Tessa Gelisio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tessa Gelisio

Tessa Gelisio (Alghero, 6 maggio 1977) è una conduttrice televisiva, scrittrice e ambientalista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta a Rosignano Marittimo[1], in provincia di Livorno, inizia la sua attività come esperta di problematiche ambientali.

Debutta in televisione su Telemontecarlo nel 2001[2] con un programma dedicato al mondo marino, Blu & Blu. Nel 2001-2002 approda su LA7, con un nuovo programma di divulgazione scientifica Oasi, incentrato soprattutto su problematiche ecologiche e ambientali.

Nel 2002 collabora per un'edizione a Sereno variabile[2], e nella stagione 2002-2003 approda su Rai 1 con il programma del sabato pomeriggio che porta alla scoperta delle meraviglie dell'Italia Italia che vai condotto insieme a Paolo Brosio.

Terminata l'esperienza alla TV pubblica, nel 2003 la conduttrice approda a Mediaset[2] dove rimarrà negli anni successivi. Rete 4 affida a Tessa Gelisio la conduzione del nuovo programma Pianeta Mare[2] dedicato al mondo marino, che l'ha portata al successo e che conduce ancora oggi.

Dal 2002 al 2006 oltre a condurre Pianeta Mare, sempre sulla stessa rete televisiva è al timone di "Solaris, il mondo a 360°", programma di divulgazione scientifico-culturale. Nel 2007 dal duomo di Reggio Calabria presente in prima serata su Rete 4 il "Concerto di Natale 2007" in cui hanno partecipato Al Bano, Ivana Spagna e tanti altri. Nell'ottobre 2008 prima serata su Rete 4 conduce da Petra in Giordania "Tributo a Luciano Pavarotti", una manifestazione molto importante di beneficenza in onore del grande tenore italiano Luciano Pavarotti alla quale hanno partecipato Zucchero, Andrea Bocelli, Sting, Laura Pausini, Jovanotti, Placido Domingo, José Carreras.

Nell'estate 2010 in prima serata su Rete 4 conduce 4 puntate di Life - Lo spettacolo della vita, programma che propone una serie di documentari sulla natura realizzati dalla BBC. Nel giugno 2011 partecipa della manifestazione in onda su Rete 4 "Sfilata d'amore e moda". Sempre in estate nel 2011 conduce sulla stessa rete, 6 puntate di Lo spettacolo della natura, un programma che come quello dell'estate precedente trasmette vari documentari sulla natura sempre realizzati dalla BBC. Tra le altre conduzioni, citiamo "Lo spettacolo della natura", nel 2012 su Rete 4, e Capodanno on ice, nel 2013 su Italia 1.

Dal 2011 ad oggi è alla conduzione della rubrica di cucina Cotto e mangiato all'interno di Studio Aperto.

Dal 2013 ad oggi Il menù del giorno, su Italia 1, appuntamento per tutti gli appassionati di cucina e delle ricette veloci e facili realizzare.

Dal 2014 è alla conduzione di InForma nuovo magazine di Canale 5 che parla di salute, medicina, benessere psicofisico, qualità della vita.

23 marzo 2015 - "giùlezampe" - Tessa consegna al Ministro Orlando le oltre 100.000 firme raccolte con la petizione "giulezampe" che ha ideato e lanciato su change.org, contro il pignoramento degli animali da compagnia

22 dicembre 2015 - Vittoria della petizione "giùlezampe": è legge il divieto di pignoramento degli animali domestici. Approvata la modifica all'articolo 514 del codice di procedura civile che ammetteva, insieme ad oggetti come mobili, televisore o un tostapane, la possibilità per gli animali da compagnia di essere pignorati e andare all'asta in caso di insolvenza dei debiti da parte del proprietario.

L'impegno ambientalista[modifica | modifica wikitesto]

Incomincia l'attività di ecologista da giovanissima militando in diverse associazioni ambientaliste (WWF, Amici della Terra, Legambiente) e centri per la tutela di specie selvatiche.

Nel 2004, Tessa Gelisio fonda e assume la presidenza dell'associazione forPlanet Onlus[3] che nel 2009 vede riconosciuto il proprio status di ONLUS[3]. L'associazione sviluppa progetti di conservazione ambientale per contrastare il continuo deterioramento degli ecosistemi naturali e promuove pratiche e prodotti che mirano ad uno sviluppo sostenibile della società. Gli ecosistemi tutelati da forPlanet sono le foreste tropicali.

Le vengono concessi diversi riconoscimenti per il suo impegno sociale nell'ambito della comunicazione a favore dell'ambiente. Nel 2003 riceve la targa d'argento Premio per la Terra, riconoscimento ispirato alla campagna mondiale della Carta della Terra, nel 2004 Oscar per l'ambiente, nel 2005 Premio Satiro d'oro, nel 2006 Premio Il Campione per la comunicazione a favore dell'ambiente; nel 2007 Premio Immagini dal Mare" per la migliore conduzione e miglior programma, sempre nel 2007 Premio Carife Ambiente e Premio Giornalismo Kiwanis per la comunicazione a favore dell'ambiente; 2013 Premio Rossana Maiorca alla carriera.[senza fonte]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Le ricette di Pianeta Mare ed. RTI – Mondadori - 2008
  • Guida alle località di Pianeta Mare ed. Rti – Mondadori – 2008
  • Guida del diportista ecologico ed. Mursia – 2008
  • Le ricette di Pianeta Mare II volume ED. Rti – Mondadori - 2008
  • Guida ai Green Jobs ed. Ambiente - 2009
  • La cucina del mare ed Rcs - 2009
  • Risparmiare in casa – Fivestore - 2011
  • Risparmiare in cucina – Fivestore - 2011
  • Le immersioni più belle d'Italia – Mursia - 2011
  • Le ricette di Pianeta Mare – Fivestore – 2011
  • Risparmiare in shopping – Fivestore - 2012
  • Risparmiare in viaggio – Fivestore - 2012
  • Gli appunti di Cotto e mangiato – Fivestore - 2012
  • Guida ai green jobs – seconda edizione- ed. Ambiente 2012
  • Le ricette di Cotto e mangiato- Fivestore – 2012
  • Le nuove ricette di Pianeta Mare - Fivestore - 2013
  • Ecocentrica - Giunti Editore - 2013
  • Guarda che ricette! - il nuovo ricettario di Cotto e mangiato - Fivestore 2013
  • Cotto e mangiato - Le ricette per stare bene - Fivestore 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tessa promossa ai fornelli, in Il Tirreno, 31 dicembre 2011. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  2. ^ a b c d Michele Biondi, Tessa Gelisio a TvBlog, in TvBlog.it, 28 luglio 2010. URL consultato il 2 ottobre 2015.
  3. ^ a b forPlanet Onlus, forplanet.org. URL consultato il 17 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]