss. Ciascun boss doveva essere affrontato in apposite arene.

Tuttavia i contrasti tra le divisioni giapponese ed americana della Sega, i continui cambi di vertice nella conduzione della squadra di sviluppo e le incertezze sul tipo di tecnologia da usare, sulla console per la quale sviluppare il videogioco e sul tipo di storia che ne avrebbe costituito il contorno furono solo alcuni dei motivi che condussero il progetto al fallimento.

Questo venne definitivamente abbandonato nel 1997 non essendo giudicato completabile in tempi brevi tali da vincere la concorrenza della Nintendo e della Sony (che aveva dato forma all'enorme successo rappresentato dal progetto PlayStation) e non essendovi accordo sull'effettiva capacità del gioco, se completato, di piacere ai potenziali giocatori.

Parti del videogioco sono tuttora disponibili e giocabili in rete.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi