Giornale del Popolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giornale del Popolo
Logo
StatoSvizzera Svizzera
Linguaitaliano
Periodicitàquotidiano
Generestampa locale
Formatostandard
Fondazione1926
Sedevia San Gottardo 50, 6900 Massagno
EditoreSocietà editrice del Giornale del Popolo SA
Tiratura10'041 (2018)
DirettoreAlessandra Zumthor
VicedirettoreGianMaria Pusterla
Redattore capoGregorio Schira
ISSN1660-9662 (WC · ACNP)
Sito web
 

Il Giornale del Popolo era un quotidiano in lingua italiana del Canton Ticino (Svizzera), fondato nel 1926 dall'allora Vescovo Mons. Aurelio Bacciarini.

La sede del quotidiano era a Massagno, dove erano presenti anche buona parte della redazione e dei servizi amministrativi. Aveva una tiratura di 10'041 copie[1]. Il direttore responsabile dal 2015 è stato Alessandra Zumthor.

Con un lettorato di 35'000 lettori (dati 2018), era il quarto quotidiano più letto della Svizzera italiana.

Dal 2004 il 51% del giornale era di proprietà della Diocesi di Lugano, mentre il 49% era di proprietà della Società Editrice Corriere del Ticino.

Il fallimento è stato decretato il 5. giugno 2018, un mese circa dopo il fallimento di Publicitas AG - avvenuto venerdì 11 maggio 2018 - che ne gestiva gli annunci pubblicitari.

L'ultimo numero stampato è uscito venerdì 18 maggio 2018 quasi completamente in bianco, accompagnato da uno scritto del Vescovo di Lugano Monsignor Valerio Lazzeri ed un messaggio in prima pagina della direttrice Alessandra Zumthor: «Care lettrici e cari lettori, dopo l’annuncio shock del nostro editore non me la sono sentita di chiedere ai colleghi di scrivere i loro articoli. Ci scusiamo, ma pensiamo che possiate capirci».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ REMP Bulletin des tirages 2017, p. 13 (PDF; 640 kB)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]