Epilogo (Justice League Unlimited)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Epilogo
Titolo originaleEpilogue
SerieJustice League Unlimited
Stagione2
Episodio n.13
Trasmissione originale23 luglio 2005
Durata24 min[1]
Interpreti e personaggi
  • Will Friedle: Terry McGinnis / Batman
  • Kevin Conroy: Bruce Wayne / Batman, agente della pattuglia aerea
  • CCH Pounder: Amanda Waller, Regina
  • Lauren Tom: Dana Tan, Kimiyo Hoshi / Dr. Light, Kai-Ro / Lanterna Verde
  • Hynden Walch: Asso, Aquagirl / Mareena Curry, Dieci
  • Marc Worden: Parassita, Rex Stewart / Warhawk
RegistaDan Riba
SoggettoJerry Siegel e Joe Shuster (creatori di Superman), Bob Kane (creatore di Batman), William Moulton Marston (creatore di Wonder Woman)
SceneggiatoreBruce Timm & Dwayne McDuffie
MusicaLolita Ritmanis (sigla di apertura), Michael McCuistion (commento musicale)
MontaggioJoe Gall
Produzione n.26
Cronologia
Ep. precedenteEp. successivo
Caduta liberaLa legione

Epilogo (Epilogue) è il tredicesimo episodio della seconda stagione della serie animata Justice League Unlimited, andato in onda il 23 luglio 2005, diretto da Dan Riba e scritto da Bruce Timm e Dwayne McDuffie.

L'episodio non è solo il finale della seconda stagione di Justice League Unlimited, ma è anche la conclusione di Batman of the Future (serie trasmessa tra il 1999 e il 2001) e più in generale del DC Animated Universe[2], anche se l'ultimo episodio realizzato è Il distruttore della terza stagione. In questo episodio viene rivelato che Terry McGinnis è in realtà il figlio biologico di Bruce Wayne[3].

Bruce Timm ebbe l'idea di realizzare un episodio come conclusione della serie e dell'universo animato, prima che Cartoon Network ordinasse una terza ed ultima stagione.[2] Diversi elementi presenti in Epilogo, avrebbero dovuto far parte di un nuovo film mai realizzato su Batman of the Future.[3] L'episodio è stato accolto positivamente dalla critica, definendolo uno dei migliori episodi di Justice League Unlimited.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gotham City, anno 2056; Bruce Wayne, ormai novantenne, è cagionevole di salute e necessita del trapianto di un rene per sopravvivere; il trentunenne Terry McGinnis si offre per la donazione, e l'esame rivela non solo che è compatibile per il trapianto, ma anche che possiede esattamente lo stesso corredo genetico di Wayne, il che fa di lui un clone dell'uomo. Arrabbiato per la scoperta, il giovane accusa il vecchio mentore di averlo sempre saputo e di non averglielo mai detto per poterlo così "intrappolare" nel ruolo di Batman. Nonostante l'uomo neghi ciò, Terry sente che la sua vita è sempre stata programmata e gli rimprovera l'avergli taciuto la verità. Dopo aver immaginato di rompere con Dana Tan, che ha continuato a frequentare fin dalla liceo e che ora conosce la sua identità segreta, e di ritirarsi dal ruolo di Batman e dalla Justice League, Terry (su consiglio di Bruce)si infila di soppiatto nella villa della genetista Amanda Waller per avere delle risposte. La donna non sembra sorpresa di vederlo e insiste ad ascoltare ciò che Terry ha da dirgli.

Per dimostrare che Terry ha torto su Bruce, Amanda Waller racconta a Terry una storia di una crisi che si è verificata prima della sua nascita. Ace, una giovane componente della Banda della Scala Reale, aveva sviluppato i suoi poteri mentali al punto di arrivare a distorcere la realtà, anziché causare illusioni, e utilizzò queste sue abilità per creare un castello inespugnabile in un parco cittadino, protetto da una nuova Banda della Scala Reale da lei potenziata.
Dopo la sconfitta dei suoi protettori da parte della League, Waller avvisò Batman che la ragazzina era sul punto di morire a causa di un aneurisma cerebrale e che con la sua dipartita si sarebbe scatenata una distruzione di massa, perciò aveva recuperato un'arma speciale dal Governo per ucciderla e impedire il disastro. Batman si offrì come volontario, tuttavia una volta raggiunta Ace decise di non usare l'arma, bensì di confortarla, chiedendole gentilmente di invertire i cambiamenti che aveva fatto e permettendole così di morire in pace.

Terry però non si convince, e la Waller decide di rivelargli che fu lei ad usare la tecnologia del Cadmus per crearlo e non Bruce.
Dopo la crisi della Cadmus, la donna divenne l'intermediario della Justice League a suo alleato col governo, arrivando a fidarsi di Batman e rimanendo impressionata dalla sia capacità di lottare senza poteri, forte solo di spirito, corpo e volontà, e della compassione che aveva mostrato verso Ace. Consapevole che Bruce stava invecchiando e che prima poi sarebbe morto, la Waller si decise a crearne uno nuovo, utilizzando i suoi vecchi contatti alla Cadmus per il progetto Batman of the Future.
Dopo aver recuperato il DNA di Bruce, scelse unagiovane copia con profilo psicologico simile a quello di Thomas e Martha Waybe ( Warren e Mary McGinnis), per poi sovrascrivere il materiale riproduttivo di Warren con quello di Batmantramite dei nanobots, durante quello che il giovane credeva essere un vaccino anti-influenzale. Nove mesi dopo, Mary diede alla luce Terry: un bambino con metà corredo genetico suo e metà di Bruce Wayne. Tuttavia per creare Batman occorre anche una disgrazia, perciò Amanda Waller assunse Andrea Beaumont (vecchia fiamma di Bruce) per uccidere i McGinnis e ricreare la stessa situazione che portò Bruce Wayne a diventare Batman. Andrea accettò, ma all'ultimo momento desistette e rinunciò, conscia che Bruce non l'avrebbe mai accettato. Col tempo anche la Waller si convinse e il progetto venne messo da parte per molto tempo, fino all'omicidio di Warren nove anni dopo, che portò Terry a diventare Batman, il quale ormai si convince che il suo destino era già segnato.

L'anziana genetista (che crede che la morte del padre di Terry sia stata quasi un intervento divino) afferma però che Terry (altruista e coraggioso come il vecchio Batman, ma non altrettanto geniale) non è un clone di Bruce: bensì suo figlio, e che in quanto tale è perciò libero di decidere il suo destino. Prima di congedarsi da Terry, la donna gli consiglia quindi di non commettere gli stessi errori di Bruce e di prendersi cura delle persone che ama. Convinto dalle parole della donna Terry decide di riprendere la sua identità di Batman, il suo posto nella League ed accanto a Bruce, nonché di chiedere a Dana di sposarlo.

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Will Friedle è Terry McGinnis / Batman: divenuto il nuovo Batman poco più che adolescente, nel 2056 ha 31 anni, è fidanzato ancora con Dana Tan, sua vecchia ragazza dai tempi del liceo, ed è ormai da tempo il protettore di Gotham.[4] In italiano è doppiato da Alberto Sette.
  • Kevin Conroy è Bruce Wayne / Batman: il primo Cavaliere Oscuro, una volta lasciati i panni di Batman, è il mentore del ragazzo che ha preso il suo posto, Terry McGinnis. Anche se la storia è ambientata nel 2056 quando Bruce ha più di novant’anni, ci sono alcuni flashback di quando indossava ancora i panni di Batman e collaborava con la Justice League.[5] In italiano è doppiato da Marco Balzarotti.
  • CCH Pounder è Amanda Waller: ex capo del progetto Cadmus, nel 2056 si è ormai ritirata ed è molto malata. Nel corso della puntata sono presenti alcuni flashback nei quali compare insieme alla Justice League.[6] In italiano è doppiata da Caterina Rochira.
  • Lauren Tom è Dana Tan: è la ragazza di Terry McGinnis anche nel 2056, con il quale ha una relazione dai tempi del liceo.[7] In italiano è doppiata da Renata Bertolas.
  • Hynden Walch è Ace: è un membro della Banda della Scala Reale, dotata di poteri psichici in grado di far impazzire la gente con il solo sguardo e di creare illusioni. Personaggio precedentemente apparso nell'episodio inedito in Italia Wild Cards, compare in un flashback in una storia raccontata da un'anziana Amanda Waller.[8]
  • Hynden Walch presta anche la voce ad Aquagirl / Mareena Curry, membro della Justice League del futuro e figlia di Aquaman che compare in un futuro ipotizzato da Terry[9], sostituendosi a Jodi Benson (voce del personaggio in Batman of The Future).
  • Marc Worden è Rex Stewart / Warhawk: è un membro della Justice League del futuro e figlio di John Stewart / Lanterna Verde e Shayera Hol / Alata. Compare in un futuro ipotizzato da Terry.[10]
  • Lauren Tom è Kai-Ro / Lanterna Verde: è un membro della Justice League. Compare in un futuro ipotizzato da Terry.[11]
  • Marc Worden è Parassita: è un nemico della Justice League e membro del Iniquity Collective. Compare solo nel futuro immaginato da Terry, durante il quale si scontra con la JLA, venendo sconfitto da Warhawk.[12] Ha un aspetto più grottesco rispetto alla versione vista in Superman.
  • Lauren Tom è Kimiyo Hoshi / Dr. Light: è un membro della Justice League. Compare unicamente nel flashback raccontato da Amanda Waller.
  • CCH Ponder è la Regina[8], membro della Banda della Scala Reale creata da Ace, a cui la ragazza ha alterato l'aspetto portandola ad assomigliare alla Regina di Cuori del film Disney Alice nel paede delle Meraviglie.
  • Hynden Walch è Dieci[8]

Kevin Conroy (doppiatore storico di Batman nel DC Animated Universe) doppia anche per una sola battuta un agente della pattuglia aerea al termine dell’episodio[13][14].

Nell’episodio appaiono numerosi camei di personaggi che non sono stati doppiati: nel futuro immaginato da Terry compaiono China, Shriek e Stalker (antagonisti della serie Batman of the Future), mentre in alcuni flashback appaiono i membri della Justice League Alata, Red Tornado e Stargirl, il Re (membro della Banda della Scala Reale),[8] Warren e Mary McGinnis (genitori di Terry in Batman of the Future)[15] e Andrea Beaumont/il Fantasma (antagonista del film Batman: La maschera del Fantasma)[16].

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Concezione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«Epilogue is special; [...] we consider it a bookend to the entire DC animated universe that began with On Leather Wings - the first episode of Batman: The Animated Series - and continued through Superman, Batman Beyond, and Justice League»

(IT)

«Epilogo è speciale; [...] lo consideriamo la chiusura per l'intero DC Animated Universe che iniziò con On Leather Wings - il primo episodio di Batman: The Animated Series - e continuò con Superman, Batman Beyond e Justice League»

(Dwayne McDuffie[2])

L'animatore e fumettista Bruce Timm, co-sceneggiatore dell'episodio e già creatore di molte serie del DC Animated Universe insieme a Paul Dini, ebbe l'idea di realizzare Epilogo durante la pianificazione della chiusura della seconda stagione di Justice League Unlimited[2]. Timm espose la sua idea ai co-produttori e si accordarono sul fatto che sarebbe stato un episodio singolo.[2]

Originariamente pensato come finale della serie (nonché dell'intero DC Animated Universe) prima che Cartoon Network ordinasse la terza stagione di JLU, l'episodio riprende alcuni elementi orginariamente pensati per trama del secondo film di Batman of the Future (mai realizzato a causa delle controversie legate a Batman of the Future: Il ritorno del Joker[3][17]), quali la rivelazione di Bruce come padre biologico di Terry. Secondo una prima sceneggiatura della pellicola sarebbe stata Selina Kyle (e non Amanda Waller) a decidere di clonare Batman, realizzando così diversi cloni di Bruce Wayne, a cui avrebbe poi ucciso i genitori, una volta raggiunta la giusta età, fallendo però nel trasformali in "vigilanti maniaco-depressivi", di conseguenza solo Terry e un giovane pupillo di Selina avrebbero intrapreso la lotta al crimine. La relazione fra l'ex-Catwoman e il suo figlio adottivo avrebbe avuto un aspetto inquietante: con l'aziana che cercava di convincere il suo protetto a divenire un vendicatore spietato.[2]

I creatori hanno preso come punto di riferimento Sonni agitati (finale della quarta stagione di Buffy l'ammazzavampiri) mentre la struttura a flashback trae ispirazione dall'episodio di Tim Minear Senza ossigeno della serie Firefly e dall'episodio Le due cattedrali di West Wing - Tutti gli uomini del Presidente[2]. Una grande influenza sull'episodio viene dal film I ragazzi venuti dal Brasile del 1978 in cui Josef Mengele uccide i genitori dei cloni di Hitler, credendo che se i giovani perderanno la loro famiglia nello stesso modo del Führer diventeranno come lui (simile al piano escogitato inzialmente dalla Waller per spingere Terry a diventare Batman[18]). L'episodio è considerato uno dei migliori episodi del DCAU, per il modo in cui esplora le motivazioni e le personalità dei due Batman, oltre ad essere quello cronologicamente più avanti nel tempo, fungendo così da finale dell'intero universo animato[2].

Anche se è non è specificato nell'episodio, il produttore e scrittore Dwayne McDuffie ha confermato che le scene in bianco e nero non sono flashback, bensì i pensieri di Terry riguardo a ciò che potrebbe succedere se smetesse di essere di Batman. Ha poi aggiunto che Bruce era a conoscenza della Waller e sospettasse che Terry e suo fratello minore Matt potessero figli suoi, ma non aveva detto niente per rispetto alla memoria del loro padre putativo[2].

Durante un'intervista Bruce Timm ha dichiarato che secondo lui Bruce (ora ritriartosi definitivamente dalla lotta al crimine)[2], è anche il padre biologico di Matt McGinnis[2], in quanto fu proprio la somiglianza fra i due fratelli a far nascere l'idea del clone all'interno dello staff di Batman of The Future. Secondo Timm "Era divertente che Matt fosse un duplicato quasi perfetto di Terry pure nei capelli. Fu proprio quella capigliatura a farci esclamare: -Ehi! Ma Terry e Matt sono bruni, mentre loro padre è castano e la mamma è una rossa!". Rispetto alla vicenda di Dana e Terry, lo stesso Timm ha dichiarato che "Decidendo di sposare [Dana Tan], Terry cambia il paradigma di Batman alla fine dell'episodio. Questa è una cosa che abbiamo aggiunto durante la scrittura dell'episodio. Onestamente, non so come avremmo concluso la storia fra Dana e Terry se fossimo rimasti a lavorare su Batman of The Future"[2].

Design[modifica | modifica wikitesto]

L'animazione è curata dalla Dong Woo Animation Co., LTD., studio di animazione coreano, il quale ha contribuito alla realizzazione di diversi episodi di Static Shock, The Zeta Project, Justice League e Justice League Unlimited.

L'episodio presenta la medesima veste grafica della serie Justice League Unlimited, quindi vi sono delle differenze rispetto ai precedenti prodotti del DCAU: Bruce Wayne / Batman nei flashback indossa un costume costume diverso rispetto a quelli della prima serie e di Batman - Cavaliere della notte, mentre Alata rispetto alla serie non porta la maschera o altri abiti Thanagariani, bensì una tuta gialla e nera. Anche il costume de il Fantasma risulta essere più tecnologico rispetto a quello visto in Batman: La maschera del Fantasma, mentre quello futuristico da Batman di Terry McGinnis presenta invece una cintaura portaoggetti, che lo rende più simile a quando veniva indossato da rispetto Bruce nella prima scena di Batman of The Future.

Essendo Justice League Unlimited è la prima serie del DCAU ad utilizzare (nonostante l'opposizione del produttore Bruce Timm) la grafica computerizzata (per lo lo più nella realizzazione dei veicoli), Epilogo presenta due scene realizzate completamente in CGI: quella dissoluzione del mondo creato da Ace e quella in cui viene iniettato il DNA di Bruce a Warren McGinnis.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata realizzata dallo stesso team creativo della serie: Lolita Ritmanis si è occupata della sigla di apertura mentre Michael McCuistion del commento musicale. Oltre ai temi musicali già presenti nella serie JLU, ne sono stati utilizzati di diversi già presenti in Batman e Batman of the Future, leggermente modificati. Nell'ultima scena dell'episodio, quando Batman vola tra i grattacieli di Neo-Gotham, è stato utilizzato lo stesso tema musicale della serie Batman.[14]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«Fifty years in the future, the history of the Justice League is the key to Batman’s darkest secret - and his final destiny»

(IT)

«Cinquant'anni nel futuro, la storia della Justice League è la chiave del segreto più oscuro di Batman - e il suo destino finale»

(Slogan promozionale di Cartoon Network su Epilogo[2])

Il 13º ed ultimo episodio della seconda stagione (il 26° in ordine di produzione), è andato in onda per la prima volta negli Stati Uniti il 23 luglio 2005 su Cartoon Network.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano è stato eseguito da Merak Film, con i dialoghi di Guido Rutta. A differenza della serie animata Batman of the Future e del film Batman of the Future: Il ritorno del Joker, nella versione italiana i doppiatori di Terry McGinnis, Bruce Wayne e Dana Tan non sono gli stessi (Nicola Bartolini Carrassi per il primo e Mario Zucca per il secondo e Patrizia Mottola per l'ultima). Sono stati confermati come doppiatori Alberto Sette e Marco Balzarotti (storico doppiatore di Batman nel DC Animated Universe) rispettivamente per Terry e per Bruce, ai quali avevano già dato la voce nell'ultimo episodio della prima stagione di Justice League Unlimited (Ritorno al futuro). A doppiare Dana Tan invece è Renata Bertolas.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

DVD e Blu-ray[modifica | modifica wikitesto]

La prima volta in cui Epilogo è stato pubblicato per il mercato home video è stato il 24 ottobre 2006 negli Stati Uniti, nel quarto disco dell'edizione in DVD chiamata Justice League Unlimited - Season One (inedita in Italia). Il 20 marzo 2007 è uscito negli Stati Uniti il DVD della seconda stagione di Justice League Unlimited, contenente tutti e tredici gli episodi della seconda stagione tra cui Epilogo.

Nel 2013 è stato inserito nel secondo disco del cofanetto Best of Warner Bros. 25 Cartoon Collection: DC Comics, edizione in DVD, il quale racchiude diversi episodi tratte da serie animate della Warner Bros.

Il 10 novembre 2015 Epilogo è stato inserito nel cofanetto in tre dischi da 39 episodi della serie completa uscita in Blu-ray Disc.[19][20]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio ha avuto critiche generalmente positive: gli utenti del sito TV.com hanno dato un punteggio di 9.2 su 10 all'episodio[21], mentre Internet Movie Database ha assegnato un voto medio di 9.3[22], rendendo Epilogo il terzo episodio di Justice League Unlimited più votato sul sito[23]. Su TVShow Time è stato assegnato un voto di 8.8 su 10[24].

Secondo Entertainment Weekly, Epilogo è "un episodio centrato su Batman che onora l'eredità del personaggio".[25] Lo stesso sito ha detto che la scena incentrata su Asso, il suo dialogo con Batman e la sua morte ha fatto piangere Kevin Smith, regista e fan del Cavaliere Oscuro.[25] Il sito CBR ha inserito l'episodio al 5º posto tra i 15 momenti più tristi dalla serie animata Batman, specificando che "sebbene tecnicamente non sia un episodio di Batman: TAS, l'episodio Epilogo di Justice League Unlimited si svolge nella timeline di Batman of the Future ed è senza dubbio il più grande momento di Batman in tutte le animazioni.[26]

Il sito Gizmodo ha inserito Epilogo al primo posto nella classifica dei dieci migliori episodi di Justice League Unlimited.[27] Secondo l'autore di questa classifica James Whitbrook, "mentre Distruttore era un saluto per la serie in generale, il secondo finale di stagione sembrava la conclusione perfetta per questa incarnazione animata di Batman. Legando punti trama di Justice League, Unlimited e persino di Batman of the Future, questo è un tributo amorevole a oltre un decennio di storie animate di Batman, e un ricordo perfetto che la tragedia che ha formato il destino di Batman non ha solo creato un combattente indurito, ma un eroe profondamente compassionevole".[27] Den of Geek ha lodato quest'episodio dicendo che "Batman ha iniziato questo universo animato e questo finale è una lettera d'amore per lui. È una celebrazione della compassione che vive sotto l'oscuro cipiglio e consegna all'ex cavaliere oscuro la sua tanto meritata ricompensa. La sua eredità non solo vivrà sotto un uomo che vuole costruire su ciò che rende Batman così grande, ma Bruce presumibilmente morirà per la vecchiaia in un mondo in cui è amato".[28]

Collegamenti con il DC Animated Universe[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante una discussione nella batcaverna, Bruce dice che la tecnologia del Cadmus è illegale da decenni, Terry McGinnis risponde che "ciò non ha impedito al Joker di usarla su Tim Drake", riferendosi agli eventi del film Batman of the Future: Il ritorno del Joker[18].
  • Terry parla di Mr. Freeze a Bruce, forse riferendosi agli incontri del suo predecessore e di se stesso contro il nemico. Menziona anche quella che fu l'ultima battaglia di Bruce con Ra's al Ghul, ritornato nell'episodio Out of the Past di Batman of the Future.
  • Il progetto Batman of the Future aperto di Amanda Waller (Project Batman Beyond in inglese) segna il primo e l'unico momento in cui tale termine viene utilizzato nel DC Animated Universe.
  • Il film che il giovane Terry è andato a vedere con la famiglia è The Grey Ghost Strikes Back, nel quale il protagonista è il Fantasma Grigio, eroe d'infanzia di Bruce Wayne[29].
  • L'ultima scena di questo episodio che vede Batman volare tra le nuvole vicino ad un aereo della polizia, è una versione invertita della scena di apertura della serie Batman con Man-Bat al posto del Cavaliere Oscuro. Inoltre uno dei poliziotti (doppiato da Kevin Conroy, storico doppiatore di Batman) a bordo dice: "L'hai visto?", ripetendo la stessa frase detta all'inizio del primo episodio della serie Batman[13][14].

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • La nuova uniforme di Kai-Ro ricorda il costume di John Stewart e Katma Tui quando le Lanterne Verdi iniziarono a personalizzare i loro costumi dopo la Crisi sulle Terre Infinite.
  • Il giovane aspetto di Warren McGinnis ricorda vagamente James Gordon di David Mazzucchelli in Batman: Anno uno.
  • In una scena tagliata si spiegava che in passato Amanda Waller aveva condotto più esperimenti, ma si fermò solo dopo che il Fantasma si rifiutò di uccidere i genitori di Terry.
  • Il re della Banda della Scala Reale assomiglia a MODOK, un personaggio della Marvel Comics.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) "Justice League Unlimited" Epilogue (TV Episode 2005) - Technical Specifications, su Imdb.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Epilogue, su The Justice League Watchtower.
  3. ^ a b c (EN) Danilo Castro, 15 Things You Never Knew About Batman Beyond, su Screen Rant, 11 gennaio 2017. URL consultato il 17 maggio 2017.
  4. ^ (EN) DCAU Resource - Heroes - Batman (Beyond), su DCAU Resource. URL consultato l'8 giugno 2017.
  5. ^ (EN) DCAU Resource - Heroes - Batman, su DCAU Resource. URL consultato l'8 giugno 2017.
  6. ^ (EN) DCAU Resource - Supporting Cast - Amanda Waller, su DCAU Resource. URL consultato il 16 aprile 2018.
  7. ^ (EN) DCAU Resource - Supporting Cast - Dana Tan, su DCAU Resource. URL consultato il 16 aprile 2018.
  8. ^ a b c d (EN) DCAU Resource - Heroes - The Royal Flush Gang, su DCAU Resource. URL consultato il 12 luglio 2018.
  9. ^ (EN) DCAU Resource - Heroes - Aquagirl, su DCAU Resource. URL consultato il 16 aprile 2018.
  10. ^ (EN) DCAU Resource - Heroes - Warhawk, su DCAU Resource. URL consultato il 16 aprile 2018.
  11. ^ (EN) DCAU Resource - Heroes - Green Lantern (Beyond), su DCAU Resource. URL consultato il 4 giugno 2018.
  12. ^ (EN) DCAU Resource - Villains - Parasite (Beyond), su DCAU Resource. URL consultato il 4 giugno 2018.
  13. ^ a b (EN) YTV to air "Epilogue"?, su Toonzone.
  14. ^ a b c Justice League Unlimited (Fumetti in Tv), su Comicverse 101, 11 agosto 2013. URL consultato il 18 giugno 2017.
  15. ^ (EN) DCAU Resource - Supporting Cast - The McGinnis', su DCAU Resource. URL consultato il 4 giugno 2018.
  16. ^ (EN) titolo=DCAU Resource - Supporting Cast - The Phantasm, su DCAU Resource. URL consultato il 4 giugno 2018.
  17. ^ (EN) Exclusive Interview With Bruce Timm, su Think Mcfly Think, 25 aprile 2010.
  18. ^ a b (EN) "Justice League Unlimited" Epilogue (TV Episode 2005) - Connections, su Imdb.
  19. ^ (EN) Alex Osborn, Justice League Unlimited: The Complete Series Blu-Ray Cover Art and Details, su ign.com, 9 novembre 2015. URL consultato il 10 luglio 2018.
  20. ^ (EN) Robert Greenberger, REVIEW: Justice League Unlimited: The Complete Series, su comicmix.com, 16 novembre 2015. URL consultato il 10 luglio 2018.
  21. ^ (EN) Justice League Unlimited - Season 4, Episode 13: Epilogue, su TV.com.
  22. ^ (EN) "Justice League Unlimited" Epilogue (TV Episode 2005), su Imdb.
  23. ^ (EN) Episodes Rated by IMDb User Rating, su Imdb.
  24. ^ (EN) Justice League S04E13 - Epilogo, su tvtime.com. URL consultato il 26 giugno 2017.
  25. ^ a b (EN) I'm Still Not Over... the epilogue of Justice League Unlimited, su ew.com, 19 luglio 2014. URL consultato il 16 aprile 2018.
  26. ^ (EN) Mason Segall, 15 Moments From Batman: The Animated Series That Broke Your Heart, su cbr.com, 31 luglio 2017. URL consultato l'11 luglio 2018.
  27. ^ a b (EN) James Whitbrook, The Most Essential Episodes of Justice League and Justice League Unlimited, su io9.gizmodo.com, 14 novembre 2017. URL consultato il 10 luglio 2018.
  28. ^ (EN) Justice League Unlimited: The Essential Episodes, su denofgeek.com, 16 novembre 2017. URL consultato il 10 agosto 2018.
  29. ^ (EN) DCAUResource.com: DCAU Resource - Supporting Cast - Gray Ghost, su DCAU Resource. URL consultato il 29 dicembre 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]