Lozzo Atestino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lozzo Atestino
comune
Lozzo Atestino – Stemma
Lozzo Atestino – Veduta
Piazza Vittorio Emanuele II con palazzina municipale e monumento ai caduti.
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Veneto-Stemma.png Veneto
Provincia Provincia di Padova-Stemma.png Padova
Amministrazione
Sindaco Fabio Ruffin (lista civica) dal 7-5-2012
Territorio
Coordinate 45°17′N 11°38′E / 45.283333°N 11.633333°E45.283333; 11.633333 (Lozzo Atestino)Coordinate: 45°17′N 11°38′E / 45.283333°N 11.633333°E45.283333; 11.633333 (Lozzo Atestino)
Altitudine 19 m s.l.m.
Superficie 24,07 km²
Abitanti 3 158[1] (31-12-2015)
Densità 131,2 ab./km²
Frazioni Chiavicone, Lanzetta, Valbona
Comuni confinanti Agugliaro (VI), Baone, Cinto Euganeo, Este, Noventa Vicentina (VI), Ospedaletto Euganeo, Vo'
Altre informazioni
Cod. postale 35034
Prefisso 0429
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 028047
Cod. catastale E709
Targa PD
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 487 GG[2]
Nome abitanti lutensi o lozzesi
Patrono san Giuseppe
Giorno festivo 19 marzo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lozzo Atestino
Lozzo Atestino
Lozzo Atestino – Mappa
Posizione del comune di Lozzo Atestino all'interno della provincia di Padova
Sito istituzionale

Lozzo Atestino (Łoso in veneto) è un comune italiano di 3 158 abitanti[1] della provincia di Padova in Veneto, inserito nel parco regionale dei Colli Euganei.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il Monte Lozzo e Lozzo Atestino

Il paese è situato ai piedi del Monte Lozzo, parte dei Colli Euganei, al confine con la Provincia di Vicenza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lozzo Atestino, sito dei più antichi insediamenti preistorici del padovano, in epoca romana era una zona paludosa: il toponimo Lozzo, infatti, potrebbe derivare dal latino Lutum, fango. Secondo altri studiosi, risalendo alla forma originaria Lucium (praedium) il nome di Lozzo deriverebbe dal cognome della famiglia romana dei Lucii, proprietaria prediale della zona. A conferma di questa derivazione, anche il linguista Dante Olivieri sostiene che "Luzzo" (Ponte e Torreson del Luzzo, Vicenza), derivi dal nome Lucius, affermando che: «si trovano in quei pressi i beni della famiglia vicentina dei Lucii»[3][4]. Mentre "Atestino" significa "estense", dal toponimo "Este" (in epoca romana Ateste), probabilmente dal nome in latino del fiume Adige (Athesis).

In epoca longobarda il territorio passò al comitato vicentino e fu riconquistato da Padova nell'età dei comuni. Durante la dominazione veneziana divenne luogo di villeggiatura dei patrizi della Serenissima, grazie al collegamento col Frassine e il Bisatto: lo testimonia la settecentesca Villa Lando Correr, con barchesse e grande parco.

Secondo la suddivisione territoriale della Chiesa cattolica fino al 1818 Lozzo appartenne alla diocesi di Vicenza diventando sede dell'omonimo vicariato della Diocesi di Padova. L'antica chiesa parrocchiale intitolata ai Santi Leonzio e Carpoforo, della quale si trovano testimonianze dal XIII secolo, nel 1861 venne abbattuta e sostituita dall'attuale progettata in stile neoclassico, a navata unica e caratterizzata dalla cupola sorretta da un colonnato semicircolare.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Valbona[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione di Valbona sorge un imponente fortilizio a pianta rettangolare, che risale all'inizio del Duecento. Situato ai confini tra i territori padovano, vicentino e veronese fu più volte oggetto di contesa e venne in parte distrutto nel 1231 e nel 1313, divenendo sotto i Carraresi un baluardo difensivo della zona. Oggi ospita un ristorante. Accanto la Chiesa di San Rocco nella frazione di Valbona in stile neogotico che si ispira liberamente al castello.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Feste locali[modifica | modifica wikitesto]

  • La frazione di Valbona organizza la sagra paesana in onore del Santo patrono (San Rocco), inserita nella suggestiva cornice del castello medievale. La festa si svolge da tempo immemore, nei giorni di ferragosto, e vi è stata recentemente affiancata una manifestazione chiamata "Ritornando al medioevo", con sfilate in costume medievale.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Lozzo Atestino è sede di un Istituto Comprensivo[7], nato nel 1997 e che serve gli abitanti dei comuni di Cinto Eugano, Vo' Euganeo, e della località di Valbona.

Persone legate a Lozzo Atestino[modifica | modifica wikitesto]

  • Nevio Scala, calciatore, allenatore e dirigente sportivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Guido Beltrame, Toponomastica della Diocesi di Padova, Collana Atlanti veneti, Editore Libraria padovana, Padova 1992, p. 98.
  4. ^ Dante Olivieri, Toponomastica veneta, Volume 2 di Civiltà veneziana: Dizionari dialettali, Editore Olschki, Firenze 1962, p. 121.
  5. ^ Il Veneto paese per paese, volume 3, p.165.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Home

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aa.Vv., Il Veneto paese per paese , Bonechi, Firenze 1997.
  • Germano Peraro, Lozzo Atestino tra cronaca e storia, Lozzo Atestino 2012. II edizione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN246297901
Padova Portale Padova: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Padova