Il Pensiero di Nizza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il Pensiero di Nizza
StatoRegno di Sardegna Regno di Sardegna (1815-61)
Francia Francia
Linguaitaliano
Periodicitàquotidiano
Generestampa nazionale
Fondazione1805
Chiusura1895
 

Il Pensiero di Nizza fu il giornale dei nizzardi italiani dopo i Vespri nizzardi del 1871[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Pensiero si rifaceva al quotidiano nizzardo Il Diritto di Nizza[2], che fu bloccato dal prefetto francese Marco Dufraisse nel febbraio 1871 assieme a La Voce di Nizza, scatenando una sommossa antifrancese durata dall'8 all'11 febbraio di quell'anno. Nel tentativo di calmare gli animi dei nizzardi italiani in questi Vespri nizzardi fu autorizzato il Pensiero (anteriormente nato per pochi anni nel 1805) in sostituzione dei primi due giornali, chiusi perché promotori dell'unione di Nizza all'Italia.

Nei decenni successivi fu diretto da Giuseppe André, fino a che fu soppresso dalle autorità francesi nel 1895 (ben 35 anni dopo l'annessione) con l'accusa di irredentismo, mentre era principalmente autonomista.

Ad esso collaborarono i maggiori scrittori italiani di lingua italiana del Nizzardo: Giuseppe Bres, Enrico Sappia, Giuseppe André e molti altri. Sappia tenne su Il Diritto di Nizza una famosa rubrica intitolata Chiacchiere del sabato. Questo dimostra l'esistenza nel Nizzardo di un'ampia fascia di popolazione di espressione italiana che poi pian piano si estinse a seguito della lotta delle autorità francesi all'italofonia.

La testata Il Pensiero di Nizza venne ripresa come periodico e quale voce dei nizzardi italofoni da Giulio Vignoli, studioso genovese delle minoranze italiane. In questo foglio, in più numeri, è stata riassunta la letteratura italiana del Nizzardo, dagli albori (XVI secolo) ai nostri tempi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe André: Il Pensiero di Nizza
  2. ^ http://cdlm.revues.org/index2693.html Henri Courrière, « Les trouble de février 1871 à Nice : Entre particularisme, séparatisme et République » in Cahiers de la Méditerranée, volume 74, 2007, p. 179-208

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • André, Giuseppe. Nizza, negli ultimi quattro anni Editore A. Gilletta, 1875 (Università di Harvard)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]