Didi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il calciatore brasiliano con lo stesso pseudonimo nato nel 1982, vedi Cleidimar Magalhães Silva.
Didi
Didi (Waldir Pereira).jpg
Dati biografici
Nome Valdir Pereira
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 174[1] cm
Peso 68[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Carriera
Giovanili
1944
1945
1945
1945-1946
Sao Cristovao São Cristóvão
Industrial-RJ Industrial-RJ
Rio Branco-RJ Rio Branco-RJ
Goytacaz Goytacaz
Squadre di club1
1946 Americano Americano  ? (?)
1946-1948 Lençoense Lençoense  ? (?)
1948-1949 Madureira Madureira 32 (8)
1949-1956 Fluminense Fluminense 150 (51)
1957-1959 Botafogo Botafogo 64 (40)
1959-1960 Real Madrid Real Madrid 19 (6)
1960-1962 Botafogo Botafogo 44 (19)
1963 Sporting Cristal Sporting Cristal  ? (?)
1964 Botafogo Botafogo 11 (1)
1964 San Paolo San Paolo  ? (?)
1964-1965 Botafogo Botafogo  ? (?)
1965-1966 Veracruz Veracruz 29 (4)
1966 San Paolo San Paolo  ? (?)
Nazionale
1952-1962 Brasile Brasile 74[2] (21)
Carriera da allenatore
1963 Sporting Cristal Sporting Cristal
1967-1968 Sporting Cristal Sporting Cristal
1969-1970 Perù Perù
1971 River Plate River Plate
1972-1975 Fenerbahçe Fenerbahçe
1975 Fluminense Fluminense
1977 Cruzeiro Cruzeiro
1981 Botafogo Botafogo
1986 Alianza Lima Alianza Lima
Palmarès
Coppa mondiale.svg  Mondiali di calcio
Oro Svezia 1958
Oro Cile 1962
Coppa America calcio.svg  Copa América
Argento Perù 1957
Argento Argentina 1959
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 maggio 2001
« L'allenamento è l'allenamento, la partita è la partita. »
(Didi, sua celebre frase[3])

Valdir Pereira, meglio noto con lo pseudonimo Didi (dʒiˈdʒi; Campos dos Goytacazes, 8 ottobre 1928Rio de Janeiro, 12 maggio 2001), è stato un calciatore e allenatore di calcio brasiliano.

Soprannominato Mr. Football e, per la sua eleganza, O Príncipe Etíope[3], partecipò a tre edizioni dei Campionati mondiali di calcio, Svizzera 1954, Svezia 1958 (dove fu giudicato miglior giocatore del Torneo[3]) e Cile 1962, vincendo le ultime due. Con la Nazionale di calcio brasiliana registrò settantaquattro presenze e segnò 21 gol[4].

Considerato uno dei maggiori calciatori brasiliani di tutti i tempi[4], nel 2000 fu inserito nella Hall of Fame della Fifa[4] ed occupa la 19a posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata da IFFHS nel 2004.

Didi marcò il primo gol della storia nel famoso stadio Maracanã, in una partita tra una selezione di giocatori dello stato di Rio de Janeiro ed una di quello di San Paolo[5].

Morì il 12 maggio 2001 per un cancro all'intestino[6].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocatore carismatico sebbene taciturno, Didi fu un centrocampista dalle spiccate attitudini offensive, le quali tuttavia non gli impedivano di offrire il proprio contributo alla fase difensiva, seppur mal volentieri[7]. Accusato di scarso dinamismo, rispose dicendo "è la palla che deve correre[7]". Didi eccelleva pertanto nell'effettuare precisi lanci lunghi con i quali serviva il pallone al compagno meglio posizionato sul rettangolo di gioco[7], pensando la giocata prima di eseguirla[8], oltre a essere un superbo esecutore di calci di punizione; questi venivano calciati con la celebre tecnica denominata Folha seca (in italiano "foglia secca"), un tiro diretto e carico d'effetto[9], di media potenza[8]. La genesi di tale colpo fu fortuita, dacché il calciatore, accusata una contusione durante una partita contro l'América nel 1956, trovò che l'unico modo per non sentire dolore consisteva nel colpire il pallone al centro con solo tre dita del piede[10], battuta che conferiva allo stesso un particolare effetto[4]. A tutto ciò univa la facilità di dribbling[8].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giovanili[modifica | modifica sorgente]

Didi cominciò a praticare il calcio nel 1943 nelle giovanili del São Cristóvão, passando poi per Industrial, Rio Branco, Goytacaz e Americano. Quattordicenne, la sua carriera rischiò di interrompersi per via di un'infezione al ginocchio che richiese quasi l'amputazione della gamba, ma l'intervento fu scongiurato[4].

Club[modifica | modifica sorgente]

La carriera professionistica iniziò nel 1946 con l'Americano de Campos, quando egli aveva sedici anni. Dopo esperienze con Lençoense e Madureira[11][4], fu acquistato nel 1946 dal Fluminense[12] con il quale giocò per dieci stagioni vincendo il Campionato Carioca nel 1951 e la Copa Rio nel 1952[11]; durante questo periodo, per via della naturalezza con la quale giocava, simile a quella "di chi succhia un'arancia", fu soprannominato succhia-sangue[7]. Curiosi i motivi che portarono alla rottura con la dirigenza del Fluminense: dopo aver divorziato dalla moglie per unirsi alla cantante Guiomar, Didi chiese che dai suoi emolumenti non fosse detratta la somma che doveva versare alla prima sposa, giacché preferiva essere egli stesso, in prima persona, a provvedere; la richiesta fu declinata e passò così al Botafogo[3] nel 1956 per due milioni di cruzeiros, una delle cifre più alte mai pagate all'epoca[3][5]. Col nuovo club vinse l'anno seguente il Campionato Carioca e, come promesso precedentemente in caso di vittoria, percorse a piedi il tragitto che andava dalla propria casa alla sede del Botafogo[13].

Nel 1959, spinto dalla possibilità di incrementare il proprio compenso[3], lasciò il Brasile per unirsi agli spagnoli del Real Madrid, dove, dopo un buon inizio[3], giocò in maniera assai deludente, si disse perché boicottato dall'attaccante Alfredo Di Stéfano[3][5][8]; in realtà tale voce fu messa in circolo dalla moglie Guiomar[10].

Conseguentemente, la stagione successiva tornò al Botafogo[5], con cui vinse ancora il campionato statale nel 1961 e nel 1962, benché in quest'ultima stagione disputò solo cinque partite prima di lasciare la squadra per allenare lo Sporting Crystal in Perù, a 34 anni[14]. Col club registrò complessivamente 313 partite e 113 gol[4].

A fine carriera, Didi giocò col San Paolo in due occasioni, nel 1964 e 1966, tuttavia senza successo[4].

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Didi esordì in Nazionale nel torneo panamericano del 1952[11]; disputò il sul-americano del 1953 (cinque le presenze)[10] e il Mondiale di calcio un anno più tardi in Svizzera. Il Brasile ebbe accesso al successivo Mondiale del 1958 in Svezia grazie ad un suo gol su calcio di punizione contro il Perù nella fase eliminatoria[10], risultando poi vincitore della manifestazione, della quale Didi fu eletto miglior giocatore; in occasione della finale contro la Svezia, il giornalista francese Gabriel Hanot contò quarantotto passaggi da lui effettuati ed andati a buon fine[3].

Nell'edizione del 1962, vinta nuovamente dalla squadra brasiliana, Didi fu giudicato miglior centrocampista ex æquo con il cecoslovacco Masopust[10].

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Didi successivamente diventò allenatore, guidando Botafogo, Fluminense e il Peru ai Mondiali del 1970, eliminando l'Argentina durante le qualificazioni[10]. La Nazionale peruviana aveva campioni quali Teófilo Cubillas e Héctor Chumpitaz e raggiunse i quarti di finale dove fu eliminata dal Brasile per 2-4[3]. Didi allenò anche la squadra argentina del River Plate nel 1971, vincendo poi il Campionato Carioca col Fluminense nel 1975 e il Campionato Mineiro per due volte col Cruzeiro (1976, 1977)[10]. Allenò inoltre i turchi del Fenerbahçe, che condusse alla vittoria di due campionati consecutivi dal 1973-1974 al 1974-1975. Chiuse la carriera da tecnico nel 1984, dopo un'operazione chirurgica alla colonna vertebrale[10].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campionato
Comp Pres Reti
1947 Brasile Madureira CC 15 6
1948 CC 17 2
1949 Brasile Fluminense CC 16 0
1950 CC 18 7
1951 CC 24 4
1952 CC 20 8
1953 CC 27 14
1954 CC 23 12
1955 CC 22 6
1956 Brasile Botafogo CC 22 16
1957 CC 17 12
1958 CC 25 12
1959/1960 Spagna Real Madrid PD 19 6
1960 Brasile Botafogo CC 17 9
1961 CC 22 7
1962 CC 5 3
1962 Perù Sporting Cristal CD ? ?
1963 CD ? ?
1964 Brasile Botafogo CC 11 1
1964 Brasile San Paolo CP ? ?
1964/1965 Messico Veracruz PD 26 4
1965/1966 PD 3 0
1966 Brasile San Paolo CP ? ?

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Fluminense: 1951
Botafogo: 1957, 1961, 1962
Fluminense: 1952
Botafogo: 1962
Competizioni Internazionali[modifica | modifica sorgente]
Real Madrid: 1959/1960

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

1952
1958, 1962

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Sporting Cristal: 1968
Fenerbahçe: 1973/1974, 1974/1975
Fenerbahçe: 1974
Fluminense: 1975
Fluminense: 1975
Cruzeiro: 1976, 1977

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) World Cup Champions Squads 1930-2006, RSSSF. URL consultato il 2 aprile 2010.
  2. ^ 68 ufficiali.
  3. ^ a b c d e f g h i j (PT) Marcos Penido, Resenha de 'Didi - O gênio da folha-seca', O Globo, 20 luglio 2009. URL consultato il 6 gennaio 2010.
  4. ^ a b c d e f g h (PT) Um craque: o gênio da folha seca, Gazeta Esportiva. URL consultato il 4 gennaio 2010.
  5. ^ a b c d Augusto, op. cit., p. 189
  6. ^ Unzelte, op. cit., p. 531
  7. ^ a b c d Augusto, op. cit., p. 188
  8. ^ a b c d Poli e Carmona, op. cit., p. 1803
  9. ^ Augusto, op. cit., pp. 188-189
  10. ^ a b c d e f g h Falcão, op. cit.
  11. ^ a b c Unzelte, op. cit., p. 529
  12. ^ I dirigenti del Fluminense erano in realtà interessati al fratello di Didi, Dodô, ma il padre insistette affinché a quest'ultimo fosse aggregato anche il primo. Dodô non riuscì ad inserirsi, mentre Didi poco tempo dopo debuttò come professionista. Unzelte, op. cit., p. 529.
  13. ^ Bellos, op. cit.
  14. ^ Augusto, op. cit., p. 182

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73077261