Fantasma (DC Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fantasma
Batman - La maschera del fantasma - Trailer.png
Il Fantasma nel film d'animazione Batman: La maschera del Fantasma
UniversoUniverso DC
Nome orig.Phantasm
Lingua orig.Inglese
Alter egoAndrea Beaumont
SoprannomeAndie
Autori
StudioWarner Bros. Animation
EditoreDC Comics
1ª app.25 dicembre 1993
1ª app. inBatman: La maschera del Fantasma
Voci orig.
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina
Poteri
  • Produce una nebbia artificiale
  • Può scomparire e riapparire all'improvviso
  • Uso della lama affilata al posto della mano destra

Il Fantasma (Phantasm), il cui vero nome è Andrea Beaumont, è un personaggio immaginario del DC Animated Universe, creato da Alan Burnett e Paul Dini. È un supercriminale nemico di Batman che compare nel film Batman: La maschera del Fantasma, uscito il 25 dicembre 1993. Dana Delany ha prestato la voce ad Andrea mentre Stacy Keach ha doppiato il Fantasma modificando elettronicamente la voce maschile.

Nel film Andrea Beaumont, un tempo fidanzata di Bruce Wayne, è l'antagonista principale, poi antieroina, che cerca di vendicarsi contro gli uomini che hanno ucciso ed hanno portato via tutto a suo padre, tra questi anche il vecchio amore Bruce Wayne. Andrea Beaumont ha fatto apparizioni occasionali in alcuni fumetti su Batman nelle vesti del Fantasma, spesso come killer professionista. Compare anche nella seconda stagione della serie animata Justice League Unlimited.

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli sceneggiatori di Batman: La maschera del Fantasma troviamo: Alan Burnett, Martin Pasko, Paul Dini, e Michael Reaves. Pasko ha scritto molte delle sequenze di flashback, comprese quelle con Andrea, mentre Reaves ha scritto quelle riguardanti la resa dei conti finale tra Batman, il Fantasma e il Joker (il vero antagonista principale del film).[1] Il doppiaggio di Dana Delany ha impressionato i realizzatori a tal punto da farle doppiare anche il personaggio di Lois Lane nella serie animata Superman.[2]

Andrea Beaumont è ispirata vagamente a Judson Caspian (Reaper) e sua figlia Rachel, personaggi della miniserie Batman: Anno due. Il costume del Fantasma è stato progettato da Bruce Timm, come da descrizione iniziale di Alan Burnett, ispirandosi alla morte personificata. Burnett ha voluto che il cattivo ricordasse lo spirito del Natale Futuro, una somiglianza che il Joker nota nel film.[3][4] Timm ha elaborato circa 20 diversi design per il personaggio prima di creare una versione definitiva.[3]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il fidanzamento con Bruce Wayne[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Beaumont è figlia di Carl Beaumont, un imprenditore di successo che si è trovato in debito con il capo del crimine di Gotham, Salvatore Valestra. Non essendo a conoscenza della gravità dei problemi di suo padre, Andrea si reca al cimitero sulla tomba della madre. Qui incontra il giovane miliardario Bruce Wayne, tornato di recente dal Giappone, mentre sta facendo visita alle tombe dei suoi genitori. Tra i due nasce subito un'affinità e ciò ha ripercussioni sul proposito decennale di Bruce di sgominare la malavita di Gotham. L'amore provato per Andrea e la felicità che la ragazza è in grado di donargli lo fanno vacillare per la prima volta dalla morte dei suoi genitori.

Purtroppo per Andrea e Bruce, i legami tra Valestra e Carl si sono trasformati da acidi a mortali e il mafioso ordina a Carl di ripagarlo entro 24 ore. Non potendo ritirare i soldi entro un determinato tempo, Carl è costretto alla fuga assieme a sua figlia. Avendo capito che Andrea stava andando per non fare più ritorno, Bruce cade preda della più cupa disperazione: aderisce nuovamente al suo proposito originario, vestendo, per la prima volta, i panni del Cavaliere Oscuro. Carl e Andrea tentano di scomparire nell'anonimato, ma vengono presto traditi dal segretario di Carl, Arthur: intenzionato ad iniziare una sua campagna, il segretario chiede al suo vecchio capo dei soldi, ma Carl rifiuta e Arthur rivela a Salvatore la sua locazione. Detto ciò, Salvatore manda il suo miglior uomo, Jack Napier, ad ucciderlo, ma di lasciare la ragazza, in quanto non coinvolta nella faccenda. Dopo aver pianto la sua morte, Andrea da inizio alla sua vendetta.

Nei panni del Fantasma[modifica | modifica wikitesto]

Il Fantasma compare davanti a Chuckie Sol, uno degli uomini di Valestra, mentre questi fugge da Batman e, non facendosi misteriosamente colpire dalle pallottole, Chuckie perde la vita in auto, dopo aver volato oltre il parapetto del parcheggio. Batman viene accusato della sua morte, in quanto Fantasma, da lontano, somiglia al Cavaliere Oscuro e la polizia inizia a braccarlo. Poco dopo, Andrea fece pubblico ritorno a Gotham City e contattò il suo vecchio amico Arthur Reeves. Tornando alla tomba di sua madre, vide Batman che la guardava da dietro la tomba dei Wayne. Poiché era in questo punto che si sono incontrati, Andrea capì che Bruce Wayne era l'uomo dietro la maschera.

Il Fantasma uccise quindi Buzz Bronski al cimitero, mentre l'uomo porgeva visita al suo defunto collega Sol, cadendo poi in una fossa e venendo schiacciato da una statua buttata dentro dal Fantasma. Mentre Batman sospettava che il Fantasma fosse Carl Beaumont, Sal Valestra si rivolse al Joker per la protezione da "Batman". Joker, capendo che qualcosa non quadrava, uccise Valestra con il suo gas e usa il suo cadavere come esca, scoprendo che non si tratta del Cavaliere Oscuro. Dopo aver scampato all'esplosione di casa Valestra, il Fantasma viene inseguito da Batman, ma scompare proprio prima dell'arrivo della polizia, che insegue Batman, che nella fuga perde la maschera.

Andrea salva Bruce dalla polizia e, dopo averlo portato a Villa Wayne, la donna spiega a Bruce la verità sulla sua partenza e di come sarebbe propensa all'idea di accettare la proposta di matrimonio che le fece il giorno che lei partì. Joker, intanto, incontra Arthur Reeves nel suo ufficio, dicendogli di stare in guardia dal Fantasma e non da Batman, ma poi lo avvelena con il suo gas, scoprendo che stava uscendo con Andrea. Come Bruce infatti scopre, Jack Napier non era altri che il gangster che Batman buttò in una vasca d'acido durante un'incursione all'Ace Chemicals e che diventò Joker, inoltre scopre da Reeves, interrogandolo all'ospedale, che Carl Beaumont morì per mano di Jack e che, se Carl non può essere il Fantasma, Batman capisce che il Fantasma è Andrea e che Joker sta cercando di ucciderla prima che lei uccide lui.

Batman riesce a fermare Andrea dall'uccidere Joker, chiedendole "Cosa risolverà questa vendetta?", per poi seguire il Joker ed arrestarlo. Il pagliaccio, tuttavia, attiva un detonatore che farà saltare in aria il suo covo, con loro tre dentro. Andrea, quindi, afferra il Joker e scompare, con l'intento di morire portandosi dietro il Joker, uscendo dalla vita di Bruce, permettendogli di fuggire. Tuttavia, nascostasi nelle fogne, Andrea ripensa alle parole di Bruce e rinuncia ad uccidere Joker, che fugge approfittando di un'esplosione. Andrea, andandosene da Gotham, decide di mettersi in proprio e diventa una cacciatrice di taglie.

Anni dopo[modifica | modifica wikitesto]

Quarant'anni dopo, Andrea fu assunta da Amanda Waller per dare il via al progetto Batman of the Future: gli ordinò di assassinare Warren McGinnis e Mary McGinnis davanti al figlio Terry McGinnis, che possedeva parte del DNA di Bruce. La Waller sperava che la tragica perdita dei genitori in giovane età avrebbe guidato Terry nel diventare il nuovo Batman ma, poco prima di eseguire gli ordini, il Fantasma ebbe dei ripensamenti e decise di non ucciderli.[5]

Di ritorno alla villa di Amanda Waller, Andrea si irritò molto sostenendo di non poter costringere un bambino ad assistere alla morte dei genitori, poiché avrebbe tradito tutto ciò in cui Batman credeva. Nonostante l'indole spietata della Waller, Andrea riuscì a convincere la donna ad abbandonare il progetto per evitare ulteriori tentati omicidi ai danni di Warren e Mary McGinnis. Risparmiati i genitori di Terry da Andrea, Warren e Mary potranno avere un secondo figlio e Terry, sei anni dopo, diverrà comunque Batman.[5]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Il Fantasma compare per la prima volta in un fumetto nel 1996, in The Batman and Robin Adventures della serie Le avventure di Batman. Compare anche in Batman Adventures: Shadows and Masks, in cui Andrea va sotto copertura nell'organizzazione di Maschera Nera, la "Società delle False Facce". Durante questo arco narrativo, si confronta con Bruce a Villa Wayne e gli chiede di non interferire con i suoi piani. Batman respinge Andrea, definendola un "killer", e quindi non più degno della sua considerazione. Il Fantasma alla fine combatte contro Batgirl e cerca di uccidere Maschera Nera. Più tardi costringe con un trucco Arthur Reeves ad uccidersi.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • In Batman: Gotham Li'l, nella Batcaverna è visibile la maschera del Fantasma.[6]
  • In DC Comics Bombshells, è presente una versione alternativa della storia ambientata durante la seconda guerra mondiale.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Nel videogioco Batman: Arkham Origins del 2013, prequel della saga Batman: Arkham, sono presenti delle cartoline da Roma e Parigi di Andrea Beaumont indirizzate a Bruce Wayne.

Merchandise[modifica | modifica wikitesto]

In concomitanza con l'uscita del film nel 1993, la Kenner ha rilasciato un'action figure del Fantasma. Tuttavia, è stato confezionato insieme al suo alter-ego Andrea Beaumont, rivelando quindi l'identità del personaggio e il mistero che si era creato intorno al cattivo principale del film.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'episodio Epilogo, ultimo della seconda stagione di Justice League Unlimited, Andrea Beaumont non è doppiata da nessuno in lingua originale; ciò che dice viene detto da Amanda Waller, che racconta l'evento. Inoltre, il suo guanto con la falce nel futuro sembra aver subito un rinnovamento tecnologico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Dini e Chip Kidd, Batman Animated, New York, N.Y.: Harper Entertainment, 1998, ISBN 0-06-107327-X.
  2. ^ Barry Freiman, Exclusive Interview with Dana Delany, Superman Homepage, 14 giugno 2005. URL consultato il 28 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2008).
  3. ^ a b HBO. "HBO First Look: Batman Mask of the Phantasm." HBO (circa 1993). Part 1, Part 2 Archiviato il 9 dicembre 2012 in Archive.is..
  4. ^ Batman: Mask of the Phantasm. Dir. Eric Radomski and Bruce W. Timm. Perf. Kevin Conroy, Dana Delany, Mark Hamill, and Hart Bochner. 1993. DVD. Warner Home Video. October 4, 2005
  5. ^ a b (EN) Justice League Unlimited: episodio 2x13, Epilogo (Epilogue), 23/7/2005.
  6. ^ Batman: Li'l Gotham #10 (March, 2014)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàEuropeana agent/base/164753
DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics