Mirco Bergamasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mirco Bergamasco
Mirco Bergamasco.jpg
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 90 kg
Familiari Arturo Bergamasco (padre)
Mauro Bergamasco (fratello)
Carriera rugby a 13 Rugby union pictogram.svg
League Italia Italia
Ruolo Centro
Attività di club
2017 Saluzzo
Attività da giocatore internazionale
2016- Italia Italia 5 (48)
Carriera rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Italia Italia
Ruolo Utility back
Attività giovanile
1999-2001 Petrarca
Attività di club¹
2001-2003 Petrarca 36 (45)
2003-2010 Stade français 96 (115)
2010-2013 Racing Métro 92 31 (46)
2013-2014 Rovigo 19 (168)
2018- Vicenza
Attività in franchise¹
2014-2015 Zebre 15 (20)
2016 Sacramento Express 12 (114)
Attività da giocatore internazionale
2002-2012 Italia Italia 89 (256)
1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club di rugby a 15 si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Statistiche aggiornate al 30 ottobre 2017

Mirco Bergamasco (Padova, 23 febbraio 1983) è un rugbista a 13 e a 15 italiano, internazionale in entrambe le discipline; al 2017 vanta 89 incontri e 256 punti nell'Italia del XV e 5 presenze e 48 punti in quella del XIII.


Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia di rugbisti padovani (il padre Arturo fu un flanker che disputò 4 incontri in Nazionale negli anni settanta, ed il fratello Mauro è anch'egli flanker, suo compagno di squadra in nazionale, allo Stade Français e alle Zebre), Mirco Bergamasco crebbe nella più famosa squadra cittadina, il Petrarca. Esordì in prima squadra nel 2001 (contro il Viadana,[1]) e vi rimase per due stagioni; nel 2003 fu chiamato in Francia insieme al fratello allo Stade français, club con il quale vinse due campionati, nel 2004 e nel 2007.

Esordì in Nazionale nel corso del Sei Nazioni 2002 e disputò tutte le edizioni di tale torneo fino a quella del 2012, prendendo parte anche alle Coppe del Mondo del 2003 in Australia, del 2007 in Francia e del 2011 in Nuova Zelanda.

Nel 2010 si trasferì al Racing Métro 92[2] per un triennio costellato di infortuni; il più recente, quello occorsogli il 24 novembre 2012 a Firenze durante un test match dell'Italia contro l'Australia, gli costò la frattura della rotula e il resto della stagione.[3]

Al termine del contratto, non rinnovato, Bergamasco tornò in Italia per giocare una stagione con il Rovigo,[4][5] con cui perse la finale scudetto contro Calvisano nel campionato 2013-2014.

Per l'annata successiva si trasferì alle Zebre e a fine stagione, non più convocato in nazionale maggiore a 15, partecipò ad alcune tappe di rugby a 7 con la nazionale italiana nel vano tentativo di qualificarsi alle Olimpiadi di Rio.[6] A fine contratto con le Zebre firmò nel marzo 2016 per i Sacramento Express per disputare l'unica stagione del neonato campionato statunitense Pro Rugby.[7]

Nel settembre del 2016 fu convocato nella nazionale italiana di rugby a 13 in vista dei due incontri di qualificazione ai mondiali di rugby league del 2017.[8] Il 22 ottobre 2016 esordì in maglia azzurra nella partita vinta 14 a 62 contro la Serbia realizzando 14 punti (7 trasformazioni).[9]

Nel marzo 2017 esordì con il Saluzzo North West Roosters nel campionato francese di rugby a 13 DN2 di Provenza e Costa Azzurra.[10] Ottenuta con l'Italia la qualificazione ai mondiali di rugby a 13, Bergamasco partecipò nell'autunno del 2017 alla fase finale della manifestazione in Australia. Nel gennaio 2018 annunciò il suo ritorno nel rugby a 15 firmando un contratto con il Vicenza, impegnato nella poule salvezza della serie A.[11]

In Nazionale di rugby a 15 vanta 17 mete, che ne fanno il miglior specialista azzurro in attività e nono assoluto della storia del rugby internazionale italiano, a pari merito di Ivan Francescato.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Volpe, pag. 294
  2. ^ (FR) Le journal des transferts, in L'Équipe, 24 maggio 2010. URL consultato il 2 luglio 2013.
  3. ^ Mirco Bergamasco fa crac. Almeno quattro mesi di stop, in Gazzetta dello Sport, 25 novembre 2012. URL consultato il 2 luglio 2013.
  4. ^ Ufficiale, Mirco Bergamasco è della Femi Cz, in il Resto del Carlino, 1º luglio 2013. URL consultato il 2 luglio 2013.
  5. ^ (FR) Bergamasco (RM92) à Rovigo, in L'Équipe, 21 giugno 2013. URL consultato il 2 luglio 2013.
  6. ^ Rugby, Mirco Bergamasco guida l'Italia verso Rio 2016. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  7. ^ Rugby, Mirco Bergamasco l’americano: contratto nel campionato Pro Usa | Si24, su si24.it. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  8. ^ Rugby Italia: Mirco Bergamasco ora ci prova con il League, in Rugby1823. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  9. ^ (EN) 2017 RLWC EUROPEAN QUALIFIER POOL A: Match 2 – SERBIA 14 ITALY 62 – Report, su rlef.eu.com, 22 ottobre 2016. URL consultato il 25 gennaio 2017.
  10. ^ Rugby: Mirco Bergamasco “star” a Saluzzo, su lastampa.it. URL consultato il 16 gennaio 2018.
  11. ^ Bergamasco si “reinventa” giocatore: ora è un Ranger, su mattinopadova.gelocal.it. URL consultato il 16 gennaio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169695348 · ISNI (EN0000 0001 1854 1807 · SBN IT\ICCU\UBOV\186810