Fantasma (DC Comics)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fantasma
Batman - La maschera del fantasma - Trailer.png
Il Fantasma nel film d'animazione Batman: La maschera del Fantasma
UniversoUniverso DC
Nome orig.Phantasm
Lingua orig.Inglese
Alter egoAndrea Beaumont
SoprannomeAndie
Autori
StudioWarner Bros. Animation
EditoreDC Comics
1ª app.25 dicembre 1993
1ª app. inBatman: La maschera del Fantasma
Voci orig.
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina
Poteri
  • Produce una nebbia artificiale
  • Può scomparire e riapparire all'improvviso
  • Uso della lama affilata al posto della mano destra

Il Fantasma (Phantasm), il cui vero nome è Andrea Beaumont, è un personaggio immaginario del DC Animated Universe, creato da Alan Burnett e Paul Dini. È un supercriminale nemico di Batman che compare nel film Batman: La maschera del Fantasma, uscito il 25 dicembre 1993. Dana Delany ha prestato la voce ad Andrea mentre Stacy Keach ha doppiato il Fantasma modificando elettronicamente la voce.

Nel film Andrea Beaumont, un tempo fidanzata di Bruce Wayne, è l'antagonista secondaria, poi anti-eroina, che cerca di vendicarsi contro gli uomini che hanno ucciso ed hanno portato via tutto a suo padre, tra questi anche il vecchio amore Bruce Wayne. Andrea Beaumont ha fatto apparizioni occasionali in alcuni fumetti su Batman nelle vesti del Fantasma, spesso come killer professionista. Compare anche nella seconda stagione della serie animata Justice League Unlimited.

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli sceneggiatori di Batman: La maschera del Fantasma troviamo: Alan Burnett, Martin Pasko, Paul Dini, e Michael Reaves. Pasko ha scritto molte delle sequenze di flashback, comprese quelle con Andrea, mentre Reaves ha scritto quelle riguardanti la resa dei conti finale tra Batman, il Fantasma e il Joker (il vero antagonista principale del film).[1] Il doppiaggio di Dana Delany ha impressionato i realizzatori a tal punto da farle doppiare anche il personaggio di Lois Lane nella serie animata Superman.[2]

Andrea Beaumont è ispirata vagamente a Judson Caspian (Reaper) e sua figlia Rachel, personaggi della miniserie Batman: Anno due. Il costume del Fantasma è stato progettato da Bruce Timm, come da descrizione iniziale di Alan Burnett, ispirandosi alla morte personificata. Burnett ha voluto che il cattivo ricordasse lo spirito del Natale Futuro, una somiglianza che il Joker nota nel film.[3][4] Timm ha elaborato circa 20 diversi design per il personaggio prima di creare una versione definitiva.[3]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il fidanzamento con Bruce Wayne[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Beaumont è figlia di Carl Beaumont, un imprenditore di successo che si è trovato in debito con il capo del crimine di Gotham Salvatore Valestra. Non essendo a conoscenza della gravità dei problemi di suo padre, Andrea si reca al cimitero sulla tomba della madre. Qui incontra il giovane miliardario Bruce Wayne mentre sta facendo visita alle tombe dei suoi genitori. Tra i due nasce subito un'affinità e ciò ha ripercussioni sul proposito decennale di Bruce di sgominare la malavita di Gotham. L'amore provato per Andrea e la felicità che la ragazza è in grado di donargli lo fanno vacillare per la prima volta dalla morte dei suoi genitori.

Purtroppo per Andrea e Bruce, i legami tra i mob di Carl si sono trasformati da acidi a mortali. Temendo per la sua vita, Carl costringe Andrea a nascondersi con lui. A questo punto, avendo capito che Andrea stava andando per non fare più ritorno, Bruce cade preda della più cupa disperazione: aderisce nuovamente al suo proposito originario, vestendo i panni del Cavaliere Oscuro. Carl e Andrea tentano di scomparire nell'anonimato, ma vengono presto trovati dal colonnello principale di Valestra. Malgrado la gestione di restituire Valestra, Carl è stato ucciso con Andrea lasciato vivo per piangere... e per compiere la sua vendetta. Ha coperto la morte di suo padre, usando i suoi soldi rimanenti per stabilire una vita per se stessa e acquisire le armi e le attrezzature di cui avrebbe bisogno per esercitare vendetta sugli uomini che hanno ordinato la morte di suo padre.

Nei panni del Fantasma[modifica | modifica wikitesto]

Il Fantasma è apparso per la prima volta nel busto di Batman di un'operazione di gioco e ha causato la morte di Chuckie Sol. Dal momento che non era stata effettivamente avvistata pubblicamente e Batman è stato notato nella scena del crimine, era fortemente sospettato che il Cavaliere Oscuro fosse stato l'assassino. Poco dopo Andrea tornò a Gotham City e contattò il suo vecchio amico Arthur Reeves. Tornando alla tomba di sua madre, vide un'occhiata a Batman che la guardava da dietro la tomba dei Waynes. Poiché era in questo punto che si sono incontrati, Andrea ha subito capito che Bruce Wayne era l'uomo dietro la maschera.

Poi ha ucciso Buzz Bronski alla tomba di Sol. Mentre Batman sospettava che il Fantasma fosse Carl Beaumont, Sal Valestra si rivolse al Joker per la protezione da Batman, il primo sospetto nelle indagini. Dopo che Joker ha ucciso Valestra, il principe clown del crimine ha usato il cadavere gridante come esca per la misteriosa vigilante e scoperto tramite videocamera che Batman non era colpevole prima di saltare in casa del mafioso. Dopo aver scampato l'esplosione, il Fantasma è stato perseguito da Batman, ma è riuscito a scappare una volta arrivati la polizia.

Dopo che Andrea ha salvato Batman dalla polizia, entrambi hanno trascorso la notte insieme a Wayne Manor e sembravano promessi di conciliare il loro rapporto. Ha anche detto a Bruce perché ha dovuto lasciare, ma trascurato di menzionare che suo padre era morto (ucciso dall'ex identità di Joker) e aveva mentito a lui continuando a mantenere la fantasia che era la vera identità del Fantasma. Quando alla fine partì, promise che sarebbe tornata più tardi quella sera.

Dopo aver lasciato, ha fatto un'ultima telefonata e ha annullato una data presunta di cena che doveva avere con Reeves quella stessa notte. Dopo aver dedotto la sua identità, Joker ha tentato di uccidere Andrea nella sua camera d'albergo, saltando in su con un aeroplano a distanza controllato con esplosivi, mentre la minacciava con una chiamata telefonata. Sconosciuto per Joker, tuttavia, Batman era quello che aveva preso la sua chiamata mentre aveva indagato la sua stanza all'epoca e sopravvissuto al suo tentativo di assassinio destinato a Andrea, e che lei era in realtà per la sua strada per ucciderlo.

Dopo che Batman ha scoperto che il vecchio colpevole di Valestra era ora Joker e che Reeves era stato colui che ha scagliato Beaumont a Valestra in cambio di assistenza finanziaria nella sua campagna politica, il Fantasma si è mosso contro Joker al suo nascondiglio: il sito abbandonato della vecchia Fiera del Gotham World. Dopo aver tentato di ucciderlo personalmente, Andrea è quasi caduto vittima di una delle trappole mortali del Joker prima di essere salvata da Batman. Lei e Batman discutevano sul destino del Joker, ma entrambi si sono trovati a lottare per la loro vita contro le trappole del Joker. Dopo che il Joker è stato sottomesso, Andrea è scomparso drammaticamente con lui in una nuvola di fumo come i fieristi esplodevano intorno a loro.

Come un saluto finale a Bruce, ha lasciato un medaglione con una foto di loro nella Batcaverna. Con niente di più, lasciò Gotham su una fodera oceanica (forse viaggiava sotto un'altra identità). Mentre una festa stava andando in sala da pranzo della nave, lei si trovava da sola all'esterno sul ponte. Quando Burton Earny cercò di parlare con lei, lei lo rivolse freddamente triste. Chiese se preferisse di essere sola, e rispose solennemente «Sono già sola».

Anni dopo[modifica | modifica wikitesto]

Decenni dopo, Andrea Beaumont si trovò ad intraprendere la carriera di assassino mercenario. Come parte del progetto Batman of the Future, Amanda Waller gli ordinò di assassinare Warren McGinnis e Mary McGinnis davanti al figlio Terry McGinnis. La Waller sperava che la tragica perdita dei genitori in giovane età avrebbe guidato Terry nel diventare il nuovo Batman ma, poco prima di eseguire gli ordini, il Fantasma ebbe dei ripensamenti e decise di non ucciderli.[5]

Di ritorno alla villa di Amanda Waller, Andrea si irritò molto sostenendo di non poter costringere un bambino ad assistere alla morte dei genitori, poiché avrebbe tradito tutto ciò in cui Batman credeva. Nonostante l'indole spietata della Waller, Andrea riuscì a convincere la donna ad abbandonare il progetto per evitare ulteriori tentati omicidi ai danni di Warren e Mary McGinnis. Risparmiati i genitori di Terry da Andrea, Warren e Mary potranno avere un secondo figlio e Terry in altre circostanze diventerà Batman.[5]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Il Fantasma compare per la prima volta in un fumetto nel 1996, in The Batman and Robin Adventures della serie Le avventure di Batman. Compare anche in Batman Adventures: Shadows and Masks, in cui Andrea va sotto copertura nell'organizzazione di Maschera Nera, la "Società delle False Facce". Durante questo arco narrativo, si confronta con Bruce a Villa Wayne e gli chiede di non interferire con i suoi piani. Batman respinge Andrea, definendola un "killer", e quindi non più degno della sua considerazione. Il Fantasma alla fine combatte contro Batgirl e cerca di uccidere Maschera Nera. Più tardi costringe con un trucco Arthur Reeves ad uccidersi.

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • In Batman: Gotham Li'l, nella Batcaverna è visibile la maschera del Fantasma.[6]
  • In DC Comics Bombshells, è presente una versione alternativa della storia ambientata durante la seconda guerra mondiale.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Nel videogioco Batman: Arkham Origins del 2013, prequel della saga Batman: Arkham, sono presenti delle cartoline da Roma e Parigi di Andrea Beaumont indirizzate a Bruce Wayne.

Merchandise[modifica | modifica wikitesto]

In concomitanza con l'uscita del film nel 1993, la Kenner ha rilasciato un'action figure del Fantasma. Tuttavia, è stato confezionato insieme al suo alter-ego Andrea Beaumont, rivelando quindi l'identità del personaggio e il mistero che si era creato intorno al cattivo principale del film.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'episodio Epilogo, ultimo della seconda stagione di Justice League Unlimited, Andrea Beaumont non è doppiata da nessuno in lingua originale; ciò che dice viene detto da Amanda Waller, che racconta l'evento. Inoltre, il suo guanto con la falce nel futuro sembra aver subito un rinnovamento tecnologico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Dini e Chip Kidd, Batman Animated, New York, N.Y.: Harper Entertainment, 1998, ISBN 0-06-107327-X.
  2. ^ Barry Freiman, Exclusive Interview with Dana Delany (Superman Homepage), 14 giugno 2005. URL consultato il 28 gennaio 2008 (archiviato il 10 febbraio 2008).
  3. ^ a b HBO. "HBO First Look: Batman Mask of the Phantasm." HBO (circa 1993). Part 1, Part 2 Archiviato il 9 dicembre 2012 in Archive.is..
  4. ^ Batman: Mask of the Phantasm. Dir. Eric Radomski and Bruce W. Timm. Perf. Kevin Conroy, Dana Delany, Mark Hamill, and Hart Bochner. 1993. DVD. Warner Home Video. October 4, 2005
  5. ^ a b (EN) Justice League Unlimited: episodio 2x13, Epilogo (Epilogue).
  6. ^ Batman: Li'l Gotham #10 (March, 2014)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics