Il Dubbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Dubbio
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàquotidiano
Generestampa nazionale
Fondazione1º marzo 2016
SedeVia del Governo Vecchio 3, Roma
EditoreEdizioni Diritti e Ragione
DirettoreCarlo Fusi
Sito webildubbio.news/ildubbio/
 

Il Dubbio è un quotidiano italiano fondato da Piero Sansonetti e dal 31 marzo 2019 diretto da Carlo Fusi, pubblicato dal 1º marzo 2016.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione del giornale viene annunciata da Piero Sansonetti (ex direttore di Liberazione, Gli Altri, L'Ora della Calabria e Cronache del Garantista) nel dicembre 2015 ed esce nelle edicole il 1 marzo 2016. Il quotidiano è pubblicato dalla Edizioni Diritti e Ragione, di proprietà del Consiglio Nazionale Forense, la cui decisione di sostenere il giornale è stata criticata dall'Associazione Nazionale Forense.[1][2]

Il giornale esce nelle edicole di Milano, Torino, Roma e Napoli ed è distribuito tramite abbonamento postale anche nel resto dell'Italia.[3]

La linea del giornale è ispirata al garantismo, in opposizione al cosiddetto "giustizialismo".[4]

Il 2 aprile 2019 Sansonetti lascia la direzione e viene sostituito da Carlo Fusi.[5]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Presto in edicola "Il dubbio" giornale del Consiglio Nazionale Forense, in Repubblica.it, 22 dicembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2018.
  2. ^ Piero Sansonetti, nuovo giornale edito da fondazione Avvocatura. Ma i legali si spaccano e scrivono a Orlando - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 11 aprile 2016. URL consultato il 18 novembre 2018.
  3. ^ Abbonamenti - Il Dubbio, in Il Dubbio. URL consultato il 18 novembre 2018.
  4. ^ Piero Sansonetti lancia "Il Dubbio": "Non è un giornale contro i magistrati ma contro il giustizialismo e per i diritti", in L’Huffington Post, 7 aprile 2016. URL consultato il 18 novembre 2018.
  5. ^ Comunicato dell’editore, su Il Dubbio, 2 aprile 2019. URL consultato il 3 aprile 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria