Edinburgh Rugby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Edinburgh Rugby
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Edinburgh Rugby.png
«The Gunners»
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Colori 600px solid Black.svg Nero
Simboli Castello
Dati societari
Città Edimburgo
Paese Regno Unito Regno Unito
Sede Edimburgo
Federazione Flag of Scotland.svg  Scozia
Campionato Pro12
Fondazione 1862
Rifondazione 1995
Sponsor tecnico Macron
Presidente Scozia Jim Calder
Allenatore Sudafrica Alan Solomons
Palmarès
Stadio
Rugby Scotland.jpg
Murrayfield
(67,800 posti)

L’Edinburgh Rugby (già noto in passato come Edinburgh Reivers ed Edinburgh Gunners, e in italiano semplicemente come Edimburgo) è uno dei due club professionistici scozzesi di rugby XV. È affiliato alla Federazione rugbystica scozzese, che ne detiene anche la proprietà. Il club disputa attualmente la Celtic League e disputa gli incontri interni allo stadio di Murrayfield.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La squadra del distretto di Edimburgo disputò il primo incontro interdistrettuale contro il Glasgow nel 1872, imponendosi per 3-0[1]

La squadra è stata rifondata nel 1996 su base professionistica per partecipare all'Heineken Cup, torneo in cui ha ottenuto il miglior risultato nella stagione 2003/04 quando ha raggiunto i quarti di finale, prima squadra scozzese a riuscirvi[2].

Con il passaggio del rugby al professionismo avvenuto nel 1995, la Scottish Rugby Union ritenne che i club scozzesi non avrebbero potuto essere competitivi nei confronti delle migliori formazioni inglesi e francesi. Si decise quindi che al professionismo sarebbero passate solo le quattro squadre rappresentative dei distretti così, nel 1996, la squadra del distretto di Edimburgo venne trasformata nell'Edinburgh Rugby per partecipare all'Heineken Cup. A causa della pesante situazione debitoria della SRU, in parte dovuta ai costi per la ristrutturazione di Murrayfield, si rese necessario un ulteriore ridimensionamento e da quattro club pro si passò a due. Dopo due stagioni quindi l'Edinburgh Rugby venne fuso con i Border Reivers, creando una squadra chiamata Edinburgh Reivers.

Nelle stagioni 1999 e 2000 la SRU e la Welsh Rugby Union unirono le forze, decidendo un allargamento della Welsh Premier Division per includervi anche gli Edinburgh Reivers' e i Glasgow Caledonians, chiamando il nuovo campionato Welsh-Scottish League. Tuttavia ulteriori cambiamenti erano in preparazione e nel 2001 si giunse ad un accordo tra SRU, WRU e Irish Rugby Football Union per creare un nuovo campionato che avrebbe visto al via anche le quattro provincie irlandesi. Nel 2001 partì quindi la Celtic League come è conosciuta oggi. Nella prima annata l'Edimburgo si classificò al sesto posto.

La stagione successiva, con la rifondazione dei Border Reivers, alla Celtic League si affiancò torneo solo scozzese, modellato sulla formula del Tri Nations; il torneo però si disputò una sola volta e l'Edimburgo ne fu quindi l'unico vincitore.

Nella stagione 2002/2003 l'Edimburgo raggiunse la finale della Celtic Cup, dove fu sconfitto, pur giocando in casa a Murrayfield, dall Ulster per 21-27[3].

Passaggi di proprietà[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005/2006 il nome della squadra venne cambiato in Edinburgh Gunners, incorporando ufficialmente quello che è il soprannome dei suoi giocatori, ma l'innovazione durò poco e nel settembre 2006 la proprietà decise di tornare alla denominazione di Edinburgh Rugby. Uno dei motivi della scelta fu che il termine Gunners era un marchio registrato dal club inglese dell'Arsenal Football Club[1]. Un altro che la nuova proprietà voleva rinfrescare l'immagine della squadra introducendo tra le altre cose un nuovo simbolo.

Dalla fine della stagione 2005/2006 infatti l'Edimburgo era diventato una franchigia privata e non più una squadra regionale. I proprietari e finanziatori furono gli uomini d'affari Alex e Bob Carruthers[4]. La SRU mantenne comunque un posto nel consiglio di amministrazione e continuò a finanziare e aiutare i nuovi proprietari per lo sviluppo della squadra[4].

Nel luglio 2007 sorsero però dei contrasti tra la SRU e i nuovi proprietari. Secondo Bob Carruthers la SRU era debitrice di una grossa somma nei confronti dell'Edimburgo e non aveva pagato; sostenne inoltre che la SRU aveva minacciato di smettere completamente di sovvenzionare la squadra se la causa legale in relazione a tale somma fosse stata ancora portata avanti[5] La lite raggiunse il culmine il 9 luglio 2007 quando l'Edimburgo ritirò la propria affiliazione alla SRU[6]. Alla fine, dopo varie fasi, nell'agosto 2007 la vicenda terminò con l'annullamento dell'accordo e l'Edimburgo ritornò sotto il diretto controllo della SRU[7].

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori che hanno vestito la maglia dei Lions[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori che seguono hanno vestito in almeno un'occasione la maglia dei British and Irish Lions.

Rosa stagione 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Scozia  Simon Berghan
PL Italia  Pietro Ceccarelli
PL Scozia  Allan Dell
PL Scozia  Darryl Marfo
PL Scozia  Murray McCallum
PL Scozia  WP Nel
PL Sudafrica  Pierre Schoeman
PL Scozia  Rory Sutherland
TL Scozia  David Cherry
TL Scozia  Cameron Fenton
TL Scozia  Ross Ford
TL Scozia  Stuart McInally
SL Scozia  Callum Atkinson
SL Scozia  Lewis Carmichael
SL Scozia  Grant Gilchrist
SL Scozia  Jamie Hodgson
SL Scozia  Callum Hunter-Hill
SL Scozia  Fraser McKenzie
SL Scozia  Ben Toolis
FL Scozia  John Barclay
FL Scozia  Magnus Bradbury
FL Scozia  Luke Crosbie
FL Scozia  Luke Hamilton
FL Scozia  Jamie Ritchie
FL Scozia  Hamish Watson
N8 Figi  Viliame Mata
N8 Scozia  Ally Miller
N8 Figi  Senitiki Nayalo
Tre quarti
MM Inghilterra  Nathan Fowles
MM Scozia  Sean Kennedy
MM Scozia  Henry Pyrgos
MM Scozia  Charlie Shiel
MA Sudafrica  Jason Baggott
MA Nuova Zelanda  Simon Hickey
MA Sudafrica  Jaco van der Walt
CE Scozia  Mark Bennett
CE Scozia  Chris Dean
CE Scozia  James Johnstone
CE Scozia  Matt Scott
CE Argentina  Juan Pablo Socino
TQ Scozia  Tom Brown
TQ Scozia  Jamie Farndale
TQ Scozia  Dougie Fife
TQ Scozia  Darcy Graham
TQ Scozia  Damien Hoyland
TQ Sudafrica  Duhan van der Merwe
ES Scozia  Blair Kinghorn
Staff tecnico
Allenatore: Inghilterra  Richard Cockerill
All. attacco: Scozia  Duncan Hodge
All. difesa: Scozia  Calum McRae
All. avanti: Scozia  Roddy Grant


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b BBC Sport - Edinburgh drop Gunners from title, http://news.bbc.co.uk/sport2/hi/rugby_union/my_club/edinburgh/5392284.stm, Verificato il 16/9/2010
  2. ^ Edinburgh 33-15 Ospreys, in BBC News, 23 gennaio 2004. URL consultato il 16 settembre 2010.
  3. ^ Ulster hold on for victory, in BBC News, 20 dicembre 2003. URL consultato il 16 settembre 2010.
  4. ^ a b Edinburgh to become a franchise, in BBC News, 10 luglio 2006. URL consultato il 16 settembre 2010.
  5. ^ Edinburgh face SRU closure threat, in BBC News, 5 luglio 2007. URL consultato il 16 settembre 2010.
  6. ^ Edinburgh resign from Scots Union, in BBC News, 9 luglio 2007. URL consultato il 16 settembre 2010.
  7. ^ Edinburgh back in union control, in BBC News, 10 agosto 2007. URL consultato il 16 settembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN154013565 · LCCN (ENno2010026872 · WorldCat Identities (ENno2010-026872
Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby