Gotham City

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gotham City
Gotham City così come appare nel film Batman Begins
Gotham City così come appare nel film Batman Begins
Tipo Città
Saga Universo DC
Ideatore
Appare in Tutte le opere su Batman e correlate
Caratteristiche immaginarie
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Abitanti 12 milioni
« Alcune città sono splendide, di notte. Gotham non è una di queste. »
(Batman - Omicidio a Villa Wayne)

Gotham City, o semplicemente Gotham, è una città immaginaria dell'universo in cui sono ambientati i fumetti DC Comics e in cui si svolgono principalmente le avventure dell'eroe statunitense Batman.

Creazione[modifica | modifica wikitesto]

Quando Finger e Kane presentarono ai lettori di fumetti statunitensi il personaggio di Batman, era evidente che bisognava creare intorno al nuovo personaggio una città che ne fosse la naturale casa. Non volendo utilizzare direttamente New York, venne così creata Gotham City, la più oscura città di tutta l'America. A differenza di Metropolis, città della luce e della tecnologia, Gotham rappresenta quei vicoli bui ed oscuri nei quali si nasconde il crimine, dove la polizia ogni notte si imbatte in un caso di omicidio. A Gotham City Bruce Wayne, che all'epoca aveva 8 anni, vide i suoi genitori morire in seguito ad una rapina fallita. Bruce Wayne a causa di quel traumatico evento giurò che nessun altro avrebbe dovuto soffrire quello che lui aveva sofferto quella notte, preparando così la strada a Batman.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La geografia della città, anche a causa di un terribile terremoto, è sviluppata in gran parte su un'isola, appena fuori dalla costa nord-orientale, abbastanza vicina a Metropolis, New York e Blüdhaven, che prima del sisma faceva parte della stessa Gotham. Il governo degli Stati Uniti l'ha dichiarata Terra di nessuno. Dal fumetto si scopre che dietro la decisione c'è Lex Luthor, che sperava in questo modo di mettere le mani su Gotham.

È collegata al continente grazie al Robert Kane Memorial Bridge a nord, il New Trigate Bridge ad ovest, e l'Old Steam Tunnel, che passa al di sotto del Gotham River, uno dei fiumi della città. Il centro, infine, è un tripudio ecologico: oltre al rigoglioso Robinson Park, dove Poison Ivy trovò rifugio in Batman: Terra di nessuno, la città è attraversata dal Finger River, che sfocia nella baia di Miller. Strade e parchi sono poi intitolati ad altri grandi autori di Batman: Dick Sprang, Neal Adams, Dennis O'Neil ed altri ancora.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'anno 1609 La nascita di Gotham City è avvolta dal mistero e dal misticismo. Viene raccontato che un mago malvagio è stato sepolto vivo sotto quella che un giorno sarebbe diventata l'isola centrale di Gotham, e questo mago affermò che la sua essenza malvagia si sarebbe infiltrata nel terreno, avvelenando ogni cosa che sarebbe venuta in contatto con la sua oscurità o qualunque cosa fosse costruita su quel terreno. Egli affermò di aver generato lo spirito moderno di Gotham City e prese il nome di dottor Gotham.

Ancora prima del XVII secolo si conosce l'esistenza di un'antica tribù nativa americana (stabilitasi proprio sul luogo di sepoltura) conosciuta come Miagani. I Miagani abitarono per secoli le isole di Gotham prima delle esplorazioni europee che ancora dovevano attraversare l'Atlantico. La tribù Miagani non esiste più, e c'è molta speculazione riguardo alla loro sorte. Una leggenda suggerisce che uno sciamano di nome Blackfire si fosse presentato da loro, proclamandosi un messaggero santo. In breve tempo però, Blackfire prese il controllo della tribù Miagani e mostrò di essere un tiranno crudele e spietato. Il capo Miagani Paleface chiese a Blackfire di lasciare la tribù, ma lo sciamano colpì Paleface con il suo scettro, uccidendolo. Un altro Miagani si rivoltò contro Blackfire, spingendo la popolazione ad ucciderlo con le loro frecce, e Blackfire venne legato ad un palo in attesa della sua morte, cosa che non avvenne. Così, i Miagani sigillarono Blackfire all'interno di una grotta, e fu eretto un totem di fronte alla tomba come un segnale di avvertimento del male che risiedeva all'interno. Alcune fonti citano che lo Shamano Blackfire emerse dalla grotta e usò il suo potere per provocare una piaga in tutto il paese. I Miagani non ebbero altra scelta se non quella di abbandonare le loro case in cerca di terreno fertile. Due giorni dopo la loro partenza, una tribù rivale calò su di loro e li sterminò. Alcune leggende tuttavia, dicono che è stato in realtà lo Shamano Blackfire ad uccidere tutti gli indigeni.

Gotham City fu fondata ufficialmente nel 1635 da John Logerquist, come piccolo avamposto della Gran Bretagna nel Nuovo Mondo, e crebbe con il continuare della colonizzazione europea. Sin dai suoi inizi, però, si consolidò la cattiva fama della città, che spesso dà rifugio ai criminali della società.

È pertanto inevitabile che una città come Gotham debba avere un suo eroe, rappresentato proprio da Batman, un oscuro vendicatore che, senza alcuno scrupolo, ferma i criminali. Tutto questo fa parte della storia ufficiale prima dei drammatici eventi di Crisi sulle Terre infinite. A quel punto la storia della città viene riscritta dagli autori: il primo eroe della città diventa, quindi, Alan Scott, la prima Lanterna Verde della Terra. A lui si affianca la bella Dinah Drake Lance, la prima Black Canary, e componente della Justice Society of America, che stabilì per un breve periodo a Gotham il suo quartier generale. Anche grazie a questo, si stabilisce a Gotham Ted Grant, maestro di boxe del giovane Wayne e noto come l'eroe mascherato Wildcat.

Negli anni sessanta comparve per un breve tempo Reaper, spietato vigilante che iniziò ad uccidere i criminali, per poi sparire, lasciando la città indifesa fino all'arrivo di Batman e, con lui, di una estesa famiglia di eroi. Uno dei primi problemi che Batman dovette affrontare fu una lunga indagine contro Carmine Falcone, mafioso di origini italiane detto Il Romano, che già da alcuni anni corrompeva i poliziotti e teneva in pugno la città. L'inizio dell'attività di Batman e soprattutto l'arrivo di James Gordon, che scoprì buona parte dei poliziotti corrotti del dipartimento cittadino, segna il declino del dominio del Romano. I due uomini, alleati con Harvey Dent, procuratore distrettuale, iniziano a raccogliere prove su prove contro la famiglia Falcone, riuscendo lentamente a distruggere la sua rete del potere. A tutto questo si unisce l'attività criminosa di Festa, serial killer che inizia ad uccidere gli uomini di Falcone.

È anche il periodo in cui iniziano a fare le prime apparizioni una serie di bizzarri criminali, il più letale dei quali è il Joker, ma anche lo Spaventapasseri, il Cappellaio Matto, il Pinguino, l'Enigmista. A questa lista si aggiunge anche il procuratore Harvey Dent, che deturpato nel volto da un complotto di Falcone durante un processo ai danni di un suo uomo, diventa il criminale noto come Due Facce.

Anni Duemila[modifica | modifica wikitesto]

La città, dopo aver subito l'assalto dei pazzi scappati dall'Arkham Asylum a causa di Bane, dopo essere stata attaccata da una terribile epidemia causata da Ra's Al Ghul, che utilizzò la città come cavia per un attacco a livello mondiale, e dopo aver superato un terribile terremoto e la susseguente classificazione a Terra di nessuno, vede oggi una serie di nuovi equilibri. Da un lato il posto di Carmine Falcone è stato preso da Oswald Cobblepot, che abbandonati i panni del Pinguino è il nuovo signore del crimine organizzato.

D'altra parte un nuovo avversario, Hush, si è aggiunto alla lista dei nemici di Batman. Hush è in parte un prodotto della sua follia congenita, ma rientra anche nel piano dell'Enigmista per attaccare l'eroe di Gotham. Gordon è andato in pensione, Selina Kyle è definitivamente passata dalla parte degli eroi, e da Metropolis si è trasferita nel locale dipartimento di polizia Maggie Sawyer. Le loro avventure sono pubblicate su Gotham Central.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Nel film del 2006 Superman Returns, mentre i telegiornali di tutto il mondo parlano del ritorno e delle imprese di Superman, è possibile sentire una giornalista elencare le città americane in cui il supereroe è intervenuto, tra le quali vi è Gotham. Inoltre, mentre Clark Kent si presenta per la prima volta nell'ufficio principale del Daily Planet, il capo dice una frase a Jimmy Olsen: «Ehi Olsen, dove sono le foto di quello travestito da clown che ha massacrato tutti a quel compleanno?». È un'allusione al Joker.

Nel 2013 è stata annunciata una nuova serie televisiva statunitense della Fox intitolata Gotham. Si tratta di un prequel televisivo incentrato sulle origini dei personaggi (sia eroi che criminali) appartenenti all'universo del cavaliere oscuro. Il protagonista è Benjamin McKenzie che interpreta un giovane commissario James "Jim" Gordon, in ascesa nella polizia di Gotham City. L'attore David Mazouz interpreta Bruce Wayne, rimasto da poco orfano.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]