Calcutta Cup

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calcutta Cup
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Tipo Squadre nazionali
Luogo Inghilterra e Scozia
Organizzatore Rugby Football Union e Scottish Rugby Union
Cadenza annuale
Partecipanti 2
Formula gara unica
Storia
Fondazione 1878
Numero edizioni 125 al 2018
Detentore Scozia Scozia
Record vittorie Inghilterra Inghilterra (70)

La Calcutta Cup è un trofeo internazionale di rugby a 15 annualmente in palio tra le squadre nazionali maschili di Inghilterra e Scozia.

Nato per celebrare il ricordo di un club rugbistico indiano di Calcutta scioltosi nel 1878, si tratta di uno dei più antichi e famosi riconoscimenti rugbistici e si assegna dal 1879. Al 2018 se ne sono disputate 125 edizioni e l'Inghilterra ne ha vinte 70 a fronte delle 40 della Scozia; 15 sono stati i pareggi, il più recente nel 2010.

Originariamente assegnato attraverso un incontro annuale appositamente organizzato, dal 1883 è aggiudicato alla vincente dell'incontro in calendario del torneo oggi noto come Sei Nazioni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Calcutta Football Club[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 dicembre 1872 si tenne a Calcutta, all'epoca capitale dell'impero anglo-indiano, un incontro di rugby tra due squadre di venti giocatori ciascuna, una delle quali composta interamente da inglesi e l'altra da scozzesi, gallesi e irlandesi[1]; l'esibizione ebbe successo e una settimana più tardi fu replicata[1]; poche settimane dopo, a 1873 appena iniziato, nacque il Calcutta Football Club[1].

Il nuovo consorzio conobbe un periodo di grande successo, perché già nel primo anno contava 137 membri e diede vita a una qualificata serie di incontri, tra cui quelli contro squadre militari che vantavano molti giocatori internazionali e il derby contro il Calcutta Volunteers, secondo club in ordine di tempo a essere fondato in città[1]; l'anno successivo si affiliò alla Rugby Football Union[1] e vide nei suoi ranghi anche diversi internazionali che rappresentarono Inghilterra, Galles e Scozia[1].

Il Calcutta FC iniziò a declinare quando il polo e il tennis, sport più confacenti al clima locale, presero sempre più piede tra i coloniali lì presenti e la squadra non ebbe più ricambi[2]; un altro colpo decisivo fu l'abbandono di Calcutta da parte di una guarnigione dell'esercito britannico[2]. Per effetto di ciò, pur non mancando di fondi[1], il Calcutta FC fu costretto a sciogliersi per mancanza di avversari contro cui giocare[1].

La nascita della Calcutta Cup[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dello scioglimento dopo solo quattro anni scarsi di attività, quindi, nacque l'esigenza di come impiegare l'eredità del club, consistente nei fondi a disposizione depositati presso una locale banca; furono accantonate le ipotesi di organizzare una festa o una cena collettiva perché giudicati eventi dei quali si sarebbe presto persa la memoria[1]; l'ex tesoriere e capitano del club G. A. James Rothney suggerì che la dotazione economica del Calcutta FC (270 rupie d'argento[2] equivalenti a circa 60 sterline dell'epoca[1]) fosse fusa e utilizzata per forgiare un trofeo da donare alla Rugby Football Union affinché questa lo mettesse in palio in una competizione a sua scelta e continuasse a mantenere vivo il ricordo del defunto club, ed espresse tale desiderio in una lettera inviata a Londra nel dicembre 1877.

Rothney aveva anche suggerito che la competizione in cui metterlo in palio fosse un torneo inglese per squadre di club, ma la federazione non era incline a istituire una competizione strutturata che a suo pensare avrebbe aperto la strada al professionismo[2], da essa osteggiato in tutti i modi; A.G. Guillemard, presidente della Rugby Football Union, rispose a Rothney nel gennaio 1878 accettando la proposta del trofeo ma annunciando che sarebbe stato utilizzato per premiare annualmente la squadra vincitrice da un incontro annuale tra le nazionali di Inghilterra e Scozia[2]. Rothney commissionò quindi il trofeo a un rinomato artigiano indiano, che forgiò una coppa alta circa 45 centimetri con tre manici a forma di cobra e con un elefante bianco a sormontarne il coperchio[1]. Sul basamento in legno della coppa fu incisa una dedica in inglese che, tradotta, recita: «La Calcutta Cup, offerta alla Rugby Football Union dal Calcutta Football Club quale trofeo internazionale da contendersi annualmente tra Inghilterra e Scozia — 1878»[1].

La contesa tra Inghilterra e Scozia[modifica | modifica wikitesto]

La Calcutta Cup 1890 a Edimburgo

In corso d'anno la coppa giunse nel Regno Unito e il 10 marzo 1879 fu ufficialmente presentata al Raeburn Place di Edimburgo prima della sfida tra Scozia e Inghilterra[1]. Il trofeo non fu, tuttavia, assegnato in tale occasione, perché l'incontro terminò in parità con un drop per la squadra di casa e un calcio piazzato per gli ospiti (con il sistema di punteggio odierno sarebbe un 3-3)[1]: il primo vincitore si ebbe un anno più tardi, il 28 febbraio 1880 a Manchester quando l'Inghilterra vinse per due calci piazzati a uno (equivalente a un 6-3 con il punteggio attuale).

Dal 1883 il trofeo coincise con l'incontro previsto in calendario per l'Home Championship, torneo interbritannico tra le quattro Home Nations del Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda) e che oggi è noto come Sei Nazioni dopo l'ingresso nello stesso di Francia e, per ultima, Italia.

In tale occasione l'incontro si risolse in parità per quanto riguarda i calci piazzati (zero a zero) ma con la discriminante di due mete a una per l'Inghilterra che all'epoca non conferivano punti ma solo la possibilità di battere tra i pali e trasformare in punti. Tale incontro, con il sistema di punteggio oggi vigente, sarebbe terminato 10-5 per gli inglesi.

Nel decennio successivo anche Galles e Irlanda avevano progredito a un livello tale da poter essere validi contendenti di Inghilterra e Scozia[2], e a fine secolo si tentò di convincere la RFU a estendere la messa in palio della Calcutta Cup alla nazione che vincesse il torneo ma ormai a quel punto, dopo circa quindici anni che essa era visto come un riconoscimento alla lotta per la supremazia tra Inghilterra e Scozia, fu deciso definitivamente che solo due dette nazionali potessero disputarsene il possesso[2].

Benché essa passasse di mano quando la squadra detentrice veniva sconfitta, la Calcutta Cup era ed è tuttora di proprietà della Rugby Football Union[1]; tuttavia il trofeo originale non viene più assegnato dal 1988 perché nel corso della sua storia subì danneggiamenti e fu giudicato troppo fragile per essere maneggiato senza cura[3]. Da tale data viene consegnata una replica dello stesso mentre la coppa originale si trova permanentemente esposta a Londra al museo del rugby presso lo stadio di Twickenham[3].

Fin dall'istituzione dell'Home Championship la Calcutta Cup si è sempre disputata in ogni edizione in cui si è tenuto (comprese le nuove denominazioni di Cinque e, a seguire, Sei Nazioni), e quelle in cui non fu disputata coincidono con le interruzioni del torneo dovute alle due guerre (dal 1915 al 1919 e dal 1940 al 1946)[3].

A tutto il Sei Nazioni 2018 la Calcutta Cup è stata messa in palio 125 volte e l'Inghilterra, a tale data, l'ha vinta 70 volte a fronte delle 40 della Scozia; in altre 15 occasioni la sfida si concluse in parità (l'ultima volta a Edimburgo, un 15-15 nel corso del Sei Nazioni 2010[4]). Nei casi in cui la sfida non abbia un vincitore il trofeo rimane in possesso della squadra che lo deteneva[4]. Fatta salva la prima edizione in assoluto, nella quale non esisteva un detentore precedente, l'Inghilterra vanta 11 pareggi da detentrice, il più recente dei quali nella citata edizione del 2010, mentre la Scozia ne conta altresì 3, il più recente nel 1965.

La Scozia, detentrice al 2018, non vince il titolo in casa dell'Inghilterra dal 1983; quest'ultima vanta la serie più lunga di vittorie, nove, tra i Cinque Nazioni del 1991 e 1999; più in generale, nell'era professionistica (dall'edizione 1996), solo in quattro occasioni l'Inghilterra non ha vinto la Calcutta Cup a parte il citato pareggio del 2010.

Inoltre, inglese è anche il giocatore che vanta il record di punti marcati in un incontro valido per la Calcutta Cup: si tratta di Jonny Wilkinson che il 3 febbraio 2007, nella gara d'apertura del torneo, marcò 27 punti nella gara vinta 42-20 dalla sua squadra[5]. Il miglior realizzatore scozzese in una gara singola è invece Gavin Hastings, che marcò 21 punti nella miglior vittoria di sempre della sua compagine contro gli inglesi, 33-6 nel Cinque Nazioni 1986[6].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Città Risultato Vincitrice
1879 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–3 pareggio
1880 Manchester Inghilterra — Scozia 6–3 Inghilterra Inghilterra
1881 Edimburgo Scozia — Inghilterra 4–4 pareggio
1882 Manchester Inghilterra — Scozia 0–2 Scozia Scozia
1883 Edimburgo Scozia — Inghilterra 1–2 Inghilterra Inghilterra
1884 Londra Inghilterra — Scozia 3–1 Inghilterra Inghilterra
1886 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–0 pareggio
1887 Manchester Inghilterra — Scozia 1–1 pareggio
1890 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–6 Inghilterra Inghilterra
1891 Londra Inghilterra — Scozia 3–9 Scozia Scozia
1892 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–5 Inghilterra Inghilterra
1893 Leeds Inghilterra — Scozia 0–8 Scozia Scozia
1894 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–0 Scozia Scozia
1895 Londra Inghilterra — Scozia 3–6 Scozia Scozia
1896 Glasgow Scozia — Inghilterra 11–0 Scozia Scozia
1897 Manchester Inghilterra — Scozia 12–3 Inghilterra Inghilterra
1898 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–3 pareggio
1899 Londra Inghilterra — Scozia 0–5 Scozia Scozia
1900 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–0 pareggio
1901 Londra Inghilterra — Scozia 3–18 Scozia Scozia
1902 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–6 Inghilterra Inghilterra
1903 Londra Inghilterra — Scozia 6–10 Scozia Scozia
1904 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–3 Scozia Scozia
1905 Londra Inghilterra — Scozia 0–8 Scozia Scozia
1906 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–9 Inghilterra Inghilterra
1907 Londra Inghilterra — Scozia 3–8 Scozia Scozia
1908 Edimburgo Scozia — Inghilterra 16–10 Scozia Scozia
1909 Richmond Inghilterra — Scozia 8–18 Scozia Scozia
1910 Edimburgo Scozia — Inghilterra 5–14 Inghilterra Inghilterra
1911 Londra Inghilterra — Scozia 13–8 Inghilterra Inghilterra
1912 Edimburgo Scozia — Inghilterra 8–3 Scozia Scozia
1913 Londra Inghilterra — Scozia 3–0 Inghilterra Inghilterra
1914 Edimburgo Scozia — Inghilterra 15–16 Inghilterra Inghilterra
1920 Londra Inghilterra — Scozia 13–4 Inghilterra Inghilterra
1921 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–18 Inghilterra Inghilterra
1922 Londra Inghilterra — Scozia 11–5 Inghilterra Inghilterra
1923 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–8 Inghilterra Inghilterra
1924 Londra Inghilterra — Scozia 19–0 Inghilterra Inghilterra
1925 Edimburgo Scozia — Inghilterra 14–11 Scozia Scozia
1926 Londra Inghilterra — Scozia 9–17 Scozia Scozia
1927 Edimburgo Scozia — Inghilterra 21–13 Scozia Scozia
1928 Londra Inghilterra — Scozia 6–0 Inghilterra Inghilterra
1929 Edimburgo Scozia — Inghilterra 12–6 Scozia Scozia
1930 Londra Inghilterra — Scozia 0–0 pareggio
1931 Edimburgo Scozia — Inghilterra 28–19 Scozia Scozia
1932 Londra Inghilterra — Scozia 16–3 Inghilterra Inghilterra
1933 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–0 Scozia Scozia
1934 Londra Inghilterra — Scozia 6–3 Inghilterra Inghilterra
1935 Edimburgo Scozia — Inghilterra 10–7 Scozia Scozia
1936 Londra Inghilterra — Scozia 9–8 Inghilterra Inghilterra
1937 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–6 Inghilterra Inghilterra
1938 Londra Inghilterra — Scozia 16–21 Scozia Scozia
1939 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–9 Inghilterra Inghilterra
1947 Londra Inghilterra — Scozia 24–5 Inghilterra Inghilterra
1948 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–3 Scozia Scozia
1949 Londra Inghilterra — Scozia 19–3 Inghilterra Inghilterra
1950 Edimburgo Scozia — Inghilterra 13–11 Scozia Scozia
1951 Londra Inghilterra — Scozia 5–3 Inghilterra Inghilterra
1952 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–19 Inghilterra Inghilterra
1953 Londra Inghilterra — Scozia 26–8 Inghilterra Inghilterra
1954 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–13 Inghilterra Inghilterra
1955 Londra Inghilterra — Scozia 9–6 Inghilterra Inghilterra
1956 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–11 Inghilterra Inghilterra
1957 Londra Inghilterra — Scozia 16–3 Inghilterra Inghilterra
1958 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3-3 pareggio
1959 Londra Inghilterra — Scozia 3-3 pareggio
Anno Città Risultato Vincitrice
1960 Edimburgo Scozia — Inghilterra 12–21 Inghilterra Inghilterra
1961 Londra Inghilterra — Scozia 6–0 Inghilterra Inghilterra
1962 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–3 pareggio
1963 Londra Inghilterra — Scozia 10–8 Inghilterra Inghilterra
1964 Edimburgo Scozia — Inghilterra 15–6 Scozia Scozia
1965 Londra Inghilterra — Scozia 3–3 pareggio
1966 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–3 Scozia Scozia
1967 Londra Inghilterra — Scozia 27–14 Inghilterra Inghilterra
1968 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–8 Inghilterra Inghilterra
1969 Londra Inghilterra — Scozia 8–3 Inghilterra Inghilterra
1970 Edimburgo Scozia — Inghilterra 14–5 Scozia Scozia
1971 Londra Inghilterra — Scozia 15–16 Scozia Scozia
1972 Edimburgo Scozia — Inghilterra 23–9 Scozia Scozia
1973 Londra Inghilterra — Scozia 20–13 Inghilterra Inghilterra
1974 Edimburgo Scozia — Inghilterra 16–14 Scozia Scozia
1975 Londra Inghilterra — Scozia 7–6 Inghilterra Inghilterra
1976 Edimburgo Scozia — Inghilterra 22–12 Scozia Scozia
1977 Londra Inghilterra — Scozia 26–6 Inghilterra Inghilterra
1978 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–15 Inghilterra Inghilterra
1979 Londra Inghilterra — Scozia 7–7 pareggio
1980 Edimburgo Scozia — Inghilterra 18–30 Inghilterra Inghilterra
1981 Londra Inghilterra — Scozia 23–17 Inghilterra Inghilterra
1982 Edimburgo Scozia — Inghilterra 9–9 pareggio
1983 Londra Inghilterra — Scozia 12–22 Scozia Scozia
1984 Edimburgo Scozia — Inghilterra 18–6 Scozia Scozia
1985 Londra Inghilterra — Scozia 10–7 Inghilterra Inghilterra
1986 Edimburgo Scozia — Inghilterra 33–6 Scozia Scozia
1987 Londra Inghilterra — Scozia 21–12 Inghilterra Inghilterra
1988 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–9 Inghilterra Inghilterra
1989 Londra Inghilterra — Scozia 12–12 pareggio
1990 Edimburgo Scozia — Inghilterra 13–7 Scozia Scozia
1991 Londra Inghilterra — Scozia 21–12 Inghilterra Inghilterra
1992 Edimburgo Scozia — Inghilterra 7–25 Inghilterra Inghilterra
1993 Londra Inghilterra — Scozia 26–12 Inghilterra Inghilterra
1994 Edimburgo Scozia — Inghilterra 14–15 Inghilterra Inghilterra
1995 Londra Inghilterra — Scozia 24–12 Inghilterra Inghilterra
1996 Edimburgo Scozia — Inghilterra 9–18 Inghilterra Inghilterra
1997 Londra Inghilterra — Scozia 41–13 Inghilterra Inghilterra
1998 Edimburgo Scozia — Inghilterra 20–34 Inghilterra Inghilterra
1999 Londra Inghilterra — Scozia 24–21 Inghilterra Inghilterra
2000 Edimburgo Scozia — Inghilterra 19–13 Scozia Scozia
2001 Londra Inghilterra — Scozia 43–3 Inghilterra Inghilterra
2002 Edimburgo Scozia — Inghilterra 3–29 Inghilterra Inghilterra
2003 Londra Inghilterra — Scozia 40–9 Inghilterra Inghilterra
2004 Edimburgo Scozia — Inghilterra 13–35 Inghilterra Inghilterra
2005 Londra Inghilterra — Scozia 43–22 Inghilterra Inghilterra
2006 Edimburgo Scozia — Inghilterra 18–12 Scozia Scozia
2007 Londra Inghilterra — Scozia 42–20 Inghilterra Inghilterra
2008 Edimburgo Scozia — Inghilterra 15–9 Scozia Scozia
2009 Londra Inghilterra — Scozia 26–12 Inghilterra Inghilterra
2010 Edimburgo Scozia — Inghilterra 15–15 pareggio
2011 Londra Inghilterra — Scozia 22–17 Inghilterra Inghilterra
2012 Edimburgo Scozia — Inghilterra 6–13 Inghilterra Inghilterra
2013 Londra Inghilterra — Scozia 38–18 Inghilterra Inghilterra
2014 Edimburgo Scozia — Inghilterra 0–20 Inghilterra Inghilterra
2015 Londra Inghilterra — Scozia 25–13 Inghilterra Inghilterra
2016 Edimburgo Scozia — Inghilterra 9–15 Inghilterra Inghilterra
2017 Londra Inghilterra — Scozia 61-21 Inghilterra Inghilterra
2018 Edimburgo Scozia — Inghilterra 25-13 Scozia Scozia
2019 Londra Inghilterra — Scozia

Riepilogo vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Vittorie Anno
Inghilterra Inghilterra 70 1880 · 1883 · 1884 · 1890 · 1892 · 1897 · 1902 · 1906 · 1910 · 1911
1913 · 1914 · 1920 · 1921 · 1922 · 1923 · 1924 · 1928 · 1932 · 1934
1936 · 1937 · 1939 · 1947 · 1949 · 1951 · 1952 · 1953 · 1954 · 1955
1956 · 1957 · 1960 · 1961 · 1963 · 1967 · 1968 · 1969 · 1973 · 1975
1977 · 1978 · 1980 · 1981 · 1985 · 1987 · 1988 · 1991 · 1992 · 1993
1994 · 1995 · 1996 · 1997 · 1998 · 1999 · 2001 · 2002 · 2003 · 2004
2005 · 2007 · 2009 · 2011 · 2012 · 2013 · 2014 · 2015 · 2016 · 2017
Scozia Scozia 40 1882 · 1891 · 1893 · 1894 · 1895 · 1896 · 1899 · 1901 · 1903 · 1904
1905 · 1907 · 1908 · 1909 · 1912 · 1925 · 1926 · 1927 · 1929 · 1931
1933 · 1935 · 1938 · 1948 · 1950 · 1964 · 1966 · 1970 · 1971 · 1972
1974 · 1976 · 1983 · 1984 · 1986 · 1990 · 2000 · 2006 · 2008 · 2018
Pareggi 1879 · 1881 · 1886 · 1887 · 1898 · 1900 · 1930 · 1958 · 1959 · 1962
1965 · 1979 · 1982 · 1989 · 2010

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Di squadra[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior serie:
  • Vittorie con il maggiore scarto:
    • Inghilterra: 40 punti (43-3, 3 marzo 2001; 61-21, 11 marzo 2017, assolute)[7]
    • Scozia: 27 punti (33-6, 15 febbraio 1986)[8]
  • Maggior numero di punti in un singolo incontro:
    • Inghilterra: 61 punti (Inghilterra — Scozia 61-21, 11 marzo 2017)[7]
    • Scozia: 33 punti (Scozia — Inghilterra 33-6, 15 febbraio 1986)[8]
    • Complessivo: 82 punti (Inghilterra — Scozia 61-21, 11 marzo 2017)[7]
  • Minor numero di punti in un singolo incontro:
    • 0 punti (Scozia — Inghilterra 0-0, 13 marzo 1886 e 10 marzo 1900; Inghilterra — Scozia 0-0, 15 marzo 1930)
  • Vittoria fuori casa più recente:

Individuali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (EN) The Calcutta Cup: the Legacy of a Club that Died, su scottishrugby.org, Scottish Rugby Union. URL consultato il 6 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2005).
  2. ^ a b c d e f g (EN) The Origin of the Calcutta Cup, su englandrugby.com, Rugby Football Union. URL consultato il 6 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2016).
  3. ^ a b c (EN) Alex Marrow, Scotland v England: A Calcutta Cup history, su sixnationsrugby.com, Six Nations, 20 febbraio 2018. URL consultato il 7 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2018).
  4. ^ a b (EN) James Standley, Scotland 15-15 England, in BBC, 13 marzo 2010. URL consultato il 7 maggio 2018.
  5. ^ (EN) Wilkinson: The Comeback Kid, in BBC, 4 febbraio 2007. URL consultato il 5 marzo 2008.
  6. ^ (EN) Dan Lucas, Scotland v England: five great Calcutta Cup matches at Murrayfield, in The Guardian, 5 febbraio 2016. URL consultato il 7 maggio 2018.
  7. ^ a b c Valore della meta: 5 punti
  8. ^ a b Valore della meta: 4 punti

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Rugby Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby