Carlo Antonio del Fava

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Antonio del Fava
Dati biografici
Paese Sudafrica Sudafrica
Altezza 198 cm
Peso 115 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Italia Italia
Ruolo Seconda linea
Ritirato 2014
Carriera
Attività giovanile
Natal Sharks
Attività di club¹
2004-05 Parma 9 (0)
2005-07 Bourgoin-Jallieu 33 (0)
2009-10 Viadana 16 (0)
2012-14 Newcastle 4 (0)
Attività in franchise
2007-09 Ulster 26 (5)
2010-12 Aironi 15 (0)
Attività da giocatore internazionale
2004-11 Italia Italia 54 (18)
Attività da allenatore
2014- Westoe All. 2ª

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega

Statistiche aggiornate al 29 marzo 2017

Carlo Antonio del Fava (Umtata, 1º luglio 1981) è un imprenditore, allenatore di rugby ed ex rugbista a 15 italo-sudafricano, in carriera attivo nel ruolo di seconda linea e internazionale per l'Italia; dopo il ritiro è divenuto allenatore degli avanti del Westoe nonché titolare di un'impresa di lavori idraulici nel Tyne and Wear e occasionalmente commentatore rugbistico per la BBC.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sudafricano di quarta generazione, pronipote di un emigrato lucchese[1], Del Fava crebbe rugbisticamente in patria nelle giovanili dei Natal Sharks, mettendosi in luce a livello nazionale prima ancora di arrivare alla prima squadra, tanto da guadagnarsi la convocazione nel Sudafrica Under-21.

Nel biennio 2002-03 subì tuttavia una squalifica inflittagli dalla federazione sudafricana a seguito di una riscontrata positività, durante un test antidoping, al testosterone e allo stanozololo, uno steroide anabolizzante[2]; scontata la squalifica fu ingaggiato dal Parma e dopo pochissimo, grazie alla sua cittadinanza italiana, esordì in Nazionale azzurra, nell'ultimo incontro del Sei Nazioni 2004. Nell'estate 2005 del Fava si trasferì in Francia, al Bourgoin-Jallieu, con il quale disputò due stagioni.

Nel frattempo, il C.T. della Nazionale Berbizier lo convocò tra i 30 azzurri prescelti per la Coppa del Mondo di rugby 2007, dove disputò due dei quattro incontri totali (avversari Portogallo e Scozia).

Dal 2007 al 2009 militò in Celtic League nelle file dell'Ulster, del quale fu anche capitano dal gennaio 2008[3]. A giugno 2009 giunse il trasferimento al Viadana.

Nel dicembre 2009 dal Fava fu invitato dai Barbarians per il tradizionale incontro di fine tour contro la Nuova Zelanda, vinto dalla formazione britannica a inviti per 25-18[4].

Con l'ammissione della federazione italiana in Celtic League, del Fava entrò a far parte della franchise degli Aironi, diretta emanazione del Viadana; due stagioni più tardi, dopo la revoca della licenza federale e la conseguente dismissione della squadra, del Fava fu ingaggiato dagli inglesi del Newcastle[5].

A febbraio 2014, tuttavia, dopo un infortunio di gioco al collo dovette ritirarsi immediatamente dall'attività agonistica per prevenire danni maggiori al proprio fisico[1]. Pochi mesi più tardi accettò l'incarico di allenatore degli avanti del Westoe[6], formazione dilettantistica di South Shields nel Tyne and Wear, e nel frattempo avviò la sua attività di piccolo imprenditore idraulico[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nicola Melillo, Del Fava dice stop: saluta un grande azzurro: “Smetto felice di quanto fatto”, su metadellaltromondo.gazzetta.it, la Gazzetta dello Sport, 10 febbraio 2014. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2014).
  2. ^ (EN) Bruce McHenry, McGee hit with seven-week ban, in The Scotsman, 21 febbraio 2003. URL consultato il 14 aprile 2010.
  3. ^ Rugby, Carlo del Fava nuovo capitano dell'Ulster, in News Italia Press, 4 gennaio 2008. URL consultato il 18 settembre 2008.
  4. ^ Super Barbarians, All Blacks sconfitti, in la Repubblica, 5 dicembre 2009. URL consultato il 7 dicembre 2009.
  5. ^ (EN) Italy lock Carlo del Fava joins Newcastle Falcons, in BBC, 16 maggio 2012. URL consultato il 20 novembre 2012.
  6. ^ (EN) Mark Smith, Carlo del Fava swaps Newcastle Falcons for Westoe RFC, in Evening Chronicle (Newcastle upon Tyne), 6 luglio 2014. URL consultato il 29 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 17 luglio 2014).
  7. ^ (EN) From Premiership to plumbing… Grateful Del Fava hoping to repay a debt as Westoe battle relegation, in The Journal (Newcastle upon Tyne), 14 gennaio 2016. URL consultato il 29 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]