Batman: Amore folle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Batman: Amore folle
fumetto
Titolo orig. The Batman Adventures: Mad Love
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Testi Paul Dini, Bruce Timm
Disegni Bruce Timm, Glen Murakami
Editore DC Comics
1ª edizione febbraio 1994
Albi unico
Editore it. Play Press
Albi it. unico
Genere supereroi

Batman: Amore folle (The Batman Adventures: Mad Love), noto anche come Amore folle, è un fumetto scritto da Paul Dini e Bruce Timm (co-creatori della serie del 1992 Batman e produttori esecutivi di Batman - Cavaliere della notte) che fa parte della serie Le avventure di Batman. Pubblicata dalla DC Comics, la prima edizione risale al febbraio 1994.

Il fumetto racconta le origini della supercriminale Harley Quinn, e del suo interesse amoroso per il Joker. Harley era nata proprio dalla penna di Dini e Timm nella serie animata, esordendo nell'episodio Un piccolo favore (Joker's Favor) dell'11 settembre 1992.[1]

Ambientato nella continuity della serie animata Batman, è stata la prima storia supereroistica a vincere sia un Eisner Award[2] che un Harvey Award, due dei più importanti riconoscimenti per le storie a fumetti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il fumetto descrive le origini del personaggio, e racconta di come il Joker impiegò solamente 15 minuti per riuscire a sedurre la dottoressa. Nel finale, quando Harley ha ormai rinunciato all'amore del pazzo, si ritrova un regalo spedito proprio dal Joker: una bellissima rosa rossa, con un bigliettino scritto dal Joker che augura a Harley di guarire presto. Inutile dire che la giovane si converte completamente al crimine. Il finale, piuttosto ambiguo, fa intuire che anche il Joker prova non un amore folle, ma una vera affezione per l'anima gemella trovata.

Ristampe[modifica | modifica wikitesto]

Amore folle è stato ristampato come una graphic novel nel 1998 (ISBN 1563892448), e nel 2009 è la storia è istata inserita in un volume dal titolo Batman: Amore folle e altre storie (in inglese Batman: Mad Love and Other Stories) (ISBN 9781401222451).[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

IGN Comics ha detto che "Amore folle è tutto quello che un fumetto dovrebbe essere" e lo definito "un fumetto di Batman che tutti dovrebbero leggere".[4] Il sito ha classificato Amore folle al 12º posto nella lista delle 25 più grandi graphic novel di Batman.[5]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Adattamento animato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Batman - Cavaliere della notte.

Nella seconda stagione della serie Batman - Cavaliere della notte è stato realizzato un adattamento animato della fumetto, quasi identico nella sceneggiatura e nel design al fumetto originale, in onda sul network The WB il 16 gennaio 1999. La sceneggiatura è stata scritta da Paul Dini (co-scrittore del fumetto e co-creatore di Harley Quinn) mentre l'episodio è stato diretto da Butch Lukic. Le uniche differenze dal fumetto sono stati i design dei personaggi rinnovati e la rimozione di scene minori a causa del poco tempo a disposizione.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Batman: Arkham Asylum e Batman: Arkham Origins.

Nel videogioco Batman: Arkham Asylum, primo capitolo della saga Batman: Arkham scritto sempre da Dini, si sentono delle registrazioni di Harleen Quinzel a colloquio con Joker con dei passaggi del tutto simili a quelli di Amore folle.[6] In Batman: Arkham Origins, prequel di Asylum, si possono vedere delle cutscene del primo incontro tra Harleen e Joker con alcune differenze dal fumetto però: in questa versione la futura Harley Quinn è una psichiatra del penitenziario di Blackgate e non dell'Arkham Asylum, mentre Joker in Arkham Origins le racconta del suo primo incontro con Batman (basandosi su The Killing Joke), cosa che invece non avviene nel fumetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Batman (serie animata): episodio 1x22, Un piccolo favore (Joker's Favor).
  2. ^ (EN) 1994 Will Eisner Comic Industry Award Nominees and Winners, su Comic Book Awards Almanac.
  3. ^ (EN) BATMAN: MAD LOVE AND OTHER STORIES, su DC Comics. URL consultato il 30 maggio 2010.
  4. ^ The Batman Adventures: Mad Love Review, Hilary Goldstein, IGN, May 24, 2005
  5. ^ The 25 Greatest Batman Graphic Novels, Hilary Goldstein, IGN, June 13, 2005
  6. ^ (EN) Batman: Arham Asylum, su Internet Movie Database.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics