Mediano di mischia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mediano di mischia che si accinge ad inserire il pallone in mischia ordinata

Il mediano di mischia, talvolta semplicemente mediano, (ingl. Scrum half, fr. Demi de melée ), nel rugby a 15, rappresenta il più importante punto di contatto tra la mischia e i tre quarti, e si trova costantemente inserito nel gioco.[1] Il mediano di mischia è di solito relativamente piccolo ma ha un'ampia visione di gioco, una grande abilità nel rispondere velocemente alle situazioni di gioco e buone capacità nel gestire la palla con le mani e nei calci.

Sono di solito i primi placcatori in difesa e prendono posizione dietro ogni mischia ordinata, ogni maul o ruck per raccogliere il pallone e mantenere attiva la fase di gioco. Inseriscono il pallone all'interno della mischia ordinata e lo recuperano quando questo vi esce; gli è anche permesso di stare molto più avanti rispetto agli altri tre quarti durante l'azione di touche per poter raccogliere il pallone nel passaggio del saltatore.

Spesso i mediani di mischia sono molto loquaci durante le partite. Anche se è tecnicamente contro le regole, molti mediani di mischia avvertono l'arbitro di falli e infrazioni commessi dalla squadra avversaria (Alberto Bebo Bano è un buon esempio a proposito).

Tra i più famosi mediani di mischia a livello internazionale si annoverano: Ken Catchpole (Australia), Danie Craven (Sudafrica), Agustín Pichot (Argentina), Gareth Edwards (Galles e Lions), Nick Farr-Jones (Australia), George Gregan (Australia) e Joost van der Westhuizen (Sudafrica). I migliori in attività sono Aaron Smith (Nuova Zelanda), Conor Murray (Irlanda) e Rhys Webb (Galles). Altri ottimi Mediani di mischia sono Baptiste Serin (Francia), TJ Perenara (Nuova Zelanda), Ben Youngs e Danny Care (Inghilterra), Greig Laidlaw (Scozia).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby