Andrea Masi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Andrea Masi
2011-02-05 Rugby Andrea Masi ITA - IRL 6 Nations cropped.jpg
Andrea Masi prima di Italia - Irlanda del Sei Nazioni 2011
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 105 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Utility back
Ritirato 2016
Carriera
Attività di club¹
1997-2003 L’Aquila 103 (159)
2003-2006 Viadana 44 (50)
2006-2009 Biarritz 45 (20)
2009-2011 Racing Métro 92 33 (20)
2011-2012 Aironi 8 (0)
2012-2016 Wasps 59 (20)
Attività da giocatore internazionale
1999-2015 Italia Italia 95 (65)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 22 giugno 2016

Andrea Masi (L'Aquila, 30 marzo 1981) è un ex rugbista a 15 italiano il cui ruolo d'elezione era tre quarti centro, benché fosse tatticamente adattabile anche a ricoprire quelli di ala, estremo o apertura.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esordiente in campionato a 16 anni (15 novembre 1997) con la maglia del club della sua città natale come mediano d'apertura (ruolo nel quale, come ammise più tardi, era limitato tecnicamente perché non sa calciare[1]), Masi fu anche molto precoce nel suo progresso di carriera internazionale: giocò nelle rappresentative azzurre giovanili, sempre come apertura, e il 26 agosto 1999, a 18 anni e mezzo, esordì in Nazionale di rugby a 15 dell'Italia, in un incontro con la Spagna, schierato nel ruolo di tre quarti centro dal suo concittadino, il C.T. Massimo Mascioletti, proprio allo stadio Tommaso Fattori dell'Aquila.

Per i tre anni e mezzo successivi a quell'esordio Masi non ebbe più esperienze internazionali: il nuovo tecnico della Nazionale Brad Johnstone non lo schierò mai; lo fece il sostituto di Johnstone, John Kirwan, che lo impiegò in 3 incontri del Sei Nazioni 2003 nel ruolo di centro; in quello stesso anno Masi passò al Viadana, e fu tra i convocati alla Coppa del Mondo di rugby 2003 che si tenne in Australia.

Anche Pierre Berbizier, subentrato a Kirwan sulla panchina della Nazionale, utilizzò Masi con frequenza, ma un infortunio nella seconda metà del 2005 al tendine rotuleo tenne per diversi mesi il giocatore fuori attività[1]. Nel 2006 Masi si trasferì in Francia al Biarritz; Berbizier lo convocò tra i trenta azzurri per la Coppa del Mondo di rugby 2007 francese.

Nel Sei Nazioni 2008 Nick Mallett, a sua volta avvicendatosi con Berbizier alla guida tecnica della Nazionale italiana, impiegò Masi come apertura per tutti i cinque incontri del torneo, ruolo poi occupato da Andrea Marcato durante il successivo tour di metà anno, nel quale Masi tornò a giocare come estremo.

Dal 2009 al 2011 Masi militò nel Racing Métro 92, club parigino, sotto la conduzione dello stesso Berbizier.

Nel Sei Nazioni 2011, impiegato dapprima come ala e successivamente come estremo, fu protagonista nella vittoriosa partita contro la Francia, nella quale marcò l'unica meta azzurra; la prestazione gli valse la nomina a miglior giocatore di tale edizione del torneo[2].

A giugno 2011 Masi fu ingaggiato dalla franchise italiana di Celtic League degli Aironi[3] e, in settembre, prese parte alla Coppa del Mondo di rugby 2011 in Nuova Zelanda.

Con lo scioglimento degli Aironi a fine stagione, a luglio 2012 Masi si trasferì in Inghilterra per disputare la Premiership con la formazione degli Wasps[4].

Nel 2015 fu convocato per la Coppa del Mondo di rugby 2015 ma dopo solo 8 minuti di gioco, durante la prima partita della nazionale contro la Francia, si infortunò al tendine di Achille chiudendo anticipatamente il suo quarto mondiale[5]. Non essendo riuscito a recuperare completamente dall'infortunio, il 22 giugno 2016 annunciò il suo ritiro dal rugby a 35 anni da poco compiuti[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marco Arceri, Il ritorno di Andrea Masi [collegamento interrotto], in Sport.it, 4 aprile 2006. URL consultato il 17 dicembre 2011.
  2. ^ Andrea Buongiovanni, A Masi bastano due partite: è lui il migliore del Sei Nazioni, in La Gazzetta dello Sport, 23 marzo 2011. URL consultato il 17 dicembre 2011.
  3. ^ Rugby: Masi agli Aironi, in Corriere della Sera, 10 giugno 2011. URL consultato il 17 dicembre 2011.
  4. ^ (EN) London Wasps sign Italy centre Andrea Masi from defunct Aironi, in the Guardian, 10 luglio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2012.
  5. ^ Rugby: ufficiale, Masi addio mondiale. Già a casa. Lunedì il sostituto, in la Gazzetta dello Sport, 20 settembre 2015. URL consultato il 25 dicembre 2015].
  6. ^ Rugby, l'azzurro Andrea Masi costretto al ritiro, in la Repubblica, 22 giugno 2016. URL consultato il 22 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]