Batman: Arkham

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Batman: Arkham è una serie di videogiochi action-adventure sviluppati da Rocksteady Studios e pubblicati da Warner Bros. Interactive a partire dal 2009, basati sull'omonimo supereroe della DC Comics.

Al 2020 la serie conta tre capitoli principali (Batman: Arkham Asylum, Batman: Arkham City e Batman: Arkham Knight), un prequel (Batman: Arkham Origins) e cinque spin-off (Batman: Arkham City Lockdown, Batman: Arkham Origins Blackgate, Batman: Arkham Underworld e Batman: Arkham VR e Suicide Squad: Kill the Justice League).[1]

Nel marzo del 2020 è stata rilasciata la Batman: Arkham Collection, una raccolta comprendente tutti i tre capitoli principali della serie rimasterizzati per PlayStation 4 e Xbox One.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Capitoli principali[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data Piattaforme
Batman: Arkham Asylum Stati Uniti 25 agosto 2009
Europa 28 agosto 2009
Australia 3 settembre 2009
PlayStation 3
Xbox 360
Windows
Batman: Arkham City Stati Uniti 18 ottobre 2011
Europa 19 ottobre 2011
Australia 21 ottobre 2011
PlayStation 3
Xbox 360
Windows
Batman: Arkham Knight Mondo 23 giugno 2015 PlayStation 4
Xbox One
Windows

Prequel[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data Piattaforme
Batman: Arkham Origins Mondo 25 ottobre 2013 PlayStation 3
Xbox 360
Windows

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data Piattaforme
Batman: Arkham City Lockdown Mondo 7 dicembre 2011 iOS
Android
Batman: Arkham Origins Blackgate Mondo 25 ottobre 2013 PlayStation Vita
Nintendo 3DS
Batman: Arkham Underworld Mondo 3 marzo 2015 iOS
Android
Batman: Arkham VR Mondo 11 ottobre 2016 PlayStation 4
Windows
Suicide Squad: Kill the Justice League 2022 PlayStation 5
Xbox Series X
Windows

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Batman: Arkham.
Batman: Arkham Asylum Batman: Arkham City (Batman: Arkham Origins) Batman: Arkham Knight
Batman Si Si (Si) Si
Catwoman No Si (No) Si
Nightwing No Si (Si) Si
Robin No Si (No) Si
Alfred Pennyworth No Si (Si) Si
Barbara Gordon Si Si (Si) Si
James Gordon Si Si (Si) Si
Martha Wayne Si Si (Si) Si
Thomas Wayne Si Si (Si) Si
Aaron Cash Si Si (No) Si
Amadeus Arkham Si No (No) No
Azrael No Si (No) Si
Frank Boles Si No (No) No
Harvey Bullock No No (Si) No
Jack Ryder Si Si (Si) Si
Nora Fries No Si (Si) Si
Penelope Young Si No (No) No
Quincy Sharp Si Si (Si) No
Talia al Ghul No Si (No) No
Vicki Vale No Si (Si) Si
Joker Si Si (Si) Si
Harley Quinn Si Si (Si) Si
Enigmista Si Si (Si) Si
Hugo Strange No Si (No) No
Ra's al Ghul No Si (No) Si
Cavaliere di Arkham No No (No) Si
Spaventapasseri Si Si (No) Si
Anarky No No (Si) Si
Bane Si Si (Si) No
Cappellaio Matto No Si (Si) Si
Clayface Si Si (No) No
Copperhead No No (Si) No
Deadshot No Si (Si) No
Deathstroke No No (Si) Si
Due Facce No Si (No) Si
Electrocutioner No No (Si) No
Firefly No No (Si) Si
Hush No Si (No) Si
Killer Croc Si Si (Si) Si
Lady Shiva No No (Si) No
Man-Bat No No (No) Si
Maschera Nera No Si (Si) Si
Mr. Freeze No Si (Si) Si
Pinguino No Si (Si) Si
Poison Ivy Si Si (No) Si
Cappuccio Rosso No No (No) Si
Solomon Grundy No Si (No) No
Uomo Calendario No Si (Si) Si
Victor Zsasz Si Si (No) No
Amanda Waller No No (Si) No
Warden Joseph No No (Si) No

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Lo scrittore statunitense Paul Dini

Il primo videogioco della serie, Batman: Arkham Asylum (2009), è stato ideato dallo scrittore statunitense Paul Dini, già sceneggiatore della storica serie animata.[1] Lo sviluppo del gioco è iniziato nella primavera del 2007, quando Rocksteady Studios ha acquisito i diritti sul marchio Batman da DC Comics.

Batman: Arkham Asylum è stato annunciato il 1º agosto 2008 attraverso il numero 184 della rivista statunitense Game Informer.[2] Nel mese di ottobre hanno iniziato a circolare sul web alcune immagini del gioco, seguite poi dal primo trailer ufficiale, pubblicato il 9 dicembre.[3]

Il 7 agosto 2009 è stata rilasciata, in contemporanea mondiale, la demo ufficiale di Batman: Arkham Asylum su Xbox Live e PlayStation Network.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Per la versione statunitense del primo videogioco della serie, Batman: Arkham Asylum (2009), sono stati confermati Kevin Conroy e Mark Hamill come doppiatori, rispettivamente, di Batman e del Joker.[4]

Per la versione italiana sono stati chiamati al microfono tutti i doppiatori ufficiali della serie animata.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Fin dalla sua prima pubblicazione, con Batman: Arkham Asylum (2009), la serie ha ricevuto ampi consensi di critica. Nell'autunno del 2009 Arkham Asylum ha conquistato il Guinness World Record per il videogioco di supereroi più acclamato dell'epoca, sulla base di un punteggio aggregato di 91,67% su Metacritic;[5] The Guardian ha inoltre inserito l'opera tra i 50 migliori videogiochi del XXI secolo.[6]

Il record è stato superato dal seguito, Batman: Arkham City (2011), con un punteggio di 96,12%,[7] che lo ha portato ad essere eletto da Metacritic come uno dei migliori videogiochi del decennio 2010-2019.[8]

Batman: Arkham Knight (2015), capitolo conclusivo della serie principale, è stato elogiato dalla critica ed è diventato uno dei videogiochi più venduti del 2015,[9] oltre ad essere inserito anch'esso nella lista dei migliori videogiochi del decennio 2010-2019.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Eric Brudvig, Batman: Arkham Asylum Announced, IGN, 13 agosto 2008. URL consultato il 29 giugno 2013.
  2. ^ https://gameinformer.com/News/Story//N08.0812.1226.23309.htm[collegamento interrotto]
  3. ^ Copia archiviata, su next.videogame.it. URL consultato il 13 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2009).
  4. ^ Greg Miller, The Villains of Batman: Arkham Asylum, su IGN, J2 Global, 10 luglio 2009. URL consultato il 26 marzo 2013 (archiviato il 31 marzo 2013).
  5. ^ Batman: Arkham Asylum Awarded a Guinness World Record, CBR. URL consultato il 24 maggio 2015.
  6. ^ (EN) Keith Stuart e Keza MacDonald, The 50 best video games of the 21st century, in The Guardian, 19 settembre 2019. URL consultato il 15 marzo 2020.
  7. ^ Most Critically Acclaimed Superhero Videogame, Guinness World Records. URL consultato il 24 maggio 2015.
  8. ^ (EN) Best Video Games of the Decade (2010-19), su Metacritic. URL consultato il 15 marzo 2020.
  9. ^ (EN) Batman: Arkham Knight for PS4, XB1, PC Reviews, su OpenCritic, 18 giugno 2015. URL consultato il 2 novembre 2019.
  10. ^ (EN) Mashable Entertainment Staff, Our 15 favorite video games from the 2010s, su Mashable. URL consultato il 15 marzo 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]