Sei Nazioni 2003

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search


Sei Nazioni 2003
Logo della competizione
Competizione Sei Nazioni
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 109ª
Date dal 15 febbraio 2003
al 30 marzo 2003
Luogo Francia Francia
Irlanda Irlanda
Italia Italia
Regno Unito Regno Unito
Partecipanti 6
Risultati
Vincitore Inghilterra Inghilterra
Grande Slam Inghilterra Inghilterra
Triple Crown Inghilterra Inghilterra
Calcutta Cup Inghilterra Inghilterra
Centenary Quaich Irlanda Irlanda
Millennium Trophy Inghilterra Inghilterra
Whitewash Galles Galles
Statistiche
Miglior marcatore Inghilterra Jonny Wilkinson (77)
Record mete Francia Damien Traille (4)
Incontri disputati 15
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2002 2004 Right arrow.svg

Il Sei Nazioni 2003 (in inglese 2003 Six Nations Championship, in francese Tournoi des Six Nations 20003, in gallese Pencampwriaeth y Chwe Gwlad 2003) fu la 4ª edizione del torneo rugbistico che vede annualmente confrontarsi le Nazionali di Francia, Galles, Inghilterra, Irlanda, Italia e Scozia, nonché la 109ª in assoluto considerando anche le edizioni dell'Home Championship e del Cinque Nazioni.

Per motivi di sponsorizzazione fu noto anche come RBS Six Nations Championship in quanto legato da un accordo di partnership commerciale con la Royal Bank of Scotland, la quale proprio con tale edizione diede avvio a una collaborazione con il torneo che durò 15 edizioni fino al 2017[1].

A vincere il torneo fu, per la venticinquesima volta, l'Inghilterra che nell'occasione conseguì anche il suo dodicesimo Grande Slam. Il Galles, rimasto senza vittorie, rimediò il suo primo Whitewash dal 1995 mentre l'Italia, alla sua seconda vittoria assoluta nel torneo dopo quella d'esordio del 2000 contro la Scozia, riuscì alla sua quarta partecipazione a non terminare il torneo all'ultima posizione.

Nazionali partecipanti e sedi[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale Sede Stadio
Francia Francia Saint-Denis Stade de France
Galles Galles Cardiff Millennium Stadium
Inghilterra Inghilterra Londra Twickenham
Irlanda Irlanda Dublino Lansdowne Road
Italia Italia Roma Stadio Flaminio
Scozia Scozia Edimburgo Murrayfield

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

1ª giornata[modifica | modifica wikitesto]

Roma
15 febbraio 2003
Italia Italia30 – 22Galles GallesStadio Flaminio

Londra
15 febbraio 2003
Inghilterra Inghilterra25 – 17Francia FranciaTwichenham

Edimburgo
16 febbraio 2003
Scozia Scozia6 – 36Irlanda IrlandaMurrayfield

2ª giornata[modifica | modifica wikitesto]

Roma
22 febbraio 2003
Italia Italia13 – 37Irlanda IrlandaStadio Flaminio

Saint-Denis
22 febbraio 2003
Francia Francia38 – 3Scozia ScoziaStade de France

Cardiff
23 febbraio 2003
Galles Galles9 – 26Inghilterra InghilterraMillennium Stadium

3ª giornata[modifica | modifica wikitesto]

Dublino
8 marzo 2003
Irlanda Irlanda15 – 12Francia FranciaLansdowne Road

Edimburgo
8 marzo 2003
Scozia Scozia30 – 22Galles GallesMurrayfield

Londra
9 marzo 2003
Inghilterra Inghilterra40 – 5Italia ItaliaTwichenham

4ª giornata[modifica | modifica wikitesto]

Cardiff
22 marzo 2003
Galles Galles24 – 25Irlanda IrlandaMillennium Stadium

Londra
22 marzo 2003
Inghilterra Inghilterra40 – 9Scozia ScoziaTwichenham

Roma
23 marzo 2003
Italia Italia27 – 53Francia FranciaStadio Flaminio

5ª giornata[modifica | modifica wikitesto]

Saint-Denis
29 marzo 2003
Francia Francia33 – 5Galles GallesStade de France

Edimburgo
29 marzo 2003
Scozia Scozia33 – 25Italia ItaliaMurrayfield

Dublino
30 marzo 2003
Irlanda Irlanda6 – 42Inghilterra InghilterraLansdowne Road

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Squadra G V N P P+ P- PT
Inghilterra Inghilterra 5 5 0 0 173 46 127 10
Irlanda Irlanda 5 4 0 1 119 97 22 8
Francia Francia 5 3 0 2 153 75 78 6
Scozia Scozia 5 2 0 3 81 166 -85 4
Italia Italia 5 1 0 4 100 185 -85 2
Galles Galles 5 0 0 5 82 144 -62 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Paul Rees, Six Nations sets tight deadline after struggling to find new sponsor for 2018, in The Observer, 23 settembre 2017. URL consultato il 5 maggio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby