Michele Rizzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Rizzo
Michele Rizzo cropped.jpg
Rizzo nel 2013 in Heineken Cup
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 115 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Pilone
Ritirato 2020
Carriera
Attività di club[1]
2000-09Petrarca56 (20)
2009-10Benetton14 (0)
2014-18Leicester23 (5)
2018-20Petrarca24 (5)
Attività in franchise
2010-14Benetton54 (10)
2017-18Edimburgo8 (0)
Attività da giocatore internazionale
2005-17Italia Italia23 (5)
Attività da allenatore
2020-Verona U19

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 26 marzo 2020

Michele Rizzo (Dolo, 16 settembre 1982) è un ex rugbista a 15 e allenatore di rugby a 15 italiano, in carriera attivo nel ruolo di pilone e 23 volte internazionale per l'Italia con cui prese parte alla Coppa del Mondo 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Dolo ma cresciuto a Padova dove frequentò il locale istituto alberghiero, si formò rugbisticamente nel Petrarca[1] con cui esordì in Serie A1 nel 2001 contro Viadana. Con la squadra in maglia nera Rizzo vanta il successo in Coppa Italia nella stagione d'esordio, vinta battendo in finale il Parma, e il debutto in nazionale con il C.T. Pierre Berbizier, che il 25 giugno 2005 lo fece entrare in campo nel secondo tempo del test match di Melbourne contro l'Australia[2].

Nelle ultime due stagioni al Petrarca fu capitano del club. Trasferitosi al Benetton nel 2009, vinse la Coppa Italia e il suo primo titolo di campione nazionale battendo a Roma il Viadana nella finale 2009-10[3], proprio nel torneo d'addio del club biancoverde al campionato italiano prima della migrazione in Celtic League. Debuttò nel Sei Nazioni nell'edizione del 2012 in occasione della sua terza presenza in Nazionale, schierato titolare per la partita di Dublino contro l'Irlanda da Jacques Brunel, il suo terzo commissario tecnico.

Rizzo rimase a Treviso fino a giugno 2014, quando fu ingaggiato in Premiership dal Leicester[4]. L'anno seguente Brunel lo convocò nella rosa che prese parte alla Coppa del Mondo 2015 in Inghilterra nel corso della quale, contro il Canada, realizzò la sua prima meta in nazionale. Contro l'Irlanda, nell'ultima partita del girone, subì la lesione del legamento crociato anteriore e lo stiramento del collaterale mediale del ginocchio sinistro che lo tennero fuori dal campo per tutta la stagione 2015-16[5].

Tornato in campo a Leicester in Premiership 2016-17, disputò solo 4 incontri, e nel 2017 fu in campo per il suo quinto Sei Nazioni con il quarto commissario tecnico a seguire, Conor O'Shea[6]. Nel 2016-17 fu prestato alla franchise scozzese dell'Edimburgo in Pro14 come rimpiazzo medico[7] e, dopo 8 incontri totali, tornò a Leicester per terminare la stagione e tornare in Italia nel maggio 2018, di nuovo ingaggiato al Petrarca con un contratto biennale da giocatore in prima squadra e allenatore nello staff tecnico della Under 18[8]. Disputò il suo ultimo incontro in nazionale a Twickenham contro l'Inghilterra nel Sei Nazioni 2017.

Il 27 marzo 2020, in anticipo sulla fine del contratto da giocatore, Rizzo annunciò il termine della sua carriera da giocatore[2], ritiro anticipato a causa della sospensione definitiva dei campionati decisa il giorno prima dalla Federazione Italiana Rugby a seguito dell'emergenza dovuta alla pandemia di COVID-18[9].

Dal 2020 è allenatore dell’U19 del Verona Rugby

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al valore atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valore atletico
«Campione italiano (brevetto 30061)[10]»
— 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sei Nazioni, Pavanello è a rischio di squalifica, in la Tribuna di Treviso, 25 gennaio 2012. URL consultato il 26 maggio 2012.
  2. ^ a b Michele Rizzo, 23 caps azzurri, annuncia il ritiro dal rugby, su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 28 marzo 2020. URL consultato il 28 marzo 2020.
  3. ^ Simone Battaggia, Treviso, ecco il 15º scudetto: in finale battuta Viadana, in la Gazzetta dello Sport, 29 maggio 2010. URL consultato il 29 maggio 2010.
  4. ^ (EN) Leicester Tigers sign Italian prop Michele Rizzo, in BBC, 23 giugno 2014. URL consultato il 23 giugno 2014.
  5. ^ (EN) «It's a privilege to be here», says Rizzo, su leicestertigers.com, Leicester Tigers, 6 aprile 2017. URL consultato il 9 febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2018).
  6. ^ Rugby, Sei Nazioni: Rizzo spinge l'Italia: «Vietato sbagliare», in la Gazzetta dello Sport, 25 febbraio 2017. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  7. ^ (EN) Rizzo joins Edinburgh on short-term loan, su edinburghrugby.org, Edinburgh Rugby, 28 agosto 2017. URL consultato il 30 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2017).
  8. ^ Michele Rizzo torna al Petrarca, su petrarcarugby.it, Petrarca Rugby, 30 maggio 2018. URL consultato il 5 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2020).
  9. ^ La F.I.R. annuncia la sospensione definitiva della stagione 2019-20, su federugby.it, Federazione Italiana Rugby, 26 marzo 2020. URL consultato il 27 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2020).
  10. ^ Benemerenze sportive: Michele Rizzo, su coni.it, Comitato olimpico nazionale italiano. URL consultato il 9 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]