Coppa del Mondo di rugby 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coppa del Mondo di rugby 2015
2015 Rugby World Cup
Logo della competizione
Competizione Coppa del Mondo di rugby
Sport Rugby union pictogram.svg rugby a 15
Edizione
Organizzatore World RugbyRFU
Date dal 18 settembre
al 31 ottobre 2015
Paese organizz. Inghilterra Inghilterra
Luogo Gran Bretagna Gran Bretagna
Partecipanti 20 (84 alle qualificazioni)
Formula A gironi + play-off
Sede finale Twickenham, Londra
Sito Web rugbyworldcup.com
Risultati
Vincitore Nuova Zelanda Nuova Zelanda
(3º titolo)
Finalista Australia Australia
Terzo Sudafrica Sudafrica
Quarto Argentina Argentina
Statistiche (al 31 ottobre 2015)
Miglior marcatore Argentina Nicolás Sánchez (97)
Record mete Nuova Zelanda Julian Savea (8)
Incontri disputati 48
Pubblico 2 477 805
(51 621 per incontro)
England vs Australia 2015 RWC (2).jpg
Una fase di Inghilterra-Australia 13-33 nella fase a gironi
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2011 2019 Right arrow.svg

La Coppa del Mondo di rugby 2015 fu l'8ª edizione della Coppa del Mondo di rugby, tenutasi dal 18 settembre al 31 ottobre 2015. La Federazione organizzatrice fu l'Inghilterra, anche se il Galles, con Cardiff, fornì una sede.

La competizione vide la partecipazione di 20 squadre, 12 delle quali già qualificate di diritto in virtù dei piazzamenti nella precedente Coppa del Mondo di rugby 2011; le rimanenti 8 furono decise tramite le qualificazioni continentali e gli spareggi di ripescaggio intercontinentali.

Il calendario della competizione fu sorteggiato il 3 dicembre 2012 a Londra a qualificazioni ancora in corso[1].

Vincitrice della competizione fu la campione uscente Nuova Zelanda, prima squadra a vincere tre Coppe del Mondo e due consecutive; per gli All Blacks si tratta anche della prima vittoria non da Federazione ospitante. Per la prima volta nella storia del torneo nessuna squadra dell'Emisfero Nord riuscì a raggiungere le semifinali, che furono disputate da Argentina, Australia, Nuova Zelanda e Sudafrica; fu anche la prima volta che la squadra della Federazione ospite, l'Inghilterra, non accedette alla fase a eliminazione diretta.

Dal punto di vista finanziario, nonostante la precoce eliminazione della formazione di casa, World Rugby, l'organismo mondiale di governo della disciplina e organizzatore della Coppa del Mondo, nel diramare le cifre della competizione dichiarò un ammontare record di 2 477 805 biglietti venduti, per un incasso di più di 250 milioni di sterline, 15 dei quali destinati alle attività di sviluppo della federazione ospitante[2].

Squadre qualificate[modifica | modifica wikitesto]

Sono già qualificate tutte le squadre che abbiano partecipato alla fase eliminatoria e le terze classificate nel proprio girone di qualificazione della Coppa del Mondo di rugby 2011; l'Inghilterra, a prescindere dalla qualificazione guadagnata per i criteri anzidetti, è anche partecipante di diritto in quanto Federazione organizzatrice. Otto squadre provengono dai turni di qualificazione continentali (due ciascuna da Europa e Americhe, una ciascuna da Africa, Asia e Oceania, più la ventesima proveniente dai ripescaggi tra le migliori non qualificate di ciascun gruppo continentale eccetto l'Oceania).

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni alla Coppa del Mondo di rugby 2015.

Questo il quadro delle qualificazioni:

Fase Africa Americhe Asia Europa Oceania Ripescaggi
Qualificate d'ufficio
Schema qualificazioni

Queste stesse squadre hanno partecipato tutte alla Coppa del mondo del 2003.

Impianti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Impianti della Coppa del Mondo di rugby 2015 .
Città Impianto Capacità Incontri
Birmingham Villa Park 42 788 2
Brighton Falmer Stadium 30 700 2
Cardiff Millennium Stadium 74 500 8
Exeter Sandy Park 12 500 3
Gloucester Kingsholm 16 500 4
Leeds Elland Road 37 900 2
Leicester Leicester City Stadium 32 262 2
Londra The Stadium 54 000 5
Twickenham 82 000 10
Wembley 90 000 2
Manchester City of Manchester Stadium 56 000 1
Milton Keynes stadiummk 30 500 4
Newcastle upon Tyne St James' Park 52 387 3

Gironi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo turno, fase a gironi sorteggiati il 3 dicembre 2012 a Londra, vede le venti squadre suddivise in quattro gironi all'italiana. Sono previste dieci partite per girone, in cui ogni squadra affronta una partita contro ciascuna delle altre squadre dello stesso gruppo[1].

Gruppo A Gruppo B Gruppo C Gruppo D

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Fase a gironi della Coppa del Mondo di rugby 2015 .

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
18-9-2015 InghilterraFigi 35-11 Londra
20-9-2015 GallesUruguay 54-9 Cardiff
23-9-2015 AustraliaFigi 28-13 Cardiff
26-9-2015 InghilterraGalles 25-28 Londra
27-9-2015 AustraliaUruguay 65-3 Birmingham
1-10-2015 GallesFigi 23-13 Cardiff
3-10-2015 InghilterraAustralia 13-33 Londra
6-10-2015 FigiUruguay 47-15 Milton Keynes
10-10-2015 AustraliaGalles 15-6 Londra
10-10-2015 InghilterraUruguay 60-3 Manchester

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
A1 Australia Australia 4 4 0 0 141 35 +106 17 2 1 17
A2 Galles Galles 4 3 0 1 111 62 +49 11 2 1 13
A3 Inghilterra Inghilterra 4 2 0 2 133 79 +58 16 5 3 11
Figi Figi 4 1 0 3 84 101 -17 10 11 1 5
Uruguay Uruguay 4 0 0 4 30 226 -196 2 26 0 0

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
19-9-2015 SudafricaGiappone 32-34 Brighton
20-9-2015 SamoaStati Uniti 25-16 Brighton
23-9-2015 ScoziaGiappone 45-10 Gloucester
26-9-2015 SudafricaSamoa 46-6 Birmingham
27-9-2015 ScoziaStati Uniti 39-16 Leeds
3-10-2015 SamoaGiappone 5-26 Milton Keynes
3-10-2015 SudafricaScozia 34-16 Newcastle
7-10-2015 SudafricaStati Uniti 64-0 Londra
10-10-2015 SamoaScozia 33-36 Newcastle
11-10-2015 Stati UnitiGiappone 18-28 Gloucester

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
B1 Sudafrica Sudafrica 4 3 0 1 176 56 +120 23 4 4 16
B2 Scozia Scozia 4 3 0 1 136 93 +43 14 9 2 14
B3 Giappone Giappone 4 3 0 1 98 100 -2 9 12 2 12
Samoa Samoa 4 1 0 3 69 124 -52 7 13 2 6
Stati Uniti Stati Uniti 4 0 0 4 50 156 -93 5 20 0 0

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
19-9-2015 TongaGeorgia 10-17 Gloucester
20-9-2015 Nuova ZelandaArgentina 26-16 Londra
24-9-2015 Nuova ZelandaNamibia 58-14 Londra
25-9-2015 ArgentinaGeorgia 54-9 Gloucester
29-9-2015 TongaNamibia 35-21 Exeter
2-10-2015 Nuova ZelandaGeorgia 43-10 Cardiff
4-10-2015 ArgentinaTonga 45-16 Leicester
7-10-2015 NamibiaGeorgia 16-17 Exeter
9-10-2015 Nuova ZelandaTonga 47-9 Newcastle
11-10-2015 ArgentinaNamibia 64-19 Leicester

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
C1 Nuova Zelanda Nuova Zelanda 4 4 0 0 174 49 +125 25 3 3 19
C2 Argentina Argentina 4 3 0 1 179 70 +109 22 7 3 15
C3 Georgia Georgia 4 2 0 2 53 123 -70 10 11 2 8
Tonga Tonga 4 1 0 3 61 83 -22 8 10 2 6
Namibia Namibia 4 0 0 4 70 174 -104 8 25 1 1

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Data Incontro Risultato Sede
19-9-2015 IrlandaCanada 50-7 Cardiff
19-9-2015 FranciaItalia 32-10 Londra
23-9-2015 FranciaRomania 38-11 Londra
26-9-2015 ItaliaCanada 23-18 Leeds
27-9-2015 IrlandaRomania 44-10 Londra
1-10-2015 FranciaCanada 41-18 Milton Keynes
4-10-2015 IrlandaItalia 16-9 Londra
6-10-2015 CanadaRomania 16-17 Milton Keynes
11-10-2015 ItaliaRomania 32-22 Exeter
11-10-2015 FranciaIrlanda 9-24 Cardiff

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- MF MS BP PT
D1 Irlanda Irlanda 4 4 0 0 134 35 +99 16 2 2 18
D2 Francia Francia 4 3 0 1 120 63 +57 12 6 2 14
D3 Italia Italia 4 2 0 2 74 88 -14 7 8 2 10
Romania Romania 4 1 0 3 60 129 -69 7 17 0 4
Canada Canada 4 0 0 4 58 131 -73 7 16 2 2

Fase a playoff[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
17 ottobre, Londra
  Sudafrica Sudafrica   23
24 ottobre, Londra
  Galles Galles   19  
  Sudafrica Sudafrica   18
17 ottobre, Cardiff
    Nuova Zelanda Nuova Zelanda   20  
  Nuova Zelanda Nuova Zelanda   62
31 ottobre, Londra
  Francia Francia   13  
  Nuova Zelanda Nuova Zelanda   34
18 ottobre, Cardiff
    Australia Australia   17
  Irlanda Irlanda   20
25 ottobre, Londra
  Argentina Argentina   43  
  Argentina Argentina   15 Finale 3º posto
18 ottobre, Londra
    Australia Australia   29  
  Australia Australia   35   Sudafrica Sudafrica   24
  Scozia Scozia   34     Argentina Argentina   13
30 ottobre, Londra

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Londra
17 ottobre 2015, ore 16 BST
Sudafrica Sudafrica 23 – 19
referto
Galles Galles Twickenham (79 572 spett.)
Arbitro Inghilterra Wayne Barnes

Cardiff
17 ottobre 2015, ore 20 BST
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 62 – 13
referto
Francia Francia Millennium Stadium (71 619 spett.)
Arbitro Galles Nigel Owens

Cardiff
18 ottobre 2015, ore 13 BST
Irlanda Irlanda 20 – 43
referto
Argentina Argentina Millennium Stadium (72 316 spett.)
Arbitro Francia Jérôme Garcès

Londra
18 ottobre 2015, ore 16 BST
Australia Australia 35 – 34
referto
Scozia Scozia Twickenham (77 110 spett.)
Arbitro Sudafrica Craig Joubert

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Londra
24 ottobre 2015, ore 16 BST
Sudafrica Sudafrica 18 – 20
referto
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Twickenham (80 090 spett.)
Arbitro Francia Jérôme Garcès

Londra
25 ottobre 2015, ore 16 UTC
Argentina Argentina 15 – 29
referto
Australia Australia Twickenham (80 025 spett.)
Arbitro Inghilterra Wayne Barnes

Finale per il 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Londra
30 ottobre 2015, ore 20 UTC
Sudafrica Sudafrica 24 – 13
referto
Argentina Argentina The Stadium (55 925 spett.)
Arbitro Irlanda John Lacey

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Londra
31 ottobre 2015, ore 16 UTC
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 34 – 17
referto
Australia Australia Twickenham
Arbitro Galles Nigel Owens

Statistiche giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Diritti televisivi[modifica | modifica wikitesto]

La Coppa del Mondo 2015 è stata trasmessa in 158 paesi.

nazione rete televisiva
Argentina ESPN Latinoamérica, TV Publìca
Australia Fox Sports, Nine Network
Brasile ESPN Brasil
Canada TSN, RDS
Repubblica Ceca Česká televize
Figi Fiji TV
Francia TF1, Canal+
Georgia 1TV
Ungheria Digisport
India Sony SIX
Irlanda TV3, 3e
Israele Sport 1
Italia Sky Sport
Giappone J Sports, NHK, Nippon Television
Paesi Bassi RTL 7
Nuova Zelanda Sky Sports
Polonia Polsat
Portogallo Sport TV
Romania Digisport
Russia Peretz
Samoa Sky Pacific
Sud Africa SuperSport TV, SABC
Spagna Canal + Deportes
Regno Unito ITV, BBC Radio, S4C
Stati Uniti d'America Universal Sports, NBC
Uruguay Teledoce

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Massimo Calandri, Rugby, coppa del mondo 2015: l'Italia pesca Francia e Irlanda, in la Repubblica, 3 dicembre 2012. URL consultato il 2 novembre 2015.
  2. ^ (EN) RWC 2015 declared biggest and best tournament to date, su rugbyworldcup.com, World Rugby, 1º novembre 2015. URL consultato il 1º novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2015).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby