Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Alessio Sakara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessio Sakara
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 84 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Pugilato, Jiu jitsu brasiliano
Categoria Pesi medi
Pesi medi
Squadra Stati Uniti American Top Team
Italia Legio's Team
Carriera
Incontri disputati

33

Soprannome Legionarius
Combatte da Stati Uniti Miami, Stati Uniti d'America
Vittorie 19
per knockout 13
per sottomissione 2
per decisione 4
Sconfitte 12
per knockout 4
per sottomissione 3
per decisione 3
No contest 2
Palmarès

UFC FN15 Knockout of the Night (Alessio Sakara vs. Joe Vedepo)

Statistiche aggiornate all'11 dicembre 2017

Alessio Sakara (Roma, 2 settembre 1981) è un artista marziale misto italiano.

Combatte nella divisione dei pesi mediomassimi nella federazione statunitense Bellator MMA.

È stato il primo italiano a competere nella promozione statunitense UFC, considerata la più prestigiosa in assoluto nel periodo nel quale Sakara ne fece parte, lottandovi dal 2005 al 2013 sia nella divisione dei pesi medi classificandosi primo sul podio che in quella dei pesi mediomassimi con un record parziale di sei vittorie e otto sconfitte. È in assoluto uno degli atleti europei più longevi per quanto riguarda l'esperienza in UFC[1].

A inizio carriera ha lottato in eventi di alcune organizzazioni di rilievo nazionale e continentale come Resa dei Conti, la britannica Cage Warriors, la russa M-1 Global e la brasiliana Jungle Fight.

Per il sito specializzato FightMatrix.com, che basa la sua classifica su un algoritmo che tiene conto dei risultati dei singoli atleti, Sakara è il trentacinquesimo mediomassimo più forte del mondo[2].

Vanta anche un record da pugile professionista di otto vittorie e una sconfitta[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Sakara può vantare una boxe pulita di buon livello per tecnica e stile e i suoi incontri sono spesso spettacolari, tant'è che molte sue vittorie sono venute per KO.

Benché faccia uso prevalentemente dello striking, Sakara è cintura nera di jiu jitsu brasiliano, ottenuta dopo la vittoria contro Thales Leites.

Di contro talvolta non sembra assorbire bene i colpi degli avversari, con diverse sconfitte per knock-out a testimoniarlo.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Alessio cresce a Pomezia, nella provincia di Roma. All'età di cinque anni inizia a giocare a calcio, nel ruolo di centrocampista. Si rende presto conto di dover imparare a difendersi sul campo da gioco, quindi, all'età di undici anni, inizia a praticare anche la boxe: come risultato ottiene sette ammonizioni e un'espulsione in un singolo campionato. Abbandona quindi il calcio e comincia a coltivare la sua passione per il pugilato.

Due anni dopo partecipa al suo primo torneo, dal quale esce vittorioso, conquistando la medaglia d'oro. Dopo tre vittorie consecutive al campionato pugilistico regionale arriva al titolo italiano, ma a causa di sentite difficoltà economiche si vede costretto a lasciare la nobile arte[4] e trovare lavoro. Nonostante ciò, in una palestra vicino a casa pratica il Sanda, riesce a conquistare il titolo italiano professionisti e arriva secondo ai mondiali.

A diciotto anni, seguendo il consiglio di un amico, parte per la Colombia, dove disputa quattro match di boxe che si concludono con tre vittorie e una sconfitta. Presa la decisione di stabilirsi nel paese sudamericano arriva la cartolina dall'Italia del precetto militare, quindi torna nel proprio paese.

Durante il breve soggiorno, Alessio trova lavoro come addetto alla sicurezza di una discoteca e viene a conoscenza dello sport delle arti marziali miste, grazie a un amico che gli mostra la videocassetta del primo torneo UFC della storia. Una sera, durante le ore di lavoro, ha la fortuna di incontrare il brasiliano Roberto Almeida, che poi diventerà il suo primo maestro di MMA.

Il primo match di vale tudo per Sakara finisce al meglio per lui e inizia quindi a competere a livelli europei ottenendo ottimi risultati.

Alessio decide di pagarsi un viaggio di sei mesi in Brasile. Trascorso questo periodo sente la necessità di ritornare, quindi vende la sua moto e si trasferisce nuovamente nella terra del BJJ. Qui impara molto, dal modo di combattere alla vita del fighter, e si allena con i fratelli Nogueira e Ricardo Della Riva, che gli conferisce la cintura viola.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 si trasferisce nuovamente, stavolta negli Stati Uniti, dove ha modo di allenarsi con Marco Ruas, che gli conferisce la cintura marrone.

Il 2008 è l'anno della svolta per Alessio, che viene selezionato e invitato ad entrare nell'American Top Team, uno dei team più importanti del mondo della MMA. A marzo dello stesso anno decide di scendere di categoria, passando dai massimi leggeri (93 kg) ai pesi medi (84 kg) e combatte, perdendo, il primo match in questa categoria con Chris Leben; a settembre si batte invece con Joe Vedepo vincendo per K.O. al primo round con un perfetto High Kick.

Torna finalmente nell'ottagono ad agosto 2009 vincendo l'incontro con Thales Leites. Sakara vince grazie ad un'attenta strategia e ad un elaborato game plan; inoltre, nelle fasi di lotta a terra, mostra un ottimo Jiu Jitsu, riuscendo ad eludere i takedowns del brasiliano e svincolandosi ogni volta finiti al suolo. Dopo questa vittoria ad Alessio è stata conferita la cintura nera in jiu jitsu brasiliano. Nel 2010 combatte contro James Irvin, sconfiggendolo per KO tecnico alla prima ripresa con un Hammer Fist all'occhio. Dopo questo combattimento Sakara raggiunge la quattordicesima posizione nel ranking mondiale dei pesi medi di MMA.

Nel 2012 Sakara combatte contro Brian Stann, al tempo un top 10 della categoria dei pesi medi, e viene sconfitto per KO durante la prima ripresa.

Nell'incontro successivo è chiamato a sfidare il franco-canadese Patrick Côté a Montréal, dove l'avversario poteva contare sul tifo del suo pubblico: contro un avversario munito di pugno da KO e mento granitico Sakara stupisce riuscendo a stendere il canadese prima con una gomitata e poi con una serie di pugni alla testa; molti dei pugni sferrati dall'italiano nell'intento di finire l'avversario colpirono la nuca, parte della testa che da regolamento non può essere percossa, e l'arbitro Miragliotta, nonostante durante il combattimento non interrompesse Sakara e non lo redarguisse per i colpi scorretti, decise di squalificare l'italiano a match concluso. Si trattò della terza sconfitta consecutiva per Sakara, la cui ultima vittoria risaliva al 21 marzo 2010.

Successivamente all'incontro Alessio e il suo manager Lex McMahon si appellarono alla commissione del Québec nel tentativo di far cambiare il risultato dell'incontro in un no contest, ma la commissione respinse il ricorso ritenendo la decisione arbitrale "finale e inappellabile"[5].

Nel novembre 2012 firma un nuovo contratto con l'UFC valido per cinque incontri[6]. A marzo 2013 avrebbe dovuto affrontare nuovamente Côté ma venne bloccato da un problema ai reni e nel frattempo il suo avversario scese nella categoria dei pesi welter.

Dopo alcuni problemi ai reni (che lo tennero lontano dalla gabbia per diversi mesi) e dopo aver partecipato alla seconda edizione del programma televisivo Pechino Express, nell'ottobre 2013 avrebbe dovuto affrontare Tom Watson, ma l'inglese diede forfait a causa di un infortunio e venne sostituito con lo svedese Magnus Cedenblad, il quale fu vittima anch'egli di un infortunio e alla fine ad accettare la sfida fu il debuttante Nico Musoke, il quale generalmente lottava nei pesi welter: Sakara venne sconfitto per sottomissione al primo round.

Nel dicembre 2013 venne ufficializzato il suo licenziamento dalla promozione: Sakara concluse così una carriera in UFC che durava da ben otto anni, chiudendo con un record parziale nell'organizzazione di 6-8 e un no contest (3-3 nei pesi mediomassimi, 3-5 nei pesi medi) e lasciando la federazione priva di atleti italiani[7]; data la difficoltà per Sakara nel tagliare il peso per rientrare nella divisione dei pesi medi, l'atleta romano prende la decisione di tornare a competere nei massimi leggeri[8].

Final Fight Championship[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 entra a far parte del roster dei mediomassimi della promozione croata Final Fight Championship, la quale organizzava eventi che prevedevano sia incontri di MMA con regolamento Pride che incontri di kickboxing con regolamento K-1[9].

Sakara avrebbe dovuto esordire il 31 ottobre a Parenzo contro il polacco Maciej Browarski (record 11-6)[10], ma successivamente il match venne spostato a dicembre come parte di un altro evento a Vienna: in un incontro dominato sin dall'inizio, in seguito ad un gancio sinistro subì la rottura del tendine del bicipite e dovette dichiarare la resa[11].

Il 18 settembre 2015, all'evento FFC 19 nella città di Linz, Sakara affronta il libanese naturalizzato tedesco Dib Akil (record 2-2), vincendo per KO tecnico al primo round dopo che il suo avversario si infortuna una mano.

Bellator MMA[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 novembre viene annunciata la firma di Sakara per la promozione Bellator MMA.

Ad aprile del 2016 Alessio debuttò affrontando l'americano Brian Rogers all'evento Bellator 152, organizzato per la prima volta in Italia. A metà del secondo round, Alessio andò a segno con un gancio destro che stordì pesantemente Rogers e con un diretto destro pose fine all'incontro per KO.

Il 10 dicembre affronta al suo secondo incontro in Bellator, Joey Beltran nel main event di Bellator 168. Sakara ottiene la vittoria per KO al primo round.

Il 27 aprile 2017 annuncia che affronterà Rafael Carvalho per il titolo dei pesi medi il 9 dicembre, tornando così a combattere nella categoria dei pesi medi dopo quattro anni di assenza. L'incontro si è concluso con la sconfitta di Sakara, per KO alla prima ripresa.[12]

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 20-12 (2) Inghilterra Jamie Sloane KO Tecnico (Pugni) Bellator 203 14 luglio 2018 1 1:19 Italia Roma, Italia
Sconfitta 19-12 (2) Brasile Rafael Carvalho KO (pugni e gomitata) Bellator 190 9 dicembre 2017 1 0:45 Italia Firenze, Italia Per il titolo dei pesi medi Bellator MMA
Vittoria 19-11 (2) Stati Uniti Joey Beltran KO (pugni) Bellator CLXVIII 10 dicembre 2016 1 1:20 Italia Firenze, Italia
Vittoria 18-11 (2) Stati Uniti Brian Rogers KO (pugni) Bellator CLII 16 aprile 2016 2 2:29 Italia Torino, Italia Debutto in Bellator MMA
Vittoria 17-11 (2) Germania Dib Akil KO Tecnico (infortunio) Final Fight Championship 19 18 settembre 2015 1 2:27 Austria Linz, Austria
No Contest 16-11 (2) Polonia Maciej Browarski No Contest (infortunio) Final Fight Championship 16 6 dicembre 2014 1 3:20 Austria Vienna, Austria Debutto in FFC Pesi Mediomassimi
Sconfitta 16-11 (1) Svezia Nico Musoke Sottomissione (armbar) UFC Fight Night: Machida vs. Muñoz 26 ottobre 2013 1 3:07 Regno Unito Manchester, Regno Unito
Sconfitta 16-10 (1) Canada Patrick Côté Squalifica (pugni alla nuca) UFC 154: St-Pierre vs. Condit 17 novembre 2012 1 1:26 Canada Montréal, Canada
Sconfitta 16–9 (1) Stati Uniti Brian Stann KO (pugni) UFC on Fuel TV: Gustafsson vs. Silva 14 aprile 2012 1 2:26 Svezia Stoccolma, Svezia
Sconfitta 16–8 (1) Stati Uniti Chris Weidman Decisione (unanime) UFC Live: Sanchez vs. Kampmann 3 marzo 2011 3 5:00 Stati Uniti Louisville, Stati Uniti
Vittoria 16–7 (1) Stati Uniti James Irvin KO Tecnico (pugno) UFC Live: Vera vs. Jones 21 marzo 2010 1 3:01 Stati Uniti Broomfield, Stati Uniti
Vittoria 15–7 (1) Brasile Thales Leites Decisione (non unanime) UFC 101: Declaration 8 agosto 2009 3 5:00 Stati Uniti Filadelfia, Stati Uniti
Vittoria 14–7 (1) Stati Uniti Joe Vedepo KO (calcio alla testa) UFC Fight Night: Diaz vs. Neer 17 settembre 2008 1 1:27 Stati Uniti Omaha, Stati Uniti
Sconfitta 13–7 (1) Stati Uniti Chris Leben KO Tecnico (pugni) UFC 82: Pride of a Champion 1 marzo 2008 1 3:16 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti Passa ai Pesi Medi
Vittoria 13–6 (1) Stati Uniti James Lee KO (pugni) UFC 80: Rapid Fire 19 gennaio 2008 1 1:30 Regno Unito Newcastle, Regno Unito
Sconfitta 12–6 (1) Stati Uniti Houston Alexander KO Tecnico (ginocchiata e pugni) UFC 75: Champion vs. Champion 8 settembre 2007 1 1:01 Regno Unito Londra, Regno Unito
Vittoria 12–5 (1) Canada Victor Valimaki KO (pugni) UFC 70: Nations Collide 21 aprile 2007 1 1:44 Regno Unito Manchester, Regno Unito
Sconfitta 11–5 (1) Stati Uniti Drew McFedries KO Tecnico (pugni) UFC 65: Bad Intentions 18 novembre 2006 1 4:07 Stati Uniti Sacramento, Stati Uniti
Sconfitta 11–4 (1) Stati Uniti Dean Lister Sottomissione (triangolo) UFC 60: Hughes vs. Gracie 27 maggio 2006 1 1:20 Stati Uniti Los Angeles, Stati Uniti
Vittoria 11–3 (1) Australia Elvis Sinosic Decisione (unanime) UFC 57: Liddell vs. Couture 3 4 febbraio 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
No Contest 10–3 (1) Stati Uniti Ron Faircloth No Contest (colpo all'inguine) UFC 55: Fury 7 ottobre 2005 2 0:10 Stati Uniti Uncasville, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 10–3 Francia Frank Amaugou Decisione (unanime) King of the Ring 19 febbraio 2005 2 5:00 Italia Milano, Italia
Vittoria 9–3 Ungheria Tihamer Brunner KO Tecnico Ring Fight 20 novembre 2004 - - Italia Bergamo, Italia
Sconfitta 8–3 Brasile Assuerio Silva Decisione (unanime) Jungle Fight 3 23 ottobre 2004 3 5:00 Brasile Manaus, Brasile
Vittoria 8–2 Brasile Eduardo Maiorino KO Real Fight 1 30 luglio 2004 1 0:30 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 7–2 Corea del Sud Yeon Jung KO (pugni) WXF: X-Impact World Championships 2003 3 dicembre 2003 1 2:02 Corea del Sud Seul, Corea del Sud
Vittoria 6–2 Brasile Rafael Tatu KO Tecnico (stop medico) Meca World Vale Tudo 9 1º agosto 2003 2 4:18 Brasile Rio de Janeiro, Brasile
Vittoria 5–2 Francia Damien Riccio Decisione Martial Arts Day 11 maggio 2003 2 6:00 Italia Roma, Italia
Vittoria 4–2 Francia David Mortelette KO Tecnico (pugni) Resa Dei Conti 6 20 dicembre 2002 1 1:12 Italia Livorno, Italia
Sconfitta 3–2 Russia Roman Zentsov Decisione (unanime) M-1 MFC: Russia vs. the World 4 15 novembre 2002 2 5:00 Russia San Pietroburgo, Russia
Sconfitta 3–1 Regno Unito Simon Holmes Sottomissione (rear naked choke) Cage Warriors 1: Armageddon 27 luglio 2002 1 4:50 Regno Unito Londra, Regno Unito Torneo Cage Warriors 1, Finale
Vittoria 3–0 Regno Unito Adam Woolmer Sottomissione (kimura) Cage Warriors 1: Armageddon 27 luglio 2002 1 0:21 Regno Unito Londra, Regno Unito Torneo Cage Warriors 1, Semifinale
Vittoria 2–0 Italia Mastioli Sottomissione (armbar) Fight Night 21 giugno 2002 1 0:20 Italia Pomezia, Italia
Vittoria 1–0 Italia Di Clementi KO Fight Night 21 giugno 2002 1 0:13 Italia Pomezia, Italia

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]