Lanterna Verde

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Lanterna Verde (disambigua).
Lanterna Verde
Un simbolo sul petto di tutte Lanterne Verdi
Un simbolo sul petto di tutte Lanterne Verdi
Universo Universo DC
Nome orig. Green Lantern
Lingua orig. Inglese
Alter ego
Autori
Editore DC Comics
1ª app. luglio 1940
1ª app. in All-American Comics n. 16
Sesso Maschio
Abilità
  • L'anello ha poteri illimitati dal punto di vista qualitativo e quantitativo, ma non temporale (24 ore, poi deve essere ricaricato), dettati dall'immaginazione e dalla forza del possessore; eventuali limiti sono presenti in alcuni anelli

Lanterna Verde è il nome di diversi personaggi dei fumetti pubblicati dalla statunitense DC Comics.

Il Corpo delle Lanterne Verdi è un corpo di polizia spaziale soprannominato anche i Cavalieri dello Smeraldo che ha il compito di mantenere l'ordine nell'universo e di fronteggiare i pericoli che ne minacciano l'esistenza.

Fondato dal popolo di immortali che vive sul pianeta Oa, prende il posto del precedente organo di controllo, un gruppo di automi denominato Manhunters che ad un certo punto si è ribellato ai Guardiani: la loro ribellione è, infine, sfociata nel crossover Millennium, durante il quale i principali eroi della Terra e dell'universo si unirono insieme per fronteggiare la terribile minaccia.

« Nel giorno più splendente, nella notte più profonda

nessun male sfugga alla mia ronda
colui che nel male si perde
si guardi dal mio potere, la luce di Lanterna Verde! »

(Il giuramento delle Lanterne Verdi (trad. Play Press))

È questo il giuramento che ogni Lanterna Verde deve recitare nel momento in cui riceve l'anello del potere dai Guardiani dell'Universo di Oa o dalla precedente Lanterna Verde. Ed è, inoltre, il giuramento che solitamente ogni Lanterna Verde recita quando ricarica l'anello ogni 24 ore, mettendo la mano nella lanterna personale, copia perfetta e identica di quella presente sul pianeta Oa.

Per ripercorrerne la storia, occorre esaminare quali Lanterne Verdi ha avuto la Terra nel corso dell'ultimo mezzo secolo.

Biografia dei personaggi[modifica | modifica sorgente]

Alan Scott[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Alan Scott.

Lanterna Verde è un personaggio che fa il suo esordio in piena golden age. È in grado di realizzare ogni cosa riesca a pensare la sua immaginazione e quindi è potenzialmente il supereroe più potente in assoluto.

Il primo ad avere nelle mani questo potere è Alan Scott, ideato da Bill Finger e Martin Nodell sulle pagine di All American Comics numero 16 del 1940: si imbatte, infatti, in uno strano meteorite caduto sulla Terra che emana strane radiazioni verdi.

Quasi guidato telepaticamente dal meteorite (un pezzo del pianeta Oa), dal minerale racchiuso al suo interno realizza un anello ed una lanterna di luce, che gli serve per ricaricare periodicamente il suo anello.

Ovviamente si confeziona un costume, abbastanza classico per il genere supereroico: un ampio mantello viola ed una maschera dello stesso colore, quindi una maglia color rosso con un cerchio giallo sul petto sopra il quale c'è il suo simbolo, una lanterna verde.

Infine un paio di pantaloni verdi e gli immancabili stivali, questi rossi, ai piedi.

Primo protettore di Gotham, secondo la continuity attuale, ha rappresentato un vero e proprio mito per molti giovani gothamiti, tra cui il piccolo Bruce Wayne, che ne ripercorrerà le orme, ma con un costume ed un ruolo molto più oscuro: quello di Batman. Come detto dai poteri praticamente onnipotenti, aveva un'unica limitazione: il legno.

Il suo potere era, infatti, inefficace contro oggetti in legno. Questa limitazione consentiva, quindi, agli autori di avere spunti interessanti per le storie e soprattutto di trovare modi sempre abbastanza elaborati per mettere in difficoltà l'eroe. Si unì, poi, alla Justice Society of America, il primo supergruppo del fumetto americano.

Come per tutti i personaggi della golden age cadde nel dimenticatoio nel corso degli anni cinquanta, per poi tornare sulla cresta dell'onda durante la silver age, con un nuovo uomo sotto la maschera. Alan Scott, però, non venne completamente dimenticato, facendo comparsate prima in cross-over inter-dimensionali, quindi, dopo Crisis, rimanendo stabilmente come eroe delle origini, in una nuova continuity in cui c'era spazio per tutti gli eroi della golden age.

Hal Jordan[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Hal Jordan.

I Guardiani dell'Universo sono una razza aliena di esseri immortali evolutasi dai primi esseri senzienti dell'Universo. Da miliardi di anni il loro scopo è di mantenere l'ordine nell'Universo. Dopo aver fallito con la creazione di un corpo di polizia spaziale formato da androidi (Manhunters), creano il corpo delle Lanterne Verdi. Ogni Lanterna Verde è un essere senziente a cui viene assegnato un settore dell'Universo. Il potere gli viene dato da un anello verde che canalizza la sua forza di volontà. Ogni volta che una Lanterna Verde si ritira o perisce, l'anello sonda il pianeta abitato più vicino alla ricerca di un essere con la determinazione, il coraggio e l'immaginazione necessarie per sfruttare il potere di tale arma. È in questo modo che Hal Jordan diventa il primo terrestre a vestire il manto di Lanterna Verde del settore 2814, quello in cui è inclusa la Terra. Il predecessore di Hal è Abin Sur. Questi si dirige sul nostro pianeta con un'astronave al cui interno vi è prigioniero Atrocitus. Il suo scopo è di indagare se sia vera la nefasta profezia secondo la quale la Terra è il luogo che darà origine alla Notte più Profonda/Blackest Night. Rimane ferito a morte durante l'atterraggio, sabotato dalla fuga di Atrocitus. Prima di morire manda il suo anello in cerca di chi lo possa sostituire e la scelta cade proprio su Hal Jordan, temerario collaudatore di aerei per la Ferris Aircraft.

Insieme ai Fantastici Quattro e a Flash è uno dei simboli della silver age, l'epoca della rinascita dei supereroi. Riportato in vita sotto la spinta di Julius Schwartz, probabilmente uno dei migliori editor dell'editoria a fumetti mondiale, la nuova Lanterna Verde diventa, quindi, un personaggio di grande successo, proposto sulle pagine di Showcase da John Broome, Gil Kane e Joe Giella, anche grazie ai problemi ed ai dubbi di un Hal Jordan alle prime armi, con un potere immenso tra le mani da gestire.

Grande amico di Barry Allen, il secondo Flash, fonda con lui, Black Canary, Aquaman e J'onn J'onzz la JLA (continuity post-Crisis), il più potente gruppo di supereroi del cosmo DC, di cui chiunque vorrebbe far parte.

Il suo coraggio, la sua gloria, e la sua spericolatezza diventano famosi e soprattutto diventano un esempio per tutti, giovani e vecchi eroi. Limitato solo dalla sua volontà e dall'impossibilità di agire sugli oggetti di colore giallo, le sue certezze sull'ordine dei Guardiani dell'Universo, già minate dalla storia di Ganthet, crollano definitivamente dopo la distruzione di Coast City, la sua città, e Jordan parte alla volta di Oa per distruggere i Guardiani, il Corpo e chiunque si opponga tra lui e il suo obiettivo: entrare nella Batteria Centrale posta sul pianeta.

Dopo aver ucciso migliaia di Lanterne, compresi il suo primo maestro Kilowog e l'eterno nemico Sinestro, si fonde con la Batteria Centrale, per poi tornare, alcuni mesi più tardi, come Parallax e dare origine all'evento denominato Ora zero con il quale vorrebbe far ripartire da zero l'universo cancellando tutti gli errori precedenti, primo fra tutti la distruzione di Coast City, la sua città. Fermato da tutti gli eroi della Terra, ritornerà per la sua ultima avventura durante L'ultima notte per salvare il suo pianeta dalla distruzione.

Il suo coraggio e la sete di riscatto della sua anima gli concederà una seconda occasione nei panni dello Spettro.

Nel 2005, però, rispondendo alle pressanti richieste dei lettori, e dopo la chiusura per scarse vendite della serie dedicata a questa sua ultima incarnazione, decidono di far ritornare il personaggio nei panni di Lanterna Verde con la miniserie Lanterna verde: Rinascita, ad opera di Geoff Johns ed Ethan Van Sciver, che ha spianato la strada alla nuova serie di Lanterna Verde con Hal come protagonista assoluto. Jordan entra pure nella nuova formazione della JLA ed è uno dei primi ad accorgersi dei piani di Sinestro che sfoceranno nelle Sinestro Wars.

John Stewart e Guy Gardner[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi John Stewart e Guy Gardner.

Durante il suo periodo come Lanterna Verde, Jordan si ritirò un paio di volte. In tali occasioni vennero chiamati in sua sostituzione altri due terrestri, John Stewart e Guy Gardner.

Mentre Stewart è stato un abile combattente, fedele e ordinato, ligio al dovere (quando lasciò il corpo, si unì alle Darkstars, un gruppo di polizia cosmica alternativo alle Lanterne Verdi), Gardner era un elemento assai difficile da controllare, probabilmente a causa della sua forte personalità, di un carattere molto guascone e della sua grandissima forza di volontà, l'unico motore in grado di far funzionare correttamente l'anello. Anche Gardner fece parte della Justice League of America per un breve periodo e dopo fu trasferito nella filiale europea del gruppo con sede a Parigi. John è ora compagno di settore di Hal Jordan sul pianeta Terra, mentre Gardner è su OA insieme a Kyle Rayner ad addestrare nuove Lanterne per rimpolpare le file del rinato Corpo delle Lanterne Verdi.

Kyle Rayner[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kyle Rayner.

Dopo lo sterminio causato dalla follia di Jordan, Ganthet, unico oano sopravvissuto, si dirige sulla Terra alla ricerca di un nuovo portatore per l'ultimo anello rimasto. La scelta cade su Kyle Rayner, giovane cartoonist di New York che cercherà di dimostrarsi sempre all'altezza, ma deciderà di ritirarsi, lasciando il suo posto a John Stewart.

Simon Baz[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Simon Baz.

La più recente lanterna terrestre unitasi al corpo: nuovo personaggio introdotto in seguito ai New 52. Di etnia araba, laureatosi in ingegneria meccanica, si dà alle gare clandestine di auto e al furto di mezzi per sostenere la difficile situazione familiare. Riesce a rubare un camion ignorando che questo sia carico di esplosivo, viene perciò accusato di terrorismo e arrestato: ed è proprio in questo momento che viene reclutato dall'anello di Hal Jordan, ormai spedito nella Zona Morta da Mano Nera. Divenuto una lanterna, tiene ancora una pistola perché non si fida pienamente delle potenzialità dell'anello; ha tatuato sul braccio in arabo la scritta "coraggio".

Il giuramento[modifica | modifica sorgente]

Il giuramento delle Lanterne Verdi nell'originale è:

« In brightest day, in darkest night,

No evil shall escape my sight.
Let those who worship evil's might
Beware my power - Green Lantern's light! »

Nell'edizione italiana è stato tradotto in diversi modi.

Edizione Mondadori

« Chi del male nel poter confida,

di Lanterna Verde tema la luce. »

Edizione Williams:

« Nel giorno più lucente, nella notte più fonda,

il male non sfuggirà alla mia vista!
chi adora il potere del male
paventi la mia forza... accenditi o lanterna! »

Edizione Cenisio:

« Alla luce del giorno, nel buio della notte,

giuro di non farmi sfuggire nessun nemico!
Coloro che adorano il male,
si guardino dal mio potere, il potere di Lanterna Verde. »

Edizione Play Press:

« Nel giorno più splendente, nella notte più profonda

nessun malvagio sfugga alla mia ronda
colui che nel male si perde
si guardi dal mio potere, la luce di Lanterna Verde. »

Traduzione Merak Film[1]:

« Nel giorno più luminoso, nella notte più scura

sul male ricada la pena più dura
quindi colui che la retta via perde
si guardi dal potere dell'implacabile Lanterna Verde. »

Edizione Planeta DeAgostini[2]:

« Nel giorno più splendente, nella notte più profonda

nessun malvagio sfugga alla mia ronda
colui che nel male si perde
si guardi dal mio potere, la luce di Lanterna Verde. »

Edizione Batman: The Brave and the Bold

« Nella luce del giorno e nel buio delle tenebre

Il male ridurrò in pura cenere
Possano coloro che col male vanno
scoprire il danno che le luci delle Lanterne Verdi fanno. »

Poteri e abilità[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anello del potere (fumetto).

L'anello delle Lanterne Verdi è l'arma più potente della Galassia, conferisce al possessore la capacità di creare qualunque oggetto riesca ad immaginare, dal più semplice al più complesso e di qualunque dimensione, composto da un'energia verde. La consistenza delle creazioni è direttamente proporzionale alla forza di volontà del possessore dell'anello, mentre la loro durata può variare, ma se l'anello non viene ricaricato entro 24 ore, le creazioni si dissolvono.

L'anello inoltre permette al suo possessore di sopravvivere nello spazio siderale, di volare a velocità elevate e di tradurre istantaneamente qualunque linguaggio della galassia, permettendo alle Lanterne Verdi di comunicare con qualunque forma di vita aliena.

Un tempo gli anelli delle Lanterne verdi avevano un'anomalia, erano inefficaci contro gli oggetti di colore giallo: contro questi l'energia dell'anello si dissolveva, ma di recente, grazie a Kyle Rayner questo difetto è stato eliminato. L'anello di Alan Scott, invece, a causa di un errore di progettazione dei Guardiani di OA, era inutilizzabile contro il legno.

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Animazione[modifica | modifica sorgente]

John Stewart compare nei panni di Lanterna Verde nella serie dedicata alla Justice League realizzata dagli stessi autori dei cartoni animati di Batman. Nella versione originale la voce del personaggio è di Phil LaMarr (in italiano da Pietro Ubaldi).

Nel 2009 il supereroe è protagonista del film d'animazione Green Lantern: First Flight, doppiato in originale da Christopher Meloni.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lanterna Verde (film).

La Warner Bros ha annunciato per il 17 giugno 2011[3] (in Italia il 31 agosto 2011[4]) l'uscita di una pellicola sull'eroe, diretta da Martin Campbell e con Ryan Reynolds nei panni di Hal Jordan[5], Mark Strong nei panni della lanterna rinnegata Sinestro, Peter Sarsgaard in quelli del supercriminale Hector Hammond[6] e Blake Lively in quelli di Carol Ferris[7].

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio di Lanterna Verde/Guy Gardner, interpretato da Matthew Settle era presente nell'episodio pilota della serie dedicata alla JLA, prodotta da CBS nel 1997 ma mai realizzata.

L'eroe, sotto il nome di Alan Scott, appare nell'episodio Absolute Justice della nona stagione di Smallville, andato in onda originariamente su The CW il 5 febbraio 2010.

Nella serie televisiva The Big Bang Theory, il personaggio di Sheldon Cooper indossa spesso una t-shirt col simbolo della lanterna verde. Nella puntata 12 della terza stagione "Il vortice psichico" Sheldon accompagna Raji ad una festa universitaria, portandosi dietro una riproduzione della Lanterna di Lanterna Verde. Inoltre, nella puntata della quarta stagione numero 11 "La ricombinazione della Lega della Giustizia" il personaggio di Leonard Hofstadter si maschera da Lanterna Verde per prendere parte al capodanno in maschera.

Dal luglio 2011 è iniziata Lanterna Verde - La Serie Animata. Serie animata in CG su Lanterna Verde trasmessa su Cartoon Network.

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

John Stewart è inoltre uno dei protagonisti del videogame Justice League Heroes, mentre Hal Jordan e Kyle Rayner sono tra i personaggi sbloccabili (rispettivamente al costo di 84 e 55 scudi JLA).

Lanterna Verde è uno dei personaggi giocabili in Mortal Kombat vs. DC Universe (2008), in Batman: The Brave and the Bold (2010) e in Injustice: Gods Among Us (2013).

Tre Lanterne Verdi (John Stewart, Hal Jordan e Kyle Rayner) sono presenti nel videogioco DC Universe Online.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ usata in nel cartone Justice League
  2. ^ Questa traduzione è la stessa che viene utilizzata nel doppiaggio italiano del film Lanterna Verde
  3. ^ Green Lantern Production Begins Today! | Screen Rant
  4. ^ (EN) Pagina Ufficiale Facebook Italiana. http://www.facebook.com/LanternaVerde. URL consultato il 23 marzo 2011.
  5. ^ Scheda su Lanterna Verde, Badtaste.it. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  6. ^ Lanterna Verde cast, IMDb.com, 7 ottobre 2010. URL consultato il 7 ottobre 2010.
  7. ^ Blake Lively in Lanterna Verde, Badtaste.it, 9 gennaio 2010. URL consultato il 10 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics