Martín Castrogiovanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martín Castrogiovanni
Martin Castrogiovanni 2.jpg
Castrogiovanni durante Leicester - Benetton Treviso, Heineken Cup 2012-13
Dati biografici
Paese Argentina Argentina
Altezza 188 cm
Peso 117 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Italia Italia
Ruolo Pilone
Ritirato 2016
Carriera
Attività di club¹
2001-06 Calvisano 82 (40)
2006-13 Leicester 145 (40)
2013-15 Tolone 38 (5)
2015-16 Racing Métro 92 6 (0)
Attività da giocatore internazionale
2002-2016 Italia Italia 119 (60)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 23 marzo 2017

Martín Leandro Castrogiovanni (Paraná, 21 ottobre 1981) è un ex rugbista a 15 e personaggio televisivo argentino naturalizzato italiano, che giocava nel ruolo di pilone.

Insieme a Sergio Parisse è stato il terzo giocatore a raggiungere le cento presenze nella Nazionale italiana, preceduto solo da Alessandro Troncon e Andrea Lo Cicero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Argentina da famiglia di origine italiana di Enna[1], Castrogiovanni crebbe come pilone nella sezione rugbistica del Club Atlético Estudiantes di Paraná. Giunse in Italia nel 2001, a 20 anni[1], per il suo primo ingaggio professionistico, nelle file del Calvisano. Con il club lombardo Castrogiovanni disputò cinque stagioni, vincendo una volta il titolo di campione d'Italia e un'altra giungendo in finale ma perdendola; vinse inoltre una Coppa Italia.

Grazie ai suoi avi italiani, e non avendo mai rappresentato a livello seniores l'Argentina, Martín Castrogiovanni fu subito disponibile per la Nazionale, nella quale esordì nel 2002 in un test contro gli All Blacks ad Hamilton. Nel 2003 prese parte al suo primo Sei Nazioni, disputando tutte le edizioni tenutesi a tutto il 2013, e fece successivamente parte dei convocati dal CT John Kirwan per la Coppa del Mondo di rugby 2003 in Australia.

Nel 2006 si trasferì in Inghilterra, in Premiership nelle file del Leicester[2], con cui, alla fine della prima stagione, si aggiudicò il titolo nazionale e venne nominato "miglior giocatore dell'anno" (primo pilone insignito di questo riconoscimento). Anche il nuovo tecnico Pierre Berbizier lo inserì in pianta stabile nella rosa e lo convocò per la Coppa del Mondo di rugby 2007 in Francia. Sotto la conduzione tecnica del successivo CT Nick Mallett, nel corso del Sei Nazioni 2008 andò a meta nei primi quattro dei cinque incontri del torneo, contro Irlanda, Inghilterra, Galles e Francia.

Nel 2009 vinse il suo secondo titolo inglese con Leicester, ripetuto nel 2010. Prese parte alla Coppa del Mondo di rugby 2011, la sua terza consecutiva, e il nuovo CT Jacques Brunel, il quarto da cui fu utilizzato in Nazionale, confermò Castrogiovanni nel Sei Nazioni 2012 e in quello del 2013.

A giugno 2013, dopo avere vinto il suo quarto titolo di campione d'Inghilterra, Castrogiovanni lasciò Leicester per trasferirsi al Tolone[3][4]. Il 16 novembre 2013, in occasione di un test match a Cremona contro Figi, Castrogiovanni, insieme con Sergio Parisse, ha raggiunto le cento presenze in Nazionale italiana[5].

Castrogiovanni vanta anche un invito nei Barbarians per un incontro internazionale disputatosi il 1º giugno 2013 a Hong Kong quale match di apertura del tour dei British Lions diretti in Australia[6].

Nel 2013, come riconoscimento per la sua carriera nel massimo campionato inglese, Castrogiovanni è stato introdotto nella Premiership Rugby Hall of Fame[7] (inaugurata nello stesso anno); è l'unico giocatore italiano ad aver ottenuto tale riconoscimento. Ha vinto la Top14 al suo primo anno a Tolone e con lo stesso club nella stagione 2013-14 e 2014-15 si è aggiudicato la Heineken Cup. Nella stagione 2015-16 ha militato nel Racing Métro 92.

Uomo-chiave della prima linea italiana così come lo è stato dei Tigers, è dotato di un buon senso della meta e contro il Giappone, nel 2004, ha messo a segno tre marcature nello stesso test-match, mentre nel 2008 è stato il miglior metaman della Nazionale nel 6 Nazioni con tre mete. Storica la sua meta contro la Francia vicecampione del mondo che ha portato l'Italia alla vittoria e ha fatto esplodere di gioia gli oltre sessantamila dell'Olimpico (prima giornata del Sei Nazioni 2013).

Durante il Mondiale 2015 in Inghilterra è stato operato per l’asportazione di un neurinoma al plesso lombare. Dopo poco più di due mesi dall’operazione è tornato di nuovo in campo. Nel 2016 ha annunciato il suo ritiro, giocando la sua ultima partita con il Club Atlético Estudiantes di Paranà, la squadra con cui aveva iniziato a giocare a rugby.

Sostiene tra gli altri l'Ospedale Pediatrico Meyer, Telethon, Amref, le associazioni Olivia, La casa di Andrea, La Tartaruga.

Dal 2014 organizza la Castro Rugby Academy, camp estivo per ragazze e ragazzi dagli 8 ai 17 anni.

Carriera televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 ha condotto con Tessa Gelisio la serie di documentari culto de "Lo spettacolo della natura” in prima serata su ReteQuattro.

Nel 2016 conduce insieme al combattente di MMA Alessio Sakara Il più forte su DMAX del gruppo Discovery. Nel 2017 partecipa al talent show Ballando con le stelle, la cui prima puntata è andata in onda su Rai 1 la sera del 25 febbraio.

Dal 30 settembre 2017 conduce insieme a Belén Rodríguez e Alessio Sakara il programma Tú sí que vales su Canale 5.

A inizio 2018 è stato il primo protagonista di “Campi di Battaglia” su Alpha (canale 59 DDT), il programma che racconta al grande pubblico la vita e la carriera di sei personaggi dello sport direttamente dalla loro voce.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'ovale rimbalza male, Giunti, 2014.
  • Raggiungi la tua meta, Sperling&Kupfer, 2016.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Alessandra Retico, Le mischie di Castrogiovanni: "Vivo per il rugby, ma chi lo capisce?", in la Repubblica, 9 febbraio 2012. URL consultato il 15 febbraio 2012.
  2. ^ (EN) John Kirwan, Top-level Italian exports threaten to damage domestic product, in The Observer, 19 marzo 2006. URL consultato il 17 novembre 2013.
  3. ^ (EN) Mike Dawes, Toulon snap up Italian prop Castrogiovanni from Leicester after seven years with Tigers, in Daily Mail, 14 giugno 2013. URL consultato il 17 novembre 2013.
  4. ^ Paolo Ligammari e Roberto Iasoni, Castrogiovanni è (finalmente) un giocatore del Tolone, in Corriere della Sera, 14 giugno 2013. URL consultato il 17 novembre 2013.
  5. ^ Massimo Calandri, Parisse: "Con le Fiji giocare bene e fare risultato", in la Repubblica, 15 novembre 2013. URL consultato il 17 novembre 2013.
  6. ^ Massimo Calandri, Lo Cicero convocato nei Barbarians, in la Repubblica, 21 marzo 2013. URL consultato il 17 novembre 2013.
  7. ^ Copia archiviata, su premiershiprugby.com. URL consultato il 2 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]