Djalma Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Djalma Santos
Djalma Santos.jpg
Dati biografici
Nome Dejalma dos Santos
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 172[1] cm
Peso 73[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1970
Carriera
Squadre di club1
1948-1958 Portuguesa Portuguesa 453 (29)
1958-1968 Palmeiras Palmeiras 491 (10)
1969-1970 Atletico-PR Atlético-PR  ? (0)
Nazionale
1952-1968 Brasile Brasile 99 (3)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Svezia 1958
Oro Cile 1962
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Dejalma[2] dos Santos, meglio noto come Djalma Santos (San Paolo, 27 febbraio 1929Uberaba, 23 luglio 2013), è stato un calciatore brasiliano, di ruolo terzino destro.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino destro, è considerato uno dei migliori interpreti del ruolo nella storia del calcio. Aveva un'ottima tecnica ed un fisico possente, caratteristica dalla quale gli derivò il soprannome di Muralha, assegnatogli dallo scrittore Edoardo Galeano. Si concedeva spesso giocate raffinate e rischiosi dribbling anche dentro la propria area di rigore[3].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Terzino della Nazionale brasiliana, Djalma Santos militò nel Portuguesa, nel Palmeiras e nell'Atlético Paranaense, vincendo tre volte il campionato paulista (1959, 1963 e 1966), una volta la Coppa Rio-São Paulo (1965), una volta il campionato brasiliano (1967) e una quello paranaense (1970).

Con la Seleção disputò 99 partite realizzando tre reti. Vinse il campionato del mondo 1958 e il campionato del mondo 1962, formando con l'amico e collega Nilton Santos una solida coppia difensiva. Potente e molto veloce, fu un innovatore nel suo ruolo sperimentando un caposaldo del calcio brasiliano: il terzino d'attacco.

È noto per essere stato uno dei difensori più corretti della storia e non fu mai espulso. Negli anni Ottanta visse un lungo periodo in Italia, a Bassano del Grappa, dove aveva aperto, assieme al collega Cinesinho, una scuola calcio. Peculiarità della scuola era quella di non esasperare l'agonismo dei ragazzi.

Nel marzo del 2004 è stato inserito dall'ex compagno di squadra Pelé all'interno del FIFA 100, la speciale classifica che include i migliori giocatori di tutti i tempi. Il 23 luglio 2013 è morto a Uberaba per una grave forma di insufficienza respiratoria e polmonite[4]. Alla sua morte il comune di Uberaba decretò tre giorni di lutto cittadino[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Portuguesa: 1952, 1955
Palmeiras: 1959, 1963, 1966
Palmeiras: 1960, 1967
Palmeiras: 1967

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Svezia 1958, Cile 1962
1952

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2 aprile 2010.
  2. ^ Portal2014, Djalma Santos, ex-lateral-direito da seleção, morre aos 84 anos. URL consultato il 5 agosto 2013.
  3. ^ Darwin Pastorin, SANTOS, Djalma - Enciclopedia dello Sport (2012), Treccani.it. URL consultato il 24 luglio 2013.
  4. ^ Brasile, morto Djalma Santos in ANSA, 24 luglio 2013. URL consultato il 24 luglio 2013.
  5. ^ (FR) dispaccio Belga, Décès du double champion du monde brésilien Djalma Santos, Radio-télévision belge de la Communauté française (RTBF), 24 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]