Partick Thistle Football Club

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partick Thistle FC
Calcio Football pictogram.svg
Partick Thistle new badge.jpg
The Jags; The Harry Wraggs; The Maryhill Magyars
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Giallo bordati di Grigio.png Giallo, rosso
Simboli Cardo
Dati societari
Città Glasgow
Nazione Scozia Scozia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Scotland.svg SFA
Campionato Scottish Championship
Fondazione 1876
Presidente Scozia Jacqui Low
Allenatore Scozia Gary Caldwell
Stadio Firhill Stadium
(10 102 posti)
Sito web ptfc.co.uk
Palmarès
Titoli nazionali 6 Scottish First Division
1 Scottish Second Division
Trofei nazionali 1 Coppa di Scozia
1 Scottish League Cup
Si invita a seguire il modello di voce

Il Partick Thistle Football Club, meglio noto come Partick Thistle o solamente Thistle, è una società calcistica scozzese con sede a Glasgow. Milita in Scottish Championship, la seconda divisione del campionato scozzese di calcio.

Malgrado il nome, il club ha sede a Maryhill, nel nord-est della città, e non più a Partick, dove giocò dal 1876 al 1908. È nota come la "terza squadra" di Glasgow, dopo i più famosi Celtic e Rangers. Nel suo palmarès c'è una Scottish Cup e una Scottish Challenge Cup.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il club nacque nel 1876 a Partick, all'epoca un Police Burgh autonomo (sarà assorbito dalla città di Glasgow solo nel 1912). La prima partita disputata di cui si abbia notizia risale al febbraio 1876, contro una società locale, il Valencia[1], che si concluse con la vittoria del Partick Thistle. L'impianto che ospitò questa e le altre partite dei primi anni del club era l'Overnewton Park, la cui collocazione non è nota con precisione, anche se doveva trovarsi nelle vicinanze di Overnewton Road, a sud di Kelvingrove Park[2]. Successivamente il Partick Thistle cambiò diverse volte impianto di gioco, fra i principali si ricordano Kelvingrove, Jordanvale, Muirpark, Inchview e Meadowside[3]. Nel 1909 il club si trasferì definitivamente al Firhill Park, stadio dove gioca ancor oggi, situato nel distretto di Maryhill. In ogni caso, il club conservò il nome Partick.

Nel 1897, quattro anni dopo l'esordio nei campionati nazionali, il club vinse per la prima volta la Division Two, ottenendo la promozione in massima serie. Negli anni a cavallo del 1900 fece la spola tra prima e seconda divisione, ma dal 1902 prese posto stabilmente in Division One.

Gli anni delle vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Il più importante successo della storia del Partick Thistle arrivò nel 1921, con la vittoria della Scottish Cup, grazie all'1-0 sui Rangers in finale[4]. La rete decisiva della partita giocata a Parkhead venne segnata da Johnny Blair[3]. Nove anni dopo i Jags furono nuovamente in finale, sempre contro i Gers, che questa volta ebbero la meglio vincendo 2-1 il replay della finale originariamente terminata 0-0.

Nel 1935 il club si aggiudicò due competizioni molto considerate all'epoca, la Glasgow Cup e la Charity Cup, confermandosi come una delle migliori squadre della Scozia[5], anche se in quel periodo non salì mai oltre il quarto posto in campionato.

Gli anni successivi alla seconda guerra mondiale videro il Thistle raggiungere il miglior piazzamento della sua storia in massima serie, con il 3º posto conquistato nelle stagioni 1947-48, 1953-54 e 1962-63. Retrocesso per la prima volta nel 1970, il club tornò in Division One dopo la vittoria del torneo cadetto 1970-71 e, sempre nel 1971, arrivò il principale successo da cinquant'anni a quella parte, la vittoria della Scottish League Cup: in finale, il Celtic fu superato 4-1, con reti di Alex Rae, Bobby Lawrie, Denis McQuade e Jimmy Bone nel primo tempo e gol della bandiera di Kenny Dalglish nella ripresa. Questa vittoria permise ai Jags di disputare la Coppa UEFA 1972-1973.

Save the Jags[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni seguenti il Partick Thistle affrontò periodi di difficoltà sportive e finanziarie. La riorganizzazione dei campionati avvenuta nel 1975 lasciò il club in First Division, la nuova seconda serie dietro la Scottish Premier Division. Nel 1975-76 vinse il campionato, rientrando fra le elette del calcio scozzese, ma in seguito la squadra perse il posto stabile nel massimo campionato: dal 1982 al 1992 trascorse ininterrottamente undici stagioni in First Division. Riconquistò poi la Premier Division, ma quattro anni dopo dovette lasciarla nuovamente.

Nel 1998 il Thistle fu a un passo dal fallimento: i tifosi lanciarono allora l'iniziativa Save the Jags Campaign, che riuscì a impedire la bancarotta, ma non la retrocessione in Second Division (la terza divisione). Con l'8º posto del 1998-1999, un solo punto di differenza dall'East Fife impedì la retrocessione in Third Division, il più basso campionato nazionale.

Ritorni in massima serie (2002 e 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 tornò sulla panchina del Thistle John Lambie, che già aveva allenato a Firhill nel 1988-1989 e dal 1990 al 1995. Dopo un anno di transizione, i Jags vinsero la Second Division 2000-01, e l'anno seguente la First Division, salendo in Scottish Premier League per la stagione 2002-03. Per poter prendere parte al massimo campionato fu necessario ampliare la capacità dello stadio fino a raggiungere i 10 000 posti a sedere, cosa che venne fortemente criticata dal presidente Tom Hughes[6]. A fine stagione il 10º posto garantì la salvezza, ma con l'addio di Lambie, che si ritirò dal mondo del calcio, il club non fu in grado di competere nel campionato successivo e la retrocessione arrivò con l'ultimo posto a 8 punti di ritardo dall'Aberdeen.

Cominciò un altro periodo buio per il club giallorosso, che arrivò 9° in First Division 2004-05, retrocedendo per la seconda stagione consecutiva. A quell'epoca, il Thistle era l'unica squadra in Scozia ad aver sofferto due retrocessioni consecutive per demeriti sportivi. Giunti al 4º posto nella Second Division 2005-06, i Jags furono in grado di vincere i play-off, superando lo Stranraer in semifinale e battendo il Peterhead in finale ai tiri di rigore.

L'allenatore della promozione, Dick Campbell, fu esonerato il 27 marzo 2007[7], dopo un pessimo inizio di campionato in First Division[8]. Il club fu quindi agli ordini della coppia Bone-Butcher[9] prima di passare a Ian McCall; costui rimase in panchina sino all'aprile 2011[10], conseguendo risultati di prestigio, come il raggiungimento dei quarti di finale nella Scottish Cup 2007-2008 e il 2º posto in campionato l'anno seguente, pur se a notevole distanza dal St. Johnstone primo. In questa stagione due calciatori del club si misero in mostra: Gary Harkins fu eletto Irn Bru Phenomenal Player of the Year, mentre Jonathan Tuffey entrò a far parte in pianta stabile della Nazionale scozzese.

Dopo la partenza di McCall, la panchina dei Jags passò a Jackie McNamara, dapprima ad interim[11] e, a fine stagione, a tempo pieno[12]. Sotto la sua guida il club concluse la stagione 2011-12 al 6º posto, ma cominciò a nutrire ambizioni di promozione l'anno seguente, guidando la classifica a metà stagione. McNamara, malgrado gli ottimi risultati, lasciò il club per accettare l'offerta del Dundee United[13], cosa che ha provocato attrito con la tifoseria Jag, convinta del suo "tradimento". Il 30 gennaio 2013 Alan Archibald, calciatore del Thistle, divenne manager ad interim, col compito di terminare la stagione[14]. All'epoca il club era secondo in classifica, a maggio invece fu primo e conquistò la promozione in massima serie dopo dieci anni d'assenza[15].

Anni recenti[modifica | modifica wikitesto]

Per la Premiership 2013-14 Archibald fu confermato allenatore e il Partick Thistle esordì in campionato proprio contro il Dundee United di McNamara, in una partita terminata 0-0. Il Partick trascorse tutto il campionato nella parte bassa della classifica, ma infine si classificò 10° e mantenne la categoria. Migliorò i risultati nelle stagioni successive, e nella Premiership 2016-17 è arrivato al 6º posto, per la prima volta nella top-six. Ma l'anno seguente conclude penultimo e, sconfitto allo spareggio dal Livingston, retrocede in Championship. Nella successiva stagione in seconda serie si piazza al 6º posto, al termine di un campionato disputato in bassa classifica.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori sociali[modifica | modifica wikitesto]

Il logo utilizzato dal 1992 al 2008

I colori sociali del Partick Thistle sono il giallo e il rosso. Tuttavia, all'inizio della loro storia, i Jags utilizzarono divise prevalentemente blu con dettagli biancorossi. Dopo il 1900, per un breve periodo, la squadra indossò divise nero-arancio a strisce verticali, infine nel 1905 fu adottata una divisa blu e amaranto simile a quella usata dall'Aston Villa.

Nel 1909 venne nuovamente utilizzata la divisa blu e questa rimase la maglia ufficiale sino alla stagione 1936-1937, quando fu introdotta la combinazione di colori giallo-rosso-nera ancora oggi in voga. Questo cambiamento fu dovuto all'influenza del locale West of Scotland Football Club, una squadra di rugby che utilizzava divise giallo-rosso-nere.

L'unico cambiamento intervenuto da quella data ad oggi risale al 2009 quando, per celebrare il centenario del trasferimento a Firhill, fu utilizzata una divisa interamente blu. Negli anni recenti le divise sono generalmente a strisce verticali gialle e rosse, con colletto e calzoncini neri, e calzettoni anch'essi a strisce gialle e rosse.

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo per eccellenza del club è un cardo (in inglese thistle), che compare in ogni stemma sociale sin dal 1902. Una seconda versione dello stemma, datata 1909, è stata usata sino al 1978, quando venne rivisto con l'inserimento del cardo in una coccarda. Nel 1990 fu introdotto il disegno con un cardo in un rettangolo di fattura più moderna, rimpiazzato nel 2008 dall'attuale logo.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Firhill Stadium.

Dal 1909 il club gioca le partite casalinghe al Firhill Stadium. Inizialmente noto come Firhill Park, si compone oggi di tre tribune distinte: la Main Stand, eretta nel 1927 e capace di 2900 spettatori; la Jackie Husband Stand, costruita nel 1994 con 6500 posti a sedere e la North Stand, che può ospitare circa 2000 spettatori. Fino al 2006 era possibile seguire le partite da uno spiazzo a prato noto come The Bing, demolito in quell'anno. Al suo posto non è stato costruito nulla e, quindi, la zona meridionale dello stadio si presenta spoglia.

Firhill Stadium

Firhill Park fu condiviso con il Clyde dal 1986 al 1991, quando erano in corso lavori allo Shawfield Stadium[16]. In altre occasioni fu l'Hamilton Academical ad essere ospitato a Firhill[17].

Nel dicembre 2005, lo stadio è divenuto sede delle partite casalinghe dei Glasgow Warriors, formazione professionista di rugby. Dopo un breve periodo a Glasgow, il club tornò ospite del Firhill Stadium in occasione della Celtic League 2007-2008 e 2008-2009[18] e, dall'aprile 2009, per altri quattro anni[19][20], ma dal 2012 i Warriors hanno sede allo Scotstoun Stadium[21].

Nel 2012-2013, Firhill è stato sede delle partite casalinghe della formazione Under-20 del Celtic[22], ma dopo la promozione del Partick Thistle in Premiership questa collaborazione ha dovuto essere interrotta[23].

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori del Partick Thistle

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1896-1897, 1899-1900, 1970-1971, 1975-1976, 2001-2002, 2012-2013
1920-1921
1971-1972
2000-2001

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1934-1935, 1950-1951, 1952-1953, 1954-1955, 1960-1961, 1980-1981, 1988-1989
1926–1927, 1934–1935, 1948–1949

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 1947-1948, 1953-1954, 1962-1963
Secondo posto: 1901-1902, 1991-1992, 2008-2009
Terzo posto: 1983-1984
Finalista: 1929-1930
Semifinalista: 1921-1922, 1926-1927, 1949-1950, 1977-1978, 1978-1979, 2001-2002
Finalista: 1953-1954, 1956-1957, 1958-1959
Semifinalista: 1975-1976
Finalista: 2012-2013
Semifinalista: 2008-2009, 2010-2011

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Scottish Division One 63 1897-1898 1974-1975 85
Scottish Division A 5 1946-1947 1950-1951
Scottish Premier Division 10 1976-1977 1995-1996
Scottish Premier League 2 2002-2003 2003-2004
Scottish Premiership 5 2013-2014 2017-2018
Scottish Division Two 7 1893-1894 1970-1971 31
Scottish First Division 22 1975-1976 2012-2013
Scottish Championship 2 2018-2019 2019-2020
Scottish Second Division 4 1998-1999 2005-2006 4

Statistiche nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata alla fine della stagione 2018-2019.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
Coppa UEFA/UEFA Europa League 1 2 0 0 2 0 4
Coppa delle Fiere 1 4 3 0 1 10 7
Coppa Intertoto 1 4 1 1 2 6 6

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 31 gennaio 2019

N. Ruolo Giocatore
1 Scozia P Cammy Bell
2 Inghilterra D Christie Elliot
3 Scozia D James Penrice
4 Scozia D Thomas O'Ware
5 Irlanda del Nord D Niall Keown
6 Irlanda D Sean McGinty
7 Scozia C Blair Spittal
8 Scozia C Stuart Bannigan
9 Scozia A Kris Doolan Captain sports.svg
11 Scozia C Gary Harkins
12 Australia P Aaron Lennox
14 Irlanda del Nord C Shea Gordon
15 Irlanda del Nord P Conor Hazard
16 Scozia C Andrew McCarthy
N. Ruolo Giocatore
17 Scozia C Craig Slater
18 RD del Congo A Andréa Mbuyi-Mutombo
19 Inghilterra A Miles Storey
20 Scozia C Callum Wilson
21 Scozia C Aidan Fitzpatrick
22 Scozia D Lee Duncanson
23 Scozia P Jamie Sneddon
24 Scozia C Anthony Eadie
29 Costa d'Avorio A Souleymane Coulibaly
30 Galles D Daniel Jefferies
31 Scozia D Jack McMillan
32 Inghilterra C Joe Cardle
37 Scozia D Tom Scobbie
39 Irlanda del Nord A Ally Roy

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a settembre 2017

N. Ruolo Giocatore
1 Rep. Ceca P Tomáš Černý
2 Sierra Leone D Mustapha Dumbuya
3 Scozia D Callum Booth
4 Inghilterra D Jordan Turnbull
5 Irlanda D Niall Keown
6 Ghana C Abdul Osman Captain sports.svg
7 Scozia C Blair Spittal
8 Scozia C Stuart Bannigan
9 Scozia A Kris Doolan
10 Scozia C Chris Erskine
11 Scozia C Steven Lawless
12 Scozia P Ryan Scully
13 Irlanda C Adam Barton
N. Ruolo Giocatore
14 Inghilterra A Christie Elliot
15 Irlanda del Nord D Danny Devine
16 Scozia D Paul McGinn
17 Rep. Ceca D Milan Nitrianský
18 Irlanda A Conor Sammon
19 Australia C Ryan Edwards
20 Scozia A Kevin Nisbet
22 Scozia C Gary Fraser
23 Scozia P Jamie Sneddon
24 Scozia C Andrew McCarthy
37 Scozia C Martin Woods
39 Inghilterra A Miles Storey

Rosa 2016-2017[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a marzo 2017

N. Ruolo Giocatore
1 Rep. Ceca P Tomáš Černý
2 Sierra Leone D Mustapha Dumbuya
3 Scozia D Callum Booth
4 Scozia C Sean Welsh
5 Scozia D Liam Lindsay
6 Ghana C Abdul Osman Captain sports.svg
7 Inghilterra C David Amoo
8 Scozia C Stuart Bannigan
9 Scozia A Kris Doolan
10 Scozia C Chris Erskine
11 Scozia C Steven Lawless
N. Ruolo Giocatore
12 Scozia P Ryan Scully
13 Irlanda C Adam Barton
14 Inghilterra A Christie Elliot
15 Irlanda del Nord D Danny Devine
16 Inghilterra A Adebayo Azeez
17 Irlanda D Niall Keown
19 Australia C Ryan Edwards
20 Scozia C Declan McDaid
22 Scozia C Gary Fraser
27 Scozia A Kevin Nisbet
35 Scozia P Mark Ridgers

Rosa 2015-2016[modifica | modifica wikitesto]

Ultimo aggiornamento a settembre 2015

N. Ruolo Giocatore
1 Rep. Ceca P Tomáš Černý
2 Scozia D Gary Miller
3 Inghilterra D Danny Seaborne
4 Scozia C Sean Welsh
5 Scozia D Callum Booth
6 Ghana C Abdul Osman Captain sports.svg
7 Inghilterra C David Amoo
8 Scozia C Stuart Bannigan
9 Scozia A Kris Doolan
10 Scozia C Ryan Stevenson
11 Scozia C Steven Lawless
12 Scozia P Ryan Scully
N. Ruolo Giocatore
13 Belgio D Frédéric Frans
14 Inghilterra A Christie Elliot
15 Sierra Leone D Mustapha Dumbuya
17 Scozia D Liam Lindsay
18 Scozia C David Wilson
19 Australia C Ryan Edwards
21 Scozia C Jordan Leyden
22 Scozia C Gary Fraser
23 Scozia C Robbie Muirhead
24 Scozia C Dominic Docherty
35 Scozia P Paul Gallacher
99 Guinea A Mathias Pogba

Rose stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Pur essendo concittadini, non c'è una particolare rivalità con Celtic e Rangers, essendo questi di livello e prestigio molto superiori. Le rivalità più sentite sono dunque col Clyde[24] e con gli Airdrieonians.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1875-76 - Partick Thistle history - The Early Years, ptearlyyears.net. URL consultato il 30 luglio 2013.
  2. ^ Overnewton - Partick Thistle grounds - The Early Years, ptearlyyears.net. URL consultato il 30 luglio 2013.
  3. ^ a b Club History - Partick Thistle Football Club, ptfc.co.uk. URL consultato il 30 luglio 2013.
  4. ^ Beware the Jags sting, BBC News, 21 marzo 2002. URL consultato il 30 luglio 2013.
  5. ^ BBC SPORT | SCOTTISH CUP | Beware the Jags' sting, BBC News, 21 marzo 2002. URL consultato il 30 luglio 2013.
  6. ^ Hughes Court Warning to SPL, bbc.co.uk/sport, URL consultato il 29 luglio 2013.
  7. ^ Campbell axed by Partick Thistle, in bbc.co.uk/sport, BBC Sport, 27 marzo 2007. URL consultato il 27 luglio 2013.
  8. ^ Thistle axe Campbell as rising losses cause turmoil, su scotsman.com, The Scotsman, 27 marzo 2007. URL consultato il 27 luglio 2013.
  9. ^ Butcher takes Partick coach role, in bbc.co.uk/sport, BBC Sport, 30 marzo 2007. URL consultato il 27 luglio 2013.
  10. ^ Ian McCall quits as Partick Thistle manager, scotsman.com, 15 aprile 2011. URL consultato il 27 luglio 2013.
  11. ^ Ian McCall quits as Partick Thistle manager, bbc.co.uk/sport, 15 aprile 2011. URL consultato il 27 luglio 2013.
  12. ^ Jackie McNamara is appointed Partick Thistle manager, bbc.co.uk/sport, 12 maggio 2011. URL consultato il 27 luglio 2013.
  13. ^ Statement From Partick Thistle, ptfc.co.uk, 29 gennaio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2013).
  14. ^ Partick Thistle name player-coach Alan Archibald as interim boss, bbc.co.uk/sport, 30 gennaio 2013. URL consultato il 30 gennaio 2013.
  15. ^ Partick Thistle on SPL brink after nine-year exile, scotsman.com, 16 aprile 2013. URL consultato il 21 aprile 2013.
  16. ^ Clyde fans set to vote on relocation, su scotsman.com, The Scotsman, 19 aprile 2013. URL consultato il 27 luglio 2013.
  17. ^ Club History, su hamiltonadvertiser.co.uk, Hamilton Advertiser. URL consultato il 27 luglio 2013.
  18. ^ Firhill pitch can cope with rugby, insists chairman, intervista a STV, 21 giugno 2007 Archiviato il 30 settembre 2007 in Internet Archive.
  19. ^ Ben Rumsby, Glasgow to stay at Firhill for next five years – Scotsman.com Sport, scotsman.com. URL consultato il 19 giugno 2010.
  20. ^ Warriors look to create fortress at Firhill, Magners League Official Website (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2007).
  21. ^ STATEMENT FROM GLASGOW WARRIORS AND SCOTTISH RUGBY ON SCOTSTOUN STADIUM, glasgowwarriors.org, 30 settembre 2011. URL consultato il 14 luglio 2012.
  22. ^ Celts deal a lifeline for Jags' NextGen, eveningtimes.co.uk, 23 agosto 2013. URL consultato il 27 luglio 2013.
  23. ^ Pitch Update, ptfc.co.uk, 14 maggio 2013. URL consultato il 27 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2013).
  24. ^ Clyde and Partick Thistle set to kick off Irn Bru Cup with Glasgow Derby, su glasgowlive.co.uk.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Sito ufficiale, su ptfc.co.uk. URL consultato il 23 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2013).
Controllo di autoritàVIAF (EN146842145 · LCCN (ENnb2009002985 · WorldCat Identities (ENnb2009-002985