Glasgow Warriors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Glasgow Warriors
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Glasgow Warriors logo.svg
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Colori
Simboli Guerriero
Dati societari
Città Glasgow
Paese Regno Unito Regno Unito
Federazione Flag of Scotland.svg  Scottish Rugby Union
Campionato Pro14
Fondazione 1996
Sponsor tecnico Macron
Presidente Charles Shaw
Allenatore Dave Rennie
Palmarès
1 Pro12
Stadio
Stadium Track and Pitch.jpg
Scoststoun Stadium
(4 765 posti)

Il Glasgow Warriors è una delle due squadre professionistiche di rugby a 15 scozzesi e partecipa alla Pro14. Giocano le proprie partite interne al Firhill Stadium di Glasgow, impianto casalingo anche della squadra calcistica del Partick Thistle Football Club.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Con il passaggio del rugby al professionismo avvenuto nel 1995, la Scottish Rugby Union ritenne che i club scozzesi non avrebbero potuto essere competitivi nei confronti delle migliori formazioni inglesi e francesi.[1]. Si decise quindi che al professionismo sarebbero passate solo le quattro squadre rappresentative dei distretti così, nel 1996, la squadra del distretto di Glasgow venne trasformata nel Glasgow Rugby per partecipare all'Heineken Cup, competizione a cui comunque la squadra partecipò per la prima volta nella stagione 1997-98-

A causa della pesante situazione debitoria della SRU, in parte dovuta ai costi per la ristrutturazione di Murrayfield, si rese necessario un ulteriore ridimensionamento e da quattro club pro si passò a due. Dopo due stagioni quindi il Glasgow Rugby venne fuso con i Caledonia Reds, creando una squadra chiamata Glasgow Caledonians[2].

Nel 2001 si disputò la prima edizione della Celtic League, in cui la formazione di Glasgow raggiunse la semifinale. Dalla stagione 2002-03 la denominazione di Caledonian venne abbandonata pertanto la squadra tornò a chiamarsi Glasgow Rugby[3]. Dal 2005-06 la formazione prese infine la denominazione attuale di Glasgow Warriors[1].

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori che hanno vestito la maglia dei Lions[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori che seguono hanno vestito in almeno un'occasione la maglia dei British and Irish Lions.

Rosa stagione 2020-2021[modifica | modifica wikitesto]

Avanti
PL Scozia  Alex Allan
PL Scozia  Zander Fagerson
PL Sudafrica  Oli Kebble
PL Scozia  Adam Nicol
PL Argentina  Enrique Pieretto
PL Scozia  D'arcy Rae
PL Nuova Zelanda  Aki Seiuli
PL Scozia  George Thornton
TL Scozia  Fraser Brown
TL Figi  Mesulame Dolokoto
TL Inghilterra  Johnny Matthews
TL Scozia  Grant Stewart
TL Scozia  George Turner
SL Scozia  Hamish Bain
SL Scozia  Scott Cummings
SL Scozia  Richie Gray
SL Scozia  Kiran McDonald
SL Figi  Leone Nakarawa
FL Scozia  Chris Fusaro
FL Scozia  Thomas Gordon
FL Scozia  Robert Harley
FL Samoa  Tj Ioane
FL Tonga  Fotu Lokotui
FL Scozia  Ryan Wilson
N8 Scozia  Matt Fagerson
Tre quarti
MM Scozia  Jamie Dobie
MM Scozia  George Horne
MM Scozia  Sean Kennedy
MM Scozia  Ali Price
MA Scozia  Adam Hastings
MA Scozia  Peter Horne
MA Sudafrica  Brandon Thomson
CE Scozia  Nick Grigg
CE Scozia  Sam Johnson
CE Scozia  Huw Jones
CE Scozia  Patrick Kelly
CE Scozia  Stafford McDowall
CE Scozia  Kyle Steyn
TQ Scozia  Lee Jones
TQ Figi  Nikola Matawalu
TQ Scozia  Robbie Nairn
TQ Scozia  Tommy Seymour
TQ Australia  Ratu Tagive
ES Scozia  Glenn Bryce
ES Scozia  Rufus McLean
Staff tecnico
Allenatore: Inghilterra  Danny Wilson
Ass. allenatore: Scozia  Kelly Brown
Scozia  Kenny Murray
All. attacco: Irlanda  Jonathan Bell


Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

2014-15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b rugby.visitscotland.com, Glasgow Warriors trivia, su rugby.visitscotland.com, VisitScotland.com. URL consultato il 17 settembre 2010.
  2. ^ Neil Drysdale, Caledonia Reds history, su timesonline.co.uk, The Sunday Times, 26 ottobre 2008. URL consultato il 17 settembre 2010.
  3. ^ news.bbc.co.uk, Scottish clubs renamed, su news.bbc.co.uk, BBC Sport, 8 agosto 2001. URL consultato il 17 settembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby