Sonic the Comic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sonic the Comic
fumetto
Lingua orig.inglese
PaeseRegno Unito
AutoreNigel Kitching, Lew Stringer
DisegniRichard Elson, Mick McMahon
EditoreEgmont (Fleetway in origine), Sega Europe
1ª edizione1993 – 2002
Periodicitàquindicinale
Albi275 (completa) 184 originali, 39 ristampe e 52 online
Genereazione, avventura, thriller, drammatico, fantascienza
Preceduto daArchie Sonic the Hedgehog
Seguito daKnuckles the Echidna

Sonic the Comic, nota tra i suoi numerosi lettori anche come STC, è stata una serie di fumetti per bambini britannico pubblicato quindicinalmente da Fleetway Editions (le società fuse Fleetway e London Editions, che progressivamente sono state integrate con la sua casa madre Egmont fino a diventare nota come Egmont Magazines) tra il 1993 e 2002. È stato il fumetto Sega ufficiale del Regno Unito, con storie sulla sua mascotte Sonic the Hedgehog e personaggi correlati, oltre a fumetti basati su altri videogiochi Sega.

Il fumetto è stato elogiato dai fan e da allora ha guadagnato un'eredità culturale così fedele in seguito al fatto che, dopo la fine della sua corsa ufficiale, i fan hanno creato una versione non ufficiale del web, chiamata Sonic the Comic - Online!, (STC Online) a partire da maggio 2003.

In Italia è inedito.

Formato e cronologia delle pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il prezzo originale di Sonic the Comic era di 95 centesimi, aumentando a 1,35 £ per il solo numero finale. Il fumetto conteneva generalmente quattro storie a fumetti, ognuna di solito seguiva storie diverse, scritte e disegnate da diversi autori. Il primo era sempre una storia di sette pagine su Sonic stesso (eccetto per il numero 148 che iniziò con una striscia su Tails) e nei primi numeri, i rimanenti tre coinvolgevano diversi personaggi di giochi Sega (vedi elenco sotto). Successivamente, tali strisce sono state soppiantate da storie incentrate sul sostegno di personaggi Sonic come Tails, Knuckles, Amy e i Chaotix. L'antologia "Sonic's World" ha visto una varietà di eventi nel mondo di STC non coperti dalle strisce dei personaggi principali.

Le diverse strisce potevano a volte contrastarsi pesantemente l'una con l'altra, rivolte a fasce d'età diverse o con un diverso equilibrio tra commedia e dramma: la striscia umoristica basata su Decap Attack poteva apparire accanto alla striscia di Streets of Rage, più oscura e violenta. Lew Stringer ha affermato che la maggioranza dei lettori aveva un'età compresa tra i cinque e i dieci anni e molte strisce sono state scritte con questo in mente: "Ciò non significa che i lettori più anziani non possano apprezzare le storie e le opere d'arte, naturalmente, ma vale la pena tenere a mente che se le storie a volte sembrano giovanili, è perché lo sono. Detto questo, non significa che possiamo essere sciatti perché stiamo "solo" scrivendo per bambini".[1]

A parte i fumetti, per i suoi primi anni STC ha regolarmente presentato contenuti relativi ai titoli del franchise. Adattandosi alla convenzione dei livelli chiamati "Zone", a queste sezioni sono stati assegnati titoli come "Q-Zone" (che conteneva suggerimenti e trucchi sui videogiochi), "News Zone" e "Review Zone". Le illustrazioni dei lettori sono state stampate nella "Zona grafica" e le lettere erano presenti in "Speedlines".

Megadroid[modifica | modifica wikitesto]

La mascotte del fumetto era un robot chiamato Megadroid, composto da parti di un Sega Mega Drive. Megadroid è stato il personaggio utilizzato dai redattori di Sonic the Comic per rispondere alle lettere e fornire riassunti di storie e notizie di riviste generali (molto simile a Tharg nel 2000AD e in effetti creato dall'ex harg Richard Burton). Ha fatto da collegamento tra i lettori (che chiamava "boomers") e gli "umani che pensano di essere al comando".

Megadroid aveva una striscia unica, in cui scappava dagli uffici redazionali in una località balneare solo per tornare dalla sua esperienza straziante per soddisfare le esigenze dei boomers.

è stato scartato dal fumetto nel 1998 e con lui la pagina delle lettere "Speedlines". Le Speedlines ritornarono nel 2000, anche se non era più una funzione normale e al posto di Megadroid, le lettere erano presumibilmente risolte da Sonic stesso (in realtà era l'editore Andy Diggle e più tardi Steve MacManus).

Staff[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte del lavoro nel fumetto è stata scritta da Nigel Kitching o Lew Stringer, mentre i disegni sono opera di Richard Elson, Nigel Dobbyn, Carl Flint, Woodrow Phoenix, Roberto Corona, Mike McMahon, Kitching stesso e molti altri.

Molti dei contributori del fumetto hanno trovato successo altrove nei fumetti. Mark Millar, che ha scritto la prima storia di Streets of Rage e alcune strisce di Sonic, ha da allora scritto titoli importanti per DC e Marvel Comics come Wanted e Civil War; il redattore Andy Diggle è diventato uno scrittore di fumetti e l'illustratore di Road to Perdition, Richard Rayner, ha contribuito alle sceneggiature di Decap Attack.

Dimissione[modifica | modifica wikitesto]

La scomparsa di STC è iniziata quando i tagli al budget del fumetto hanno portato al numero di pagine da 36 a 32 nel 1997 e di conseguenza, alla perdita di notizie, recensioni di giochi e sezioni di suggerimenti sui giochi. Nonostante sia stato uno dei fumetti più venduti di Fleetway nel 1998, dal numero 133, pubblicato a luglio, una striscia è stata dedicata alle ristampe per risparmiare denaro come parte della politica di Fleetway dei cicli di lettura quinquennali (il numero 133 era pubblicato poco dopo il quinto compleanno del fumetto). Più tardi nell'anno, la mascotte Megadroid fu rimossa, insieme alla pagina delle lettere "Speedlines". Due altre strisce sono state sostituite da ristampe nei numeri 155 e 157, lasciando solo la striscia principale di Sonic e la copertina come l'unico nuovo materiale in ogni numero. Con la mancanza di nuove strisce di personaggi di supporto, a Nigel Kitching è stato chiesto di condividere la striscia principale con Lew Stringer, facendo sì che i piani per l'arco della storia di "Shanazar" fossero pesantemente alterati.[2]

Durante questo periodo, le storie della striscia principale passarono sotto lo striscione "Fuso orario", per lo più ambientato su Shanazar e successivamente coinvolgendo portali dimensionali che conducono ad altre dimensioni e alla storia della Terra (identiche alle precedenti storie di Amy e Tekno) a causa delle preferenze editoriali. Né Mobius né alcuno dei personaggi principali che recitavano in Sonic e Amy e la mancanza di strisce ausiliarie significava che non si potevano raccontare altre storie. In seguito al numero 157, Lew Stringer ha sostituito Nigel Kitching come unico scrittore del fumetto.

Dopo che Andy Diggle divenne il redattore del fumetto, la corsa di Stringer si concluse con una trama finale apocalittica e Kitching ritornò con il numero 175 per un adattamento in dieci parti del videogioco Sonic Adventure. Dal numero 185, il fumetto è diventato completamente ristampato, a parte le nuove copertine disegnate da Richard Elson. Ciò accadde con breve preavviso-anche Kitching non sapeva che il numero 184 sarebbe stato il suo ultimo fino a quando non avesse richiesto un'estensione per la trama di dieci numeri che era nel mezzo della scrittura, avendo apparentemente già fatto piani per storie future che lo avrebbero seguito. Ha rivelato la cancellazione ai fan sul non ufficiale STC Yahoo!. La mailing list dei gruppi il 19 aprile 2000, poco più di due mesi prima della pubblicazione dell'ultimo numero e solo poche settimane dopo che lui stesso ne era stato informato. Di conseguenza, la storia finale si è conclusa con una manciata di conclusioni sciolte da storie precedenti lasciate slegate.

La ristampa completa degli albi continuò a essere pubblicata fino al 223, che ristampò la trama in quattro parti "The Evil Empire" e presentò un articolo di Nigel Kitching sul suo periodo di lavoro sul fumetto, una versione ridotta della quale fu pubblicata nella mailing list STC.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Sonic the Comic ha iniziato la sua corsa con una serie di racconti one-shot abbastanza irrilevanti e ha stabilito la sua identità, trama e ambientazione con il nuovo team formato dallo scrittore Nigel Kitching e l'artista Richard Elson per il numero 7 "Super Sonic" e il numero 8 "L'origine di Sonic". Il fumetto adottò una versione dell'"Origine di Kintobor" di Sonic e Doctor Robotnik, che era stata originariamente presentata in un fumetto promozionale per il primo gioco di Sonic stampato in Disney Adventures ed era stata elaborata nel libro di Mike Pattenden, Stay Sonic. Come altre pubblicazioni Sonic del Regno Unito, STC ha utilizzato la versione Stay Sonic come base.[3] Questa storia originaria stabilì che Sonic era originariamente un normale riccio marrone sul pianeta Mobius, si fece strada nel laboratorio sotterraneo del saggio dottor Ovi Kintobor, uno scienziato che voleva liberare il pianeta da ogni male attraverso l'uso di potenti gemme chiamate Chaos Emerald. Inoltre, ha aiutato Sonic ad aumentare la sua velocità di corsa donandogli delle scarpe rosse progettate per gestire l'incredibile attrito che ha generato, fino a quando il riccio alla fine ha rotto la barriera del suono con un boato che lo ha reso blu. Tuttavia, un incidente che coinvolsero l'instabile Chaos Emerald e un uovo marcio trasformarono Kintobor in Dr. Ivo Robotnik, dando il via agli eventi dei giochi Sonic the Hedgehog e Sonic the Hedgehog 2.

"The Origin of Sonic" ha portato a una trama in cui Sonic, Tails e i loro amici sono stati mandati avanti di sei mesi. Durante la loro assenza, il malvagio e sinistro dottor Ivo Robotnik aveva conquistato con successo l'intero pianeta Mobius e Sonic & co. furono costretti alla clandestinità, operando come "Freedom Fighters" il cui tentativo era di far cadere il dominio di Robotnik sul pianeta. Questa situazione rimase fino al numero 100 (1997), quando Robotnik fu deposto.

Nei primi numeri del fumetto, tre delle quattro strisce di ogni numero erano basate sui più popolari videogiochi SEGA. Col passare del tempo, queste strisce si sono ridotte e sono state eliminate gradualmente a favore di altre storie su Sonic e personaggi correlati. La prima di queste è stata una serie solista di Tails che lo ha visto tornare nella sua casa, la "Nameless Zone", dove si credeva che lui, non Sonic, fosse il grande eroe di Mobius. Oltre a Tails e Sonic, altri membri dei Freedom Fighters sono Johnny Lightfoot e Porker Lewis, personaggi basati sugli sprite generici di coniglio e maiale liberati dai Badniks nei videogiochi. Il team ha presto aggiunto il "computer Kintobor" ai propri ranghi -un'intelligenza artificiale basata sui modelli cerebrali originali di Robotnik- e in seguito si unì Amy Rose, un riccio femmina innamorata di Sonic, le cui bugie sull'essere la sua ragazza aveva fatto di lei un bersaglio per le forze di Robotnik. Lo stesso Robotnik fu in seguito ridisegnato per abbinare l'aspetto della sua controparte nella serie animata Le avventure di Sonic e divenne uno stretto alleato nello scienziato dalla pelle verde Grimer, l'equivalente di Julian Snively, proveniente dal cartone animato e dai fumetti Archie. Grimer è stato determinante nella creazione di Metallix the Metal Sonic, un nemico che ha avuto un ruolo di primo piano nella prima grande storia di Sonic in più parti di Sonic the Comic, un adattamento del videogioco Sonic CD intitolato "The Sonic Terminator".

Knuckles the Echidna e l'Isola Fluttuante, sono ebn presto esorditi in un adattamento di Sonic 3 & Knuckles. è successivamente apparso nelle sue stesse trame in cui tentava di saperne di più sulla sua perduta razza di Echidna e il loro rapporto sull'Isola Fluttuante e con i Chaos Emerald. Il fumetto ha anche introdotto personaggi originali come il pirata del cielo Capitan Plunder, il ribelle super-Badnik Shortfuse the Cybernik e il genio dell'ingegneria Tekno the Canary, che ogni tanto recitava nelle strisce a loro dedicate. L'incarnazione dei Chaotix ha stabilito la dimensione alternativa chiamata Zona Speciale come luogo principale e ha anche introdotto la Fratellanza di Metallix, un esercito di robot Metal Sonic che si ribellarono contro Robotnik e si imbarcarono in un piano per modificare la linea temporale e controllare Mobius.

Un elemento di Sonic the Comic che era distinto dalle altre fiction di Sonic era la rappresentazione della forma potenziata del protagonista, Super Sonic. In STC, Super Sonic era un mostruoso alter-ego senza inibizioni, il Mr. Hyde del Dottor Jekyll, in cui Sonic si trasformava in momenti di stress o in caso di esposizione ai Chaos Emerald. Le apparizioni di Super Sonic erano poche e distanti tra i primi ottanta numeri o più del fumetto, anche se divenne una minaccia prominente durante il build-up del numero 100. Seguendo una trama in cui l'energia del Chaos Emerald veniva trasferita da Sonic e nella Special Zone, Super Sonic ha continuato a esistere come entità separata, costringendo Sonic a perseguirlo. Dopo che Super Sonic è stato sconfitto congelato nel tempo all'interno dell'Omni-Viewer che salta in quota, Sonic è stato lasciato isolato nella zona speciale; su Mobius, Shortfuse si unì ai Freedom Fighters e Knuckles pose fine a una lunga ricerca per l'Isola Fluttuante. La successiva fuga di Super Sonic dall'Omni-Viewer ha innescato un impulso elettromagnetico su tutto il pianeta che l'Omni-Viewer ha spostato su Mobius, disattivando tutti i robot e i sistemi informatici di Robotnik. Senza tecnologia o truppe per proteggerlo, Robotnik è stato finalmente deposto come governatore di Mobius nel centesimo numero del fumetto.

Dopo aver stabilito il nuovo stato di gioco su Mobius -tra cui l'ormai amnesico super amico di Sonic del mago Ebony e il Pigiama psichico- la mossa successiva è stata l'adattamento di Sonic 3D Blast, che si è rivelato l'ultimo adattamento di un titolo del franchise per un lungo periodo di tempo. Anche se alla fine è stato poco più che l'uso dei diversi elementi del gioco (i Flicky, gli uccelli utilizzati per i Badniks e i viaggi dimensionali tramite i Mobius Rings), con l'aggiunta di un nuovo furfante Metallix (con il suo design basato stavolta su Knuckles), è stato un trampolino di lancio nel plasmare la direzione delle storie di Sonic fino alla conclusione della serie. La storia ha introdotto la razza aliena interdimensionale conosciuta come il Drakon Empire (girata da un punto della trama ciondolante da quasi cento albi precedenti), che si alleò con il dottor Robotnik nel tentativo di ottenere i Chaos Emerald, rivelando la loro precedente proprietà delle gemme in età precedente. Alleanze, tradimenti e doppi incroci culminarono nella fortunata cattura degli Emeralds da parte di Robotnik e un'epopea di quattro numeri in cui aveva poteri divini e rimodellò interamente Mobius, ma quando il suo corpo fu prosciugato dall'energia del caos, svanì in un sottomarino nella dimensione atomica.

Una serie di avventure dimensionali di Amy e Tekno hanno portato Mobius ad essere invaso per un breve periodo dalle forze militari terrestri, dopo le quali Sonic ha inseguito Grimer e Nack the Weasel nella loro ricerca per recuperare Robotnik. Intrappolato nel mondo subatomico di Shanazar, Sonic si è difficilmente adattato alla cultura locale e quando le avventure di Amy l'hanno portata a unirsi a lui sul pianeta, i due hanno esplorato le numerose zone del mondo molto diverse, combattendo una miriade di minacce. Robotnik aveva i suoi piani, tuttavia, usando la tecnologia dimensionale che portò Sonic, Grimer e Nack a Shanazar per allargare il mondo, fondendolo con Mobius in un evento in stile Crisi su Terre Infinite. Ora era possibile accedere alle zone di Shanazar dai portali di Mobius e varie porte sono state aperte in vari punti della storia della Terra. Infuriato per l'ennesimo fallimento, tuttavia, Robotnik ha deciso di portare a termine la sua lunga guerra con Sonic distruggendo Mobius una volta per tutte. Entrando in una partnership con la mente-alveare alieno di plastica vivente, The Plax, Robotnik ha usato la loro tecnologia per assorbire energia elementale da Mobius e dalla Terra, costringendo entrambi i mondi a un collasso ecologico totale. Il suo piano fu di nuovo sventato, tuttavia, da Shortfuse, che collegò la sua armatura alla macchina di Robotnik, annullando il danno e prosciugando l'energia dal cattivo, con l'ulteriore vantaggio del feedback che finalmente lo liberò dalla sua armatura.

Ciò si è rivelato essere una sconfitta di troppo per Robotnik; Ritirandosi fisicamente e mentalmente, ha languito nell'oscurità fino a quando Grimer, tentando di strappare il suo padrone dalla depressione, ha avviato gli eventi della trama finale del fumetto, l'adattamento di Sonic Adventure (anche se in pratica, questo si rivelerebbe l'adattamento di un gioco molto più sciolto, eppure, poiché l'approccio estremamente diverso del gioco era ampiamente incompatibile con l'universo del fumetto). Scoprendo un contenitore contenente una creatura di energia del caos vivente, Grimer scatenò il "Chaos" che induce la paura sui Freedom Fighters, uccidendo Johnny Lightfoot. Rampando dal controllo di Grimer, Chaos attaccò l'Isola Fluttuante, con l'intenzione di assorbire i Chaos Emerald; tuttavia, Knuckles ha gettato via gli smeraldi prima che potesse assorbirne più di uno, facendo precipitare l'isola stessa nell'oceano. Mentre Robotnik si preparava a radunare gli smeraldi per attirare tutti i giocatori della sua fortezza affinché tutti potessero morire insieme, Sonic viene trasportato nell'antico passato di Mobius da Tikal e Pachacamac, due membri dell'antica tribù degli Echidna del pianeta, dove assistette all'inizio della guerra tra gli Echidna e il Drakon Empire, le origini dei Chaos Emerald e di Chaos, che si rivelò essere un procuratore dei Drakon mutato dall'esposizione agli smeraldi. Ritornando al presente, Sonic è arrivato proprio nel momento in cui Chaos ha assorbito gli smeraldi rimasti e si è trasformato in Perfect Chaos. Il piano di suicidio di Robotnik fu tuttavia ostacolato dall'apparizione inaspettata di Super Sonic, morendo a causa dell'esaurimento della sua energia del caos. Assorbendo l'energia del Chaos, riportandolo alla sua forma Drakon, Super Sonic divenne di nuovo il suo vecchio sé malvagio e attivò i Freedom Fighters, finché Ebony non usò le sue magie per fondere nuovamente Sonic e Super Sonic.

Le storie originali di Sonic the Comic si sono concluse a questo punto con il numero 184, ma il fumetto è continuato fino al 223 con materiale ristampato da tutta la vita della rivista.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Eroi[modifica | modifica wikitesto]

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dottor Ivo Robotnik
  • Grimer Wormtongue
  • Super Sonic
  • Dottor Zachary
  • Metallix the Metal Sonic
  • Fratellanza dei Metallix
  • Comandante Brutus
  • Drakon Empire
  • Megatox
  • Nack the Weasel
  • Nutzan Bolt
  • Chaos
  • The Plax
  • Trogg
  • Lord Sidewinder
  • Max Gamble
  • Vermin the Cybernik
  • D.R.A.T.
  • Metamorphia
  • Fratelli Marxio
  • Colonnello Percy Granite
  • Windy Wallis
  • Cam e Bert
  • Vichama
  • Famiglia
  • Percival Kane

Fumetti non Sonic[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio di STC, tre delle quattro strisce in ogni numero provenivano da giochi diversi da Sonic. Dopo un po', sono stati gradualmente sostituiti dagli spin-off di Sonic.

Di questi, "Pirate STC" e le strisce "Megadroid" erano gli unici a non essere basati su un videogioco esistente; "Pirate STC" era basato su una serie di annunci per Sega Mega Drive e Mega-CD , mentre le strisce "Megadroid" erano basate sul robot ospite di Sonic the Comic.

Decap Attack[modifica | modifica wikitesto]

Decap Attack era un adattamento di un gioco per Sega Mega Drive. La striscia ha superato tutte le altre non riguardanti Sonic, apparentemente diventando il progetto per animali di Nigel Kitching. Richard Piers Rayner ha co-sceneggiato alcuni episodi e Mike McMahon ne ha disegnati diversi. La striscia conteneva un senso molto assurdo e maniacale dell'umorismo nero, che si occupava della vita quotidiana di Chuck, Head (il teschio parlante che, a causa del fastidio di Head, viene lanciato contro i nemici), il malvagio Igor (che cerca costantemente di uccidere Chuck) e lo stereotipato scienziato pazzo, il professor Frank N. Stein, che in realtà indossa il suo accento tedesco e viene davvero da Cardiff. L'avversario del gioco, Max D. Cap, è apparso solo due volte, insieme al suo aiutante contabile Rupert, che incoraggia costantemente Max a essere più stereotipicamente malvagio nei suoi modi. Nella prima storia, fu cacciato via dall'orrore della nuova creazione di Stein, una creatura clonata con mezzo cervello ("... un concorrente di Blockbuster!"); nel secondo, era responsabile del treno per l'inferno ("ora imbarco per Hell, Damnation e Milton Keynes") che trasportava nuove anime dannate.

Streets of Rage[modifica | modifica wikitesto]

Tre serie di fumetti basati sui giochi Streets of Rage Genesis/Mega Drive sono stati pubblicati su Sonic the Comic. La striscia è apparsa per la prima volta nel numero 7 di STC ed è stata scritta da Mark Millar e l'ultima storia di Streets Of Rage è partita da STC 41-46, scritta da Nigel Kitching. Tutte e tre le serie hanno presentato illustrazioni di Peter Richardson. La striscia è stata ambientata in una città governata dal signor X e dal suo gruppo criminale organizzato The Syndicate, che si sono opposti ai personaggi dei videogiochi Axel, Blaze, Max e successivamente Skate. Nella prima storia, Axel, Blaze e Max lasciano le forze di polizia e diventano vigilanti. Streets of Rage era più scuro e violento delle altre strisce di STC e le storie erano relativamente lunghe per il fumetto, essendo state raccontate in sei parti.

Pubblicazioni correlate[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a Sonic the Comic, sono stati pubblicati nove numeri di Sonic the Poster Mag. Questo fumetto consisteva in un poster di dimensioni A1, sul retro del quale era stampato un fumetto in sezioni di formato A4. Il poster è stato piegato per abbinare le pagine del fumetto. La maggior parte delle storie erano basate su Sonic, ma una era dedicata a Shinobi e un'altra a Streets of Rage. I numeri 1 e 2 non erano strisce. Il primo numero conteneva informazioni sulle due serie di cartoni animati (Le avventure di Sonic e SatAM) e il secondo suggerimento di gioco per Sonic Chaos. Nel 1994-1996 e nel 1999 sono stati pubblicati i Sonic Summer Specials. L'edizione del 1995 consisteva principalmente di materiale stampato da Sonic the Poster Mag e l'edizione del 1999 era interamente ristampata. Inoltre, nel 1996 è stato stampato Knuckles Knock-Out Special, contenente materiale dedicato al "rivale amico" di Sonic.

Virgin Books[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993, Virgin Publishing pubblicò quattro romanzi di Sonic, scritti da James Wallis, Carl Sargent e Marc Gascoigne sotto lo pseudonimo collettivo di "Martin Adams".[5] Questi erano basati sull'origine stabilita in Stay Sonic e condividevano molte somiglianze con il primo STC, tra cui l'origine di Robotnik e il cast precedente (Johnny, Porker, Sally Acorn[6], Joe Sushi e altri). Il secondo titolo, Sonic the Hedgehog nella Quarta Dimensione, prevedeva che un Sonic che viaggiava nel tempo fosse costretto a garantire che Kintobor diventasse Robotnik, al fine di salvare Mobius-diversi anni prima che STC presentasse un elemento simile alla trama.[7]

Sonic the Comic - Online![modifica | modifica wikitesto]

Una continuazione non ufficiale, creata dai fan del fumetto, Sonic the Comic - Online! (STC Online), ha iniziato la pubblicazione online dal maggio 2003.[8] Il fumetto online presenta vari contributi dalla community dei fan che continuano la storia da dove i fumetti si sono interrotti. Il sito ha anche ricevuto contributi dall'ex staff di STC, come lo scrittore Nigel Kitching e gli artisti Richard Elson e Nigel Dobbyn.[9][10]

GamesTM su STC[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo 87 ° numero, la rivista britannica di videogiochi GamesTM presentava un articolo di quattro pagine su "Sonic The Comic", intitolato "Paper With Attitude",[11][12] che includeva osservazioni di varie persone che lavoravano al fumetto come Nigel Kitching, scansioni del fumetto, uno schizzo di produzione di Capitan Plunder e la storia di STC. Tra i punti sollevati nell'articolo sono inclusi i seguenti:

  • A differenza di molti altri fumetti (come quelli creati da Marvel), qualsiasi disegno è stato disegnato solo dopo che STC è stato scritto completamente.
  • A metà strada del mandato di Roberto Corona, una nuova agenzia di licensing ha escogitato nuove linee guida per disegnare Sonic, che includeva la posizione, l'orientamento e il numero dei suoi picchi che variava da ogni angolo, il fatto che gli allievi di Sonic "dovevano sempre toccare qualche parte dell'esterno dei suoi occhi" e il fatto che non avrebbero mai potuto mostrare i denti di Sonic.
  • Esistevano restrizioni sulla quantità di violenza consentita. Una scena di linciaggio nella serie "Knuckles", ad esempio, è stata ridisegnata per posizionare il cappio attorno al suo corpo piuttosto che sul suo collo, mentre in una storia "Sonic" una pistola è stata ridisegnata per far scoppiare un dardo. C'era, tuttavia, più libertà nei confronti degli altri franchise Sega, come caratterizzato dalla serie "Decap Attack", in cui Kitching (nelle sue stesse parole) "ha fatto a meno dell'omicidio" e in termini di storia in cui il cervello del detective è stato fisicamente rimosso per cancellare i suoi ricordi, Kitching era "assurdamente fiero di questo per qualche motivo".
  • La mascotte Megadroid era la creazione di Richard Burton.
  • Nigel Kitching decise di rovesciare Robotnik nel 100° numero perché sentiva che il fatto che Robotnik rimanesse dittatore di Mobius nonostante il numero di volte in cui Sonic lo aveva sconfitto mandò un messaggio negativo: quel male "non può mai essere sconfitto".
  • Le sezioni di notizie, giochi e recensioni sono state rimosse in seguito durante la corsa del fumetto a causa di motivi di budget.
  • Sono stati fatti commenti positivi sulla continuazione non ufficiale di STC, STC Online. Nigel Kitching ha notato che le persone di STC Online "stanno producendo continuazioni piuttosto buone delle strisce STC". Roberto Corona ha osservato che non poteva dire "quanto sono impressionato dalla dedizione e dal talento che ha in STC Online", sentendo che è stato fantastico che "quei ragazzi si sono rifiutati di accettare la fine solo perché l'editore ha deciso di staccare la spina." Anche Andy Diggle era contento che STC trovasse una nuova casa, sottolineando che "È bello vedere che STC ha davvero una presenza online."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Yahoo! Groups, Groups.yahoo.com. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  2. ^ Yahoo! Groups, Groups.yahoo.com. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  3. ^ Yahoo! Groups, Groups.yahoo.com. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  4. ^ a b c Compare solo nella continuità online
  5. ^ Allan Sugarbaker, Interviews: James Wallis, in OgreCave.com, 24 settembre 2001. URL consultato il 22 gennaio 2012.
    «I teamed up with Carl Sargent and Marc Gascoigne to produce four more Sonic books, novels this time, for Virgin Publishing, under the pseudonym of 'Martin Adams'.».
  6. ^ In STC è una scoiattolina qualunque a differenza delle altre incarnazioni.
  7. ^ Allan Sugarbaker, Interviews: James Wallis, in OgreCave.com, 24 settembre 2001. URL consultato il 22 gennaio 2012.
  8. ^ Back Issues Zone, Stconline.co.uk. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  9. ^ Sonic the Comic - Online!, Stconline.co.uk. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  10. ^ Last Minute Continue, in Last Minute Continue. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  11. ^ Games™ Issue 87, in GamesTM - Official Website. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  12. ^ Sonic the Comic retrospective features in this months Games TM!, in SSMB. URL consultato il 18 dicembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]